Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Diabete e patologie correlate > Mi hanno riscontrato il diabete
Segna Forum Come Letti

   

Mi hanno riscontrato il diabete

Sah
 

Buon giorno a tutti, mi chiamo sarah ho 31 anni e sono disperata!!!Sinceramente le sto provando tutte!! Ho chiesto se mi possono operare, ma il mio bravissimo Proff.Secchi del San Raffaele di Milano mi ha dato della pazza!!!!!! Circa 1 anno e ½ fa mi hanno riscontrato il diabete (al momento dell’esame ero a 700 mg/dl – peptide C basale 1.18 ng/dl (sotto le feste Natalizie…)) ovviamente mi hanno iniziato subito la terapia insulinica. Non Le dico lo sconforto, la depressione, mi "hanno" sconvolto la vita!!! E Le dico, tuttora ci convivo, ma NON riesco ad accettarlo!!! Perché sono fatta così strana!!!? Appena uscita dall’ospedale e iniziando a capire ciò che mi stava capitando ho avuto tantissimi miglioramenti, da 12 unità a pasto sono arrivata a farne addirittura 3…..ovviamente dentro di me c’è SEMPRE la speranza che mi possa passare….cosa che pian piano sto escludendo…Per farla breve, ora faccio la puntura solo se mangio, come le chiamo io, le schifezze (brioches, gelatino, pizza). Ho abolito il pane, la pasta non ne ho mai mangiata tanta (ero la classica donna fissata con la linea!!!) quindi durante i pasti mangio normalmente insalata, proteine e non ho bisogno di fare la puntura, tranne una che tutti i giorni è fissa e cioè a colazione: caffèlatte + 1 brioches ovviamente vuota e senza zucchero sopra (per fortuna non mi sono mai piaciute!!!) e faccio solo (a seconda dei periodi) 3 o 5 unità, cosa ne pensa? Non ho mai fatto quella notturna. Le faccio alcuni esempi sugli esiti:
CON 3 UNITA’:

al risveglio: 113 - 117 - 108

2 h.: 145 - 139 - 150

3 h.: 106 - 96 - 121

Quando mangio la pizza al mattino è tragico, perché alla sera vado in ipo e al mattino (mi hanno poi spiegato…) salgono i carboidrati lenti e sono quasi sempre alta!!!

CON 3 UNITA’:

al risveglio: 205 - 240 - 230

2 h.: 90 - 78 - 58

3 h.: 117 - 80 - 77

A volte poi sono completamente sballata da fattori non spiegabili: ciclo…, arrabbiatura (non immagina quanto mi si alza…), quando sbaglio a fare la puntura….ecc…

Ogni 2-3 mesi faccio gli esami e le dico un po’ di valori:

EMOGLOBINA GLICATA:

6.8 – 6.5 – 6.7 – ORA 6.9

S-PEPTIDE C:

1.18 – 0.98 – 1.44 ORA 1.20

Scusatemi se vi ho stressato, ma tutto ciò per chiedere se avete qualche consiglio da darmi, devo per forza continuare con la terapia insulinica o posso tentare con una dieta e pastiglie? Poi ora si vede che mi sono stabilizzata rispetto al passato e non mi accorgo più quando vado troppo sotto, l’altra volta ero a 35 e stavo più o meno bene….

