Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > MST - Malattie sessualmente trasmissibili > HIV ed AIDS: LA SESSIONE PER PAZIENTI ED UTENTI
Segna Forum Come Letti

   
  #1 (permalink)  
Vecchio 07-07-2005, 16:04 PM

HIV ed AIDS: LA SESSIONE PER PAZIENTI ED UTENTI

Dr. Giancarlo Cavallino
 

Questo è lo Spazio dedicato alla trattazione delle problematiche inerenti l'HIV e L'AIDS

per le tante richieste e la necessità di confronti diretti fra pazienti si è scelto di dara massima libertà a tutti per interventi e discussioni, che si auspicano SEMPRE E COMUNQUE NELL'AMBITO DELLA LICEITA' E DEL RISPETTO RECIPROCO.



Ogni post inerente questo tema posto al di fuori di questo spazio, ED OGNI INGERENZA alle regole di educazione, netiquestte e rispetto reciproco causerà la rimozione automatica.

di seguito alcune FAQ su questa tematica:

F.A.Q.: la risposta c'è, LEGGERE PRIMA DI CHIEDERE


Come ci si contagia/infetta.
Il contagio può avvenire solo con lo scambio dei liquidi sessuali o tramite sangue.

Attraverso i liquidi sessuali, per una una donna, se ingoia sperma maschile di un uomo hiv+, o ha un rapporto sessuale (vaginale, anale) con eiaculazione maschile NON protetto.
Ricordo inoltre, che spesso NON è sufficiente che un uomo "esca" dalla partner prima dell'eiaculazione per evitarne il contagio, in quanto, molti uomini, hanno una fuoriuscita di sperma, detta precum, di cui l'uomo, non se ne accorge.
Il contatto con lo sperma, in qualsiasi parte del corpo su cui non sono presenti ferite, NON è a rischio contagio.

Attraverso i liquidi sessuali, per un uomo, che ha rapporti con una donna hiv+, sono a rischio, il normale rapporto sessuale ma con bassa percentuale, il cunnigulis ed il rapporto anale.

Ovviamente il tutto è valido anche per i rapporti omosessuali.

Attraverso il sangue è possibile contagiarsi, tramite scambio di siringhe (tossicodipendenti) di cui uno è hiv+ e trasfusioni di sangue con sangue infetto.
NON è possibile il contagio, se accidentalmente si viene a contatto con una macchia di sangue su un muro, maniglia lavabo, in quanto il virus muore e quindi perde la sua "efficacia" nel giro di pochi minuti.

Il bacio sulle labbra NON è a rischio contagio.
Il bacio detto profondo o alla francese, potrebbe essere pericolo solo se ci fosse una grossa perdita di sangue dalle gengive della persona infetta.
Il buco nelle orecchie fatto con la pistola NON è a rischio contagio.
I piercing fatti con l'ago in modo professionale prevedono l'utilizzo di strumenti sterilizzati e di aghi monouso quindi NON sono a rischio contagio.


Prevenzione.
L'unico modo per prevenire il contagio da hiv, è avere rapporti protetti con ************.
In caso di tossicodipendenti, è bene NON usare MAI siringhe di altri, anche se si pensa di conoscerli bene.



Come sapere se si è hiv+
Il solo sistema efficace per sapere il proprio stato sierologico, è fare il test hiv+, presso il proprio centro medico e/o ospedale.
Alcune strutture dichiarano di avere test sensibili anche dopo un mese, ma è sempre consigliato farne uno a distanza di sei mesi dal rapporto a rischio.
NON esistono sintomi specifici che riportino al contagio da hiv, in quanto sono sintomi comuni ai più, anche con stato sierologico negativo.
Il test lo si può effettuare in completo anonimato e/o con pseudonimo, in alcune strutture è gratuito.

