Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Ginecologia e ostetricia > non mi spiega nessuno
Segna Forum Come Letti

   

non mi spiega nessuno

paolina
 

Ciao a tutte rieccomi dopo una lunga pausa con i miei dubbi, mi accade da circa 5 mesi dopo aver staccato la pillola che il ciclo sia strano e cioè, per 4 giorni circa ho delle macchioline....poi arriva il ciclo risultato che sto circa 11-12 giorni con l'assorbente[] poi mi è stata diagnosticata un'altra ciste all'ovaio destro che dovrò togliere in laparoscopia....la domanda è possibile che le mie difficoltà a rimanere incintà dipende da questo?
Poi da quando ho smesso la pillola non riconosco + il mio muco...o meglio sono asciutta tutto il mese.....
Non capisco + nulla!!!!! Help

MIGLIOR COMMENTO
Avamposta
Ciao Paolina,
noi ragazze in cerca della cicogna ora siamo tutte nella sezione "preconcepimento", se vuoi unisciti a noi lì

Questa cosa delle perdite prima del ciclo è successa anche a un'altra ragazza e la gine le ha dato una cura di progesterone ... casomai chiedi al tuo gine di fare un controllo, credo che possa influenzare anche il muco!
__________________
Emy, moglie del micio, mamma di Daniele, di Diva e di Mighty
Leggi altri commenti
luna
 

Ciao Paolina!
A me per le perdite il gine mi aveva dato il progesterone ma mi ha fatto spuntare una cisti (sono un soggetto a rischio). Comunque poi ho scoperto di avere la clamidia. Uno dei sintomi è dato proprio dalle perdite prima del ciclo. Con la clamidia è praticamente impossibile restare incinta.
Fatti fare un tampone e segui la cura che ti darà il tuo gine. Spero che tutto vada come desideri. Non perdere troppo tempo.

Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr. Mario Fadin

Dr. Mario Fadin
Nome:
Mario Fadin
Azienda:
Centro Medico Sempione, Milano
Professione:
Ginecologo, Direttore Sanitario del Centro Medico Sempione di Milano
Specializzazione:
Ostetricia e Ginecologia
Contatti/Profili social:
email sito web facebook
Domanda al medico
Dr. Fadin, posso mangiare al ristorante cinese, giapponese o indiano in gravidanza?
Naturalmente sì: miliardi di donne nel mondo si nutrono in gravidanza di cibi della cucina cinese, giapponese o indiana! L’importante è che si tratti di ristoranti curati dal punto di vista igienico, una regola che ovviamente vale anche per i ristoranti di cucina italiana.

Il pesce crudo può contenere un parassita, l’Anisakis simplex, che può provocare, se ingerito, parassitosi acute o croniche con gravi conseguenze per la salute, indipendentemente dalla gravidanza. La cottura a 60 gradi o il congelamento per un minimo di 96 ore uccidono il parassita e in Italia per legge i ristoranti che servono pesce crudo devono congelarlo preventivamente per scongiurare il rischio di contaminazione. Se si acquista il pesce privatamente con l’intenzione di consumarlo crudo a casa, è necessario tenerlo in congelatore almeno per quattro giorni. La marinatura non è sufficiente per uccidere il parassita.

In generale, la scarsa igiene nella preparazione e nella conservazione degli alimenti espone al rischio di gastroenteriti, salmonellosi ed epatite A, che non comportano rischi specifici durante l’attesa, ma nuocciono alla salute generale della futura mamma e di riflesso a quella del feto.

I cibi piccanti o molto speziati caratteristici di alcune cucine non sono controindicati in gravidanza, ma possono accentuare disturbi già presenti come i bruciori di stomaco e le emorroidi.

   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 05:06 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X