Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Flebologia, circolazione venosa > dove comprare calze elastiche a prezzo contenuto
Segna Forum Come Letti

   

dove comprare calze elastiche a prezzo contenuto

mariall
 

uso quotidianamente i gambaletti compressione graduata prima com pressione e costano parecchio, qualcuno ha qualche consiglio sull'acquisto ?

MIGLIOR COMMENTO
Prof. Stefano Ricci
Le calze si distinguono per grado di compressione (I-II-III-IV) e per altezza dell'area di compressione (gambaletto-cascia-monocollant).
Il prezzo dipende dal tipo.Si può scegliere un tessuto sintetico (dura di più) o cotone (più gradevole)
Una I classe di compressione a gambaletto (fino al ginocchio e con le dita scoperte) che è la calza più usata ed utile, costa circa 50 euro (+o- 10). Una II classe va attorno ai 70 Le marche sono tutte buone perchè ormai tutte usano buone tecnologie.
La cosa migliore è farsi consigliare da un flebologo interessato al problema.
Saluti
Prof. S.Ricci
Roma
__________________
Veindoctor
Roma
Leggi altri commenti
vince48
 

Bè prova a dire marca e prezzo, non vorrei consigliartene una che costa di più, ciao.

Ah!! se avessi 40 anni di meno.

mariall
 

i miei gambaletti sono della sigvari e li ho pagati euro 62

vince48
 

Fermo restando che non sono un medico, ma bensi un paziente, che è l'unico deputato ha consigliarti per il meglio, ti posso solo trasferire la mia esperienza.
Dopo aver provato, presumo, tutte le marche, sono arrivato alla conclusione che la marca a me più consona è l' Albert Andrè, questa, a differenza di tutte le altre, fa delle calze con il bordo sotto il ginocchio che non è una specie di cappio, ed il costo è davvero contenuto, es: gambaletto mm Hg 18/22 € 13.00, almeno al mio paesello.
Le altre marche in genere presentavano difetti diversi, vedi dei fuori misura, un 42 di piede con lunghezza ben sopra il ginocchio, oppure costose belle ma con indicazioni di compressione non vere, oppure cosi stracce da rompersi alla prima calzata ecc... ne ho spesi di soldi.
Naturalmente non ho nessun interesse personale, è solo l'intento di darti una dritta esserti utile, che posto due indirizzi.
Sperando di non incappare in qualche postilla del regolamento forum che vieta la diffusione di queste notizie.
Allego il sito che tratta le citate: http://www.laboratoripiazza.it/
Se invece le vuoi su misura, http://www.gositalia.it/?l=0
ma credo, quest ultimo, sia troppo lontano da te.
Ciao.

Ah!! se avessi 40 anni di meno.

Ti può interessare anche...
Cistite e candida? Fai il test e segui i consigli per il tuo benessere intimo!

Senso di pesantezza nella parte bassa dell'addome? Impellente bisogno di urinare? Prurito intimo?

Potrebbe trattarsi di cistite o candida, oppure delle due cose insieme.


SCOPRI QUI SE NE SOFFRI, ricevi i consigli utili per combatterle e le indicazioni sui rimedi a tua disposizione perché non diventino presenze ricorrenti nella tua vita.

mariall
 

La ringrazio Prof. Ricci per la risposta
secondo me un flebologo che si rispetti dovrebbe consigliare il tipo di compressione di calza e suggerirne almeno un paio similari e non solo una marca e per giunta prescrivere la calza nel bollettario di questa marca per cui è giocoforza comprare solo quella.
A me è successo questo, e da una piccola indagine anche alle altre pazienti.......

vince48
 

Via Mariall sappiamo tutti che, a volte, certi medici sono legati ad una marca, ma altrettanti inividuano proprio in quella consigliata la migliore, senza interesse alcuno se non quello di aiutarti, a me è successo cosi, della serie vai li che ti trovi bene... si è rivelato vero.
Come sempre bisogna provare sulla propria pellaccia, e spesso la ricerca non è proprio delle più facili, della serie il pesce migliore lo mangio, da anni, in un ristorante sardo a Milano, non al mare.
Ovviamente sono concorde per una informazione più "democratica" possibile.