DAI NORMALI ESAMI DEL SANGUE NON SI CAPISCE SE SI E' HIV+

Le cure.
Oggi come oggi, le cure danno ottimi risultati ed il rischio morte è scongiurato.
NON vi è al momento un vaccino capace di guarire completamente, ma le cure fanno davvero miracoli.
E' MOLTO importante la costanza nel curarsi, in quanto si è meno nocivi per chi vi sta vicino e il rischio morte per la vostra persona, non esiste.
Le cure di oggi, non permettono al virus di replicarsi, quindi il virus rimane nel nostro organismo in bassissima percentuale, non recandoci così danno.
Ribadisco il concetto, che così facendo il virus NON viene debellato, ma viene semplicemente tenuto sotto controllo evitando appunto la sua replicazione.
Le cure, visite ed esami, sono a carico del servizio sanitario nazionale, vi verrà rilasciato un tesserino con esenzione da ticket, e sarà tutto gratuito.


La vita da hiv+
La vita di una persona sieropositiva, è, ne più ne meno, uguale a quella di una persona sieronegativa, anzi, in moltissimi soggetti in cura, si è notato che le normali malattie, raffreddori, mal di gola ecc ecc, tendono a NON manifestarsi.

La società odierna, purtroppo, vuoi per stupidità, vuoi per ignoranza in materia, non ammette persone con questo stato sierologico, quindi è bene, se possibile, non mettere al corrente sul proprio posto di lavoro, i vostri colleghi e/o titolari, in quanto non capirebbero e verreste allontanati ed emarginati, con conseguente perdita del posto di lavoro.
Ovviamente, cercate di usare SEMPRE più cautele possibili, per scongiurare incidenti che potrebbero nuocere a chi vi sta vicino.
In quanto ai vostri familiari, vedete se è il caso di metterli al corrente, sta a voi questa scelta.

E' possibile, grazie alle tecnologie ed ai farmaci d'oggi, poter avere figli sieronegativi, anche se uno della coppia od entrambi, infetti da hiv.
Nel caso di uomo hiv+, si procede col lavaggio dello sperma e conseguente inseminazione artificiale.
Nel caso di donna, viene somministrato un farmaco particolare, che provvederà al non contagio del feto.
Quest'ultima tecnica, è sicura nel 95/96% dei casi.


Cos'è l'hiv/aids.
Cercherò di essere il più semplice possibile.
Il virus del hiv, altri non è che un semplice virus, ad ipotesi, virus intestinale, raffreddore ecc ecc.
La differenza sta nel fatto, che il nostro organismo non riconosce questo virus e quindi gli anticorpi non lo combattono, come farebbero con altri virus.
Inoltre, questo virus ha la particolarità di "eliminare" i CD4 (una famiglia degli anticorpi).
Eliminando questi CD4, si passa dal normale contagio da hiv a quello denominato a.i.d.s. ( Acquired Immune Deficiency Syndrome = sindrome di immunodeficenza acquisita )
L' aids, NON è una malattia, ma uno stato del nostro organismo.
Infatti, venendo a mancare i CD4, e quindi gli anticorpi, NON si muore di aids, ma di un comune raffreddore, in quanto questo, non essendo più contrastato dagli anticorpi, poi si sviluppa in polmonite acuta, che porta appunto alla morte, in ogni caso, hiv+ o hiv-.
Quindi tirando le somme, il virus del'hiv NON è una sorta di peste, ma un semplicissimo virus del quale ancora non si conoscono le "abitudini" per poterlo debellare.

Ribadisco che le cure funzionano....!!!!!

Faccio presente ai più giovani, che il normale vaiolo, la sifilide e/o lo scolo, sono state debellate pochi anni or sono, ma hanno fatto sicuramente più vittime del'hiv.


P.S. state vicini a chi è hiv+ nella vostra cerchia di amici e/o familiari, niente è più efficace di questo.

MIGLIOR COMMENTO
francy74
Ciao a tutti,
intanto mi presento dato che cerchero' di rispondere ai vostri quesiti. Non sono un medico ma una ricercatrice scientifica, mi occupo di biochimica ed enzimatica. Le mie conoscenza sono soprattutto di tipo biomolecolare, e non sono specializzata in virologia.
Detto questo, ora provo a dare risposte sensate!!

Ciao gregg! Io credo che tu possa stare tranquillo. Il test e' risultato negativo. i test di terza generazione sono estremamente sensibili e riscono a rilevare bassissime concentrazioni di anticorpi (ma sempre di concentrazione si parla). E' vero che ogni caso e' a se', ogni persona potrebbe avere tempi di risposta diversi nella produzione di anticorpi in concentrazione tale da essere rilevabili, ma sono comunque passati due mesi dall'ultimo rapporto (quindi una certa conentrazione di anticorpi ci dovrebbe essere) che comunque e' stato protetto e quindi definito "sicuro". Se ti fa stare piu' tranquillo puoi ripetere il test a distanza di un mese.


