Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Ginecologia e ostetricia > Fibroma/Sarcoma Uterino. Chiedo aiuto
Segna Forum Come Letti

   

Fibroma/Sarcoma Uterino. Chiedo aiuto

Jezzyna
 

Salve a tutte, soffro di fibroma uterino dal 2007, dall'età di 17 anni ed ho effettuato 4 isteroscopie dall'ora, da 6 mesi mi ritrovo di nuovo a star malissimo e uno dei miei fibromi è cresciuto di ben 15cm ed ho avuto l'emoglobina bassa a 6 e quindi i dottori pensano che potrebbe essere diventato un sarcoma, ho fatto tutti gli esami e adesso sono in attesa della chiamata dall'ospedale per effettuare un esame istologico per capire di che entità è adesso questo tumore, in caso del solito fibroma farei nuovamente un isteroscopia, nell'altro caso dovrei effettuare la rimozione dell'utero...abbandonando così il desiderio di creare una famiglia con il mio attuale compagno...quello che chiedo a voi amiche è una piccola donazione monetaria per affrontare tutte le mie spese mediche e non...(quali affitto e bollette anche). vivo e lavoro in Inghilterra dove nella mia compagnia lavorativa ha tolto "la malattia" pagata e ricevo soltanto un piccolo aiuto dal governo. mi ritrovo al momento in Italia, nella mia città nativa, a fare tutto ciò, e non essendo più esente in Italia devo pagare qualsiasi cosa e non potendo lavorare per circa 2/3 mesi mi trovo in una reale difficoltà a riuscire a gestire tutte le mie spese, purtroppo con il solo stipendio del mio compagno e l'aiuto del governo inglese (veramente misero) non riusciamo a gestire tutto.
se qualcuna di voi è disposta ad aiutarmi, potete andare su questa pagina, dove mostro anche tutti gli esami che sto facendo, e fare una piccola donazione a vostro piacimento e possibilità economica.


Grazie in anticipo.

MIGLIOR COMMENTO
Minerva75
Citazione:
Originariamente Inviato da Jezzyna Visualizza Messaggio
Salve a tutte, soffro di fibroma uterino dal 2007, dall'età di 17 anni ed ho effettuato 4 isteroscopie dall'ora, da 6 mesi mi ritrovo di nuovo a star malissimo e uno dei miei fibromi è cresciuto di ben 15cm ed ho avuto l'emoglobina bassa a 6 e quindi i dottori pensano che potrebbe essere diventato un sarcoma, ho fatto tutti gli esami e adesso sono in attesa della chiamata dall'ospedale per effettuare un esame istologico per capire di che entità è adesso questo tumore, in caso del solito fibroma farei nuovamente un isteroscopia, nell'altro caso dovrei effettuare la rimozione dell'utero...abbandonando così il desiderio di creare una famiglia con il mio attuale compagno...quello che chiedo a voi amiche è una piccola donazione monetaria per affrontare tutte le mie spese mediche e non...(quali affitto e bollette anche). vivo e lavoro in Inghilterra dove nella mia compagnia lavorativa ha tolto "la malattia" pagata e ricevo soltanto un piccolo aiuto dal governo. mi ritrovo al momento in Italia, nella mia città nativa, a fare tutto ciò, e non essendo più esente in Italia devo pagare qualsiasi cosa e non potendo lavorare per circa 2/3 mesi mi trovo in una reale difficoltà a riuscire a gestire tutte le mie spese, purtroppo con il solo stipendio del mio compagno e l'aiuto del governo inglese (veramente misero) non riusciamo a gestire tutto.
se qualcuna di voi è disposta ad aiutarmi, potete andare su questa pagina, dove mostro anche tutti gli esami che sto facendo, e fare una piccola donazione a vostro piacimento e possibilità economica.


Grazie in anticipo.
Ciao.
Mi dispiace per la tua situazione.
Lo scopo del Forum è quello di affrontare determinati argomenti medici confrontandosi con gli specialisti che collaborano ogni giorno e gli utenti che frequentano il forum in cerca di consigli o per condividere la propria esperienza.
Lo staff , ogni giorno , coordina questo tipo di scambi e attività.
Non supporta la "raccolta di fondi ", salvo rari ed eccezionali, oltre che verificati ,casi.
Non metto in dubbio che quel che tu stai dicendo , ma , per ovvie ragioni, non posso lasciare il link( tra l'altro, l'inserimento di link esterni è vietato dal REGOLAMENTO) che hai postato.
Se sei in Italia e fai tutto tramite sanità pubblica, non dovresti spendere grosse cifre,ma solo pagare un ticket.
Non so se il.mio caso possa paragonarsi al tuo, ma, pur non avendo alcun diritto ad alcuna esenzione, dovendo sottopormi a isteroscopia operativa ( con esame istologico del materiale prelevato), pagherei solo il ticket.
Ti auguro di cuore di risolvere i tuoi problemi al più presto.
__________________
Le mani che aiutano sono più sante delle labbra che pregano (R.G.Ingersoll)

Ricordo a tutti gli utenti e ai nuovi iscritti,prima di aprire una nuova discussione,di utilizzare la funzione "CERCA"
e di attenersi al Regolamento generale del Forum e di Sezione
Leggi altri commenti
Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr. Mario Fadin

Dr. Mario Fadin
Nome:
Mario Fadin
Azienda:
Centro Medico Sempione, Milano
Professione:
Ginecologo, Direttore Sanitario del Centro Medico Sempione di Milano
Specializzazione:
Ostetricia e Ginecologia
Contatti/Profili social:
email sito web facebook
Domanda al medico
Dr. Fadin, posso mangiare al ristorante cinese, giapponese o indiano in gravidanza?
Naturalmente sì: miliardi di donne nel mondo si nutrono in gravidanza di cibi della cucina cinese, giapponese o indiana! L’importante è che si tratti di ristoranti curati dal punto di vista igienico, una regola che ovviamente vale anche per i ristoranti di cucina italiana.

Il pesce crudo può contenere un parassita, l’Anisakis simplex, che può provocare, se ingerito, parassitosi acute o croniche con gravi conseguenze per la salute, indipendentemente dalla gravidanza. La cottura a 60 gradi o il congelamento per un minimo di 96 ore uccidono il parassita e in Italia per legge i ristoranti che servono pesce crudo devono congelarlo preventivamente per scongiurare il rischio di contaminazione. Se si acquista il pesce privatamente con l’intenzione di consumarlo crudo a casa, è necessario tenerlo in congelatore almeno per quattro giorni. La marinatura non è sufficiente per uccidere il parassita.

In generale, la scarsa igiene nella preparazione e nella conservazione degli alimenti espone al rischio di gastroenteriti, salmonellosi ed epatite A, che non comportano rischi specifici durante l’attesa, ma nuocciono alla salute generale della futura mamma e di riflesso a quella del feto.

I cibi piccanti o molto speziati caratteristici di alcune cucine non sono controindicati in gravidanza, ma possono accentuare disturbi già presenti come i bruciori di stomaco e le emorroidi.

   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 00:14 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X