Ah!! se avessi 40 anni di meno.

Prof. Stefano Ricci
 

E' inutile fare questo genere di commenti "qualunquisti".
1- Il costo delle calze è più o meno identico in tutti i negozi sanitari
2- Le calze di tutte le marche sono di ottimo livello medio
3- La misura delle calze ed il tipo vanno prescritte da un flebologo-angiologo.
4- Se le calze prescritte non vanno bene, ci si rivolge al medico che le ha prescritte e ci si arrabbia con lui.
5- Il pesce migliore si mangia al mare e non a Milano. Il fatto è che anche al mare il pesce buono bisogna pagarlo. Non è che al mare te lo regalano, anzi, il mare serve per fregarti.
6- Usate il cervello. Molte cose funzionano secondo buonsenso. Usate quello ed evitate frasi generiche e fuorvianti.
7- Una volta avuto un consiglio di cura, fate la cura fino in fondo, e se non funziona, chiedetene ragione al medico. Poi magari cambiate medico.
Saluti
Prof. S.Ricci
Roma

vince48
 

Non me ne voglia prof.non sono a risponderle per il gusto di contraddirla, ci mancherebbe.
Mi dicono essere persona simpatica, un poco irriverente, ma con il vizio della sincerità, ho sempre "pagato" in prima persona per questo.
Pertanto, in tutta serenità, con parole mie, mi permetto di scrivere, che le sue risposte sono chiare belle coerenti, ma da libro cuore, tra l'altro libro che non mi è mai piaciuto.

Ovviamente, può dare fastidio ma i commenti "qualunquisti" si fanno eccome, sbagliando? forse, si fanno proprio raccontando le esperienze personali, è anche a questo che serve un forum.
E'implicito che è solo lo specialista ad identificare il giusto materiale, ma la verità, quella che intendo dire, è che il citato "specialista" il comune mortale è già difficile lo trovi e tanto meno lo cambi tutte le volte che non c'azzecca.
Per non fare, appunto, discorsi qualunquisti, bisognerebbe seguire l'iter, di noi comuni mortali, che usufruiamo del servizio mutualistico, cosi si scoprirà che nella solita via scrucis, troverà non si sa chi, che può benissimo cambiare alla visita seguente, naturalmente aspettare mesi e mesi, questa è la realtà oppure sono solo s****to, cosi come i famigliari e molte delle persone che conosco.
1) il costo delle calze NON è più o meno identico in tutti i negozi, sono pronto a documentare questo.
2) le calze di tutte le marche NON sono di "ottimo livello medio", ci sono le ottime le medie ma molte molte di scarsa qualità, ovviamente mi riferisco alla robustezza, calzabilità, materiale.
3) siamo sempre li, il flebologo da le misure e la marca, quale?
4) certamente... se le calze non vanno bene, si fa la richiesta di visita si aspetta il tuo turno e se incontri quel medico, gli dici che non capisce un tubo, mah!! io proprio non la capisco.
5) se tocchiamo l'argomento cibo, mi dispiace prof. ma qui le rubo la cattedra, forse non sa che il miglior pescato non resta al mare ma parte immediatamente per i grandi mercati delle grandi città, in particolar modo Milano, dove grandi alberghi si beccano la buona fetta.
Ovvio che al mare, specialmente nei piccoli centri, si può trovare il buon pescato,basta alzarsi di buon ora, ma il meglio del meglio lo trova da un altra parte, difatti nella maggior parte dei luoghi ove si mangia pesce, al mare, lo si mangia surgelato.
Alla 6 e 7 le ho gia risposto.
Ecco prof. quello che,io, penso, quello che io vivo,
e penso anche che le persone non siano cosi stupide da lasciarsi forviare, non c'è da guadagnarci nulla contando delle balle, vince non è ne un mago ne un professore, anche se ha due lauree, e sa poco l'Italiano.
Saluti, Vince.

Ah!! se avessi 40 anni di meno.