Ciao Onizuka,
tu e la tua ragazza eravate vergini, non avete mai avuto comportamenti a rischio, non credo ci sia possibilita' alcuna che possiate ever contratto l'HIV. Tutta la sintomatologia da te descritta non penso proprio abbia nulla a che fare con il rapporto che hai avuto (e quindi con un contagio!). Stai tranquillo davvero. Puo' trattarsi di qualunque altra cosa, tipo una mononucleosi (la tua ragazza sta bene?), ma parlane con il tuo medico che magari ti fa fare degli esami del sangue. Cosa ti farebbe pensare che la tua ragazza possa essere HIV+?


Ciao Alec,
il ragazzo con cui hai avuto il rapporto e' siero negativo, non sembrerebbe possibile che possa aver sviluppato una carica virale tale da provocare a te nel giro di tue settimane i sintomi che descrivi. Certamente il fatto che tu sia convinto di aver contratto il virus ha a mio parere un forte peso nel tuo stato di salute attuale. Perche' non vai dal medico cosi' ti fai tranquillizzare anche da lui? Potrebbe semplicemente essere influenza! Fammi sapere


__________________
HIV sezione Pazienti e Utenti: LEGGERE LA PRIMA PAGINA PRIMA DI POSTARE UN MESSAGGIO, probabilmente la risposta la trovate li'

Sono docente di Chimica Medicinale e Biologica
Continua a leggere...
  #2 (permalink)  
Vecchio 03-08-2005, 11:49 AM
greg77
 

Sono un ragazzo gay di 27 anni.
Vorrei esporre la mia storia in modo schematico in modo da non esser frainteso:
- in febbraio-marzo 2005 ho frequentato qualche volta un ragazzo di cui non conosco la situazione di salute. I rapporti anali sono stati protetti. Non ho protetto i rapporti orali, ma non sono venuto a contatto con sperma, non c'è stata eiaculazione durante i rapporti orali, solo liquido preorgasmico.
- a marzo mi son comparse in 2 punti vicino al labbro due piccole infezioni una delle quali guarita sua sponte, la seconda (immersa nei peli della barba non tagliati per non toccare la pelle) si è estesa dopo averla bombardata di burrocacao, vectavir. Il dermatologo mi ha detto che avevo stressato la pelle e per questo si era estesa, dopo 2 giorni di gentalyn unguento, quindi antibiotico la macchia è scomparsa. Dopo un mese è ricomparsa una piccola lesione che ho trovato simile alla precedente, peraltro sempre nello stesso punto accanto al labbro, soltanto molto + piccola (3 mm di diametro) e guarita in qualche giorno.
- il 12 maggio 2005 ho avuto un altro (unico) rapporto con un altro ragazzo, e anche in questo caso non c'è stato contatto con sperma per via orale e la penetrazione è stata protetta. Ha solo appoggiato la punta del pene sul mio ano dopo averci giocato un po, mala penetrazione vera e propria è stata protetta.
Ai primi di giugno ho notato alcune bollicine su una coscia, le ho grattate via ed è comparsa una escoriazione anche in questo caso bombardata con creme, cremine al cortisone, ecc.. Il dermatologo mi ha detto che l'ho pasticciata senza una diagnosi, quindi non guariva per questo, ogni volta che toccavo, impiasticciavo i toglievo la pelle in formazione il processo ripartiva da capo e i tempi di guarigione si allungavano. ora è guarita.
- dulcis in fundo il 12 luglio, cioè dopo due mesi dal secondo e quasi quattro dal primo rapporto di questo tipo (protetti e sesso orale senza eiaculazione) ho fatto il test e è risultato negativo.
In questi mesi non ho avuto febbre, diarrea, sintomi simil momomucleosi infettiva, no adenopatie disseminate, ecc..
L'unica cosa che ho notato è stata l'insorgenza (un paio di volte) di alcune macchioline rosse di diverse dimensioni senza puntini, solo macchioline (diverse da quelle del morbillo che dovrebbero essere a puntini) estese solo in piccole regioni interne del gomito. Ho messo della normale crema per mani e son sparite dopo 10 minuti (immagino che quando si parla di rush cutaneo ci si riferisca a vere e proprie eruzioni che colpiscano viso e tronco, simil morbillo e che non scompaiano dopo 10 minuti con una crema per mani).
Cosa devo pensare di tutto questo??
In questo momento sono abbastanza trnquillo perchè mi han detto che di solito già a 2 mesi il test assume una certa validità e che, soprattutto, il sesso orale non dovrebbe comportare seri rischi.

