Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Ginecologia e ostetricia > Per chi ha/ha avuto l'ureaplasma...
Segna Forum Come Letti

   

Per chi ha/ha avuto l'ureaplasma...

Pilar
 

Ho fatto mille ricerche su internet su questo batterio e non ho trovato risposte univoche come al solito...Vorrei raccogliere informazioni e notizie da chi ha avuto questa malattia e da chi ne sa qualcosa in particolare vorrei sapere:
-Che tipo di terapia avete fatto e per quanto tempo
- se il batterio è sparito dopo la prima cura
- la vostra carica batterica
- i sintomi eventuali
-Si trasmette solo con i rapporti o ci sono altre modalità?
Grazie

MIGLIOR COMMENTO
Pilar
nessuna ne sa niente?
__________________
Leggi altri commenti
Dyata76
 

Ciao Pilar, allora io mi sono accorta di avere questo battere esattamente a Gennaio del 2006, inizialmente l'ho curato per candida, in quanto i sintomi erano abbastanza simili e cioè bruciore, gonfiore alle grandi labbra, perdite a volte bianche a volte giallastre, pizzicore, prurito (tantoooooo)....
la mia carica batterica era abbastanza alta Maggiore/= a 100.000
Dopo circa 20 giorni di pene, la mia ginecologa che fino ad allora credeva fosse candida sì è decisa a farmi fare il tampone vaginale dal quale risulto positiva all'ureaplasma, lei inizialmente non voleva darmi neanche l'antibiotico, mentre il mio medico di famiglia ha insistito affinchè lo prendessi...così ho iniziato la 1^ cura con l'Eritromicina per 10 gg. 2 bustine al dì....nulla i sintomi non cambiavano sè non di poco e il tampone continuava a darmi positività...dopo un altro mese cambio antibiotico e provo il Bassado anche qui 10 gg. ma una pastiglia al dì...ripeto il tampone dopo una ventina di giorni e finalmente risulta negativo...
tieni presente che è abbastanza difficile da debellare, (ormai nè ho una cultura, ah ho cambiato ginecologo! ) il mio nuovo gine, dice che adesso oltre l'eritromicina (antibiotico assai anziano) e la tetracicline (Bassado) esiste un altro antibiotico che sicuramente troverai sul tuo antibiogrmma a base di cheloidi sè non sbaglio, che è molto valido contro questi batteri....
Io sono stata abbastanza male per questo battere, ma tieni presente che nella maggior parte dei casi è totalmente assintomatico, e lo si scopre per la ricerca di altre cause...solitamente l'antibiotico si somministra quando si ha una carica batterica abbastanza alta, in quanto si tratta di un battere comune....e che quindi 1 donna sù 3 sicuramente l'ho ha avuto...
c'è da dire un altra cosa, ogni organismo reagisce in maniera diversa ad un tipo di antibiotico, infatti il nuovo ginecologo mi diceva che spesso per debllare questi demoni, bisgona tentare più di un antibiotico, usare fermenti lattici, rinforzare le difese immunitarie ecc....
P.S. Non è vero che questo battere porta alla sterilità!
Come ogni infezione (candida compresa) rallenta la risalita degli spermatozoi, quindi và curata, ma senza allarmismi, in quanto è dura da debellare, ma con una cura adeguata c'è la si fà più che tranquillamente!

Posso chiederti Pilar i tuoi sintomi?

Spero di esserti stata utile, per qualsiasi chiarimenti chiedimi pure!

Dyata

sweetyvale
 

io mi porto dietro quel cattivo da due anni, prima era sia a livello uretrale che cervicale, ad aprile di questo anno era rimasto solo a livello cervicale, la carica è sempre stata > 100000. quindi credo di aver sempre avutop una bella carica..sto aspettando i risultati degli ultimi tamponi, e anche se il dottore che me li ha fatti ha detto di non aver visto niente di che ( al max se c'è la candida), io non riesco a star tranquilla, forse perchè il mio cervello malato si è convinto che l'antibiotico aveva fatto effetto in ritardo per cui il giorno dell'analisi stava ancora facendo effetto per cui avrò dei falsi negativi...

