Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Apparato urinario e genitale maschile - Urologia > epididimite cronica, soluzione...
Segna Forum Come Letti

   

epididimite cronica, soluzione...

gulliver86
 

salve a tutti, mi è stata diagnosticata una epididimite cronica al testicolo sinistro, da circa 6 anni un po per mia negligenza non l'ho curata ora pero' mi crea problemi quando ho dei rapporti sessuali poichè mi fa male il testicolo... ho fatto tutte le analisi del caso con vari dottori e andrologi, mi hanno consigliato antibiotici, antinfiammatori.. ho rifatto le analisi, era tutto ok per le infezioni di clamidia etc... ma il testicolo ancora fa male.. ho provanto antirbiotici quali bactrim, ciproxin, etc... ma niente, il dolore c'è sempre.. e ora lo sento anche al testicolo destro.. i consigli li so, di andare dall'andrologo.. ma mi dicono sempre le stesse cose e ho paura che questo problema non lo risolvero' mai... vorrei sapere se c'è qualcuno che ha superto il problema , con quali medicine e in che tempi.. aiutatemi perche' non ce la faccio piu .....

MIGLIOR COMMENTO
Dr. Andrea Militello
per quanto riguarda l epididimite cronica, se non guarisce consiglio ( sempre su scelta del paziente ) la rimozione dell epididimo con un piccolo intervento
__________________
Dott. Andrea Militello
Urologo Andrologo
www.urologia-andrologia.net
www.andrologiamilitello.it

www.urologiamilitello.it
Leggi altri commenti
testolino
 

Citazione:
Originariamente Inviato da gulliver86 Visualizza Messaggio
salve a tutti, mi è stata diagnosticata una epididimite cronica al testicolo sinistro, da circa 6 anni un po per mia negligenza non l'ho curata ora pero' mi crea problemi quando ho dei rapporti sessuali poichè mi fa male il testicolo... ho fatto tutte le analisi del caso con vari dottori e andrologi, mi hanno consigliato antibiotici, antinfiammatori.. ho rifatto le analisi, era tutto ok per le infezioni di clamidia etc... ma il testicolo ancora fa male.. ho provanto antirbiotici quali bactrim, ciproxin, etc... ma niente, il dolore c'è sempre.. e ora lo sento anche al testicolo destro.. i consigli li so, di andare dall'andrologo.. ma mi dicono sempre le stesse cose e ho paura che questo problema non lo risolvero' mai... vorrei sapere se c'è qualcuno che ha superto il problema , con quali medicine e in che tempi.. aiutatemi perche' non ce la faccio piu .....
Ciao Gulliver, purtroppo ho il tuo stesso problema. A me e' stata riscontrata anche un leggera ipertrofia prostatica ma tale patologia sembri non incidere sull'epididimite. Ho sperimentato una miriade di antibiotici e fatto decine di analisi e test , tutto negativo. A volte il dolore sembra sparire ma e' solo per pochi giorni. I medici non mi hanno saputo dare una risposta , c'e' chi dice che ho una cisti sull'epididimo , chi che ho un' epididimite batterica associata ad una prostatite, chi ancora che la mia epididimite non ha nulla di batterico e non c'e' alcuna associazione con la prostata.....Mi sono davvero rotto....
Ho visto che ci sono degli interventi in grado di rimuovere l'epididimo , adesso m'informo meglio, per il momento so solo che cosi non posso andare avanti.

gulliver86
 

caro testolino vivo la tua stessa situazione.. la realta' è questa: i medici non sanno che pesci prendere . Il problema non lo stiamo risolvendo, non possiamo imbottirci di antibiotici che non risolvono il problema... questa situazione vorrei farla provare a loro!!!! ci sono stati alcuni che hanno minimizzato dicendo: devi eiaculare piu' spesso.. ho fatto ecografie 3D che mi on costate fiori di euro... ho 23 anni e mi sento veramente male del fatto che , come ci tocco un po al sx o al dx (che risulta meno sensibile) io avverta un dolore che sale sopra... anche perche' nella vita di coppia crea moltissimi fastidio nel momento del rapporto sessuale... moltissimi!!! fa male, alcuen cose non si possono fare ( per esempio lei sopra è impossibile per me......). Alcuni hanno detto che c'era varicocena, altri che c'era una pubalgia .... insomma, stiamo scherzando!?!?! l'intervento io vorrei evitarlo, questi interventi migliorano una cosa e ne rompono un'altra, se si inizia così è la fine.. pero' sinceramente, a meno che non venga un luminare non vedo altra soluzione... bah......
Teniamoci aggiornati qui.. parliamone, aspettiamo che qualche medico intervenga e si crei una discussione costruttiva per loro che sono sempre alla ricerca della verità e della spiegazione razionale a tutto (e sbagliano il piu' delle volte, senza offesa...) e noi che soffriamo e buttiamo soldi senza vedere alcun beneficio e avendo ricadute psicologiche non da poco conto....!

testolino
 

Io ho addirittura fatto l'intervento di varicocele perche' mi era stato detto che il dolore poteva essere dovuto a questa patologia (avevo un varicocele minimo di II grado). Il risultato e' che la situazione e' peggiorata , l'operazione di varicocele ha prodotto una ipersensibilita' maggiore al testicolo e adesso mi ritrovo con questo senso di pesantezza e dolore.

Segreti
 

Ciao a tutti. Ho 33 anni e anch'io ho un problema simile al vostro. Nel 1997 mi sono operato di varicocele sinistro e appena mi sono risvegliato dall'anestesia ho notato un dolore e un senso di pesantezza ai testicoli, soptrattutto il sinistro.

Questo problema me lo sono portato dietro per un paio d'anni. Poi, all'imporvviso, è sparito. Purtroppo dal 2007 il problema si è ripresentato con molta più aggrassività. L'intensità del dolore che provo dipende molto spesso dai pantaloni che uso. Ma è comunque un dolore quasi continuo (da tre anni).

Ho speso tanti di quei soldi tra urologi e neurologi che no saprei dire. Tutte le analisi che ho fatto (ecografie, esami dello sperma, etc.) sono risultate negative: secondo queste analisi non ho niente! Gli urologi da cui sino stato mi hanno dato etti di antibiotici e antinfiammatori, senza però migliorare la situazione.