  #3 (permalink)  
Vecchio 03-08-2005, 11:51 AM
greg77
 

Spesso ho letto qui informazioni sui test hiv e relativo periodo finstra (2mesi? 3 mesi? 6 mesi?.. non si capisce mai bene).
A quanto ho capito io i nuovi test (chiamati di terza generazione) hanno un periodo finestra di 3 mesi, vale a dire se negativi dopo 3 mesi il risultato è definitivo. L'anno scorso avevo fatto il test dopo circa 2 mesi e mezzo dal rapporto non protetto e il mio medico, alla vista del test mi aveva detto che al 99% era tutto a posto.
Ecco perchè si parla di questi famosi 3 mesi anzichè 6.
La domanda che mi pongo io è un'altra: posto che la sierconversione è la comparsa di anticorpi anti HIV nel sangue, perchè un test sia positivo deve esserci già una certa concentrazione di anticorpi o basta che ci siano anticorpi??
Perchè se deve esserci una certa concentrazione di anticorpi allora posso capire che test di ultima generazione possano segnalare la loro presenza anche se in concentrazione inferiore respetto a quella necessaria per vecchi test.
Ma se un test diventa positivo a prescindere dalla concentrazione di anticorpi ma basta che siano presenti allora non capisco come si possa accorciare il periodo finestra.
Un'ultima cosa: ho letto (non si rotocalchi..) che solitamente la sieroconversione avviene a circa 2 mesi dal contagio.
Cosa mi dite?

  #4 (permalink)  
Vecchio 03-08-2005, 20:13 PM
Onizuka
 

il 28 Marzo ho fatto l'amore (nn protetto aihme ) x la 1°volta con la mia ragazza.
Avevo paura d un contagio hiv in quanto dopo 2 gg ho avuto mal d gola,un pò d lacrimazione e starnuti, il naso un pò tappato e ghiandole sotto al collo ingrossate e sputavo sempre tanto muco (mi sembra bianco). Mi è passato dopo circa 12 gg dopo 6 gg di punture alla pennicellina. Avevo mal d gola e sintomi d stanchezza già da una settimana prima del rapporto....

prima ho avuto un'inspiegabile abbassamento d voce, la gola mi faceva male forte e avevo un dolore vicino i lati alla base del collo...(adesso sto pensando caso mai erano ghiandole)
avevo pensato ke forse il getto della doccia mi aveva fatto male visto ke appena finita sta doccia già cominciavo a sentire qlks...
poi i dolori al collo se ne sono andati (forse dopo 1 o 2 gg).
Mi sentivo stanchissimo già da tanto xò, e sudavo la notte (forse in reazione all'aulin)....

Poi è partita la febbre alta il 29/30 Marzo e il dott ha detto ke avevo una tonsillite con riskio d acesso (cosa ke nn ho mai avuto)
avevo il naso tappato ma nn mi sembra da "muccio" x intenderci, mi faceva un male cane ingoiare, avevo difficoltà a mangiare e la gola era un'inferno e poi si era formato qst muco in gola ke riuscivo a sputare (a volte sentivo proprio i pezzettoni)
difficoltà a respirare, dormivo cn la bocca aperta...

fortunatamente oltre alle ghiandole sotto alla mascella nn avevo altre ghiandole tipo ascelle o zona inguinare (me ne sarei accorto o no?fanno male?il gonfiore è evidente?)solo quelle ghiandole vicino al collo mi stanno facendo tremare

sapete se nei primi periodi d contagio si ha qst muco e il mal d gola?


scusate x la spiegazione "skifosa" nei dettagli accurati ma nn sapevo come spiegarvi


la mia ragazza ed io eravamo vergini qndi nn abbiamo mai avuto contatti sessuali, niente uso d droghe, ne piercing (tranne i classici orecchini)ecc...

avevo paura anke xkè qlk tempo prima della 1° volta (circa qlk settimana max un mese prima), io l'ho masturbata ed ha avuto una leggera fuoriuscita d sangue ke qnd mi sò trovato sulle mani (ferite nn ne avevo forse xò il sangue potrebbe essere entrato dalle unghie?)