Prof. Stefano Ricci
 

La discussione in un forum deve essere utile per chi la legge, cioè dare informazioni, anche in negativo magari, ma sempre informazioni.
Dure che qualcosa non va e qualcos'altro fa schifo è inutile, cioè è "qualunquista".
Se non si vuole essere qualunquisti bisogna scrivere i nomi dei dottori che si sono comportati male, il nome dei centri che l'hanno lasciata insoddisfatta, il nome delle calze che fanno schifo, o il nome della farmacia che ha venduto a prezzi esagerati, in modo che chi la legge possa sapere dove non andare e cosa non fare.
In particolare al n: 4) della sua risposta:" e se incontri quel medico, gli dici che non capisce un tubo .."; E' esattamente questo che dovete fare , magari un pò più educatamente, in quanto è un vostro diritto, ed è perché non lo fate che siete trattate male.
Termino dicendo che vengo da una città di mare dove so come fare ad avere una spigola pescata col fucile. Saluti
Prof S.Ricci
Roma

Veindoctor
Roma

vince48
 

Sempre perfette, puntuali, da manuale le sue risposte,
cosi concludo questo inutile dialogo, inutile penso io, perchè ci si ostina a non voler capire, naturalmente mi guardo bene dall'offenderla, non ne ho motivo, come al solito dico quel che penso, a modo mio.
Professore, lei oltre che persona preparata ed intelligente, lo penso davvero, è riuscito a trovare e vivere in un mondo a me ed ad altri milioni di persone sconosciuto, ove ad esempio si può fare una denuncia con nomi e cognomi e poi cavarsela dall'assalto d'avvocati d'altrettante caste, fabbriche ecc... cosi senza spendere una lira soltanto perchè è vero, sono basito.
Si è vero che senza una circostanziata denuncia bisognerebbe tacere, altrimenti si fa solo salotto, allora si!! sino ad ora ho fatto salotto, ma a chi le racconto tutte queste esperienze se non qui?
ovviamente senza fare denuncie, per non incorrere in "grane" infinite.
Se poi qualcuno vorrà privatamente contattarmi in merito, senz'altro racconterò la mia esperienza, ovviamente dal mio punto di vista, che potrebbe non esser valido per tutti, es. un cordoncino che ti strozza la gamba della marca tot, a me da molto fastidio ad altri magari no, c'aggia dì pè famme capì!!
Prof. davvero viviamo in due mondi diversi, il suo è perfetto il mio, con profona amarezza, no di sicuro, cosi le racconto l'ultima poi non ci torno più sopra.
L'altro ieri mi sono rotto un dito del piede, et voilà nel mio mondo "6 ore" di pronto soccorso, sei ore d'attesa per mettermi un cerotto.[V]
Attesa infinita per il codice colore, che ti da una persona molto gentile ma dietro uno sportello dal quale ti vede solo il viso ed ascoltando quello che ti è successo[V], ti metti seduto fra un andarivieni di persone infinito con lamenti più o meno sinceri ed attendi, attesa infinita per la 1a visita, attesa infinita per i raggi, attesa per la risposta, attesa infinita per la visita ortopedica durata meno di 10 min. incerottato il dito e via, attesa infinita per far vedere il risultato al 1° medico che mi ha visitato, attesa per avere il foglio di via del pronto soccorso, tutto questo in una citta di provincia, del mio mondo.
Naturalmente mi sento obbligato a dire che se fossi stato grave la cosa sarebbe andata diversamente, da ex volontario protezione civile, conosco e riconosco il valore delle maestranze di un pronto soccorso, mi hanno salvato la vita un paio di volte.
Però riconosco essere una assurdità far girare per tutto l'ospedale uno con un trauma anche se non grave, della serie adesso lei va al terzo piano padiglione F, quando sei la, fatto ciò che devi fare, ti spediscono al secondo padiglione G ecc... poi torni quì, naturalmente se trova una seggiola con ruote è un miracolo, per me non è avvenuto e mi sono cuccato tutta la strada su un tallone.
Aivoglia tirare il collo al personale, che ho visto correre come impazzito, nel suo mondo non esiste ma nel mio è normale, si chiama disorganizzazione o più modernamente ripartizione dei disagi per la quadra del bilancio economico, naturalmente ci sono anche moltissime eccezioni ove tutto funziona abbastanza bene.
E non mi chieda di fare una denuncia, basta acquistare un giornale del mio mondo.
Con rispetto, viste le posizioni, penso concorderà sia ora di chiudere e tornare a parlare di medicina, io/noi con i problemi e lei con le sue sempre preziose risposte.
Buon ferragosto, saluti Vince.

