Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Apparato urinario e genitale maschile - Urologia > urologia mitto debole ed altro
Segna Forum Come Letti

   

urologia mitto debole ed altro

domenicodomenico
 

spett.li medici sono un uomo di 29 anni da alcuni mesi lamento alcuni fastidi. vi spiego, circa due mesi e mezzo fa iniziai a sentire alcuni fastidi al pube durante la minzione (la facevo molto spesso) e l'eiaculazione. il tutto fù accompagnato da forti scariche diarroiche. successivamente mi sono recato da un urologo, il quale mi diagnosticò una prostatire attraverso la visita digitorettale. il questo primo periodo il medico mi prescrisse celebrox e topster, con la cura in questioni avvertii dei sollievi che man mano andarono scomparendo. tornai allora dall'urolo il quale mi rivisitò e mi fece fare una cura con deprox per circa un mese, purtroppo i fastidi non andavano via. swono tornato nuovamente dall'urologo il quale mi ha fatto fare un uroflussometria il risultato è stato deludente perchè il flusso è molto debole: picco massimo 18 ml/s e picco medio 8ml/s il grafico riporta un flusso medio di -3 e massimo di circa -1,5. a quest'analisi ho pure accompagnato un PSA che si attesta ad 1.12 a crollario ho fatto anche emocromo completo che risulta nella norma solo rdw è 15.4 invece di 15. per avere una visione ancora più completa il medico mi ha fatto eseguire spermicoltura risultata negativa e urinocoltura anch'essa negativa. stando al quadro clinico il medico mi ha prescritto SILODYX 8 MG una volta al giorno per cira 2 mesi. sto eseguendo la cura da circa 2 settimana ma nulla è cambiato ed anzi il mitto è sempre più debole anche di mattina quando invece dovrebbe essere molto veloce. un nuovo sintomo si è aggiunto ultimamente e cioè una sorta di tachicardia mattutina dopo ma minzione. la mia domanda è la seguente. cosa può essere a scatenare tutto questo ? la cura prescritta può portare risultati concreti ? mi conviene sentire altro specialista ?

MIGLIOR COMMENTO
Dr. Gaetano Mazzone
Gentile Utente di FS,
c'è qualcosa che non quadra: lei riporta una uroflussometria con flusso max 18.
Se il flusso max è 18, come lei scrive, l'esame è nella norma e lei non può avere un flusso debole e quesro spiega perché la silodosina non funziona.
La sintomatologia riferita è una sintomatologia irritativa e non certo infettiva, infatti gli esami batteriologici sono negativi. Questa prostatite abatterica è da trattare con la dieta, evitando tutti gli alimenti irritanti, alcool, birra e solo con antinfiammatori e decongestionanti prostatici come la serenoa repens. L'intestino deve funzionare regolarmente escludendo forme di colon irritabile. In ogni caso, dal momento che è facile che la patologia si cronicizzi, lei ha bisogno di un assistenza urologica frequente. Saluti
__________________
Dr Gaetano Mazzone
Specialista in Urologia - Catania, Siracusa
Humanitas - Centro Catanese di Oncologia
Per contatti e sedi di attività : www.urologiamazzone.com
Leggi altri commenti
Laurentius
 

Salve,
un benvenuto all' utente ed un grazie al DOC!

domenicodomenico
 

Egregio dottore,

Premetto che il mio urologo ha mi ha fatto sospendere gli antinfiammatori.
Le riporto le voci dell'uroflussometria :
Picco max= 18ml/s
Tempo al flusso max= 5s
Volume svuotato= 365ml
Tempo flusso= 45 s
Tempo svuotamento= 48 s
Tempo di.ritardo = 18 s
Flusso medio = 8ml/s
Qmax corretto= 19 sqrt ml
In merito alle defecazioni posso dirle che ho sempre sofferto di colon irritabile , ma queste si presentano in maniera indolore e quasi ciclicamente settimanalmente in dosi molto moderate e solo un per un gg circa e nemmeno completo.
Ps: il medico allude ad una valvola che non fa scorrere bene il mitto ragion per cui questo si presenta debole. Onestamente non trovo completa la spiegazione che mi é stata fornita. Ove potesse aggiungere qualche altra info le sarei grato. Cordialmente

Ti può interessare anche...
Cistite e candida? Fai il test e segui i consigli per il tuo benessere intimo!

Senso di pesantezza nella parte bassa dell'addome? Impellente bisogno di urinare? Prurito intimo?

Potrebbe trattarsi di cistite o candida, oppure delle due cose insieme.


SCOPRI QUI SE NE SOFFRI, ricevi i consigli utili per combatterle e le indicazioni sui rimedi a tua disposizione perché non diventino presenze ricorrenti nella tua vita.

Laurentius
 

Ed un grazie per il "benvenuto"????

domenicodomenico
 

Citazione:
Originariamente Inviato da Laurentius Visualizza Messaggio
Ed un grazie per il "benvenuto"????
Grazie a voi per l'accoglienza

Dr. Gaetano Mazzone
 

Le ribadisco che con 18 ml/sec di flusso massimo il flusso non può essere definito debole.
Il suo principale problema è il colon irritabile che, per motivi anatomici di contiguità, favorisce le congestioni prostatiche ricorrenti.
La sua principale terapia è quella del colon irritabile; se lei non sistema per bene il suo intestino, dai disturbi prostatici (secondari!!!) non se ne uscirà facilmente.
Quindi, consulti un gastroenterologo, regolarizzi per bene il suo intestino e vedrà piano piano che avrà sempre meno disturbi prostatici. Come le ho scritto, questi ultimi disturbi vanno trattati solo con decongestionanti prostatici per lungo tempo a antinfiammatori a cicli. Ma prima di tutto, le ripeto, viene il suo intestino.

__________________
Dr Gaetano Mazzone
Specialista in Urologia - Catania, Siracusa
Humanitas - Centro Catanese di Oncologia
Per contatti e sedi di attività : www.urologiamazzone.com
domenicodomenico
 

Dottore la ringrazio, farò tesoro dei sui consigli.

Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 12:00 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X