Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Apparato digerente - Gastroenterologia ed endoscopia digestiva > Testimonianza gastroscopia transnasale
Segna Forum Come Letti

   

Testimonianza gastroscopia transnasale

Andrearose
 

Ciao a tutti!
Mi sono registrato qui per riportarvi la mia esperienza di oggi con una gastroscopia transnasale. Sono stato due settimane in attesa attanagliato dall'ansia (leggendo anche qualche testimonianza su questo forum) e invece vi scrivo con estremo piacere che è una passeggiata! Non si sente il minimo dolore o fastidio!
Vi anestetizzano le narici con un semplice spray e dopo 5 minuti (compresa la biopsia assolutamente indolore) sarete già fuori con un semplice senso di torpore alla gola che passerà in massimo due ore. Il senso di vomito e/o soffocamento è assolutamente assente se si fa la transnasale. Da qualche parte ho letto che il diametro del tubicino è come una penna Bic ma devo smentire, è ancora più piccolo e considerate che io ho le narici veramente molto sottili e non ho comunque sentito nulla.
Insomma se volete farmi qualche domanda sono qui a rispondervi perché conosco bene l'ansia che precede molti esami (e io ahimè ne ho fatti tanti nell'ultimo anno) così che possiate evitare di passare brutti momenti di attesa. Io l'ho eseguita a Villa Sandra a Roma con il Dott. Trifero (che è specializzato proprio in questa pratica) e due delle sue assistenti (di una gentilezza esemplare). Purtroppo l'esame non si può fare con la mutua, neanche attendendo, non è proprio mutuabile la transnasale e il prezzo non è proprio basso se considerate la banalità dell'esame, ma comunque ve lo consiglio è ripeto ancora che potete stare più che sereni nell'attesa. Ciao a tutti!!!

MIGLIOR COMMENTO
Dr. Matteo Burchiellaro
La gastrocopia rimane a tutti gli effetti un esame invasivo e come tale può dare "fastidio al paziente". L'esame è molto "operatore dipendente", la manualità, il numero di esami fatti il tipo di endoscopio utilizzato fanno la differenza. Oggi possono venire in aiuto dei pazienti tutti quei presidi terapeutici gestiti dal medico anestesista, atti a rendere più confortevole la procedura; su tutte la sedazione a mezzo di "propofol". Non si tratta di una anestesia generale concepita dal paziente come "procedura da sala operatoria" e sotto ventilazione meccanica. Rimane una procedura in cui il paziente respira da solo e i suoi parametri vitali sono tenuti sotto stretta osservazione. Io consiglio sempre questa metodica per evitare fastidi ed ansia.
La procedura per via nasale annulla o limita molto il riflesso faringeo, volgarmente il senso di vomito da molti temuto. Su youtube è possibile reperire video in cui medici la eseguono su se stessi mentre spiegano la procedura, quindi è effettivamente più tollerata. Sta al medico stabile quale procedura mettere in atto..
__________________
Matteo Burchiellaro
Oncoematologo pediatrico
Gastroenterologia Pediatrica
Medicina d'urgenza neonatale
Laurea e specialistica presso la NYU.
Leggi altri commenti
G1V1
 