Ah!! se avessi 40 anni di meno.

Prof. Stefano Ricci
 

Questa discussione è solo apparentemente inutile.
Vivo in un mondo simile al suo, ma cerco di risolvere alcuni problemi di quella parte di mondo che conosco bene.
Se uno mi chiede un consiglio, io glielo fornisco senza aspettarmi niente in cambio. Non le sembra un fatto positivo ?
Se il mio consiglio a Lei non piace, non lo segua, che bisogno c'è di dare un giudizio a tutti i costi, facendomi passare per un cretino ?
Tornando alla nostra piccola polemica, Lei puo "denunciare" gli inconvenienti che le capitano senza bisogno di avvocati, basta citare l'ospedale dove un fatto è successo, la sede di un ambulatorio. Dire ch il dr. xy le ha dato un consiglio che lei ha riscontrato essere inesatto (a patto che ciò sia vero) non vuol dire essere citati dall'avvocato di quel medico (altrimenti i medici non avrebbero tempo per fare niente altro).
Perché della storia di pronto soccorso che Lei racconta, non cita l'ospedale ? Non è mica un rischio per lei.
Questo è il mio mondo, quello il suo; ne esistono tanti altri a seconda delle esperienze e dei caratteri.
E' molto significativo comunque il suo modo di chiudere le lettere. Forse il suo mondo era quello.
Saluti
Prof. S.Ricci
Roma

Veindoctor
Roma

vince48
 

Come ho già avuto modo di scrivere, ho deciso di porre fine a questa polemica pertanto faccio il maleducato, non le risponderò.
Oramai, in base a quel che leggo, mi appare molto chiaro, dove sta lei e sicuramente dove sto io.
Ma prima di abbandonare, le racconto l'ultima, naturalmente racconto quello che capita a me non ad altri per sentito dire, certo a modo mio ma perfettamente cosi come avvengono i fatti.
Faccia attenzione alla parte finale, dove cito la risposta di una dottoressa.

L'altro giorno mi accorgo che la nonna di casa è molto pallida, come quasi tutti i coriacei anziani 83 anni autosuff. dice che sta benone difatti dopo un pò sta male rigetta roba scura cosi pure nelle feci, non sta più in piedi, misuro la pressione è a terra, chiamo il 118 che mi manda la guardia medica del paese, arriva una bella e giovane donna vestita da spiaggia, che riprovata la pressione afferma nulla di grave "calo zuccheri" indi a da mangià, e comunque continuare ad assumere le sue innumerevoli medicine, io sono convinto sia sangue quello rigettato ecc.. cosi fermo tutto, niente medicine, poi si rivelerà mossa giusta.
La nonna continua a stare male, riesco a rintracciare il medico di famiglia, arriva subito, misura la pressione sente che ha vomitato scuro ecc.. le vieta subito certe medicine per diluire il sangue e chiama il 118, ore 08.40, compila le solite carte con scritto "urgente" e se ne và.
Verso le 09.45 arriva una telefonata dal 118 che si scusa ma ci sono tanti guai arriveranno il più presto possibile, l'accorcio arrivano alle 11.45 e non è finita.
La scala per entrare in casa della nonna è larga mt 1.60 pochi gradini, la nonna è 75 kg i due addetti al trasbordo molto robusti sino al punto di non farcela a portarla giù in ambulanza, incredibile hanno un lettino e una specie di amaca ma non hanno la forza per trasportala in ambulanza, non sono provvisti della oramai indispensabile seggiola per fare i gradini, io ho un piede rotto a mala pena mi sostengo, pertanto mi tocca chiamare dei vicini di casa, arriva un baldo 60enne che quasi la parta giù da sola, due da una parte lui dall'altra... partono sono le 12.20.
Al pronto soccorso viene punzecchiata ecc.. sta in astanteria fino alle 19 circa, poi viene ricoverata, stavolta i medici del reparto sono preoccupati hanno scoperto che perde sangue all'interno, dopo si saprà che ha 2 ulcere, sacchetti di plasma... e quant'altro a iosa, insomma ci si accorge che ha bisogno urgente di cure e che la stanno curando con solerzia, dottori ed infermiere molto premurosi e gentili, ci tengono informati.
Senonche cambia il turno ed arriva quella che ben rappresenta quel modo che le ho più volte citato, presa in mano la situazione esclama ma cavolo perchè non l'avete portata prima è molto grave!!
ma noi veramente è dalle 8.40 che siamo in ballo rispondiamo, lei in modo molto severo ed arrogante ...non ci credo nemmeno se me lo giurate contate tutti delle balle, io con il piedone non riesco a saltare il bancone ora sarei in cella di sicuro.
Di sicuro farò esposto, anche se sò che finirà in nulla, negherà!!, indi passerò dalla parte del torto, per aver offeso un medico molto capace nonchè educato che di sicuro non può aver pronunciato quella frase, ma lo farò ugualmente.
La saluto professò, spero solo che "quella" faccia carriera e venga nel suo mondo, anche se ne dubito molto.