cmq, la cura l'ho sempre fatta con il bassado ( aprile/maggio), ma due anni fa con l'oflocin ( cura più lunga),i sintomi generalmente non li avvertvo due anni fa..ultimamente sento sempre tipo pizzicore o leggero prurito che viaggia tra la vulva e i glutei( rapporti sessuali senza problermi, e quando vado a urinare non ho nessun fastidio, pe cui credo che non ci dovrebbe essere niente, è che la mia è una questione psicologica)...la cosa strana è che se mi tengo impegnata i fastidi non li sento per cui credo che la mia sia un a questione psicologica ( come aveva detto il dottore dei tamponi:devo stare + tranquilla, anche perchè quando ha visto i risultati dei tamponi di aprile ha detto che avevo una cosa leggerissima), eppure sentivo molti + fastidi, di quando sue anni fa ero molto + infestata..è probabile che sia per tutto il mnervosismo che ho addosso...ops, mi sono appena accorta di essere andata fuori tema...scusatemi!!

sweetyvale
 

se si trasmette con i rapporti..credo di sì....( con ************ non passa niente...però)
per quanto riguarda i sintomi...io sapevo che mentre per le ragazze può essere asintomatico, tanto che una ce lo ha senza saperlo( ma se a livello uretrale da prurito e bruciore nel momento in cui si va a urinare, e di solito l'urina aumenta di quantita', con aumento anche dello stimolo), nei maschi può essere accompagnato da prostatiti o uretriti...è possibile che nei ragazzi ci sia anche bruciore e arrossamento del glande? i puntini sono associati ai micoplasmi o a qualcos'altro? tipo candida? ( al mio ragazzo i fastidi che aveva a inizio mese - ma credo che sappiate le mie disavventure-(arrossamento, fastidi+ puntini rossi) erano passati con la cura con il bassado...............)

Pilar
 

Ciao amiche, grazie aper le vostre risposte! vi racconto la mia storia: da un paio di mesi avvertivo bruciore interno e perdite abbondanti, i rapporti erano un po fastidiosi...La ginecologa mi ha prescritto il tampone vaginale per clamidia, micoplasmi e germi comuni e mi ha cambiato la pillola che mi provocava una secchezza vaginale incredibile...Risultato: dopo una settimana dall'assunzione della nuova pillola non avevo più nessun sintomo! Eseguito il tampone il risultato è negativo per tutto tranne che per l'ureaplasma urealyticumcarica batterica = 10000. La ginecologa mi ha prescritto Bassado per 10 gg due volte al giorno; la cura l'ha fatta anche il mio fidanzato che però non ha verificato s aveva l'ureaplasma o no. Ora sono in attesa di fare il tampone per vedere se è stata debellata (il 27). Su internet ho letto che se la carica batterica non supera i 10000 significa che è un batterio commensale cioè che non è patologico e dunque non determina un'infezione...questo significa che ho fatto una cura anche se non c'era alcun bisogno???La ginecologa mi ha consigliato di farla perchè anche se non ho ancora l'infezione così la prevengo ma non è stata più precisa...

Pilar
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da Dyata76

Ciao Pilar, allora io mi sono accorta di avere questo battere esattamente a Gennaio del 2006, inizialmente l'ho curato per candida, in quanto i sintomi erano abbastanza simili e cioè bruciore, gonfiore alle grandi labbra, perdite a volte bianche a volte giallastre, pizzicore, prurito (tantoooooo)....
la mia carica batterica era abbastanza alta Maggiore/= a 100.000
Dopo circa 20 giorni di pene, la mia ginecologa che fino ad allora credeva fosse candida sì è decisa a farmi fare il tampone vaginale dal quale risulto positiva all'ureaplasma, lei inizialmente non voleva darmi neanche l'antibiotico, mentre il mio medico di famiglia ha insistito affinchè lo prendessi...così ho iniziato la 1^ cura con l'Eritromicina per 10 gg. 2 bustine al dì....nulla i sintomi non cambiavano sè non di poco e il tampone continuava a darmi positività...dopo un altro mese cambio antibiotico e provo il Bassado anche qui 10 gg. ma una pastiglia al dì...ripeto il tampone dopo una ventina di giorni e finalmente risulta negativo...
tieni presente che è abbastanza difficile da debellare, (ormai nè ho una cultura, ah ho cambiato ginecologo! ) il mio nuovo gine, dice che adesso oltre l'eritromicina (antibiotico assai anziano) e la tetracicline (Bassado) esiste un altro antibiotico che sicuramente troverai sul tuo antibiogrmma a base di cheloidi sè non sbaglio, che è molto valido contro questi batteri....
Io sono stata abbastanza male per questo battere, ma tieni presente che nella maggior parte dei casi è totalmente assintomatico, e lo si scopre per la ricerca di altre cause...solitamente l'antibiotico si somministra quando si ha una carica batterica abbastanza alta, in quanto si tratta di un battere comune....e che quindi 1 donna sù 3 sicuramente l'ho ha avuto...
c'è da dire un altra cosa, ogni organismo reagisce in maniera diversa ad un tipo di antibiotico, infatti il nuovo ginecologo mi diceva che spesso per debllare questi demoni, bisgona tentare più di un antibiotico, usare fermenti lattici, rinforzare le difese immunitarie ecc....
P.S. Non è vero che questo battere porta alla sterilità!
Come ogni infezione (candida compresa) rallenta la risalita degli spermatozoi, quindi và curata, ma senza allarmismi, in quanto è dura da debellare, ma con una cura adeguata c'è la si fà più che tranquillamente!