Una neurologa da cui sono stato mi ha fatto fare un sacco di analisi, anche un'elettromiografia (che è un esame dolorosissimo) per vedere se non si trattasse di un problema neuropatico. Tuttavia, sembrebbe che non è neanche niente di neurologico. La neurologa, tuttavia, mi ha detto di provare ugualmente con un farmaco per il dolore neuropatioco che si chiama LYRICA (non so se si chiama cosí in Italia, vivo all'estero). Sto prendendo dosi altissime, ma il dolore non passa.

In questi gioni sto facendo anche agopuntura (35 euro a sessione e ne faró 13) e il giovamento è minimo. Sono francamente disperato. A volte sogno di svegliarmi la mattina senza più questo calvario. Sono fracamente molto stanco di avercelo. Ad aprile di quest'anno mi era quasi sparito per una ventina giorni. Mi sembrava di essere rinato. Invece, il dolore è poi tornato, esattamente il 5 maggio, ancora più forte.

Dal 5 maggio ho un dolore pazzesco. L'unica cosa mi fa calmare un po' il dolore (ma solo quando è specialmente acuto) è stirarmi i muscoli delle gambe e del pube.

Per favore, teniamo aggiornati. Se trovate qualche rimedio, per favore fatelo sapere.
Un saluto a tutti.
Segreti

testolino
 

A me il dolore e' subentrato in maniera rilevante alcuni mesi dopo l'intervento di varicocele al testicolo sx. Potrebbe darsi che nell'intervento il chirurgo abbia involontariamente danneggiato qualche nervo sensitivo che irradia il testicolo, anch'io mi trovo nella stessa situazione e i medici sono di un'ignoranza spaventosa. Ho girato 4 urologi diversi e ho avuto 4 differenti diagnosi. C'e' chi dice epididimite, chi complicanza post intervento, chi ciste sull'epididimo chi ancora un'improbabile prostatite...Il tutto nonostante le analisi e gli esami siano risultati negativi.

Saro' costretto ad emigrare in Germania per risolvere questa situazione....

Epididimo
 

Salve a tutti...
ho visto che purtroppo non sono l'unico! chissa quanti ne siamo con lo stesso fastidio
Ho 38anni e da circa 13 combatto con questa "epididimite" sx, dopo intervento di varicocele III grado con Milligan Morgan ho subito avuto dolore e iperiscaldamento, Mi dicevano è normale e mi hanno lasciato senza antibiotici.... fatto è che non ho avuto più tregua. Ho iniziato le cure con gli antibiotici ma nulla, ho girato invano urologi, andrologi, ho fatto tutti gli esami del caso, ma senza risultati. Se sapevo mi tenevo il varicocele....
La mia consolazione è che ho 2 figli splendidi e con ciò vorrei sedare le vostre preoccupazioni in merito alle possibilità riproduttive che non sono sicuramente ostacolate dal problema.
Circa 4 anni fa, le ho provate tutte, seguito da un andrologo, ho assunto antibiotici a profusione per circa 8 mesi, Ciproxin, bassado, glazidim I.m., ecc, ma senza far ridurre il gonfiore alla tresta dell'epididimo e il dolore conseguente. Massaggio prostatico ogni giorno, per 30 sedute ripetuto per 2 mesi. Inutile.
Esami batterici negativi, prostatite cronica abatterica....
Quello che vi posso dire in attesa dell'epidectomia, (che consiglio dopo aver fatto i figli che vi siete programmati) e che conviene avere una vita sessuale regolare, non eccessiva, evitate i calci dei figli nelle parti basse... e personalmente o sperimentato l'alcol applicato con salviette direttamente sopra il testicolo. A me da molto sollievo.....
Ho sempre avuto il dubbio che il mio problema fosse di natura ischemica indotta dall'intervento, come se non ci fosse l'afflusso corretto di sangue arterioso, questa teoria è stata sollevata anche da qualche medico dopo aver visto che tutte le strade intraprese non avevano funzionato.Si spiega la bassa incidenza degli antibiotici assunti.... Penso che a breve vado a farmi togliere il pezzo che non và nella speranza di non creare altri problemi...
Vi auguro a tutti buona fortuna.

Crick
 

Salve,
ho 27anni da 4 anni dopo operazione chirurgica di varicocele mi è venuto fastidio al testicolo sinistro.
Mi hanno diagnosticato un'epididimite: niente terapia, niente spiegazioni, nessun tentativo.
me lo devo tenere!
Alcune volte ho dolore, altre volte ho solo sensazione di pesantezza.
certo che la vita soprattutto quella sessuale è condizionata.
Dormo senza slip e questo mi aiuta un po'.
SIAMO TANTI, MA IL FENOMENO NON è ABBASSTANZA STUDIATO, NESSUN MEDICO (E RICERCATORE) DA PESO A QUESTA PATOLOGIA(sempllicemente un'infiammazione),
MA NON è POSSIBILE CHE QUALC'UNO NON TROVI UN CAZZO DI RIMEDIO.
PER LE MIE POSSIBILITà LO RICOPRIREI D'ORO.

Sconsolato
 

Sono 2 anni e mezzo che ho il vostro stesso problema al testicolo sx e non ho trovato ancora nè soluzione nè sollievo. Solito iter di tutti voi, con gli stessi risultati, tutti negativi.
Un paio di urologi sostenevano si trattasse di "testicolo mobile" e mi avevano consigliato di fare un intervento correttivo per evitare la torsione testicolare, ma a distanza di tanto tempo credo proprio che se ci fosse stato anche solo l'accenno di una torsione a quest'ora il testicolo mi sarebbe caduto da solo!
Sto andando avanti nell'attesa che il dolore se ne vada così come è venuto, visto che le ho provate tutte anch'io, dagli antibiotici agli anti-infiammatori (anche lyrica per i dolori neuropatici), laser, ultrasuoni, omeopatia, massaggi, ginnastica (leggera perchè mi fa un male cane), insomma di tutto.
A volte è solo un sordo fastidio tipo peso o tensione alla sacca scrotale, a volte diventa bruciore e spesso una fitta che quasi sempre si irradia all'addome, all'inguine, alla coscia e al gluteo, tanto che diventa difficile persino camminare. Non parliamo poi di correrre o andare in moto o in bici; persino stare seduto in macchina o su una sedia scomoda è diventato impossibile! Quando poi i dolori sono più acuti viene quasi la nausea (riflesso normale del dolore ai testicoli): insomma è diventato un inferno. Una paranoia costante stare sempre attenti a non chiudere le gambe, a non muovere troppo il testicolo quando cammini o ti sposti, poi ti trovi sempre a palparlo cercando sollievo.
Non so se capita anche a voi ma devo stare attento in pubblico per resistere alla tentazione di mettermi una mano nelle mutande! Magari sembro un maniaco e invece sono solo disperato.
Mi spiace per tutti voi, ma almeno non mi sento l'unico disgraziato con un problema che tutti sottovalutano, gli amici, i parenti... difficile da spiegare: è come prendere calci nelle p. tutto il giorno!
Insomma non siamo soli, quindi teniamoci informati... e speriamo che si muova qualcosa perché è una patologia molto invalidante che nessuno sta considerando.
Se trovo qualcosa vi faccio sapere, per il momento in bocca al lupo a tutti!

