Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Chirurgia maxillo-facciale > Cosa fare per evitare il ritirarsi delle gengive
Segna Forum Come Letti

   

Cosa fare per evitare il ritirarsi delle gengive

question
 

Ciao a tutti! Qualche mese fa, andando dal mio dentista, era rimasto sbalordito da quanto le mie gengive si fossero ritirate... In effetti essendo naturalmente predisposta alle carie ho adottato una tecnica piuttosto stupida (però non lo sapevo!) ovvero mi spazzolavo molto energicamente. Ora ho iniziato ad usare l'idropulitore al posto del filo interdentale e a spazzolarmi molto meno energicamente (usando anche un dentifricio specifico per le gengive), ma mi hanno detto che i danni che ho fatto finora sono irreversibili... è vero? Cos'altro potrei fare per migliorare almeno in parte la situazione? Grazie a tutti!

MIGLIOR COMMENTO
lauretta2
andare dal paradontologo e sentire cosa ti dice.
le gengive retratte ormai non tornano più come prima, per i casi gravi si devono fare piccolo interventi chirurgici.
ciaociao
__________________
Leggi altri commenti
diggydoc
 

ciao..allora le gengive si possono ritirare per diversi motivi: fattori traumatici (come nel tuo caso), fattori infettivi (varie parodontopatie, fattori fisiologici (età avanzata). Il tuo caso è effettivamente molto comune fra i giovani..si pensa infatti che essere energici nel lavarsi i denti sia favorente una migliore igiene..ciò è sbagliato perchè le gengive sono molto sensibili ai traumi e si ritirano con relativa facilità purtroppo!!La colpa è spesso del dentista il quale (sempre impegnato a far soldi) si dimentica spesso di educare il paziente (o lo fa perchè gli conviene???) alla buona e corretta igiene orale. I denti vanno lavati delicatamente e con spazzolini medio-morbidi... Ecco nel tuo caso cosa fare: usa lo spazzolino della meridol ( la letteratura recente ha mostrato la sua efficacia), il dentifricio nn conta nulla per le gengive qndi nn spendere soldi in quello..anche i colluttori lasciano il tempo che trovano. L'idropulsore va bene ma nn abbandonare il filo interdentale..soprattutto nelle zone posteriori (la sua efficacia è tuttora insuperata), l'importante è che lo usi delicatamente..senza fretta. Tieni presente che la maggior parte delle carie si forma in zona interprossimale (fra un dente e l'altro) e solo il filo ti garantisce una buona pulizia in quegli spazi. In genere le gengive una volta ritiratesi nn tornano più su (purtoppo) ma in alcuni casi (quelli lievi), corrette le abitudini errate possono migliorare un pò. Ci sono degli interventi parodonatali che si potrebbero studiare ma devo dirti che la chirurgia del parodonto è tra le branche dell'odontoiatria quella soggetta a meno certezze nei risulatati.
Saluti

question
 

Grazie mille per la tua risposta completa. Ti chiedo solo una precisazione: di che tipo di intervento si tratterebbe? Una sorta di "ricostruzione" della gengiva? Il mio (spero), non è un caso grave (anche se non so in base a cosa si possa capire), ma ho iniziato troppo tardi a seguire questi consigli...

Degli
 

..a me è stato fatto quest'intervento propio l'altro giorno, nn perchè avevo la gengiva ritirata, ma perchè il dente che mi hanno tolto era leggermente più in alto degli altri, quindi impiantado quello nuovo, con l'estrazione etc..., sarebbe peggiorato esteticamente, allora mi hanno fatto l'impianto e una sorta di rigenerazione ossea e mi hanno tirato giù il lembo gengivale e suturato...cmq ci saranno da fare altri ritocchi credo.

question
 

Grazie mille Degli.... è stato doloroso? Perché dici che ci vorranno dei ritocchi? Ed esteticamente ora come va?

Diggydoc, era stato il mio dentista a dirmi di sostituire completamente il filo con l'idropulsore... ma in effetti noto che ogni tanto si forma come una piccola patina tra i denti (che tra l'altro sono vicinissimi tra loro, rendendo difficoltosa una pulizia accurata) che prima non avevo (con il filo)... Forse allora lo uso in maniera scorretta io.... L'ultima cosa, in un altro post hai scritto che le carie dopo i 35 anni non si formano più, confermi? Ma per tutti o solo per alcuni? Mi basterebbero altri 8 anni, dunque....