Ora stavo solo covando una normale infezione o qlks d +?
Il muco presente in modo abbondante nella gola è sintomo d hiv?


Rispondete a tutto x favore!!!

Ti può interessare anche...
Pancia gonfia e meteorismo addio! Bastano 90 giorni

Hai la pancia sempre gonfia e dolente, dopo i pasti e per tutto il giorno? Se il gonfiore e il meteorismo ti stanno condizionando la vita, è ora di reagire.

Il programma Ciao Pancia Gonfia può aiutarti a liberarti del problema dell'aria nella pancia insegnandoti a rivedere la tua alimentazione e il tuo stile di vita, insieme all'utilizzo di soluzioni naturali efficaci come Endofit Gas Control.

Acquista Endofit Gas Control in farmacia, accedi GRATUITAMENTE al programma grazie al codice indicato nella confezione, segui il tuo percorso di apprendimento personalizzato e verifica i miglioramenti del tuo livello di benessere.

Approfitta subito di questa opportunità!


  #5 (permalink)  
Vecchio 03-08-2005, 23:14 PM
Alec
 

Caro Dottore,
Sono praticamente distrutto. Da tre giorni mi sono convinto di aver contratto l'hiv. Le racconto la mia storia.
meno di due settimane fa ho avuto un rapporto orale (senza eiaculazione) con un ragazzo. Dopo 3-4 gironi ho notato la gola gonfia, dopo un paio di giorni anche la parte destra del collo è diventata gonfia e leggermente dolente, e dopo una settimana esatta dal rapporto mi è iniziata la diarrea (2 giorni finora). Leggevo in giro per i siti internet che la fase acuta del contaggio di solito inizierebbe dopo due settimane. Inoltre, mi sono ricordato che la sera in cui ho fatto sesso con questo ragazzo, lui inizialmente non stava un gran che bene, aveva avuto un po' di diarrea e dolori muscolari. Sono andato nel panico più totale (anche perchè leggevo che se si fa sesso con una persona che si trova nella fase acuta è molto più facile che il virus venga trasmesso). Ormai totalmente devastato, chiamo sto ragazzo e gli chiedo di vedermi: lui mi dice che il suo stato quel giorno era dovuto al fatto che non aveva pranzato e a colazione a veva fatto scorpacciata di latte e yogurt, ma chè è in ottima salute, anche perchè un mese prima aveva donato il sangue all'avis (e tutto risultava ok). Il mio dubbio è: magari lui sì è beccato il virus un paio di settimane prima di fare sesso con me, e me lo ha passato.
Insomma, al momento sono distrutto: ho dolori muscolari e mi sento da schifo, ma sinceramente no so se queste cose siano dovute a cause fisiche o a fattori pscilogici. è davvero possiblile pendere un'influenza ad agosto???