R3D
 

Salve a tutti.....vorrei raccontare la mia storia che comunque è per molti versi identica alla vostra!!!

Faccio un copia e incolla di alcune mail che ho scritto in altro sito...nella speranza che qualcuno di voi si possa ritrovare nei miei "sintomi" ed eventualmente parlare e discutere di possibili soluzioni!!!

26 October 2010, 14:17
Buongiorno, mi chiamo Roberto ed ho 39 anni,
sono quasi 3 settimane che soffro di un dolore sordo al testicolo destro ed in concomitanza ho dolore anche alla gamba dx fino a dietro il ginocchio.
Ho fatto una cura di antidolorifici per circa 7 giorni ma con scarsi risultati….il fastidio si attenuava per poi rcomparire un pò quando vuole lui.
E’ da segnalare che se il fastidio al testicolo cala…anche la gamba sta meglio.
Preoccupato dal fatto che non passava, mi sono recato da un urologo per una visita specialistica.
L’urologo dopo avermi palapato per circa 5 minuti e dopo aver fatto ispezione anche per la prostata (abbastanza dolorosa) mi ha detto che probabilmente si trattava di Epididimite…..che ha infiammato il tutto…..in oltre mi ha detto di aver sentito il canale spermatico ingrossato che non fa altro che avvalorare la sua ipotesi….
Al che mi prescrive una cura ntibiotica di “Tavanic 250″ per 12 giorni una volta al giorno dopo il pranzo.
Adesso sono 5 giorni che affronto la cura e già al terzo stavo quasi bene, quando però da ieri sera ho notato durante la doccia un evidente ingrossamento del testicolo dx (sempre lo stesso) e poi in serata sono sorti nuovamente i dolori (fastidio più che altro e grande sensibilità al testicolo) e come conseguenza anche alla gamba fino a dietro il ginocchio, in più devo dire che a volte spunta un forte prurito sullo scroto che in queste condizioni è difficilmente “grattabile”…
Oggi mi ha fissato nuova visita perchè più che altro mi ha sentito agitato….in verità lui sostiene che sia normale l’ingrossamento del testicolo in fase infiammatoria, ma comunque mi ha detto di andarmi a fare vedere.
Mi chiedevo qualcuno di voi è in grado di ipotizzare o di appoggiare (per quanto possibile) la teoria dell’urologo che mi sta seguendo?
Mi ha prescritto comunque degli esami, un urografia ed un esame del sangue Uricemia.
Come altri problemi c’è da dire che soffro di SCI, calcoli renali bilaterali (ma 2 mesi fa ero perfettamente pulito) e 1 anno fa sono stato operato di cisti pilonidale…(niente di grave ma il decorso è stato un tour de force…)….per altri problemi…non saprei…sofro di miodesopsie agli occhi associata a cataratta.
Ringrazio anticipatamente a chi mi risponderà.
Cordialmente,
Roberto.

27 October 2010, 08:38
Buongiorno, come da precedente mail, ieri sono stato a farmi visitare nuovamente per i motivi descritti in precedenza.
L’urologo ha riscontrato infatti un ingrossamento del testicolo destro (quindi non è solo soggezione da parte mia) che però reputa comunque limitata e imputabile alla forte infiammazione in atto.
Di contro mi ha detto, oltre all’urografia da fare e all’uricemia, di aggiungere anche un esame delle urine.
Ha aggiunto di continuare la terapia antibiotica fino a 15 compresse e cioè 15 giorni…oggi sarebbe solo il sesto e di aiutare (ma in modo pagliativo) con un antiinfiammatorio/dolorifico mattino e sera che si chiama “Pelvilen Forte”400mg + 40mg, per tutta la durata dell’antibiotico.
Ovviamente mi ha ripalpato e ha rifatto indagine sulla prostata, dicendomi addirittura che mi ha trovato leggermente meglio di 5 giorni prima….onestamente mi ha trovato perplesso…perchè se ero nuovamente li è perchè secondo me la situazione è invariata e ho notato l’ingrossamento del testicolo.
Gli ho parlato dei dolori alla gamba che vanno in concomitanza con il fastidio al testicolo, ma non ha dato attenzione a questo fatto, ne tantomeno al forte prurito che talvolta sento superficialmente sullo scroto.
Poi mi ha chiesto se sessualmente va tutto bene….al di la del fatto che spontaneamente ho diminuito la frequenza dei rapporti sessuali….per paura di infiammare ancora di più…e per non peggiorare il fastidio…lui mi dice che dovrei invece “scaricare”, passatemi il termine, per sostituire e far lavorare quella zona….potrebbero esserci per colpa dell’infiammazione degli spermatozoi “morti” o comunque qualcosa del genere..,,questa parte non l’ho capita gran chè…
Ho notato, ma di questo a lui non ne ho parlato, semplicemente perchè l’ho notato solo ora…che sulla parte alte del testicolo, diciamo fra l’attaccatura dello scroto e la base destra del pene, ma ancora sullo scroto…ho una protuberanza…come se lo scroto fosse deforme…la cosa strana è che la deformita non sembra interessare il testicolo ma proprio lo scroto…in quanto il testicolo si sposta ma la protuberanza rimane localizzata nello stesso punto.
Non so se riesco a spiegarmi ma ci provo, sembrerebbe un ispessimento della pelle dello scroto….niente di preoccupante se non fosse però che, non credo proprio di averla mai avuta e mai notata…e sopratutto perchè il dolore/fastidio sembra essere localizzato proprio ed esattamente in quel punto…però tengo a precisare che se la parte “rigonfia”…la provo a prendere con le dita e a pizzicarla…non provo dolore…tuttavia invece il fastidio sordo che sento da giorni…sembra essere localizzata in quel punto…e rilassandomi…sopratutto la sera davanti alla tv oppure mentre cerco di prendere sonno…questo fastidio aumenta…ma credo che sia normale…non pensando a nulla…rimane solo quello e quindi…
Lo si nota molto di più ad esempio al mattino appena sveglio…con lo scroto…come dire…raccolto, duro….si nota questa deformità…mi preoccupa ma mi solleva che non sia legata al testicolo…purtroppo però on line non si trova molto su questa cosa…quindi o non è niente….oppure è tutto legato all’infiammazione….oppure scrivo qui nella speranza che qualcuno mi tolga un pò di ansia…!!!
E’ vero che ho fatto due visite specialistiche in meno di una settimana….è vero che nessuno è preoccupato da questa cosa, mi hanno detto che non vi è assolutissimamente nessuna patologia importante e che dovrei stare tranquillo….ma è anche vero che è fastidioso ed a volte mi ostacola anche il sonno….sono qui a scrivere perchè questa mattina il fastidio mi ha “svegliato” alle 6…..e non era mai arrivato a tanto…..sarò ipocondriaco ma è anche vero che è dal 8 di ottobre che ho questo problemino….oggi ne abbiamo 27….mi sembra un pò troppo no?!?!?
Lo so che forse sarebbe il caso di fare una terza visita specialistica, magari cambiando professore…..ma è anche vero che queste visite costano….e non è che posso spararmi 400 euro la settimana di visite come se niente fosse….mi perdoni se cado sul venale…ma purtroppo è un fattore presente….
Nella speranza di trovare conforto resto in attesa di un riscontro e invio cordiali saluti.
Roberto.