Posso chiederti Pilar i tuoi sintomi?

Spero di esserti stata utile, per qualsiasi chiarimenti chiedimi pure!

Dyata

mi dispiace che l'ureaplasma ti habbia dato tanti porblemi! Io non ho avuto nessun sintomo...avevo solo un pò di bruciore che è passato quando ho campiato pillola, quindi non era l'ureaplasma a creare questo problema...

Pilar
 

Dyata, anche il tuo partner ha fatto la cura? Avete verificato se lo aveva pure lui?

Pilar
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da sweetyvale

se si trasmette con i rapporti..credo di sì....( con ************ non passa niente...però)
per quanto riguarda i sintomi...io sapevo che mentre per le ragazze può essere asintomatico, tanto che una ce lo ha senza saperlo( ma se a livello uretrale da prurito e bruciore nel momento in cui si va a urinare, e di solito l'urina aumenta di quantita', con aumento anche dello stimolo), nei maschi può essere accompagnato da prostatiti o uretriti...è possibile che nei ragazzi ci sia anche bruciore e arrossamento del glande? i puntini sono associati ai micoplasmi o a qualcos'altro? tipo candida? ( al mio ragazzo i fastidi che aveva a inizio mese - ma credo che sappiate le mie disavventure-(arrossamento, fastidi+ puntini rossi) erano passati con la cura con il bassado...............)
ciao Sweety, non penso che i puntini possano essere associati ai micoplasmi sai? Comunque non ne ho la certezza...il tuo fidanzato ha fatto il tampone per vedere se anche lui ce l'ha? Ha fatto la cura?

Pilar
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da sweetyvale

se si trasmette con i rapporti..credo di sì....( con ************ non passa niente...però)
ho letto che in molte donne l'ureaplasma è presente nella normale flora batterica vaginale e che in certe condizioni si abbassano le difese immunitarie e la carica batterica aumento dando luogo all'infezione...voi ne sapete qualcosa?

Dyata76
 

Si Pilar anche mio marito ha dovuto fare la cura antibiotica, ma non ha voluto saperne di fare esami o cose del genere, del resto anche per me è stato abbastanza fastidioso perchè fino adesso (ho 29 anni) non ho mai sofferto neanche della più banale delle infiammazioni!
Per quanto riguarda le tue domande la risposta è SI, l'ureaplasma rientra in una categoria di bettere comune cioè normalmente presente in vagina, diventa patologico quando la carica batterica aumenta notevolmente per varie e svariate cause...abbasamento difese immunitarie, alerazione della flora vaginale ecc...
Diciamo che spesso è assintomatico, ma non sempre...ho già letto di alcune ragazze che riferivano i miei stessi sintomi....questo spesso dipende anche dalla carica batterica!
Comunque in ogni caso hai fatto bene ad assumere l'antibiotico, con una carica batterica più bassa, sarà più facile debellarlo!

Sè hai bisogno sono qui!

Dyata76
 

Si Pilar anche mio marito ha dovuto fare la cura antibiotica, ma non ha voluto saperne di fare esami o cose del genere, del resto anche per me è stato abbastanza fastidioso perchè fino adesso (ho 29 anni) non ho mai sofferto neanche della più banale delle infiammazioni!
Per quanto riguarda le tue domande la risposta è SI, l'ureaplasma rientra in una categoria di bettere comune cioè normalmente presente in vagina, diventa patologico quando la carica batterica aumenta notevolmente per varie e svariate cause...abbasamento difese immunitarie, alerazione della flora vaginale ecc...
Diciamo che spesso è assintomatico, ma non sempre...ho già letto di alcune ragazze che riferivano i miei stessi sintomi....questo spesso dipende anche dalla carica batterica!
Comunque in ogni caso hai fatto bene ad assumere l'antibiotico, con una carica batterica più bassa, sarà più facile debellarlo!

