Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Apparato urinario e genitale maschile - Urologia > Esperienze di operazioni chirurgiche alla prostata.
Segna Forum Come Letti

   

Esperienze di operazioni chirurgiche alla prostata.

h610
 

prossimamente vedrò un nuovo urologo, continuo ad avere problemi di andare troppo spesso a far la pipì, di svegliarmi di notte (min 1 volta, spesso 2 volte a notte), bisogno di rifare la pipì anche dopo pochi minuti lo svuotamento

amici mi dicono che in ospedale hanno visto tanti uomini operati per la prostata, ecco se c'è qualcuno che ha già fatto questo intervento (cui spero di essere buon candidato) chiedo:

1. com'è andata? lo rifareste?
2. ci sono rischi per la potenza erettile?
3. si perde la fertilità?
4. il decorso post operatorio... è doloroso/fastidioso/lungo?

grazie mille!

gugoleggio tantissimo... ma mi pare di non trovare info buone, molto meglio la testimonianza diretta

grazie in anticipo!

MIGLIOR COMMENTO
Dott.ssa Valentina Pecorari
Intanto bisognerebbe sapere se ilsuo è davvero un problema di prostata. La sola frequenza aumentata non basta.
Serve sapere l'età, il valore della flussometria, le dimensioni della prostata, un'ecografia vescicale dopo minzione.
Comunque l'intervento verrà proposto dall'urologo che lo fa e verificherà quanto sopra.

Cordiali saluti
__________________
Dott.ssa Valentina Pecorari
Urologia Neurourologia Vulvodinia Dolore cronico pelvi-perineale Riabilitazione del pavimento pelvico Tens
PADOVA

urologiafemminilepadovana.it

info@urologiafemminilepadovana.it


www.pelvicpain.org
Leggi altri commenti
jonnyramone
 

Citazione:
Originariamente Inviato da h610 Visualizza Messaggio
prossimamente vedrò un nuovo urologo, continuo ad avere problemi di andare troppo spesso a far la pipì, di svegliarmi di notte (min 1 volta, spesso 2 volte a notte), bisogno di rifare la pipì anche dopo pochi minuti lo svuotamento

amici mi dicono che in ospedale hanno visto tanti uomini operati per la prostata, ecco se c'è qualcuno che ha già fatto questo intervento (cui spero di essere buon candidato) chiedo:

1. com'è andata? lo rifareste?
2. ci sono rischi per la potenza erettile?
3. si perde la fertilità?
4. il decorso post operatorio... è doloroso/fastidioso/lungo?

grazie mille!

gugoleggio tantissimo... ma mi pare di non trovare info buone, molto meglio la testimonianza diretta

grazie in anticipo!
Salve, ho 44 anni e ho fatto l'intervento alla prostata 40 giorni fa utilizzando la tecnica Holep (laser).
Avevo un adenoma del lobo medio non tanto grande ma che gittava in vescica e quindi mi procurava un'ostruzione urinaria grave con gettito debole e ritenzione postminzionale accertata.

A 40 giorni dall'intervento, sto ancora subendo gli effetti irritanti del laser a Holmio , o almeno spero sia solo questo e non qualche altra complicanza piu' grave tipo stenosi uretrale o cattiva cicatrizzazione.

Gli esami fatti a 1 mese dall'operazione sono stati ottimi, buona l'urodinamica e zero residuo postminzionale. Il problema e' la sintomatologia che al momento e' peggiorata.Se prima andavo in bagno ogni 2 ore, adesso mi tocca andare in bagno ogni ora, se non di piu'.

Ho un dolore tremendo che mi prende dal canale uretrale a dietro l'ano e sto subendo un'iperattivita' vescicale pazzesca. In pratica ho lo stimolo fisso di andare in bagno , come se la vescica fosse sempre piena....Una sensazione bruttissima che mi costringe a limitarmi in tutte le mie attivita' sociali , sportive ecc.ecc.
Se questo dovesse essere il risultato definitivo dell'intervento, non c'e' da essere allegri.

Il medico che mi ha operato mi ha rassicurato dicendomi che una sintomatologia del genere ,dopo un intervento di questo tipo, e' molto frequente...A me sembra d'impazzire.

Per quanto riguarda la sfera sessuale, nessun problema per l'erezione che anzi migliora, ma zero eiaculazione . O meglio, l'eiaculazione e' retrograda, vale a dire in vescica. La sensazione orgasmica e' invariata, forse leggermente diminuita, anche se bisogna abituarsi un po alla sensazione di non vedere la fuoriuscita di sperma.

A presto.

