Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Psichiatria e dipendenze > EMDR, ne parliamo?
Segna Forum Come Letti

   

EMDR, ne parliamo?

Alessia Va
 

Ho scoperto, grazie a questo forum, l'esistenza di questa tecnica che sembra essere molto utile nel caso di traumi irrisolti.
Non sapevo se scrivere qui o in psicologia e psicoterapie, ma visto, poi, che per la maggior parte delle volte ne o sentito parlare qui, mi affido al dott. Delogu, e naturalmente, la discussione è aperta anche a tutti quelli che vorrano portare il loro contributo.
Ho letto qualche testimonianza in rete di chi si sta sottoponendo a questo tipo di "terapia" e devo dire che sono molto incoraggianti.
Sembra che i traumi vengano affrontati in modo "dolce" e che si percepisca, a volte anche da subito, una sensazione di benessere.
Da quello che sto leggendo la tecnica si baserebbe su un "riequilibrio" dei due emisferi celebrali.
Avendo sperimentato delle sedute di ipnosi, mi chiedevo, tra le altre cose, se esiste qualche analogia, quanto meno procedurale. Se si lavora su visualizzazioni o altro...
Insomma, vorrei sapere un bel po' di cose

MIGLIOR COMMENTO
Dr. Guglielmo Rottigni
Se posso, ho avuto modo di vedere applicare l'EMDR, e di apprenderne (sia pure solo per poco tempo) le basi, nel corso del mio tirocinio di specializzazione in psicoterapia, presso il Centro Bambino Famiglia di Bergamo.
La maggior parte di casi di bambini trattati con questa tecnica portavano il peso di violenze fisiche subite da parte dei genitori, o di altri parenti. E confermo che i risultati che ho avuto modo di vedere mi dicono che questa, per me, è la tecnica di riferimento per il trattamento dei traumi.

Un altro testo che mi sento di consigliare è "La relazione terapeutica nel trattamento EMDR", di Matt Dworkin, Cortina ed., 2010.

Buona vita
__________________
"Qual'è la definizione di "follia"? E' il ripetere continuamente la stessa azione, e aspettarsi un risultato diverso.
Se è così, tutti noi siamo folli".

Da: "Il denaro non dorme mai".

Dott. Guglielmo Rottigni
Psicologo
Ordine Psicologi Lombardia n° 10126
Continua a leggere...
Giovanni Delogu
 

Ciao Alessia, rispondo subito alle tue domande, ora che ho un po' di tempo.
Analogie con l'ipnosi ce ne sono, a mio avviso si entra in uno stato modificato di coscienza, te lo dico avendo provato su di me entrambe le tecniche più e più volte. Non si tratta di una trance profonda, di sicuro leggera, diciamo ciò che accade dopo una tecnica della confusione, la sensazione per me è stata un po' quella, grande presenza e controllo dei propri pensieri, ma poco dell'ambiente intorno. Però ti dico con certezza che non è una trance ipnotica classica perchè non ci si rilassa.
L'EMDR funziona chiedendo alla persona di pensare all'immagine traumatica, alla cognizione positiva e alla sensazione corporea, e contemporaneamente fissare le dita che si muovono ritmicamente a destra e sinistra.
Ciò che accade è che l'immagine alla quale stai pensando cambia, ti passano per la mente altre idee, altri ricordi, sensazioni o intuizioni. Tutto questo in modo automatico, senza alcun tipo di suggerimento da parte del terapeuta. In questo Milton Erickson sarebbe entusiasta, perchè più naturalistico di così non c'è nulla. Il terapeuta muove le dita e assiste all'elaborazione del paziente, mentre rielabora i ricordi bloccati. Quindi l'intervento del terapeuta in genere è minimo, perchè ciò che conta è la stimolazione bilaterale dei due emisferi.
Come saprai ci sono delle dimostrazioni di modificazioni pre-post emdr a livello di neuroimagin, modifiche del livello di cortisolo e del sistema adrenergico, e un tasso di efficacia del 70-100% per singoli traumi con 6-8 sedute, dichiarato dalle meta-analisi.