Salve,
volevo esporvi la mia esperienza. Oggi pomeriggio dovevo effettuare una gastroscopia transnasale in forma privata presso l'ospedale le Molinette di Torino.
Premetto che sono una persona molto ansiosa, quindi mi sono convinta di fare questo tipo di esame, in quanto meno invasivo e più tollerato dai pazienti, rispetto alla gastroscopia tradizionale. Mi ero molto documentata sulla procedura, avevo visto dei video e avevo letto molte opinioni favorevoli (incluso il post di Andrearose).
Purtroppo però le mie aspettative sono rimaste deluse.
Prima dell'esame, il personale medico è stato a mia disposizione per chiarimenti e rassicurazioni. Mi è stato spruzzato su entrambe le narici un anestetico che mi ha dato un leggero torpore, come un 'addormentamento' interno.
Distesa sul fianco sinistro, mi è stato introdotto il sondino (obbiettivamente molto sottile e flessibile) con l'aiuto di un gel. Al naso ho avuto un leggerissimo (davvero minimo) fastidio. Il problema è sorto non appena il sondino è arrivato all'esofago e mi è stato detto di deglutire: ho avuto ripetuti conati di vomito e ho avvertito nitidamente il tubicino in gola che mi creava un forte fastidio. Data la mia agitazione (non riuscivo a stare ferma con le mani), mi è stato tolto il sondino. Per tre volte è stata ripetuta l'operazione e per tre volte ho avuto gli stessi fastidiosissimi sintomi. Per paura di creare lesioni all'esofago e ai turbinati il dottore ha ritenuto opportuno non eseguire più l'esame.
Conclusione: ho speso 300 euro che non mi sono stati rimborsati, ma tramutati in una gastroscopia con anestesia totale. Ovviamente adesso sono presa dallo sconforto e le mie ansie, vista l'idea di un'anestesia totale, non sono per nulla diminuite.
Dico, quindi, che la gastroscopia transnasale (piuttosto costosa e senza SSN) è pur sempre una gastroscopia, sebbene il sondino venga introdotto dal naso e sia più sottile. Sicuramente è una procedura più tollerata rispetto alla gastroscopia tradizionale, ma NON è per nulla una passeggiata. Di conseguenza, consiglio alle persone ansiose come me di NON prendere in considerazione la transnasale.
Devo, inoltre, aggiungere che non mi è stato dato nessun calmante (nonostante lo avessi chiesto) e nemmeno un anestetico in gola, che forse (ripeto: forse) avrebbero reso fattibile l'esame endoscopico.
Aggiungo, infine, che il dottore stesso, alla fine della procedura mi ha confidato che anche lui non era riuscito per due volte a fare la transnasale su se stesso. Ergo... a voi le conclusioni.

alex73
 

Grazie per le vostre testimonianze. Saluti

P.Casoni
 

Citazione:
Originariamente Inviato da G1V1 Visualizza Messaggio
Salve,
volevo esporvi la mia esperienza. Oggi pomeriggio dovevo effettuare una gastroscopia transnasale in forma privata presso l'ospedale le Molinette di Torino.
Premetto che sono una persona molto ansiosa, quindi mi sono convinta di fare questo tipo di esame, in quanto meno invasivo e più tollerato dai pazienti, rispetto alla gastroscopia tradizionale. Mi ero molto documentata sulla procedura, avevo visto dei video e avevo letto molte opinioni favorevoli (incluso il post di Andrearose).
Purtroppo però le mie aspettative sono rimaste deluse.
Prima dell'esame, il personale medico è stato a mia disposizione per chiarimenti e rassicurazioni. Mi è stato spruzzato su entrambe le narici un anestetico che mi ha dato un leggero torpore, come un 'addormentamento' interno.
Distesa sul fianco sinistro, mi è stato introdotto il sondino (obbiettivamente molto sottile e flessibile) con l'aiuto di un gel. Al naso ho avuto un leggerissimo (davvero minimo) fastidio. Il problema è sorto non appena il sondino è arrivato all'esofago e mi è stato detto di deglutire: ho avuto ripetuti conati di vomito e ho avvertito nitidamente il tubicino in gola che mi creava un forte fastidio. Data la mia agitazione (non riuscivo a stare ferma con le mani), mi è stato tolto il sondino. Per tre volte è stata ripetuta l'operazione e per tre volte ho avuto gli stessi fastidiosissimi sintomi. Per paura di creare lesioni all'esofago e ai turbinati il dottore ha ritenuto opportuno non eseguire più l'esame.
Conclusione: ho speso 300 euro che non mi sono stati rimborsati, ma tramutati in una gastroscopia con anestesia totale. Ovviamente adesso sono presa dallo sconforto e le mie ansie, vista l'idea di un'anestesia totale, non sono per nulla diminuite.
Dico, quindi, che la gastroscopia transnasale (piuttosto costosa e senza SSN) è pur sempre una gastroscopia, sebbene il sondino venga introdotto dal naso e sia più sottile. Sicuramente è una procedura più tollerata rispetto alla gastroscopia tradizionale, ma NON è per nulla una passeggiata. Di conseguenza, consiglio alle persone ansiose come me di NON prendere in considerazione la transnasale.
Devo, inoltre, aggiungere che non mi è stato dato nessun calmante (nonostante lo avessi chiesto) e nemmeno un anestetico in gola, che forse (ripeto: forse) avrebbero reso fattibile l'esame endoscopico.
Aggiungo, infine, che il dottore stesso, alla fine della procedura mi ha confidato che anche lui non era riuscito per due volte a fare la transnasale su se stesso. Ergo... a voi le conclusioni.
Buonasera, vi confesso che mi avete un po' allarmato. Io devo effettuare la gastroscopia ed ho optato per la transnasale, poiché ho letto su questo sito gastroscopiatransnasale.it che la tecnica era meno dolorosa e si poteva tollerare senza sedazione. Ho una bassa soglia di sopportazione del dolore, che voi sappiate sarebbe dunque possibile eseguire la transnasale con la sedazione?