MIGLIOR COMMENTO
Dr. Fabio Baccetti
Cara Sarah per prima cosa sarà bene che lei capisca una cosa. Il Diabete Mellito è una malattia cronica ma diventa anche invalidante se non si riesce ad accettarla e ci si fa prendere dalla depressione come sta facendo lei. Potrebbe essere utile confrontarsi con altri pazienti o magari chiedere aiuto ad uno specialista che abbia esperienza nel settore.
Il fatto che lei in questo momento non faccia insulina o almeno molto poca è dovuto alla presenza della cosidetta luna di miele cioè quel periodo dopo l'esordio acuto della malattia in cui il pancreas recupera un pò della propria funzionalità prima poi di perderla del tutto. In questa fase sarebbe bene avere la Glicemia il più possibile vicino al normale per stressare meno possibile il pancreas e quidi conservare più a lungo questa secrezione residua. Questo si vede anche dal dosaggio del suo C-Peptide che era basso alla diagnosi e che poi è risalito per poi cominciare a diminuire. La dieta poi che sta seguendo è la PIù SBAGLIATA CHE POSSA FARE perchè la dieta tipica del paziente diabetico e badi bene anche di ognuno di noi è quella mediterranea che prevede che il 60% delle calorie derivino dai carboidrati complessi come pane, pasta, riso, patate, legumi. Fra l'altro chi fa terapia iniettiva DEVE sempre assumere carboidrati complessi se non vuole ritrovarsi in ipoglicemia un'ora dopo il pasto. La briosche alla mattina si può anche concedere ma si ricordi che le briosches contrrariamente a quanto si crede hanno un altissimo contenuto di grassi e non di zuccheri e quindi oltre ad essere un carico calorico notevole rispetto al pane o alle fette biscottate rallentano l'assorbimento degli zuccheri nell'intestino. E' questo il motivo per cui la pizza le alza così la glicemia la mattina dopo in quanto nella pizza, se non rossa, ci sono tanti grassi che prolungano l'assorbimento degli zuccheri nel sangue e quindi allagrano il picco glicemico.
Quindi il mio consiglio è dieta mediterranea ed adeguata terapia iniettiva che per il momento può anche essere di solo una o due iniezioni ma che poi passato il periodo di luna di miele per il miglior controllo metabolico possibile deve essere di almeno 4 iniezioni al giorno (analogo ad azione rapida dell'Insulina a colazione, pranzo e cena ed Insulina Intermedia o analogo ad azione lunga dell'Insulina la sera prima di coricarsi). Si nota fra l'altro come la sua glicata sta cominciando ad aumentare e che quindi probabilmente è già giunto il momento di passare ad uno schema più consono alle glicemie che riscontra. Ricordi che se vuole evitare le conseguenze del diabete mellito l'emoglobina glicata deve essere inferiore a 7%, meglio 6,5%.
Infine lei a 35 stava bene (ricordi anche che sotto 80 mg/dl di glicemia i reflettometri hanno un'alta variabilitàe quindi 35 poteva essere 50 come 25 reale) perchè avendo avuto glicemie basse il suo organismo si è resettato su valori più bassi prima di dare l'allarme..ehi attenzione mancano gli zuccheri...questo però non vuol dire che le sue cellule nervose non ne abbiano sofferto dato che sono molto sensibili agli sbalzi glicemici. Perciò tenga la glicemia un pochino più alta e vedrà che subito tornerà tutto come prima e si ricordi che lipoglicemia è molto più dannosa nel breve periodo dell'iperglicemia.
Insomma sarah coraggio e se ha altre domande io sono qua.
Cordialmente
Dr. Fabio Baccetti
__________________
I visitatori di questo forum sono pregati di porre domande o richieste di chiarimento riguardanti l'argomento specialistico del forum e non argomenti di medicina generale a cui può benissimo dare risposta il medico curante.
Inoltre per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo forum dal dott. Baccetti devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento.
Leggi altri commenti
Giugia
 

35???
bene??? stai attenta perchè nel diabete non sono pericolose solo le iperglicemie ma anche le ipoglicemie ed è grave che con 35 tu non ti accorga di essere in ipo!! io non me ne accorgevo neanche all'esordio ma ero bambina e infatti più di una volta sono svenuta e ho avuto anche delle convulsioni!! stai attenta!!! secondo me il fatto che mangiando la pizza ti sballi così (anche a me purtroppo capita perchè la pasta della pizza è zuccherata) vuol dire che non puoi fare a meno di farti l'iniezione. Cmq sii soddisfatta che ne fai una sola e hai glicemie buone!!!

Sah
 

Gentilissimo Dott. Fabio Baccetti, grazie...grazie per un'infinità di volte per avermi risposto...è stato il I°!! Non immagina veramente il piacere che mi ha fatto...grazie anche per essere stato così sincero, e magari anche troppo schietto per me, ma meglio così. Ha perfettamente ragione, io non riesco a viverla bene, ma sinceramente anche il mio Prof. cerca sempre di farmi ragionare, ma non riusciamo proprio a capire il perchè...non per cattiveria, ma credo di aver bisogno di uno psicologo. Il problema più grosso è che non conosco nessuno con questo problema, o meglio tutti mi dicono: ah si anche mio zio (Tipo II), anche mio nonno (Tipo II) anche mio padre (Tipo II) una volta: ah si anche mia figlia (3 ANNIIIII!!!) ed io non mi sono MAI potuta confrontare con un mio simile. Parlarne è veramente tanto utile...ma parenti e amici (non vivendola personalmente) ti possono aiutare, ma fino ad un certo punto....
Dato che La trovo in gamba....volevo farLe anche una domandina: che ne pensa del GlucoWatch? Nel senso ne vale la candela? Io potrei procurarmelo, ma mi hanno detto (il mio super Prof!!!) che per ora non vale i soldi che costa (o meglio il costo dei ricambi) perchè non pienamente attendibile...Lei mi piace come schiettezza quindi volevo anche un suo parere...
Comunque La ringrazio davvero immensamente...è riuscito a sollevarmi un pochino...è un gran passo eh!!! Buonissima giornata...

Sah
 

Giugia....noto che anche tu....ti dispiace se ti chiedo come la vivi? Ma magari è diverso perchè mi parli di quando eri piccola, quindi ce l'hai da tanto?? Scusa, ma come hai potuto notare, anche dalla mia risposta IO ODIO QUESTO PROBLEMA, ma se mi chiedi il vero motivo NON LO SO!!!! Cavoli...

