Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Medicina legale e previdenziale > ci sono i presupposti per il risarcimento?
Segna Forum Come Letti

   

ci sono i presupposti per il risarcimento?

baffino
 

Buon giorno la mia storia è riportata in Flebologia ma la riassumo , un anno fa mi hanno operato per un melanoma maligno del dorso, e a seguito su indicazione del dermatologo (ps ho fatto tutto tramite la usl)l'allargamento e l'asportazione dei linfonodi(2 a sx 1 a dx)L'intervento ci tengo a dirlo è stato un calvario entrato alle 7 ho atteso in saletta fino alle 12 e dalle 13alle 14,45 l'intervento (mi hanno tenuto per ultimo?) operato alla schiena mi hanno poi girato e iniziato ad operare alle ascelle con anestesia locale , solo che l'anestesia non aveva preso e loro mi hanno detto"stringi i denti" e legato al lettino come un cristo ho sofferto per tutto l'intervento,(è normale farlo in anestesia locale?). Oggi a seguito dell'intervento mi si è gonfiato il braccio dx e da mesi il medico e la fisiatra non mi propongono cure ma solo riposo ( pensate alla ditta dove lavoro come meccanico!) Poi scopro che dopo un intervento simile dovrebbe essere di prassi fare linfodrenaggi e bendaggi per prevenire il braccio grosso!
Le uniche cose che mi fecero fare dopo l'intervento è la riabilitazione con ginnastica delle braccia che per via del dolore mi avevano fatto tenere a riposo per 2 mesi dopo l'intervento .
La domanda è se ha causa di una mancata terapia post operatoria ora dovrò scontare delle conseguenze che possono diventare croniche ed invalidanti , ci può essere l'estremo per richiedere un risarcimento all'USL che mi ha seguito?
L'officina dove lavoro è grande (più di 50 dip e ha già dip invalidi) è tenuta a tenermi cambiandomi mansioni visto che mi è già stata riconosciuta il 50% dell'invalidità, e stò facendo le pratiche per l'aggravamento?
Ringrazio chiunque possa darmi indicazioni o suggerimenti !!!

MIGLIOR COMMENTO
baffino
Ultimi esiti mi hanno escluso la sindrome dello stretto ( come supponevo)ora resta il linfedema e sembra che non lo vogliono curare , mi hanno detto di fare attenzione ( faccio il meccanico , ripeto ) e che ora non mi faranno nulla .
Allora a cosa mi serve l'invalidità riconosciuta del 50% e l'esenzione 048 per patologia e conseguenze ?
Forse devono pagare loro le spese ?
__________________
Leggi altri commenti
Prof.ssa Virginia A. Cirolla
 

PER BAFFINO


Gentile signore intanto le consiglio di richiedere l'aggravamento della

invalidita' poiche' si regitrano danni permanenti che a mio modesto parere

nonostante linfodrenaggio e riabilitazione proponibili potrebbero residuare.

Se non l'ha ancora richiesta la legge 104/92 per le elargizioni economiche e

fiscali spettanti alle persone portatrici di handicap potrebbe richiederne il

riconoscimento:con questa normativa le sara' piu' facile essere trasferito di

mansione nel suo lavoro che richiedendo l'utilizzo degli arti inferiori le

rende impossible ogni prestazione impegnativa in tal senso.

Cordialmente



DOTT.VIRGINIA A.CIROLLA
______________________________

baffino
 

La ringrazio dott.ssa . Mi stò muovendo con l'aiuto dell' INCA il padronato per la richiesta di riduzione della capacità lavorativa ( che richiederà la visita all'inps ) e per la richiesta di assegno integrativo.
I documenti li dovrò presentare il 29 ma pultroppo la visita specialistica ( a mie spese ) la farò solo il 31 e spero che il mio medico possa ugualmente confermare una patologia .
E' vero che per essere trasferito di mansione come invalido devo licenziarmi e iscrivermi alle liste e poi essere riassunto?
Non c'è la possibilità di fare un semplice cambiamento di contratto?
Ora che avrò un referto di uno specialista ( il dott.De Siena di Flebologia ) posso poi ricorrere alle cure del SSN , utilizzando gli sgravi che mi sono stati riconosciuti ( esenzione 048 per intervento patologia e conseguenze derivanti ) , e come mi devo muovere ?
La ringrazio anticipatamente per l'attenzione e la cortesia mostratami .