3 November 2010, 16:07
Buongiorno,
Eccomi di ritorno dopo una ecografia scrotale.
Il professore che ha eseguito l’eco si è mostrato un poco perplesso per quello che ha trovato…anche se imputa al tutto una grande e forte infiammazione.
Comunque per fare due numeri….diciamo che sono 4 settimane che avverto questo strano “fastidio” a livello testicolare e scrotale che si irradia talvolta dall’inguine alla gamba fino a dietro il ginocchio!!!
Sto finendo terapia antibiotica soministrata dalla precedente visita urologica, ma ad oggi (13 giorni) ancora non se ne sentono i benefici….o meglio da 1 a 10 la situazione è migliorata ma di 2….tanto per capirci.
Allora stamane ho eseguito una ecografia scrotale come accennato all’inizio.
Il professore mi ha trovato per cominciare una cistite….la prostata invece è a posto….mentre ha trovato dice lui, dell’accumulo di liquido lato dx…..ha terminato dicendomi che sicuramente vi è un epididimite unita anche ad orchite, portata dall’infiammazione di tutto l’apparato.
Dice di aver visto delle calcificazioni al testicolo sx…e mi ha chiesto se ho avuto precedenti fastidi al sinistro…ma onestamente proprio….mai accorto di nulla…insomma…mi ha detto che di cose serie non ve ne sono sicuramente ma che sarebbe il caso che mi facessi dare una terapia mirata per risolvere questa grossa infiammazione.
Qui di seguito vi riporto per intero il suo resoconto post visita:
Prostata nei limiti dimensionali, priva di alterazioni focali.
Segni di Idrocele DX, con tumefazione nell’epididimo omologo, a livello testa – corpo, a contegno inomogeneo, come per note flogistiche.
Aspetto lievemente ipoecogeno a carico del didimo DX rispetto al controlaterale (il dato potrebbe sottendere screzio flogistico)
Non definite nette alterazioni focali.
Ispessimento dell’emiborsa DX rispetto alla controlaterale (7.8mm a fronte di 3.7)
Non rilevati segni di Varicocele.
Con questo è tutto….spero che qualcuno sappia dare un senso a quello pocanzi scritto.
Buona giornata e grazie.
Roberto.