Dott.ssa Valentina Pecorari
 

I sintomi che riferisce sono comuni dopo questo tipo d'intervento ne normalmente non abbisognano di antidolorifici.
Se per eli sono però così invalidanti, si faccia prescrivere dal medico di famiglia un antispastico urinario finchè la guarigione non sarà completa.
Cordiali saluti

__________________
Dott.ssa Valentina Pecorari
Urologia Neurourologia Vulvodinia Dolore cronico pelvi-perineale Riabilitazione del pavimento pelvico Tens
PADOVA

urologiafemminilepadovana.it

info@urologiafemminilepadovana.it


www.pelvicpain.org
jonnyramone
 

Citazione:
Originariamente Inviato da dr.Pecorari Visualizza Messaggio
I sintomi che riferisce sono comuni dopo questo tipo d'intervento ne normalmente non abbisognano di antidolorifici.
Se per eli sono però così invalidanti, si faccia prescrivere dal medico di famiglia un antispastico urinario finchè la guarigione non sarà completa.
Cordiali saluti
Grazie x il consiglio .

Purtroppo sto già facendo una terapia a base di Vesiker e Aulin ma i risultati sono insoddisfacenti

Approfitto della sua gentilezza per chiederle alcune informazioni.

Dalle analisi delle urine e' uscita una grossa quantita' di eritrociti/licociti con urinocultura negativa. Secondo Lei e' il caso di prendere qualche antibiotico ?

Per antispastici urinari , il Flavossato andrebbe bene ?

Grazie ancora.

Dott.ssa Valentina Pecorari
 

La presenza di eritrociti e leucociti è costante nelle urine dopo TURP.
Il flavossato è quello che intendevo.
Cordiali saluti

__________________
Dott.ssa Valentina Pecorari
Urologia Neurourologia Vulvodinia Dolore cronico pelvi-perineale Riabilitazione del pavimento pelvico Tens
PADOVA

urologiafemminilepadovana.it

info@urologiafemminilepadovana.it


www.pelvicpain.org
claudio9999
 

gent.mo dott. Pecorari,
approfitto della sua competenza per porle mia questione.

ho 54 anni,
ho iniziato nel 2007 con reiduo post minzionale di 120 cc. fino ad arrivare al mese scorso con 320 cc di RPM (luglio 2013).
sono stato in cura per IPB dal 2007 al settembre 2013 con terapia farmacologica ONMIC, e per l'ultimo anno e mezzo anche con Avodart (cicli di 6 mesi). ho avuto qualche beneficio ma poi nella primavera scorsa la cosa è peggiorata. mi è stata consigliata la terapia chirurgica ed ho scelto l'intervento Laser Green Light preso una struttura della Lombardia.
la scelta è caduta sul laser in quanto la breve ospedalizzazione mi sembrava vantaggiosa.

sono stato operato circa 20 gg fa.
l'intervento sembrava filato liscio, dopo 20 ore di lavaggio mi è stato rimosso il catetere.
ala rimozione del catetere ho provato forte dolore e dal pene è uscito un pò di sangue.
mi han fatto provare ad urinare e non sono riuscito, avevo lo stimolo, sentivo forte bruciore e poi un dolore sovrapubico.
dopo poco mi hanno rimesso il catetere per altri 4 giorni.
nei 4 qiorni ho prodotto urina mista a sangue.
passati i 4 giorni mi han tolto il catetere ma non sono ancora riuscito ad urinare spontaneamente.
di nuovo mi han rimesso il catetere per altri 4 giorni.
le urine si sono schiarite fino ad arrivare limpide.

tolto il catetere sono riuscito ad urinare da solo.

il getto debole, per urinare dovevo spingere quasi come per fa per defecare.
dopo due gironi mi han dimesso così, dicemdomi che c'era molta infiammazione e col tempo mi sarei normalizzato.
la terapia farmacologica che mi han somministrato per gli otto giorni (e che ho continuato per i successivi 5 dalla dimissione) è stata:
Levoxacina 500
Tamusolina 0,4,
Escina 40mg (tre al di)
Topster

mi hanno detto di ripresentarmi per un controllo tra 4 mesi.

ora sto urinando con molta difficoltà, il getto è debolissimo, le prime gocce contengono sangue e poi si schiarisce.

sono molto preoccupato.
posso sospettare un danno all'uretra o al collo della vescica?
o sono el cose dovrebbero sistemarsi così?
cosa mi consiglia?

grazie

Dr. Andrea Militello
 

http://www.laparoscopyhospital.com/picture/turp.jpg


La fertilità viene parzialmente persa nel senso che si ha una eiaculazione retrograda, la potenza sessuale rimane invariata. Il post operatorio è di 72 ore se trattasi di turp e il dolore è tranquillamente dominalbile con le pompe antalgiche. Rischi : blocco del catetere di lavaggio per coaguli o frammenti di prostata, risolvibile in pochi minuti

Dr. Andrea Militello Urologo Andrologo ( Roma )
http://www.urologia-andrologia.net/index.html
http://dr-andrea-militello.blogspot.it
https://www.facebook.com/pages/Urologo-andrologo-ecografista/482199081790300
https://www.youtube.com/channel/UCzTa71PRTN9diEAlL4GRFTA/videos