((((

  #7 (permalink)  
Vecchio 04-08-2005, 13:37 PM
greg77
 

Cara Francy, intanto ti ringrazio per questa tua risposta. Vorrei farti però un'altra domanda: questi test di terza generazione sono ormai appannaggio di tutte le strutture oppure no, se lo sai? Io ho fatto il test alll'ospedale maggiore di Novara, una grande città del Piemonte, il secondo ospedale + grande del Piemonte. Forse sta domanda ti farà sorridere.
Siamo quasi colleghi, o forse del tutto.
Io sono biologo e faccio l'informatore scientifico.
E questa è la mia rovina credo. Di solito si ritiene che la forma mentis scientifica sia in grado di elaborare scientificamente tutto, appunto. Si direbbe che la razionalità dovrebbe dominate tutto e stare sopra tutto. Ma ci sono momenti in cui la paura e il disagio prendono abbondantemente il sopravvento.
Questi mesi sono stati per me un inferno, credo solo poche volte sia passata più di mezz'ora senza che questi pensieri mi prendessero. Un inferno che augurare al proprio peggior nemico sia da vero bastardo.
Passi i giorni ad esplorare centimetro per centimetro la tua pelle, ti tocchi il collo e le ascelle 250 volte al giorno per sentire una eventuale ghiandola ingrossata, appoggi altrettante volte la mano sulla fronte per sentire se è leggermente calda.. e alla fine lo diventa non foss'altro per tutte le volte che ci hai soventemente appoggiato la mano. E quando poi per caso scopri che ti è venuta qualche macchia (vuoi per il caldo, uno sfogo.. di qualsiasi cosa possa trattarsi) succede tutto di colpo, nel giro di 5 secondi. Una paralisi immediata, la pressione di alza, gli occhi si fermano, la pelle sbianca, la saliva si azzera, le parole tremano e per questo preferisci star zitto... E inizia l'inferno che dura il tempo di provare a dirti.. ma no, non può essere. E allora riparti con quella cantilena che ripercorre il tuo vissuto da quel rapporto a rischio per trovare i motivi per rassicurarti (il rapporto è stato protetto, quello orale no ma non c'è stato sperma, quella macchia era passata subito, il test è etato positivo, il medico dice che... ecc ecc ecc... come le ave Maria di un rosario sgranato) mentre chi è attorno a te parla, gioca, cammina..
le persone che ti incontrano spesso ti chiedono cos'hai perchè ti vedono assente e spento, irriconoscibile se paragonato a mesi prima.. Un automa pieno di ansie e paure... E sei costretto a dire.. No, non è nulla, ma che dici??
Poi quelle maledette enciclopedie mediche che ti dicono tutto e il contrario di tutto... Che apri e sfogli tutti i giorni...
Questo è solo un escursus sul mio vissuto negli ultimi mesi che forse accomuna molte persone che si trovano o per effettivi rischi o per troppa fragilità psicologica di fronte a quello che a volte mi pare un mattatoio mediatico che poco bada a chi ascolta.
Io credo che le sensazione di cui sopra si possano solo vivere, raccontarle può dare un'idea, viverle è da follia.
Vi ringrazio per dare risposte a chi pone domande tremando per quelle che potranno essere le risposte appunto.
Tutto qui. Grazie.

  #8 (permalink)  
Vecchio 04-08-2005, 14:16 PM
Alec
 

Grazie Francy,
lo so che potrei anche essere solo paranoico. grazie del tuo conforto. Ho telefonato al numero verde di un centro specializzato in hiv...anche la dottoressa mi ha detto che di solito sintomi del genere si dovrebbero manifestare nel giro di più tempo ma poi ha concluso con "poi se sei stato particolarmente sfortunato..." [V] Cmq mi ha detto che è presto per il test. Nel frattempo tengo le dita incrociate.
grazie ancora
alec

  #9 (permalink)  
Vecchio 04-08-2005, 17:15 PM
francy74
 

Ciao greg!
ho cercato maggiori info sui test di ultima generazione, e' molto interessante sapere ocme funzionano piu' in dettaglio. Dato che sei un biologo forse ti puo' interessare questo articolo aggiornato al 2005 che riporta anche un sacco di altre referenze http://www.hivmedicine.com/textbook/testing.htm
Non saprei dirti se tutti gli ospedali si avvalgno dei test di ultima generazione, ma puoi telefonare al centro in cui l'hai fatto e chiedere esattamente che procedura hanno utilizato. prova a leggere l'articolo (che e' in inglese) e vedrai che ti rassicurera' molto. Alec, questo vale anche per te, prova a leggere l'articolo, l'informazione, se e' dettagliata, puo' dare un notevole senso di tranquillita'!

Onizuka, guarda davvero puoi stare tranquillo, anzi tranquillissimo! Tu e la tua ragazza avete senz'altro preso una tonsillite, non pensarci piu'. Certo io eviterei di usare le lamette in comune e anche lo spazzolino, ma stai tranquillllllllllllllllissssssimoo!!

ps: greg, io sono laureata in chimica e ho fatto il dottorato in chimica organica, ma da quasi quattro anni mi sono dedicata alla biochimica!