25 November 2010, 11:20
Buongiorno,
riprendendo il discorso in sospeso dell’orchite epididimite….dopo una lunga cura a base di vari antibiotici, ieri sono andato a fare ecografia di riscontro e poi visita dallo specialista che mi sta seguendo.
Ne è uscito che, l’epididimite/orchite è rientrata all’80% che il tutto è meno infiammato…e che l’unica cosa che permane è l’ispessimento della pelle dello scroto…ma che lo specialista, al contrario dell’ecografista…non ha trovato così esagerata da gridare ad un allarme…quindi mi ha detto di stare tranquilli.
Poi gli ho fatto notare che il male alla gamba persiste e che aumenta con il fastidio al testicolo….lui mi ha detto che potrebbe essere una “fascite” che interessa la zona inguinale e che è possibile che si sia infiammata in conseguenza dell’epididimite/orchite
Mi ha dato una terapia di mantenimento per sicurezza, vista che ancora un pochino permane questa epididimite e altre cosette per sfiammare quella che lui chiama “fascite”.
Così al rientro rincuorato dal fatto che nessuno abbia trovato patologie importanti, mi dirigo dal mio medico di famiglia per farmi fare le ricette per i medicinali.
E qui cominciano i problemi.
Lui giustamente ha voluto sapere il decorso di questa cosa…cosa dice uno e cosa ha deto l’altro…vedere i referti e le ecografie eseguite.
Poi ha storto il naso con il discorso “fascite”….(premessa lui è un chirurgo/medico sportivo…quindi per il discorso muscoli dovrebbe essere ferrato…)…e così decide di farmi un veloce esame….mi prova tutti i muscoli mi fa fare sforzi di vario genere e trova in effetti la parte dell’inguine dolorante…ma continua a sostenere che quel medico ha sbagliato e dice che sono 2 cose che non sono correlate!!!
poi mi tasta la pancia….(io soffro di Sindrome Colon Irritabile e ho qualche piccolissimo diverticolo..)….ad un certo punto premendo sull’intestino sento molto male (sono 5 giorni che ho diarrea…che io attribuisco alla dose di farmaci che sto facendo e alla mia forte irritabilità della zona…)…sento male sia dove preme che dalla parte opposta di riflesso….lui si incupisce e mi dice che è molto grave…così prova a chiedermi se sento ancora più dolore acuto se rilascia la parte dolorante in modo violento….io onestamente ne sento tanto quanto se preme….cioè non ho un ritorno come mi ha chiesto lui….prova 2 o 3 volte….ma insisto e gli dico che non è diverso da quando schiaccia…così lui mi dice che non è tranquillo…e che secondo lui allora tutta la storia dei testicoli epididimite e roba varia…sia legata ad un possibile TUMORE all’intestino!!!…..ma dico io…..chiedo a Voi……è possibile????
Sono anni che soffro di intestino…almeno 4…ho fatto esami di ogni tipo..l’ultimo risalente ad un solo anno fa…ho fatto prima una colon tradizionale (dolorosissima)risultata negativa se non per varie infiammazioni qua e la….poi una TAC all’addome e pancia con liquido di contrasto igniettato per via anale…risulatata negativa se non anche questas volta con infiammazioni qua e la…poi sono andato mi pare a Vercelli a fare ulteriore colon scopia virtuale che riesce ad arrivare pur con informazioni meno precise, più in profondità….ed è risultata negativa…qui però si sono evidenziati piccoli (tanto che lo specialista non vi ha dato peso….) diverticoli qua e la….e poi circa 8 mesi fa ho fatto una risonanza magnetica in zona lombare….posto operatoria (per una fistola al cocigee asportata coaì così)…ma anche li a parte il liquido rimasto post operatorio…non è emerso nulla di che…penso che se fossi messo male come dice il mio medico…in una di questi esami sarebbe spuntato fuori qualcosa….anche se un minimo ma qualcosa che avrebbe almeno insospettito tutti i medici che mi hanno seguito negli ultimi 4 anni!!!
non ho citato i vari e scontati esami del sangue….gli ultimi risalenti a meno di 6 mesi fa…che risultano nella norma…a parte forse il colesterolo che ho di 16 punti sopra il massimo…ma mi hanno detto che a 40 anni….e se sono di buona forchetta ci sta anche….e poi non è tanto…anzi chi soffre e si deve curare di colesterolo non lo hanno a 216…ma a 350/400!!!
Questo è quanto…se Vi scrivo è perchè il mio medico di famiglia ha avuto la capacità di farmi passare la notte insonne…e non solo…dopo avermi tastato a lungo come ieri la pancia che già era dolorante…ora (ma forse si tratta anche di riflesso psicologico…) la pancia mi fa piuttosto male da ieri e ho forte nausea…forse ho bisogno di calmarmi e di cercare di vivere normalmente pensando a quello che tutte le persone pensano normalmente….e cioè vivere tranquilli!!!
Dite che lo posso fare?….sono stanco di tutti questi dubbi esami e non esami…vorrei stare bene e affrontare i piaceri della vita come tutti quanti…invece per ora ogni giorno è una battaglia con i pensieri e con la testa…oltre che i doloretti fisici che sono amplificati da persone che senza nessun motivo mi mettono in testa cose di questo tipo!!!!
Datemi un conforto e ditemi se sono io che gli credo oppure davvero c’è da preoccuparsi???
Scusate se sono stato prolisso…ma avevo bisogno di sfogarmi!!
Buona giornata a tutti.
Roberto.

25 November 2010, 13:24
Buongiorno,
Il medico di base mi ha suggerito di fare al più presto un’altra colonscopia…..oppure di fare una terapia antinfiammatoria per vedere se l’infiammazione generale si attenua….communque già da oggi va meglio il “fastidio” alla pancia e non ho più avuto nessun episodio di diarrea!
Ripeto….dal canto mio non trovo nulla di diverso in base al fastidio/dolori che sento alla pancia di tanto in tanto….ma associo il tutto (da quanto emerso dalle precedenti indagini) veramente al fatto che abbia la sindrome da colon irritabile e perchè no…anche i diverticoli ogni tanto si infiammano…..ma ripeto niente di diverso da altri episodi che si sono presentati anche durante gli esami descritti precedentemente.
La sola differenza è che in questo momento c’è di mezzo (ma sta passando) una epididimite/orchite…..tutto qui.
ho sentito altri medici che mi seguono fin da quando ero ragazzino, gli ho raccontato l’idea che si è fatto il medico di famiglia….e tutti….ma proprio tutti escludono una relazione fra le due cose e assolutamente alla luce dei fatti degli esami passati…escludono una patologia seria all’intestino…
Comunque visto che una parte di me ha bisogno di certezze…altrimenti ci scappo di testa….solo uno di questi medici che conosco mi ha detto….escludo al 99% che sia una cosa del genere e capisco che lei psicologicamente abbia bisogno di certezze…a tal proposito le prescrivo tutti gli esami del sangue inerenti la ricerca di determinate patologie al fine di convincerla che non vi è nulla di quel tipo.
A questo punto quasi quasi le farei…in fin dei conti non si tratta di una colonscopia che penso lei sappia che cosa vuol dire….non mi riferisco al fatto che sia invasiva….ma dolorosissima specie se si è infiammati….(già dato…).
La ringrazio per la celere risposta.
Cordialmente,
Roberto.