Degli
 

..non è doloroso per niente...ci vorranno dei ritocchi (credo) quando mi metteranno il dente fisso (ora ho un provvisorio incollato ai denti adiacenti,si chiama maryland)...quindi per ora nn ti posso dire nulla riguardo all'estetica..ciao

diggydoc
 

Gli interventi parodontali per questi problemi sono diversi, nn uno solo..la scelta dipende dalla situazione clinica ma soprattutto dal dntista che può avere più dimestichezza con uno o l'altro approccio..se vuoi farlo devi affidarti ad un dentista che si occupi eminentemente di parodontologia..in quanto sebbene siano piccoli interventi ambulatoriali richiedono esperienza..se tieni presente che nonostante ciò i risultati nn sono molto spesso gratificanti nel lungo termine capisci quanto affidarsi a ciarlatani possa essere frustrante. Molte persone hanno gli spazi interdentali molto stretti e per questo una buona alternativa è l'dropulsore (il tuo dentista nn ha sbaliato a consigliarlo), ma abbandonare il filo nn comviene se possibile..un motivo semplice è che il filo entra nel solco gengivale pulendolo ed in caso di infezione promuove il sanguinamento che in questi casi è positivo. Per quanto riguarda le carie ti confermo che oltre una certa età tendono a nn formarsi più (cn le dovute differenze soggettive da persona a persona).

Tillal
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da diggydoc

ciao..allora le gengive si possono ritirare per diversi motivi: fattori traumatici (come nel tuo caso), fattori infettivi (varie parodontopatie, fattori fisiologici (età avanzata). Il tuo caso è effettivamente molto comune fra i giovani..si pensa infatti che essere energici nel lavarsi i denti sia favorente una migliore igiene..ciò è sbagliato perchè le gengive sono molto sensibili ai traumi e si ritirano con relativa facilità purtroppo!!La colpa è spesso del dentista il quale (sempre impegnato a far soldi) si dimentica spesso di educare il paziente (o lo fa perchè gli conviene???) alla buona e corretta igiene orale. I denti vanno lavati delicatamente e con spazzolini medio-morbidi... Ecco nel tuo caso cosa fare: usa lo spazzolino della meridol ( la letteratura recente ha mostrato la sua efficacia), il dentifricio nn conta nulla per le gengive qndi nn spendere soldi in quello..anche i colluttori lasciano il tempo che trovano. L'idropulsore va bene ma nn abbandonare il filo interdentale..soprattutto nelle zone posteriori (la sua efficacia è tuttora insuperata), l'importante è che lo usi delicatamente..senza fretta. Tieni presente che la maggior parte delle carie si forma in zona interprossimale (fra un dente e l'altro) e solo il filo ti garantisce una buona pulizia in quegli spazi. In genere le gengive una volta ritiratesi nn tornano più su (purtoppo) ma in alcuni casi (quelli lievi), corrette le abitudini errate possono migliorare un pò. Ci sono degli interventi parodonatali che si potrebbero studiare ma devo dirti che la chirurgia del parodonto è tra le branche dell'odontoiatria quella soggetta a meno certezze nei risulatati.
Saluti
Grazie Diggy per la tua spiegazione a question...
anch'io ho il suo stesso problema... e mi conforta sapere che in alcuni casi si può migliorare un po'.
Anch'io non so la gravità del mio caso, ma pensando a quanto mi viene detto dall'igienista (si chiama così quello che mi fa l'igiene???) e dal dentista... penso di essere sulla buona strada...
Pensandoci forse è come dici tu, i dentisti fanno un po' i furbi... fino a poco tempo fa mi diceva che ero brava nel lavaggio denti, ma ultimamente dice che devo fare meglio perchè non lo sono... a me sembra di fare come sempre per cui forse non essendoci più carie da curare si sta procurando altro lavoro???
Spero proprio di no... ma il dubbio mi viene!!!

gipsyshadow
 

salve, riapro la discussione un po' vecchia perche vorrei porre una questione ai più esperti.

ho appena effettuato la mia prima pulizia dei denti. il dentista mi ha rassicurato dicendomi che non ho carie nè ci sono ulteriori interventi che devo fare perchè seguo una corrette igiene orale.
l'unico problema che ho è il ritiro delle gengive da alcuni denti causato, dice lui, da un errato spazzolamento dei denti in questione e, in effetti, a volte carico troppo la mano in certe zone! ha inoltre detto che ancora il problema è di lieve entità ma potrebbe diventare un grosso problema se le gengive continuano ad arretrare perchè lasciano scoperta la radice del dente.
come "rimedio" mi ha detto di massaggiare col polpastrello dall'alto verso il basso (in riferimento ai denti in questione che sono dell'arcata superiore) le gengive per far sì che "scendano" nuovamente.

confermate l'efficacia di questi metodo? per quanto tempo e quante volte al giorno dovrei massaggiare? energicamente o dolcemente?
se invece non è un metodo efficace, cosa mi consigliate di fare?

grazie e a presto

flavio86
 

Che sappia io le gengive una volta ritirate non ricrescono più, ma se il colletto non è scoperto e impari a spazzolare correttamente non dovrebbero ritirarsi ulteriormente...per lo spazzolamento l'ideale è la tecnica di Bass modificata, la trovi spiegata cercando su google!

Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 12:57 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X