Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Ortopedia e traumatologia > Rischio Spondilodiscite
Segna Forum Come Letti

   

Rischio Spondilodiscite

Eagleray
 

Buongiorno,

mia madre (77 anni) ha appena eseguito una risonanza lombosacrale con il seguente esito:
L'esame evidenzia un'importante quadro scoliotico, con rettilineizzazione della lordosi, diffuse eversioni spondiloartrosiche spigolosomatiche di alto grado. I somi L1-L2 mostrano alle limitanti contrapposte sul versante centro laterale sinistro un elevato edema spongioso, associato a tale livello un netto assottigliamento del disco, in prima ipotesi per elevata spondilite-osteite reattiva da alterato carico, ma che risulta necessariamente meritevole di inquadramento specialistico, inquadramento terapico, e controllo RM a 30 giorni in corso di adeguata terapia onde escludere evoluzioni di spondilodiscite o cedimento o fusione vertebrale. Modeste note edemigene sottocorticale con assottigliamento fiscale anche a livello centro laterale destro di L3-L4 anch'essa in prima ipotesi su base di alterato carico scoliotico, e meritevole di monitoraggio a 30gg. In sede D12-L1 il disco deborda in maniera circonferenziale improntando profilo anteriore del sacco durale. A sede L1-L2 il disco nettamente assottigliato deborda in ampia maniera circonferenzialmente improntando il sacco durale, e con modico maggior sviluppo mediano paramedico sinistro impegno a livello medio inferiore ed extra foramina a sinistra.
A sede L3-L4 il disco assottigliato deborda in maniera circonferenziale improntando posteriormente il sacco durale con un maggior sviluppo para mediano destro, intraforaminale medioinferiore destra ed extra foramina destra dove impronta la radice passante.
A sede L4-L5 modico debordamento circonferenziale del disco che segna profilo anteriore del sacco durale con impegno a livello inferiore del frame di coniugazione a sinistra e medio inferiore a destra dove impronta da sotto la radice passante.
A sede L5-S1 non significative impronte oste discali sul sacco durale.
Piccola cisti sinottica di Tarlov nel canale sacrale di S2.
Necessario inquadramento specialistico-terapico e controllo a 30 giorni in corso di adeguata terapia.

Volevo gentilmente sapere qual'e il suo parere in merito e che genere di terapie sono consigliate.

La ringrazio anticipatamente per la sua gentile risposta.

Roberta

Leggi altri commenti
Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 06:20 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X