11 December 2010, 16:51
Buongiorno, dopo un pò di tempo riprendo il discorso che avevamo lasciato con l’idea di fare comunque esami del sangue per scoprire se effettivamente il medico che ha palesato l’esistena di un tumore all’intestino, potesse godere almeno del beneficio del dubbio.
Fortunatamente posso dire che assolutamente tutti ivalori sono a norma e per giunta ben al di sotto dei valori massimi consentiti…unico valore leggermente sballato è inerente il fegato….che però è giustificato da più di un mese di ben 4 antibiotici al giorno….detto fatto mi hanno detto di cercare di fare un periodo senza prendere nulla!!!
Purtroppo però…dopo circa 10/12 giorni di calma apparente, da ieri e oggi invece con forza, si è ripresentato il problama al testicolo….notato ieri subito dopo una calda doccia….ho notato che la parte destra dello scroto era già leggermente più gonfia del solito e arrossata….la cosa mi ha insospettito ed in fatti questa notte, mi ha disturbato il sonno…con episodi di quasi dolore intermittente in zona…mentre stamattina dopo un indagine posso dire che ho nuovamente lo scroto molto molto ritratto…(contratto) e di conseguenza avverto un fastidio come di restringimento e il testicolo destro (quello dolorante e leggermente gonfio) che tende a saliree ad uscire dallo scroto.
Ho applicato, dopo consiglio dello specialista che mi segue da 2 mesi, un cerotto antinfiammatorio quale “Flector 180mg”…nella zona indicata…diciamo all’inguine…che va tenuto per 12 ore e poi sostituito.
In verità da subito forse ha limitato il fastidio e quasi rimandato indietro “l’infiammazione” (chiamiamola così…)…ma da stamattina ho notato che è gonfiato ancora e che forse i gonfiore interessa oltre che il testicolo anche la parte di inguine interessata da questo cerotto!!
non credo che sia colpa del cerotto…ma soltanto la normale fase di avanzamento di questa cosa che ho….e che nessuno riesce a capire cosa sia!!
Dico così perchè se dopo 2 mesi di cura (anzi 3…era l’8 di ottobre quando ho cominciato ad accusare i primi fastidi…)…ancora non è passato…dubito che sia una Epididimite-Orchite…forse lo è…ma come conseguenza di qualcos’altro che la causa!!!
In questo momento, ho indossato nuovamente un sospensorio che effettivamente mi alleggerisce il fastidio e ho preso una bustina di Aulin dopo pranzo…ed effettivamente va leggermente meglio…anche il gonfiore sembra leggermente rientrato…pur rimanendo comunque…!!
Comincio a perdere un pò di fiducia…perchè comunque nessuno ha mai parlato di tempi di guarigione…insomma…non ho infezioni…non risulta nulla da una profonda analisi del sangue (completa…comprensiva anche di marcatori per i tumori….) se fosse per quello sarei sano come un pesce…invece questa cosa comincia davvero a limitare la mia vita sociale….oltre che a farmi preoccupare….ho speso più di mille euro per eseguire visite di ogni tipo inerenti il mio problema…e nessuno ancora mi sa dire con precisione che cosa possa essere…anche le varie ecografie risultano “normali”…mi chiedo se qualcuno ha avuto un problema simile…che mi dica cosa devo fare…altrimenti sto davvero pensando di farmi ricoverare in pronto soccorso…al fine di scovare una volta per tutte questo fastidiosissimo problema che ormai dura da 3 mesi precisi!!!!
Su internet si legge di tantissime persone che lamentano i miei fastidi…ovvero testicolo dolorante e molto sensibile…leggero ingrossamento dello stesso…arrossamento dello scroto e/o indurimento…dolore all’inguine/interno coscia fino giù dietro il ginocchio…ebbene molta gente ha questi sintomi….ma altrettante sono le ragioni…chi dice sia colpa della schiena…chi dice sia epididimite….chi prostatite batterica e non…chi fascite (vedi il mio medico…)insomma…possibile che non ci sia una certezza????
Scusate lo sfogo…ma dopo 3 mesi…e quasi dopo un mezzo avvelenamento da medicinali…stare male come se fosse il primo giorno….si perde quasi tutta la fiducia in una possibile guarigione!!!!!
buona serata e grazie a tutti!!!
Roberto.

Ecco qui la mia escalation.....io davvero non so più che fare....sono molto avvilito...ed ogni giorno al risveglio davvero spero sempre di potermi mettere alle spalle questo problema....ma per ora non è così!!!!!

Ciao a tutti....resto sintonizzato!!

Roberto.

Sconsolato
 

Caro Roberto, che posso dire se non di cercare di stare un po' tranquillo?
Purtroppo non sei l'unico a NON avere avuto risposte e/o certezze in merito, anzi...
Io ho deciso di scrivere in questo forum perché ho trovato persone che da anni, come me, soffrono di problemi "legati" ai testicoli, ma nessuno di noi (se ben leggi le nostre storie) è del tutto convinto che si tratti di "epididimite"; è solo una delle tante possibili spiegazioni che qualcuno ci ha dato per giustificare dei sintomi a cui nessuno è riuscito a dare una causa certa!
Se ti può consolare (sono certo che ti farà stare più sereno) pensa che molti di noi soffrono da anni senza che si sia ancora scoperto nulla di "grave": Epididimo scrive che ne soffre da 13 anni, e nel frattempo ha anche avuto due splendidi figli!
Qualcuno incolpa la schiena, qualcuno i nervi, altri i reni, altri ancora i muscoli; a me dissero che poteva essere una recidiva di uno strappo agli adduttori, un testicolo mobile (visto che si sposta e si gonfia spesso, tendendo a "rattrappirsi" in alto), un lieve varicocele, un po' di idrocele... insomma un po' di tutto. Dopo TAC, risonanza e un sacco di eco alla fine ti consigliano solo antibiotici e antidolorifici.
Per tranquillizarti ancora di più posso dirti che soffro di colite da vent'anni e anche a me fa un gran male a spingere sull'intestino a sx, guarda caso proprio lungo il decorso del funicolo spermatico...
Perli di vita sociale, hai ragione, non esiste più o è limitata al massimo: c'è chi è costretto a lasciare pure il lavoro; come lo dici alla gente che non ti puoi muovere perchè ti fanno male i testicoli? è anche imbarazzante...
Infine anch'io sono (diventato) ansioso e un po' ipocondriaco: tutti noi prima o poi hanno pensato a qualcosa di "brutto", soprattutto perché NON PASSA MAI!!! ...del resto anche se non è grave la malattia lo diventa il fatto di non poter vivere una vita normale, di soffrire sempre e di non poter più fare sforzi o movimenti strani senza le fite di dolore.
Come unico sollievo posso dire a te e a tutti gli altri che per me conta molto il riposo e la tranquillità: difficile a farsi più che a dirsi, ma cerca di metterti il cuore in pace, magari con l'aiuto di qualche blando tranquillante miorilassante (che ti scioglie un po' la tensione ai muscoli contratti dal dolore) sotto prescrizione di un medico valido... non uno di quelli che ti dice che hai un tumore senza fare accertamenti!
Auguro a te e a tutti noi che passi prima o poi, ma se non dovesse cerchiamo di accettarlo e conviverci almeno "serenamente".
Buona Guarigione a tutti!