  #10 (permalink)  
Vecchio 04-08-2005, 17:45 PM
MaximusDecimusMeridio
 

Cara Francy, sicuro di una tua risposta, ringrazio anche anticipatamente.
Ho la fobia di aver contratto il virus dell' hiv dopo1 rapporto orale protetto, con una prostituta giovane di colore. Il rapporto risale a circa 2 settimane fa, e da allora l'ansia ha preso il sopravvento, la mia mente ripercorre fotogramma per fotogramma quei 20 minuti di quella sera di ormai 15 gg fa, perche' dal giorno dopo ho iniziato ad avere problemi di digestione, ogni 2 o 3 giorni ho un episodio diarroico, fastidio in zona inguinale....che siano i linfonodi?.......emicrania...
La mia paura deriva anche dal fatto che il ************ melo ha proposto lei:
se fosse stato mal conservato,scaduto,o contaminato magari con un ago infetto?
Quello che e' certo e' che il ************ melo sono messo io....poi durante il rapporto orale (solo orale)...le mie mani andavano ovunque sul suo corpo dato che lei ormai nuda..mi continuava a provocare per aver più soldi per porre in essere un rapporto protetto ma completo, cosa nn riuscita...ma come dicevo ho continuato a masturbarla per tutto il rapporto orale.. mentre lei lasciava colare sul mio scroto la sua saliva senza imgoiarla.
Alla fine, mi sono tolto io il ************ ed ho paura di aver toccato il glande con le dita..anche se l'unica azione che ho fatto è stata quella di sfilarlo tirando dal serbatoio.
Vorrei gentilmente sapere se ho corso qualche rischio:
la sua saliva puo' avermi contaggiato...?
i sintomi che provo sono riconducibili ad un eventuale contaggio?
il ************ puo' essere un veicolo di contaggio?
grazie 1000,.....aspetto una tua risposta.....spero di tornare a dormire sereno..........

  #11 (permalink)  
Vecchio 04-08-2005, 17:58 PM
francy74
 

Ciao MDM,

il contagio attraverso il rapporto orale sarebbe stato un rischio concreto per lei e non per te, a meno che tu non abbia praticato sesso orale a lei. questo e' un'altro sito che documenta innanzitutto che il rischio di trasmissione dell'HIV attraverso sesso orale sia molto minore rispetto a sesso vaginale o anale, e che pur essendoci il rischio teorico che sia chi subisce che chi pratica sesso orale possano essere infettati, non ci sono casi riportati di alcuna trasmissione da chi "pratica" a chi "riceve", in piu' tu avevi il ************ dall'inizio alla fine.

http://www.avert.org/orlsx.htm#q3

  #12 (permalink)  
Vecchio 04-08-2005, 21:27 PM
francy74
 

ciao onizuka,

guarda per lo spazzolino e le lamette in effetti se non le usi immediatamente dopo qualcun altro, ma vengono lasciati asciugare teoricamente non c'e' problema per quanto riguara i virus, (ne' tanto meno la carie!), ma alcuni batteri possono essere molto resistenti e diciamo che dal punto di vista igienico sarebbe meglio evitare. per il resto penso tu possa davvero stare tranquillo. per il muco non saprei proprio dirti...mi dispiace!

  #13 (permalink)  
Vecchio 05-08-2005, 12:39 PM
greg77
 

vorrei saper qualcosa circa il rush cutaneo.. come si presenta, dove e in quali tempi? è sempre associato ad altra sintomatologia? Grazie

  #14 (permalink)  
Vecchio 05-08-2005, 12:56 PM
greg77
 

Chiedeo del rush cutaneo in quanto, dopo due mesi e mezzo circa dall'ultimo rapporto tutto sommato poco rischioso, orale senza contatto con sperma, mi son venute delle macchioline rossastre sulla parte interna di un gomito, passate dopo 10 minuti dopo applicazione di una delle tante creme per mani.

  #15 (permalink)  
Vecchio 05-08-2005, 15:05 PM
francy74
 

no problem MDM!

greg, ma il rush non puo' semplicemente essere il caldo?

Carica altri commenti...
   

Tag
contagio, hiv, sangue
Strumenti Discussione



Adesso sono le 19:24 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X