Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Ginecologia e ostetricia > Dottore: cisti?... acido folico?
Segna Forum Come Letti

   

Dottore: cisti?... acido folico?

julia
 

Gentile Dottore,
vorrei un suo parere riguardo due cose.

1. Ho preso la pillola per 6 anni circa con un'interruzione di 3 mesi dopo il secondo anno.
L'anno scorso a luglio ho smesso e da allora ho il ciclo molto irregolare 28, 31, 52, 29, 62 e 77 giorni.
Sono andata dal mio ginecologo il mese scorso che mi ha riscontrato delle piccole cisti follicolari su un ovaio.
Prima di prendere la pillola sono sempre stata regolare con un ciclo intorno ai 35 giorni.
Non mi riesco a togliere dalla testa che l'assunzione della pillola sia la causa, comunque al di là di questo volevo chiederle se c'è qualcosa che posso fare e se potrei avere dei problemi ad intraprendere una gravidanza, cosa che vorrei provare a fare a fine estate.

2. Proprio riguardo l'idea di una prossima gravidanza ho chiesto al ginecogo cosa ne pensava di assumere acido folico (mio cugino ha avuto una bimba con la spina bifida e mi sono un po' informata).
Lui mi ha detto che potrei farlo, ma che ha valore se fatto nei 3 mesi precedenti il concepimento.
Ne ho parlato col mio medico di base e lui invece mi ha detto che non lo riteneva necessario, che
semmai ne avrei assuntoo durante i primi mesi se si fosse riscontrata una carenza.
Lei cosa ne pensa?

La ringrazio molto,
<font face="Andale Mono"></font id="Andale Mono">

MIGLIOR COMMENTO
aurora_azzurra_anita
prima che il dottor domenico ti risponda ti posso dire che l'acido folico è bene iniziarlo prima di cercare una gravidanza, un abbraccio e in becco alla cicogna (per quando lo vorrai)
__________________
Aurora 28 Gennaio 1999
Azzurra 28 Dicembre 1999
Anita 4 Novembre 2004
http://stores.shop.ebay.it/Abbigliam...-Cento-Vetrine
Leggi altri commenti
julia
 

Grazie per la tua pronta risposta, anch'io ho sempre letto che l'assunzione va iniziata qualche mese prima, mi sa che il mio medico di base mi ha detto così perchè non ci crede molto...
Non so neanch'io se ha utilità o meno, per questo sono qui!

Grazie ancora

aurora_azzurra_anita
 

io ho sentito un mese fà un medico di fama internazionale che ne parlava diceva, che è opportuno prenderlo da prima del concepimento e poi per tutta la gravidanza, in quanto all'inizio è per aiutare l'embrione, ma in seguito per aiutare la mamma, ciao un bacio

julia
 

Ciao Monica,
Ma tu l'hai mai preso prima e durante le tue precedenti gravidanze? E durante questa?
Grazie,

paola 74
 

Ciao Julia,
io ho avuto un aborto lo scorso maggio. Appena tornate le mestruazioni il ginecologo, in previsione della nuova gravidanza, mi ha fatto assumere acido folico (Folina 5 mg). L'ho preso per 4 mesi prima di restare incinta di nuovo e poi fino al 6 mese di gravidanza.
Ciao e tanti auguri

aurora_azzurra_anita
 

ciao io nelle due precedenti gravidanze non lo avevo preso, ora l'ho preso da un mese prima del concepimento e credo che continuerò prenderlo fino alla fine della gravidanza, ciao

Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr.ssa Rosa Alba Portuesi

Dr.ssa Rosa Alba Portuesi
Nome:
Rosa Alba Portuesi
Azienda:
Centro Medico Sempione, Milano
Professione:
Ginecologa
Specializzazione:
Ginecologia e Ostetricia
Contatti/Profili social:
sito web facebook
Domanda al medico
Dr.ssa Portuesi, parliamo di colposcopia e biopsia: sono pericolose? Fanno male?
La colposcopia è un esame molto semplice, che prevede il posizionamento della paziente sul lettino in posizione ginecologica classica e l'utilizzo da parte del medico di uno speculum, cioè dello stesso strumento che si utilizza anche per effettuare il prelievo del Pap test. Nulla di nuovo e di diverso, insomma, rispetto a una visita ginecologica classica. Sul tessuto della cervice uterina il colposcopista applica due reagenti (assolutamente indolori e impercettibili da parte della paziente) che servono per visualizzare meglio l'area sede della lesione, su cui il medico potrà poi decidere di effettuare la biopsia.

Quanto alla biopsia, esame che prevede il prelievo di una piccola porzione di tessuto anomalo, posso assicurare che non causa dolore perché il collo dell'utero è sì molto vascolarizzato, ma poco innervato. A volte a generare disagio nella donna seduta sul lettino ginecologo è più il “tic”, cioè il rumore della pinzetta utilizzata per il prelievo che l’indolenzimento che questa operazione effettivamente può provocare, che è davvero molto lieve.

Nello svolgimento di questi esami, ma anche di un semplice Pap test, è molto importante che la paziente si senta a suo agio. E qui la capacità relazionale del medico può fare la differenza. Perché lo speculum è comunque un corpo estraneo, e la vagina è fatta di muscoli: va da sé che un irrigidimento, una non accettazione dello strumento, un cattivo rapporto con il medico possono provocare contrazioni anche involontarie, e a quel punto tutto può diventare più difficile.

Io cerco di spiegare sempre bene alle mie pazienti in cosa consiste un esame prima di eseguirlo. Credo che si tratti in fondo di un gioco di squadra: il ginecologo deve avere la mano delicata, la paziente deve sentirsi a suo agio e questo aiuta sempre a ridurre al minimo i fastidi. Leggi tutto
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 00:23 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X