R3D
 

Ciao Sconsolato....(nick perfettamente calzante...)...che dire delle tue parole...danno conforto ma anche sconforto...sembra quasi che bisogna rassegnarsi a questa maledizione!!
Ho sempre fatto dure battaglie per stre almeno normale e.....tac....arriva il dolorino alle palle a farmi perdere le speranze!!!
Mah....io non penso che sia impossibile curarsi....ma proprio come dici tu....i medici qui giocano al tiro a segno....ognuno ne dice una diversa....sta a noi avere la fortuna di affidarci a quello che la dice giusta!!!

Io sto andando avanti ad antidolorifici...ma anche loro poverini non fanno quasi più nulla....sono circa 4 giorni che mi è ritornato forte il fastidio ed anche il gonfiore...
Ieri ad esempio sono dovuto stare in giro tutto il giorno e sentivo un forte fastidio nonchè continuamente delle piccole punture qua e la sullo scroto....quasi superficiali....come se avessi degli aghi nelle mutande....così una volta arrivato a casa mi sono guardato e con stupore ho trovato perfino la parte alta...come si chiama....inguine e pube...gonfia....poi rilassandomi senza pantaloni e cambiando il tipo di mutanda...piano piano la parte superiore si p sgonfiata.
Ma il fastidio e il timore che ci sia davvero qualcosa che non va....mi pervade sempre....ad ogni piccola fitta...!!!
Non è insopportabile....ma è sempre presente...ogni circa 30 minutini...tac...ecco che si presenta quello strano dolore sordo al testicolo...come post colpo...che dura poco meno di un minuto....e poi ieri molto spesso questi spilli in superficie e il dolore alla gamba fino a dietro il ginocchio......mah......io davvero non so cosa pensare!!!
La mia fidanzata mi dice che dovrei richiamare o farmi vedere ancora dall'urologo....ma io un pò arrabbiato rispondo...a che scopo???...mi hanno già visto 6 volte...ho fatto 2 ecografie...2 esami del sangue uno delle urine e feci...e non hanno trovato assolutamente nulla di anomalo...se non dall'eco un apprezzabile infiammazione dell'epididimo e un testicolo visibilmente più grande...(segno che l'infiammazionie esiste e io non sono matto!!!)....con IDROCELE....però quando chiedo le cause...tutti....boh!!!
E cosa ci dovrei andare a fare ancora dall'urologo?....a spendere altri 250€ per farmi dare ancora altri antibiotici e punture da centinaia di euro ogni volta??...negli ultimi 3 mesi dietro a questo problama ho speso quasi 2000€ fra visite e medicine...non potrei andare avanti così nemmeno volendo!!!
Quindi per ora sono qui in casa che lavoro...con il dolore sordo....il formicolio e gli aghi nelle mutande....tengo duro e vado avanti...chissà forse ci capiranno qualcosa quando quello che è si aggraverà talmente tanto da esibirsi in tutto il suo splendore ( e complicanze.....)....scusate ma sono esausto!!!!
Quando riesco a fare quel minimo di sesso...ecco li che nel giro di 2 giorni la situazione si aggrava molto...ma che vita è???
non me ne vogliano quelli che hanno i problemi veri...seri....ma anche questo vi assicuro che psicologicamente e perchè no...fisicamente, è un bel problema!!!
Io non riesco a capire come sia possibile che non si riesca a cappire la causa scatenante di questo problema!!!....proprio non ce la faccio!!! boh.........

R3D
 

Ciao a tutti....aprofitto dell'occasione per farvi gli auguri di un felice anno nonchè "risolutivo" per tutti i nostri problemi!!!!!

A proposito di questo...la mia presunta "Epididimite/Orchite" nonostante il 2011 sia iniziato....beh....persiste ancora indisturbata...anzi mi disturba molto....i sintomi sono lievemente cambiati....non ho più avuto quella sensazionie di "spilli" nelle mutande...quindi di sensazione di punture superficiali....ma il testicolo DX dalla parte bassa a DX è inavvicinabile....so provo a toccarlo in quel punto....non so se si è capito....a destra verso l'interno coscia e un pochino verso il basso....provo un fortissimo dolore che poi rimane per diverso tempo....tipo ieri sera asciugandomi dopo una doccia calda...(che comunque mi peggiorna tutti il quadro generale....boh...)...asciugandomi ho, nonostante lo sappia e ormai ci sto attento..."scontrato" con più vigore quel punto....ho percepito una fitta molto forte...il dolore potrebbe assomigliare a....che so una persona in salute senza il "nostro" problema...che si pizzica il testicolo premendolo fra 2 dita...si sente il dolore che ci farebbe balzare dalla sedia...un pò quando capita di sedersi male e schiacciarlo...solo molto più acuto....e bene...per tutta la serata sono stato abbastanza male...accusando un forte fastidio si al testicolo che pulsava....ma anche avendo forti dolori all'inguine e alla gamba....piuttosto in profondità....quasi come fosse un dolore muscolare....!!!

Ho provato a cercare di ascoltare i segnali del mio corpo...provando con calma a fare tutti i possibili movimenti con la gamba...ma è difficile trovare un movimento che mi faccia male...nonso perchè ma se lo faccio apposta...non mi da lo stesso fastisio che mi da muovendomi normalmente....in parole povere non credo sia muscolare anche se lo sembra....magari faccio un movimento sento dolore...e così provo a replicare per sentire meglio...e invece non riesco più ma mi riesce magari con altro movimento....insomma...non si capisce...e non so come spiegarlo al medico!!!!

Non so più dove sbattere la testa...ormai non prendo più nulla..ho il fegato a pezzi....è meglio che la smetta di prendere roba...tanto ho visto che si sta uguale!!!

Comunque prima avevo dolore alla gamba ma era diverso....ora sembra tutto più individuabile...non so se è un passo avanti oppure indietro boh...

Camminando in modo normale l'inguine fa molto male quando la gamba in oggetto finisce il suo passo e si tende verso dietro per capirci....almeno li so che con questo movimento il dolore salta fuori....ma non succede se invece di camminare lo vado a fare apposta, ovvero mi metto in quella posizione!!!!

Comunque sono contento che il risultato degli esami del sangue per patologie "serie" sia risultato negativo....non so se ve lo avevo già detto....in barba a quel dottore che mi ha detto in tutta tranquillità che ho un tumore.....è come ricevere in faccia un intercity a tutta velocità!!!!!!