L'ipnosi ha i suoi vantaggi, per esempio la comunicazione con la mente inconscia mediante segnali ideomotori: quando funziona è insostituibile. Talvolta la mente inconscia è capricciosa, ma quando collabora è uno spettacolo: come se si parlasse con due persone distinte, la parte razionale cioè la persona con gli occhi aperti ma dissociata, e la mente inconscia che si esprime in modo non volontario attraverso il corpo mediante segnali codificati sì/no/non lo so/ non voglio rispondere.
Rileggendo mi rendo conto che sembrano cose da fantascienza, ma un ipnotista sa di cosa sto parlando.
L'EMDR però per i traumi e altri disturbi di origine traumatica è letteralmente imbattibile, sia come efficacia che come rapidità.

Dr. Delogu

krilla
 

E se per esempio una persona ha dissociato e quell'esperienza traumatica la ricorda in parte, e nemmeno saprebbe descriverla perchè ha la sensazione che sia accaduta a qualcun altro e quindi non saprebbe parlarne nei dettagli, è indicato l'EMDR?

sky81
 

Dalla mia esperienza krilla si, perchè i movimenti oculari aiutano la persona a rientrare nella situazione vissuta e quindi nell'emozione e nelle sensazioni corporee.

Ti può interessare anche...
Parassiti esterni: il tuo cane è davvero al sicuro?

Sono piccoli ma potenzialmente pericolosi: parassiti come pulci, zecche e pappataci con la loro puntura possono trasmettere malattie anche gravi al tuo amico a quattro zampe. Ad esempio, hai mai sentito parlare della temibile Leishmaniosi?

Vuoi scoprire se lo stai proteggendo nel modo giusto? Compila il questionario!


Al termine, in regalo per te una pratica guida su come proteggere Fido dai parassiti.


krilla
 

ma quanto costano le sedute? e quante sono?

sky81
 

Dipende dal terapeuta, si hanno già benefici dalla prima seduta.

Giovanni Delogu
 

costo: 60-80 euro, dipende dal terapeuta. Se lo fai con il presidente della società italiana di EMDR forse prende di più per via degli innumerevoli viaggi in zone disastrate dove ha applicato l'emdr a persone senza casa, senza famiglia, senza futuro.

Durata: le meta-analisi dicono questo: 6-8 sedute singolo trauma 77-100% efficacia.
12 sedute traumi multipli.

Dr. Delogu

Alessia Va
 

Citazione:
Originariamente Inviato da Dr. Giovanni Delogu Visualizza Messaggio
Ciao Alessia, rispondo subito alle tue domande, ora che ho un po' di tempo.
Analogie con l'ipnosi ce ne sono, a mio avviso si entra in uno stato modificato di coscienza, te lo dico avendo provato su di me entrambe le tecniche più e più volte. Non si tratta di una trance profonda, di sicuro leggera, diciamo ciò che accade dopo una tecnica della confusione, la sensazione per me è stata un po' quella, grande presenza e controllo dei propri pensieri, ma poco dell'ambiente intorno. Però ti dico con certezza che non è una trance ipnotica classica perchè non ci si rilassa.
L'EMDR funziona chiedendo alla persona di pensare all'immagine traumatica, alla cognizione positiva e alla sensazione corporea, e contemporaneamente fissare le dita che si muovono ritmicamente a destra e sinistra.
Ciò che accade è che l'immagine alla quale stai pensando cambia, ti passano per la mente altre idee, altri ricordi, sensazioni o intuizioni. Tutto questo in modo automatico, senza alcun tipo di suggerimento da parte del terapeuta. In questo Milton Erickson sarebbe entusiasta, perchè più naturalistico di così non c'è nulla. Il terapeuta muove le dita e assiste all'elaborazione del paziente, mentre rielabora i ricordi bloccati. Quindi l'intervento del terapeuta in genere è minimo, perchè ciò che conta è la stimolazione bilaterale dei due emisferi.
Come saprai ci sono delle dimostrazioni di modificazioni pre-post emdr a livello di neuroimagin, modifiche del livello di cortisolo e del sistema adrenergico, e un tasso di efficacia del 70-100% per singoli traumi con 6-8 sedute, dichiarato dalle meta-analisi.

L'ipnosi ha i suoi vantaggi, per esempio la comunicazione con la mente inconscia mediante segnali ideomotori: quando funziona è insostituibile. Talvolta la mente inconscia è capricciosa, ma quando collabora è uno spettacolo: come se si parlasse con due persone distinte, la parte razionale cioè la persona con gli occhi aperti ma dissociata, e la mente inconscia che si esprime in modo non volontario attraverso il corpo mediante segnali codificati sì/no/non lo so/ non voglio rispondere.
Rileggendo mi rendo conto che sembrano cose da fantascienza, ma un ipnotista sa di cosa sto parlando.
L'EMDR però per i traumi e altri disturbi di origine traumatica è letteralmente imbattibile, sia come efficacia che come rapidità.