PS: ora la nonna si è un pò ristabilita è curata perfettamente e coccolata, bravi dottori brave infermiere, complimenti, quel che c'è da dire lo dico sempre.

Ah!! se avessi 40 anni di meno.

Prof. Stefano Ricci
 

Caro "40 anni di troppo",
effettivamente è bene finirla qui, anche se ci mancheranno le storie e gli aneddoti sfortunati che sfortunatamente Le accadono in continuazione.
Ci tengo però a fare notare come, ancora una volta la sua lettera risulti del tutto inutile, la solita lamentela "sono tutti cattivi", "ce l'hanno tutti con me", ecc.
Intanto le faccio notare che la nonna sta bene ed è curata in maniera soddisfaciente.
Se per arrivare a questo c'è stato del trambusto, vediamo di correggerlo.
Se il primo dottore in costume ha sbagliato, può fare un esposto ai responsabili per avvertirli. Il dottore sarà richiamato e farà un figuraccia con il suo capo ed in futuro starà più attento se è un medico cosciente.
Se l'ambulanza non era ben attrezzata (si tratta in genere di personale volontario che comunque non ne è responsabile) scriva una lettera ai responsabili ed evantualmente al giornale della sua città, così che gli stessi staranno più attenti, dovesse ripetersi l'episodio. In ogni caso la nonna è stata trasportata, perchè lamentarsi tanto ?
Se la dottoressa ultima le ha mancato di rispetto, scriva una lettera ai suoi responsabili (direttore sanitario, direttore del pronto soccorso, giornali) visto che ha delle carte scritte e nessuno può accusarla di mentire.
Ma se la nonna sta bene, ed il tutto capita ad agosto, senza aver speso una lira, forse non c'è anche qualche lato positivo ?
Il bicchiere è sempre lì, mezzo pieno e mezzo vuoto.
Oltre a lamentarsi provi ad agire in senso civico.
Saluti finali
Prof. S.Ricci
Roma


Veindoctor
Roma

vince48
 

No, non le rispondo per avere avere l'ultima parola ma porcaccia la miseria lei è veramente un duro, cosi dal momento che stento a credere Lei non capisca nulla, o non sappia leggere, penso... anzi ne ho la prova, lei non legge proprio nulla, oppure fa finta di non capire, venga qui nel nostro mondo, non si spaventi solo momentaneamente;
tutte le risposte alla sua ultima le troverà proprio in una attenta lettura del mio precedente scritto, ove scrivo ciò che è avvenuto lodo chi lo merità e critico chi no, sono stupito non lo voglia capire.
Qui proprio ora vicino a me c'è chi può contraddirla direttamente, fa il suo mestiere, e mi sta dicendo...
Vince ma perchè non lo lasci nel suo brodo non vedi che va per la sua tangente!!
Io invece, sono arrivato a questa conclusione:
professò Lei ci prova gusto pigliarmi per i fondelli.
Bon adesso metto proprio la parola FINE.

Ah!! se avessi 40 anni di meno.

Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 12:54 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X