Sè hai bisogno sono qui!

bertaru
 

io non ho avuto e non ho nessun sintomo, ho appreso di avere questa
infezione perche' dopo 14 mesi di dolori alla schiena , dopo aver
provato 3000 strade per capire di cosa soffro (ancora nn ho una
diagnosi) la reumatologa mi ha fatto fare tutti i tamponi vaginali e
cervicali possibili, ipotizzando una spondiloartrite sieronegativa
reattiva cioe' di tipo virale dovuta ad un'infezione. Curando questo
battere , spero di non illudermi, i miei dolori potrebbero abbandonarmi.

Pilar
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da bertaru

io non ho avuto e non ho nessun sintomo, ho appreso di avere questa
infezione perche' dopo 14 mesi di dolori alla schiena , dopo aver
provato 3000 strade per capire di cosa soffro (ancora nn ho una
diagnosi) la reumatologa mi ha fatto fare tutti i tamponi vaginali e
cervicali possibili, ipotizzando una spondiloartrite sieronegativa
reattiva cioe' di tipo virale dovuta ad un'infezione. Curando questo
battere , spero di non illudermi, i miei dolori potrebbero abbandonarmi.

mi dispiace che stia tanto male!A questo punto speriamo che la causa dei tuoi fastidi sia proprio l'ureaplasma e che, curandolo starai meglio...

sweetyvale
 

la cura l'abbiamo fatta sia il mio lui che io contemporaneamente, sia ad aprile che a maggio..speriamo che questa sia la volta buona, almeno ci sarebbe una cosa positiva in questo momento ( sembra quasi che i problemi non finiscano ma, da domenica è venuto fuori un altro problema( e ovviamente mi sto dando tutta la colpa a me)..e io non ce la faccio + a livello psicologico......)

Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr. Mario Fadin

Dr. Mario Fadin
Nome:
Mario Fadin
Azienda:
Centro Medico Sempione, Milano
Professione:
Ginecologo, Direttore Sanitario del Centro Medico Sempione di Milano
Specializzazione:
Ostetricia e Ginecologia
Contatti/Profili social:
email sito web facebook
Domanda al medico
Dr. Fadin, come faccio a contrastare la nausea in gravidanza?
Nella maggioranza dei casi per controllare il disturbo è sufficiente mettere in atto alcuni accorgimenti. Innanzitutto, evitare di bere liquidi a digiuno, soprattutto al risveglio mattutino. Meglio tamponare le secrezioni dello stomaco con un cibo asciutto, come cracker, biscotti o fette biscottate, prima di introdurre liquidi. È consigliabile, inoltre, spezzare il digiuno durante l’arco della giornata con frequenti spuntini leggeri. Infine, quando si beve acqua è preferibile che sia ben fredda, meglio se con uno spruzzo di limone.

Alcuni rimedi naturali contrastano efficacemente la nausea. Primo tra tutti la radice di zenzero, che al dosaggio consigliato in gravidanza non comporta alcun rischio per lo sviluppo del nascituro. Voci di una presunta pericolosità dello zenzero sono infondate e si basano su una vecchia ricerca degli anni ’80 che evidenziava un effetto teratogeno su femmine di topo gravide a cui ne erano state somministrate dosi massicce. Nella specie umana, alle dosi normalmente assunte, non è dimostrato alcun rischio teratogeno.

Altri rimedi utili per controllare la nausea sono l’assunzione di vitamina B6 e, ricorrendo alla medicina cinese, l’agopuntura o l’acupressione (con apposito braccialetto) esercitata sul punto P6 situato sul lato interno dell’avambraccio, circa tre centimetri sotto la piega del polso.

Se il vomito è tanto frequente da ostacolare un adeguato apporto di sostanze nutritive parliamo di iperemesi: compare nell’1% delle gravide e richiede farmaci sotto controllo medico, quali gli antistaminici o la metoclopramide, e in alcuni casi il ricovero in ospedale.

   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 00:44 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X