La cosa che mi fa strano è che magari adesso ho male alla gamba o dietro il ginocchio...oppure sotto la pianta del piede (come già vi ho detto) e fra mezz'ora cambia il quadro.....la gamba non mi fa più male e mi fa male solo il piede o viceversa....oppure mi pulsa leggermente il testicolo....vabeh....mi rendo conto che da quando ho scritto io non scrive più nessuno....forse sarò disfattista...ma non se ne può proprio più!!!

Comunque tutto questo per dirvi che domani mattina ho nuovamente appuntamento "privato" con ecografista...per ecografia scrotale-inguinale...insomma tutta quella parte li...in vista del fatto che se l'urologo (di domani pomeriggio...tutto insieme!!!) mi dica che è tutto a posto...posso andare da qualche altro specialista ed usare la stessa!!!...adesso sono in assetto da combattimento!!!!!

Scusate ancora....e buona a tutti!!!!
Staremo a vedere

River83
 

Cari ragazzi,
anche io sto vivendo il vostro stesso calvario da 7 mesi e non ho più una vita felice. Forse non ho più una vita in toto. Vi racconto brevemente la mia storia: ad aprile mi sveglio al mattino con un'uretrite (infezione all'uretra). Non avevo avuto rapporti da alcuni mesi. Dopo 3 giorni il batterio invade la prostata che si gonfia e mi da un fastidio pazzesco. Mi viene prescritto il bactrim e dopo 8 giorni tutto sembra rientrare alla normalità. Normalità solo apparente perchè dopo aver preso il motorino sento sempre uno strano dolore alla schiena e urinare mi brucia un po'. Convinto che mi sia rimasta ancora una leggera infezione vado da un urologo il quale non mi prescrive analisi ma una cura a base di un antibiotico fortissimo per 15gg (ciproxin 1000). La cura non ha alcun effetto, anzi peggiora il problema. Torno da lui, mi fa un massaggio prostatico violento per farmi un tampone uretrale ed ecco che dopo un'oretta comincio a sentire un lieve fastidio al testicolo, come se ci fosse qualcosa dentro. Che sarà? mi tranquillizzo, il giorno dopo sembra sparito tutto ma è un'illusione: prima dolori alla prostata, poi l'epididimo mi da dolori lancinanti. Non so che fare. Torno dall'urologo il quale mi dice "è una tua sensazione" ma nel frattempo si gonfia sempre di più e mi fa male il canale dove passa lo sperma dentro l'inguine. Cambio di corsa urologo e questo mi dice visitandomi che il massaggio prostatico è stata la probabile causa dello spargimento dell'infezione fino all'epididimo. Faccio tutti gli accertamenti richiesti e si individua un batterio. Antibiotici per 15 giorni, poi altri 15. Passa tutto alla prostata, i bruciori alla minzione ecc ma l'epididimo pur un po' sfiammato continua a fare tanto male. La cosa rispetto all'inizio è migliorata un po' ma si è fermata stazionaria su una situazione inaccettabile. Il problema peggiora con l'attività sessuale, guidando la macchina e in genere con gli sforzi. Le analisi (tamponi, spermiocolture) dopo i molti antibiotici sono ormai sempre negative. Il gonfiore va e viene ma mai riesco ad avere un vero e totale sollievo. La diagnosi è che l'infiammazione all'epididimo si è ormai cronicizzata (un danno dell'infezione?) anche se girando da tutti i medici non riesco a trovare una soluzione, anzi qualcuno spara altre diagnosi mettendomi ancora più confusione. Ma la realtà, che avrete compreso tutti, è che la medicina non conosce bene questo problema e trovare una soluzione non è facile, anzi forse non c'è. Ce n'è solo una, l'asportazione chirurgica dell'epididimo (epididimectomia) che a seconda della situazione e delle cause può offrire più o meno garanzie di riuscita. Se cercate epididymectomy su google potrete trovare maggiori informazioni al riguardo.
Alcuni di voi leggo che hanno problemi alle gambe, fino ai piedi. Anche io ho avuto un fastidio all'interno coscia che poi è sparito ed è stato dato probabilmente dalla pressione dell'epididimo infiammato sui nervi inguinali. Se il vostro epididimo non si gonfia in modo netto vi consiglio di cercare informazioni sulla nevralgia del pudendo.
Riguardo a me ho come altri di voi intenzione di arrivare all'operazione perchè così non si vive. Ma il problema è da chi farsela fare e soprattutto convincere un medico che il problema è risolvibile solo così e non dilaniandomi con antiinfiammatori inutili. Se qualcuno di voi l'ha fatta o è in procinto di farla ne parli qui e confrontiamoci.
Un saluto a tutti e auguri!
Andrea

River83
 

Aggiungo che ho studiato a lungo la cosa e che l'epididimite è un termine generico di una patologia e può avere moltiplici cause, quindi ogni caso è un caso a sè.
Fra queste:
1)infezioni dell'epididimo
2)trauma dell'epididimo
3)rara complicanza di un intervento di varicocele
4)complicanza non troppo rara di un intervento di vasectomia
5)dolori riferiti, ovvero non dipendenti da una patologia dell'epididimo ma provenienti da altrove: si tratta in particolare della prostatite cronica batterica e abatterica e della nevralgia del pudendo

Esiste uno specialista nella cura di queste patologie? o un centro specializzato? a voi idee e suggerimenti
Quello che si capisce è che sono strutture delicatissime e che sono il centro di un sistema di fasci nervosi molto sensibili.
Le infezioni solitamente regrediscono con gli antibiotici ma possono ripresentarsi o nel 20% dei casi dare un esito infiammatorio cronico.
I traumi possono placarsi nel corso del tempo, altrimenti è un bel problema. Per la vasectomia nei paesi anglosassoni tolgono l'epididimo senza problemi e il tasso di successo è alto. Probabilmente stessa soluzione è per chi ha questo in conseguenza di un varicocele (tra le possibili ipotesi una sofferenza dell'organo dovuta ad un mutato afflusso sanguigno). Per i dolori riferiti l'ipotesi dell'operazione è assolutamente da scartare ma vanno curate le relative cause. Nel mio caso, l'epididimo all'ecografia appare pieno di calcificazioni e alla palpazione vi è un nodulo dolente. Detto ciò nessuno sa fornire migliori spiegazioni o soluzioni.

Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 02:37 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X