Dr. Delogu
Grazie è tutto molto interessante.
Per quanto mi riguarda ho un esperienza traumatica, lontana nel tempo, che l'ipnosi non è riuscita a fare emergere, non perchè non abbia funzionato, ma perchè io respingevo decisamente quelle immagini e quelle sensazioni...non ne volevo proprio sapere...

Ora ci sto lavorando in terapia e posso dire di aver ricucito i pezzi sparsi dei miei ricordi e le immagini e relative sensazioni.

In un caso come il mio avrebbe senso sottoporsi a delle sedute di EMDR, anche se è già in atto un processo di elaborazione?

Nei casi di persone che non abbiano ricordi ma solo sensazioni funziona ugualmente?

Altra cosa a cui mi ha fatto pensare: funziona anche con i bambini?

krilla
 

Volevo fare le stesse domande di alessia...

Giovanni Delogu
 

Citazione:
Originariamente Inviato da Alessia Va Visualizza Messaggio
Grazie è tutto molto interessante.
Per quanto mi riguarda ho un esperienza traumatica, lontana nel tempo, che l'ipnosi non è riuscita a fare emergere, non perchè non abbia funzionato, ma perchè io respingevo decisamente quelle immagini e quelle sensazioni...non ne volevo proprio sapere...

Ora ci sto lavorando in terapia e posso dire di aver ricucito i pezzi sparsi dei miei ricordi e le immagini e relative sensazioni.

In un caso come il mio avrebbe senso sottoporsi a delle sedute di EMDR, anche se è già in atto un processo di elaborazione?

Nei casi di persone che non abbiano ricordi ma solo sensazioni funziona ugualmente?

Altra cosa a cui mi ha fatto pensare: funziona anche con i bambini?
Ciao Alessia, ricordare non significa elaborare, voglio dire, il fatto che stia rimettendo insieme i pezzi di un evento traumatico non significa che l'abbia rielaborato. Lo rielabori quando il ricordo diventa traumatico ZERO, a livello di impatto emotivo deve avere lo stesso impatto del ricordo di ciò che hai mangiato oggi a cena, cioè nessuno, nessuna sensazione corporea.
Col l'EMDR si può partire anche solo da una sensazione corporea, anzi, è facile che le sensazioni corporee disturbanti emergano durante l'emdr.
Riguardo all'EMDR con i bambini, c'è un libro, scritto da una terapeuta emdr, che si chiama "tu non ci sei più ed io mi sento giù". Ve lo consiglio, parla della tecnica, delle fasi dell'emdr, e di casi clinici di bambini che hanno perso amici o genitori. Quando feci il corso ci fecero vedere divegni di bambini pre e post emdr, a dir poco commoventi. Se prima dell'emdr disegnavano bare, morti, dopo il tema ricorrente era il sole, il futuro.

Dr. Delogu

Alessia Va
 

Citazione:
Originariamente Inviato da Dr. Giovanni Delogu Visualizza Messaggio
Ciao Alessia, ricordare non significa elaborare, voglio dire, il fatto che stia rimettendo insieme i pezzi di un evento traumatico non significa che l'abbia rielaborato. Lo rielabori quando il ricordo diventa traumatico ZERO, a livello di impatto emotivo deve avere lo stesso impatto del ricordo di ciò che hai mangiato oggi a cena, cioè nessuno, nessuna sensazione corporea.
Col l'EMDR si può partire anche solo da una sensazione corporea, anzi, è facile che le sensazioni corporee disturbanti emergano durante l'emdr.
Riguardo all'EMDR con i bambini, c'è un libro, scritto da una terapeuta emdr, che si chiama "tu non ci sei più ed io mi sento giù". Ve lo consiglio, parla della tecnica, delle fasi dell'emdr, e di casi clinici di bambini che hanno perso amici o genitori. Quando feci il corso ci fecero vedere divegni di bambini pre e post emdr, a dir poco commoventi. Se prima dell'emdr disegnavano bare, morti, dopo il tema ricorrente era il sole, il futuro.

