Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Ginecologia e ostetricia > Ovuli meclon e tampone cervicale
Segna Forum Come Letti

   

Ovuli meclon e tampone cervicale

Ilenia93
 

Salve volevo chiedere se posso fare il tampone cervicale dopo dieci giorni dall'ultimo ovulo meclon.. in pratica ne ho usato uno per tre sere dopo di che ho sospeso perché avevo fastidi..e vorrei fare il tampone sabato dopo dieci giorni esatti perché poi ho paura mi arriva il ciclo quindi devo aspettare tanti giorni dopo.grazie in anticipo

MIGLIOR COMMENTO
Minerva75
Citazione:
Originariamente Inviato da Ilenia93 Visualizza Messaggio
Salve volevo chiedere se posso fare il tampone cervicale dopo dieci giorni dall'ultimo ovulo meclon.. in pratica ne ho usato uno per tre sere dopo di che ho sospeso perché avevo fastidi..e vorrei fare il tampone sabato dopo dieci giorni esatti perché poi ho paura mi arriva il ciclo quindi devo aspettare tanti giorni dopo.grazie in anticipo
Ciao.
Sì ,dopo 10 giorni dall'ultimo ovulo inserito il risultato è attendibile.
Al momento di fare il tampone, specifica quale tipo di farmaco hai utilizzato e per quanto tempo oltre all'ultimo giorno di cura.
__________________
Le mani che aiutano sono più sante delle labbra che pregano (R.G.Ingersoll)

Ricordo a tutti gli utenti e ai nuovi iscritti,prima di aprire una nuova discussione,di utilizzare la funzione "CERCA"
e di attenersi al Regolamento generale del Forum e di Sezione
Leggi altri commenti
Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr. Mario Fadin

Dr. Mario Fadin
Nome:
Mario Fadin
Azienda:
Centro Medico Sempione, Milano
Professione:
Ginecologo, Direttore Sanitario del Centro Medico Sempione di Milano
Specializzazione:
Ostetricia e Ginecologia
Contatti/Profili social:
email sito web facebook
Domanda al medico
Dr. Fadin, posso mangiare al ristorante cinese, giapponese o indiano in gravidanza?
Naturalmente sì: miliardi di donne nel mondo si nutrono in gravidanza di cibi della cucina cinese, giapponese o indiana! L’importante è che si tratti di ristoranti curati dal punto di vista igienico, una regola che ovviamente vale anche per i ristoranti di cucina italiana.

Il pesce crudo può contenere un parassita, l’Anisakis simplex, che può provocare, se ingerito, parassitosi acute o croniche con gravi conseguenze per la salute, indipendentemente dalla gravidanza. La cottura a 60 gradi o il congelamento per un minimo di 96 ore uccidono il parassita e in Italia per legge i ristoranti che servono pesce crudo devono congelarlo preventivamente per scongiurare il rischio di contaminazione. Se si acquista il pesce privatamente con l’intenzione di consumarlo crudo a casa, è necessario tenerlo in congelatore almeno per quattro giorni. La marinatura non è sufficiente per uccidere il parassita.

In generale, la scarsa igiene nella preparazione e nella conservazione degli alimenti espone al rischio di gastroenteriti, salmonellosi ed epatite A, che non comportano rischi specifici durante l’attesa, ma nuocciono alla salute generale della futura mamma e di riflesso a quella del feto.

I cibi piccanti o molto speziati caratteristici di alcune cucine non sono controindicati in gravidanza, ma possono accentuare disturbi già presenti come i bruciori di stomaco e le emorroidi.

   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 11:04 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X