Alba80
 

Citazione:
Originariamente Inviato da P.Casoni Visualizza Messaggio
Buonasera, vi confesso che mi avete un po' allarmato. Io devo effettuare la gastroscopia ed ho optato per la transnasale, poiché ho letto su questo sito gastroscopiatransnasale.it che la tecnica era meno dolorosa e si poteva tollerare senza sedazione. Ho una bassa soglia di sopportazione del dolore, che voi sappiate sarebbe dunque possibile eseguire la transnasale con la sedazione?
Ciao,
Io ho fatto due gastroscopie, però una volta con ansiolitico intramuscolo e non ho sentito nulla, la seconda volta in anestesia,anche perché avevo problemi Seri di salute e la dovevo fare urgentemente.
Poi ho provato tante volte la sonda dell'otorino dal naso e quasi tutte le volte ho avuto qualche conato di vomito, ma ho resistito.
Finché è arrivato il vero orrore, ho dovuto fare la manometria esofagea, entrano dal naso e si deve essere svegli per collaborare e far funzionare i muscoli. Al naso non ho avuto fastidi, li può avere chi ha problemi col setto nasale, ma dovrebbero mettere un anestetico locale, a me hanno messo lodocaina.
Poi ho avuto un conato e mi è risalito del liquido, ma ho resistito.
Quindi vai tranquillo, è un esame invasivo, non è una passeggiata, ma si fa.
Inoltre pensa che dura pochissimo,
Invece la manometria dura di più e si deve pure bere e senza fare altri movimenti altrimenti l'esame non riesce.
Forza, la gastroscopia è veloce, un battito di ciglia.

Alba80
 

Citazione:
Originariamente Inviato da MD_matteo Visualizza Messaggio
Oggi possono venire in aiuto dei pazienti tutti quei presidi terapeutici gestiti dal medico anestesista, atti a rendere più confortevole la procedura; su tutte la sedazione a mezzo di "propofol". Non si tratta di una anestesia generale concepita dal paziente come "procedura da sala operatoria" e sotto ventilazione meccanica. Rimane una procedura in cui il paziente respira da solo e i suoi parametri vitali sono tenuti sotto stretta osservazione. Io consiglio sempre questa metodica per evitare fastidi ed ansia.
La seconda gastroscopia forse me l'hanno fatta così

DamaElisa
 

Buonasera, che ansiaaaaaa! Devo eseguire una gastroscopia e ne sono terrorizzata. Leggendo su Internet ho scoperto la Transnasale ma vedo che le esperienze sono diverse e per alcuni comunque molto fastidiosa. Mi chiedevo se con la Transnasale è possibile effettuare la biopsia della mucosa del corpo-antro-angolus prescritta.... grazie.

alex73
 

Citazione:
Originariamente Inviato da DamaElisa Visualizza Messaggio
Buonasera, che ansiaaaaaa! Devo eseguire una gastroscopia e ne sono terrorizzata. Leggendo su Internet ho scoperto la Transnasale ma vedo che le esperienze sono diverse e per alcuni comunque molto fastidiosa. Mi chiedevo se con la Transnasale è possibile effettuare la biopsia della mucosa del corpo-antro-angolus prescritta.... grazie.
Si, è possibile. Saluti