Dr. Delogu

Citazione:
Originariamente Inviato da guglielmo.rottigni Visualizza Messaggio
Se posso, ho avuto modo di vedere applicare l'EMDR, e di apprenderne (sia pure solo per poco tempo) le basi, nel corso del mio tirocinio di specializzazione in psicoterapia, presso il Centro Bambino Famiglia di Bergamo.
La maggior parte di casi di bambini trattati con questa tecnica portavano il peso di violenze fisiche subite da parte dei genitori, o di altri parenti. E confermo che i risultati che ho avuto modo di vedere mi dicono che questa, per me, è la tecnica di riferimento per il trattamento dei traumi.

Un altro testo che mi sento di consigliare è "La relazione terapeutica nel trattamento EMDR", di Matt Dworkin, Cortina ed., 2010.

Buona vita

Grazie, mi sono segnata entrambi i testi.

Dr.Delogu:
elaborare è, certamente, quasi come "digerire" e quindi arrivare ad affrontare il trauma vissuto senza che sia più "trauma". Quello che intendevo dire è esattamente questo. Mi rendo conto come il lavoro che sto facendo, vada in questa direzione. Forse è solo una questione di tempi. Probabilmente l'EMDR consente di ottenere questo risultato in tempi più brevi? O cambiano proprio le modalità di "digestione"?

Guglielmo:
grazie per la tua testimonianza. Avere a diposizione uno strumento cosi efficace da poter usare sui bambini credo sia davvero qualcosa di notevole.
Prima si risolve un trauma e minore sarà la sofferenza di questi bambini nel tempo e una volta diventati adulti.

krilla
 

Ma si può fare mentre si segue una psicoterapia?

Giovanni Delogu
 

Per Krilla: credo non ci siano problemi nel farlo contemporaneamente ad una psicoterapia. L'emdr lavora in una direzione, mentre un'altra psicoterapia può occuparsi di altri aspetti. Le due cose non si contraddicono.

Per Alessia: cambiano certamente i tempi; sulla modalità, non so quale tipo di psicoterapia tu stia facendo, ma credo che il ricordo bloccato abbia un unico modo per errere elaborato, un'unica modalità di funzionamento. Se con ipnosi, o TBC o altro, l'importante è il risultato.

Alessia Va
 

Grazie per la risposta. In effetti è quello che penso anch'io. Il vantaggio dell'EMDR è la risoluzione in tempi brevi. E in alcune situazioni è veramente un grosso vantaggio!

La mia è una terapia a stampo bioenergetico. Ritengo che per me, al momento, sia la migliore possibile, perchè mi permette di integrare i vissuti corporei.
Alcune sensazioni, anzi, legate al mio trauma, sono venute fuori proprio lavorando attraverso il corpo e ritrovarle è stato uno strumento prezioso per andare a lavorarci.

Ecco, mi veniva un'altra domanda: con bambini, da che età è utilizzabile? Se un'età esiste...

Carica altri commenti...

Profilo del medico - Prof. Sergio De Filippis

Prof. Sergio De Filippis
Nome:
Sergio De Filippis
Comune:
Roma
Provincia:
RM
Azienda:
Clinica Neuropsichiatrica Villa Von Siebenthal
Professione:
Psichiatra e Psicoterapeuta, Direttore Sanitario della Clinica Neuropsichiatrica Villa Von Siebenthal di Genzano di Roma, Docente di Psichiatria delle Dipendenze all'Università La Sapienza di Roma
Specializzazione:
Psichiatria
Contatti/Profili social:
email sito web
Domanda al medico
Prof. De Filippis, riappropriarci del tempo per le cose veramente importanti, come lo stare a tavola e gustarci il cibo: anche questo può aiutare il benessere mentale...
Le associazioni tra pasti veloci e assunzione di snack/fast-food sono state mediate da una dieta effettuata il più delle volte fuori casa. In generale, il poco tempo libero e gli stili alimentari hanno contribuito in modo significativo alla scarsa qualità della dieta e ad un maggior consumo di cibi poco salutari. Un’attenta educazione alimentare, un ritorno alla cultura della condivisione del cibo, al dialogo e all’incontro, la promozione di stili di vita sani da adottare sia in famiglia che a scuola sono fondamentali per il nostro equilibrio psichico e fisico. Il cibo oltre che a servire come apporto nutrizionale ha un forte valore culturale e sociale, in particolar modo in Italia. Bisogna incentivare una buona educazione alimentare, sensibilizzando le giovani generazioni a rispettare il cibo, gustandolo senza distrazioni come smartphone e televisione, ma con spirito di condivisione in famiglia. Leggi tutto
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 17:04 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X