baffino
 

Gentile dott.ssa
Torno all'attacco per chiedere chiarimenti urgenti .
Ho fatto la visita per l'aggravamento dell'invalidità e attendo risposta , ho anche fatto la visita all'inps per l'assegno integrativo di tre anni , ma con sorpresa non è stato riconosciuto , ( ho appena speso 500 euro per la cura linfodrenaggi e varie , che appena riprenderò il lavoro saranno vanificate , ma questo è un altro argomento)
Hanno scritto :" non è stato possibile accogliere la domanda in oggetto per pensione di ordinaria inabiluità ......nonsono risultate infermità tali da determinare una assoluta e permanente impossibilità a svolgere qualsiasi attività lavorativa .
Inoltre non è stato accolto in quanto non sono risultate infermità tali da determinare una permanente riduzione a meno di un terzo della capacità di lavoro in occupazioni confacenti alle attitudini personali ( art 1 della legge 12 giugno 1984 n 222 )"
Dunque tirando le somme , posso continuare a fare il meccanico , che strano non ho trovato ancora un medico o terapista che mi abbia detto la stessa cosa .
Ora pago per curarmi ma mi hanno già detto che non dovrò fare sforzi o correre rischi di tagliarmi o scottarmi quando torno , altrimenti butterò via soldi e potrei peggiorare anzi peggiorerà .
Nell'attesa delle cure sono tornato al lavoro 2 settimane , il braccio era ancora gonfio , il medico aveva detto che non dovevo sforzarlo , mi hanno rimensso in officina perchè non sanno dove altro ... e piano piano mi hanno fatto fare lavori come prima , io non sò dire basta , è brutto che debba impormi con la ditta ma i posti alternativi dovrebbero esserci , lo hanno riconosciuto anche alla visita dell'usl . In più ilk braccio si è rigonfiato a sproposito , fortuna che ora sono a casa in malattia per la terapia .
Attendo il verdetto per l'aggravamento e poi farò ricorso all'inps ...
Ma vorrei delucidazioni , come devo muovermi con l'azienda ( ho fatto la visita dal medico loro che ha riconosciuto di dover cambiare mansione , e gli ho lasciato copia dellinvalidità al 50% riconosciutami .)
Come devo muovermi in generale per conservare almeno il mio stato di salute attuale e futuro ?
Il dott de siena del forum flebologia mi ha visitato riconoscendo il linfedema secondario agli arti sup a dx estensibile anche a sx !
Dunque posso conservarlo ma non guarirlo ed è cronico ormai ...
Attendo sua risposta con ansia ..GRAZIE

baffino
 

Ps non trovo riscontri sulla legge 14/92 da lei menzionata .

Prof.ssa Virginia A. Cirolla
 

PER BAFFINO


Gentile utente la legge di riferimento e' la 104/92.

Per errore di trascrizione dei dati comunicati al mio collaboratore

l'informazione non e' stata inserita in modo corretto nel post

precedente.

Mi tenga informata



DOTT.VIRGINIA A.CIROLLA
___________________________________

STAFF MEDICINA LEGALE

baffino
 

La ringrazio per la risposta .
Mi consiglia di attendere l'esito dell'aggravamento ( ho fatto la visita i primi di marzo ) o di inoltrare ora la domanda per la legge 104/92 ( visto cheho letto non c'entra nulla con l'invalidità )?
Lei che è un medico legale , con il riconoscimento del Linfedema secondario arto superiore dx ( per intervento asportazione linfonodi ) presente da settembre ad ora ( anche con le terapie si è ammorbidito ma continua a sussistere e mi è stato confermato dal terapista che si ripresenterà al minimo sforzo ....in più devo portare la calza contenitiva 22 ore al giorno ( consigliata a vita ) per contenerlo , oltre a cheloidi esterni e interni alle ascelle MOLTO EVIDENTI ( ancora quando li vedono si meravigliano delle dimensioni ! ed è una settimanan che mi curano ) quante probabilità mi dà di un eventuale aggravamento dell invalidità e della possibilità che mi venga riconosciuta la suddetta legge 104/92 ?
Le chiedo solo un modesto parere , e non voglio includere gli ancora 2 anni di invalidità al 50% riconosciuti per l'intervento al melanoma , il tunnel carpale a sx ( probabile anche a dx ma non posso fare l'esame per via del LINFEDEMA ).
La ringrazio anticipatamente per l'attenzione e l'eventuale parere in cui confido molto .
PS Cosa mi cambierebbe al lavoro il riconoscimento dell'appartenenza alla legge ?
GRAZIE .....ancora

Prof.ssa Virginia A. Cirolla
 

PER BAFFINO

La richiesta della legge 104/92 non e'prevista in riferimento alle percentuali

riconosciute d'invalidita' ne' ad eventale indennita' di accompagnamento per

patologia.

