Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Ginecologia e ostetricia > prolattina
Segna Forum Come Letti

   

prolattina

ariel
 

vi risulta che l'uso continuato nel tempo di ansiolitici possa alterare la prolattina? al primo dosaggio ormonale era 25( limite massimo) al secondo, 46. ho fatto una cura di dopergin per 20 gg per farla scendere e , stamane ho rifatto il primo dosaggio per controllarla. sono un po' in ansia, ma so anche che lo stress fa' aumentare la prolattina.devo aspettare i risultati. se dovesse essersi normalizzata, potrei curare l'ovaio policistico con la pillola normale. ma se non scende, ci sono alternative? fatemi sapere, sono molto in ansia

MIGLIOR COMMENTO
Dott. Alessandro Taroni
Citazione:
quote: Originalmente inviata da ariel


vi risulta che l'uso continuato nel tempo di ansiolitici possa alterare la prolattina? al primo dosaggio ormonale era 25( limite massimo) al secondo, 46. ho fatto una cura di dopergin per 20 gg per farla scendere e , stamane ho rifatto il primo dosaggio per controllarla. sono un po' in ansia, ma so anche che lo stress fa' aumentare la prolattina.devo aspettare i risultati. se dovesse essersi normalizzata, potrei curare l'ovaio policistico con la pillola normale. ma se non scende, ci sono alternative? fatemi sapere, sono molto in ansia


Dipende da cosa intendiamo per "ansiolitico": alcuni psicofarmaci possono aumentare la prolattina; se riesci a essere un po' più specifica, forse riesco a darti una risposta più mirata
__________________
Dott. Alessandro Taroni, Farmacista collaboratore, Ordine di Pordenone n° 499
La Farmacia virtuale - Blog

- Domande/dubbi sui contraccettivi ormonali? Leggi qui prima di chiedere sul Forum!
- Paranoie/complessi sui contraccettivi ormonali? Valuta di cambiare metodo contraccettivo!
Leggi altri commenti
ariel
 

l'ansiolitico che assumo senza tregue da luglio è il tavor expidet che, dovrebbe esser preso solo al bisogno e invece, per me è normale amministrazione!!!!

Dott. Alessandro Taroni
 

Citazione:
quote: Originalmente inviata da ariel


l'ansiolitico che assumo senza tregue da luglio è il tavor expidet che, dovrebbe esser preso solo al bisogno e invece, per me è normale amministrazione!!!!


Che io sappia (posso sbagliare) l'aumento della prolattina non rientra nei normali effetti collaterali delle benzodiazepine, e del lorazepam in particolare.



Cerca di non abusarne comunque!

francy74
 

Ciao cara ariel,

che dosaggio di sopergin ti hanno prescritto? vedrai che i valori saranno gia' normali!

ariel
 

ho rifatto i dosaggi dopo la cura di dopergi. al primo dosaggio la prolattina era a 22, al secondo era a 18, quindi si è abbassata. pero' volevo sapere una cosa. una settimana prima ho preso la pillola del giorno dopo ,sempre dietro prescrizione ginecologica. lui ha detto che non avrebbe influito sulla prolattina. ma allra perchè al 10 gg era 22 e al 21 era 18? solitamente, prima del ciclo, non si alza la prolattina?

francy74
 

Cara Ariel,
a questo non so rispondere, comunque prendi atto del fatto che la prolattina sta scendendo e basta. sono atnto contenta per te!
un bacio

Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr.ssa Rosa Alba Portuesi

Dr.ssa Rosa Alba Portuesi
Nome:
Rosa Alba Portuesi
Azienda:
Centro Medico Sempione, Milano
Professione:
Ginecologa
Specializzazione:
Ginecologia e Ostetricia
Contatti/Profili social:
sito web facebook
Domanda al medico
Dr.ssa Portuesi, quali sono le altre indagini diagnostiche consigliate dopo un Pap test o HPV test positivi?
In caso di Pap test alterato e/o test virale positivo, le indagini diagnostiche procedono con una colposcopia, che permette al ginecologo di identificare la zona della lesione. In caso di dubbio si può praticare anche una biopsia, cioè un approfondimento di seconda istanza per valutare l'effettiva gravità della lesione. In caso di biopsia positiva, cioè certezza diagnostica di una lesione di alto grado, che dunque potrebbe esporre la paziente ad un maggior rischio di tumore, si può intervenire rimuovendo quel pezzetto del collo dell'utero in cui ha sede la lesione.

Siamo però sempre nell’ambito della prevenzione. La paziente sta bene, non stiamo cercando una terapia, ma stiamo cercando di non arrivarci. La paziente che sta per sottoporsi a colposcopia e/o biopsia deve sapere che a, causa delle alterazioni cellulari e delle lesioni identificate dagli esami precedenti, potrebbe essere a rischio, in futuro, di sviluppare un tumore. E che si tratta di gestire al meglio questo rischio. Leggi tutto
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 00:30 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X