__________________
Dott. Andrea Militello
Urologo Andrologo
www.urologia-andrologia.net
www.andrologiamilitello.it

www.urologiamilitello.it
claudio9999
 

c'è un medico così cortese che possa darmi un parere .. una risposta. grazie








Citazione:
Originariamente Inviato da claudio9999 Visualizza Messaggio
gent.mo dott. Pecorari,
approfitto della sua competenza per porle mia questione.

ho 54 anni,
ho iniziato nel 2007 con reiduo post minzionale di 120 cc. fino ad arrivare al mese scorso con 320 cc di RPM (luglio 2013).
sono stato in cura per IPB dal 2007 al settembre 2013 con terapia farmacologica ONMIC, e per l'ultimo anno e mezzo anche con Avodart (cicli di 6 mesi). ho avuto qualche beneficio ma poi nella primavera scorsa la cosa è peggiorata. mi è stata consigliata la terapia chirurgica ed ho scelto l'intervento Laser Green Light preso una struttura della Lombardia.
la scelta è caduta sul laser in quanto la breve ospedalizzazione mi sembrava vantaggiosa.

sono stato operato circa 20 gg fa.
l'intervento sembrava filato liscio, dopo 20 ore di lavaggio mi è stato rimosso il catetere.
ala rimozione del catetere ho provato forte dolore e dal pene è uscito un pò di sangue.
mi han fatto provare ad urinare e non sono riuscito, avevo lo stimolo, sentivo forte bruciore e poi un dolore sovrapubico.
dopo poco mi hanno rimesso il catetere per altri 4 giorni.
nei 4 qiorni ho prodotto urina mista a sangue.
passati i 4 giorni mi han tolto il catetere ma non sono ancora riuscito ad urinare spontaneamente.
di nuovo mi han rimesso il catetere per altri 4 giorni.
le urine si sono schiarite fino ad arrivare limpide.

tolto il catetere sono riuscito ad urinare da solo.

il getto debole, per urinare dovevo spingere quasi come per fa per defecare.
dopo due gironi mi han dimesso così, dicemdomi che c'era molta infiammazione e col tempo mi sarei normalizzato.
la terapia farmacologica che mi han somministrato per gli otto giorni (e che ho continuato per i successivi 5 dalla dimissione) è stata:
Levoxacina 500
Tamusolina 0,4,
Escina 40mg (tre al di)
Topster

mi hanno detto di ripresentarmi per un controllo tra 4 mesi.

ora sto urinando con molta difficoltà, il getto è debolissimo, le prime gocce contengono sangue e poi si schiarisce.

sono molto preoccupato.
posso sospettare un danno all'uretra o al collo della vescica?
o sono el cose dovrebbero sistemarsi così?
cosa mi consiglia?

grazie

ce1
 

Citazione:
Originariamente Inviato da dr.Pecorari Visualizza Messaggio
Intanto bisognerebbe sapere se ilsuo è davvero un problema di prostata. La sola frequenza aumentata non basta.
Serve sapere l'età, il valore della flussometria, le dimensioni della prostata, un'ecografia vescicale dopo minzione.
Comunque l'intervento verrà proposto dall'urologo che lo fa e verificherà quanto sopra.

Cordiali saluti
ok.

Se l'urologo opera in una struttura dove si usa la tradizionale TURP, lui usuerà la turp.
Le nuove tecnologie green light o al tullio o altro, non verranno proposte al paziente ignaro.
Io ho la ipb e il problema mi tocca e come! lL'urologo che mi segue, molto bravo, opera in una struttura che usano la turp per cui se rimango li x me c'è la turp. A Legnano che hanno la green light, l'urologo che mi ha visitato mi ha detto che l'hanno abbandonata perchè non da i risultati sperati e sono ritornati sulla turp: insomma che fare?!!!
Confusione. Ognuno tira l'acqua al proprio mulino ma la pelle e mia e ancora, nel 2016 non c'è vera chiarezza e mi trovo nella confusione. Qualche utile consiglio è ben accettato.
Grazie.

Dr. Andrea Militello
 

il consiglio lo deve dare l'utenza perchè effettivamente ogni urologo che operi sostiene e sponsorizza la propria tecnica

http://www.urologia-andrologia.net/u...799874.png?201

http://www.urologia-andrologia.net/

__________________
Dott. Andrea Militello
Urologo Andrologo
www.urologia-andrologia.net
www.andrologiamilitello.it

www.urologiamilitello.it
Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr. Andrea Militello

Dr. Andrea Militello
Nome:
Andrea Militello
Comune:
Roma, Milano, Cosenza, Viterbo e L'Aquila
Professione:
Medico Chirurgo, Specialista in Urologia e Andrologia
Specializzazione:
Urologia, Andrologia
Contatti/Profili social:
sito web facebook
Domanda al medico
Dr. Militello, il pene curvo comporta dolore?
Il morbo di La Peyronie o induratio penis plastica si manifesta ai suoi esordi proprio con un dolore in erezione, che sia il paziente sia l’andrologo dovrebbero tenere in considerazione. Leggi tutto
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 19:15 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X