Le consiglio di effettuare due domande una per il riconoscimento della legge

104/92 ed altra per l'aggravamento della patologia allegando ad ogni modulo

prestampato rilasciato da ASL di appartenenza specifica relazione medica del

tipo certificato storico riepilogativa dei deficit provocati dalla patologia

attuale e pregressa e limitazioni previste in ambito lavorativo.


DOTT.VIRGINIA A.CIROLLA
_____________________________________

baffino
 

La ringrazio per l'attenzione e la solerzia con la quale risponde .
Ho scaricato da internet il modulo per la richiesta della legge 104 , ora il problema sembra che sia : tutti riconoscono il linfedema ma nessuno si vuole esprimenre sulle conseguenze che mi darà o che mi stà dando , anche il medico del lavoro fa dichiarazioni limitate a 30 gg o " fino a dopo terapia " ma non vogliono dirmi che conseguenze avrà alla lunga .
Mentre in internet non ho trovato buone notizie ( vedi regole di comportamento nel linfedema dell'arto sup ...dottssa G. Burkert ) che lasciano intendere uno stile di vita modificato soprattutto per il lavoro che svolgo .
A chi mi devo rivolgere , a che tipo o quale medico devo contattare per questo tipo di certificati ?
Intanto oggi anche il terapista ha notato un gonfiore rinnovato al braccio , sembrava che la terapia stesse contando , e questo nonstante la calza e il totale riposo .
Grazie ancora per la pazienza e cortesia nel dare indicazioni , attendendo risposta le porgo distinti saluti .

Prof.ssa Virginia A. Cirolla
 

PER BAFFINO


Gentile utente intanto le consiglio di recarsi dall'oncologo che ha seguito

il suo caso clinico prima dell'exeresi chirurgica per una probante relazione

medica sulla situazione complessiva includente anche l'aspetto riabilitativo

del linfedema dell'arto sup.

Successivamente dovra' rivolgersi ad un CTU per la elaborazione delle

percentuali d'invalidita' includenti anche il danno biologico ed i giorni

d'invalidita' temporanea e permanente previsti pe patologia.




DOTT.VIRGINIA A.CIROLLA

________________________________

baffino
 

Grazie per la risposta ma forse non mi sono spiegato bene all'inizio.
Ad indirizzarmi all'intervento non è stato un oncologo non sono stato seguito da oncologi fino a settembre 07 quando sotto consiglio di una mia amica mi ha indirizzato ad una visita da questo , Ad indirizzarmi dopo l'asportazione del neo e esame istologico è stato il dermatologo che me lo ha asportato , e poi l'usl ha disposto l'intervento.
L'unica persona che mi ha riconosciuto il linfedema è stato il dott de siena che ho contattato al vostro forum altrimenti nemmeno per la fisiatra che mi ha seguito ( ne ho cambiati 2 dall'intervento uno più incompetente dell'altro ) mi avrebbe riconosciuto questo problema in aggravamento , come ho già raccontato .
Ora che uno specialista ha messo nero su bianco Linfedema arto sup dx il mondo è cambiato , ora sembra che ce l'abbia , ora dopo 6 mesi che avevo il braccio gonfio ed infatti UN ALTRA fisiatra dell'usl me lo ha riconosciuto e prescritto le cure .
Quindi ricapitolando non ho parlato con nessun oncologo prima dell'intervento ne della situazione includente anche l'aspetto riabilitativo del linfedema come da sue parole .
E non so cosa sia il CTU .
Come già detto se non era per lei e il dott de siena e internet ero lasciato sia dai medici che dai sindacati ( per quel che riguarda il lavoro e problemi annessi ) ...lasciato COMPLETAMENTE SOLO ALLA DERIVA !!
Se ho indicazioni e aiuti li ho avuti da voi .
Ripeto i medici dell'usl che mi hanno seguito dicevano che per il braccio non era nulla , al cgl hanno detto che avrei dovuto licenziarmi e ARRANGIARMI visto che avevo l'invalidità !!!
E abito a RAVENNA mica in un paesotto di montagna !
Può rileggere la mia storia clinica nel forum del dott.de siena : baffino LINFEDEMA?
Per quel che riguarda i risvolti legali l'ho già informata .
Mi scusi il nervosismo , ora se dopo aver riesaminato la storia clinica e legale ( forse ora capirà perchè volevo fare richiesta di risarcimento all'usl)
RESTO A DISPOSIZIONE ANCHE PER SPEDIRE EVENTUALE DOCUMENTAZIONE MEDICA , non voglio approfittare di lei ma vista la sua cortesia e professionalità mi metto nelle sue mani .
Grazie ancora .

Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 06:28 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X