DamaElisa
 

Che conto salato!!!!! Io sono sconvolta da come hanno gestito la cosa qui all ospedale di Padova. Ho chiamato per informazioni e mi era stato detto che il costo della g. Transnasale più biopsia era 375,00. Conto già di per se importante ma pur di non fare la tradizionale ho scelto questa strada. Al momento della visita stessa mi è stato detto che dovevo portare i campioni della biopsia a casa, passare dal mio medico, farmi fare L impegnativa, riportarli a Padova per le analisi! Ma io abito a più di 30 km dall’ospedale e con il lavoro, non sapendo persona questa cosa, non mi ero organizzata. Inoltre mi avevano dato VAlium e per un paio di ore non ho potuto guidare per tornare (altra cosa che non mi avevano detto) quindi con 40 gradi all’ ombra i campioni non potevo metterli in frigo... Dunque ho dovuto far fare L esame istologico privatamente, scelta costretta praticamente. Non hanno saputo dirmi il costo... io non pensavo davvero che al momento del ritiro avrei pagato altri 270 euro!!! Sono sconvolta e ho precisato il mio disappunto ma la povera impiegata mi ha detto che non poteva farci nulla! Se solo mi avessero dato tutte le info prima sarei andata già con L impegnativa il giorno dell’esame! Alla fine questo esame mi è costato quasi 600 euro!!!! Ma anche a voi è successo così????

Dr. Matteo Burchiellaro
 

Citazione:
Originariamente Inviato da DamaElisa Visualizza Messaggio
Che conto salato!!!!! Io sono sconvolta da come hanno gestito la cosa qui all ospedale di Padova. Ho chiamato per informazioni e mi era stato detto che il costo della g. Transnasale più biopsia era 375,00. Conto già di per se importante ma pur di non fare la tradizionale ho scelto questa strada. Al momento della visita stessa mi è stato detto che dovevo portare i campioni della biopsia a casa, passare dal mio medico, farmi fare L impegnativa, riportarli a Padova per le analisi! Ma io abito a più di 30 km dall’ospedale e con il lavoro, non sapendo persona questa cosa, non mi ero organizzata. Inoltre mi avevano dato VAlium e per un paio di ore non ho potuto guidare per tornare (altra cosa che non mi avevano detto) quindi con 40 gradi all’ ombra i campioni non potevo metterli in frigo... Dunque ho dovuto far fare L esame istologico privatamente, scelta costretta praticamente. Non hanno saputo dirmi il costo... io non pensavo davvero che al momento del ritiro avrei pagato altri 270 euro!!! Sono sconvolta e ho precisato il mio disappunto ma la povera impiegata mi ha detto che non poteva farci nulla! Se solo mi avessero dato tutte le info prima sarei andata già con L impegnativa il giorno dell’esame! Alla fine questo esame mi è costato quasi 600 euro!!!! Ma anche a voi è successo così????
Gentile utente, spiace sempre leggere queste esperienze molto negative. Lei non ha ricevuto tutte le informazioni del caso. Soprattutto mi pare una procedura abbastanza inusuale che il paziente debba "portare con se" il materiale bioptico. Onestamente è la prima volta che sento una tale procedura.
Dispiace anche perché il costo non è trascurabile e nel Veneto , proprio poco distante da dove lei cita, esiste un centro privato altamente qualificato per l'endoscopia digestiva.
L'importante ora è avere una diagnosi chiara. Stia in salute. Cordialmente

__________________
Matteo Burchiellaro
Oncoematologo pediatrico
Gastroenterologia Pediatrica
Medicina d'urgenza neonatale
Laurea e specialistica presso la NYU.
Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dott.ssa Raffaella Ferrando

Dott.ssa Raffaella Ferrando
Nome:
Raffaella Ferrando
Comune:
Bastia d'Albenga
Provincia:
SV
Telefono:
0182-20485
Azienda:
Bastiamedica
Professione:
Radiologo specialista in Gastroenterico e Funzionalità pelviperineale
Specializzazione:
Radiodiagnostica
Contatti/Profili social:
sito web
Domanda al medico
Dott.ssa Ferrando, quali sono i principali cibi su cui puntare per ammorbidire le feci, se sono sempre dure? E quali per avere una maggior regolarità intestinale?
I cibi che aiutano ad ammorbidire le feci sono frutta e verdura come kiwi, susine, zucchine, pere, mele, e poi farine integrali, latte, olio di oliva, yogurt… ma soprattutto tanta acqua non gasata. Per integrare l’assunzione di liquidi è possibile prepararsi anche delle tisane lassative da bere due volte al giorno, prima del pranzo e della cena. Sono indicate le tisane ai fiori di malva, tiglio, altea e semi di lino, che nello stomaco, a contatto con l’acqua, formano una specie di mucillagine in grado di ammorbidire le feci e di aumentarne il volume. Al contempo, per avere una maggior regolarità intestinale servono fibre, dunque frutta e verdura, ma anche latte, uova, carne e pesce. Soprattutto occorrono acqua e movimento. Leggi tutto
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 16:30 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2021, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X