Giugia
 

ciao Sah! si io ce l'ho da tanto e quindi ormai mi sono abituata e l'ho accettato!!! ho 26 anni e ce l'ho da 22, quindi da quando avevo 4 anni! cerco di tenere il più possibile sotto controllo la glicemia ma devo dire che ho un diabete piuttosto ballerino e quindi non riesco a fare scendere la glicata al di sotto di 7,4%!! Faccio 4 iniezioni al giorno e come ha detto il dott. seguo una dieta mediterranea, mangiando pasta a pranzo e un secondo con contorno di verdura a cena, di solito! Anche io ho attraversato un periodo di non accettazione dai 13 ai 18 anni circa (la glicata mi era arrivata a 11,2! perchè mi trascuravo anche perchè avevamo problemi in famiglia!)....poi sono cresciuta e mi sono resa conto che era ora di rimboccarsi le maniche e darsi da fare!!! così cerco di tenermi sotto controllo anche se è difficile...io vado a periodi pensa che di estare diminuisco tantissimo l'insulina e ne faccio veramente poca! guarda la cosa che mi fa male di più è cmq non poter mangiare dolci perchè sono molto golosa ma per l'insulina e il resto vedrai che è solo questione di abitudine!

Dr. Fabio Baccetti
 

Buongiorno...per prima cosa piccola nota per Giugia...guarda che anche nelle ultime indicazione dell'associazione scientifica diabetologica americana, la più importante ed autorevole al mondo, da anni ormai è sfatato anche il mito del non poter mangiare dolci. Nel senso che si dice in queste linee guida che piccole quantità di zuccheri semplici come dolci o gelati nella dieta del paziente diabetico sono ammesse purchè adeguatamente coperte dall'assunzione di insulina o analogo. Piccolo esempio pratico: ai miei pazienti dico sempre che se la Domenica o altro giorno vogliono mangiare un pò di dolce a fine pasto...bene ok ma fatevi un pò più di unità....se invece magari in estate a metà pomeriggio volete mangire il gelato...ok però prima iniezione di analogo 2-4 UI..ok giugia??
Per sarah....si lo so a volte sono anche troppo rude e sincero e mi scuso se magari avresti voluto un'altro tono ma ritengo che prima di tutto si debba essere professionali nelle risposte su questo forum e poi magari empatici. Comunque sul glucowatch sono molto perplesso primo perchè comunque ogni giorno va tarato con lo stick normale fatto al dito con sangue capillare e poi perchè lo stesso meccanismo intrinseco facilita fortemente la formazione di irritazione cutanea nel punto di applicazione se non vere e proprie rezioni allergiche o sensibilizzanti. Infatti per tali motivi la stessa FDA non lo ha approvato per l'uso nei bambini. Perciò lascerei perdere anche erchè oggi abbiamo reflettometri che permettono il prelievo della goccia da siti alternativi come l'avambraccio (lo ho provato io stesso ed è veramente indolore) anche se questi siti vanno usati con cautela e non sostituiscono completamente il prelievo dal dito.
Dai su cera pian piano di capire la situazione e magari davvero parlarne con uno psicologo potrebbe aiutarti....se vuoi io sono sono sempre qua.
Cordialmente
Dr. Fabio Baccetti

Sah
 

Buon giorno a tutti, sono davvero MOLTO felice di aver trovato questo forum....non potete immaginare quanto. Grazie ancora Dottore, e La prego continui ad essere SEMPRE così schietto e sincero, è duro, ma SERVE!!!! Le sarò per sempre debitrice per la Sua infinità disponibilità...

X GIUGIA

Io ho 31 anni e l'ho da solo 2 quindi penso che mi ci voglia ancora un pochino....in più sinceramente prima di averlo non sapevo ASSOLUTAMENTE che fosse, lo avevo sentito solo nel film "Jhonny Stecchino"!!!! e neanche lì avevo capito realmente che fosse!!!! In famiglia NESSUNO ce l'ha, ma neanche negli avi (nonni e bis nonni intendo!!) nessuno lo ha avuto, quindi essere ricoverata per diabete a 700!!!!!!!! A capodanno.....puoi immaginare lo shock!!! Comunque grazie per avermi scritto, se ti va si può chiacchierare ogni tanto. Potrei chiederti di dove sei? Ti va di raccontarmi un pò della tua vita? Solo se ti va eh!!! Ciao cara.

Giugia
 

Grazie dott. Baccetti, terrò conto del suo consiglio. Abitualmente non mangio dolci ma può capitare qualche occasione anche se io starei sempre a mangiare dolci specialmente cioccolato!!!

Per Sah...neanche nella mia famiglia c'è stato alcun caso e tra l'altro mi è venuto improvvisamente senza una reale causa bhooo io sono di Palermo!!! vedo che sei della Lombardia....siamo piuttosto lontane!

patrizio1969
 

Cara sah..io ti capisco benissimo..anche io è da 2 anni circa che ho questa malattia..probabilmente non l'ho accettata e ti capisco quando dici che sia molto difficile accettarla..anche a me è crollato il mondo addosso..ma cosa possiamo fare??..mi è rimasta impressa una frase detta da un medico dell'ospedale dove fui ricoverato nell'aprile di 2 anni fa..benvenuti nel girone dei dannati..ecco quella frase detta in modo scherzoso mi è rimasta impressa..perciò hai tutta la mia comprensione..baci

Dott. Alessandro Taroni
 

Ragazzi/e, proviamo a capovolgere l'ottica del discorso.

Tanto per cominciare, il diabete può essere curato in modo ottimale: questa è obiettivamente una gran bella cosa! Voglio dire.. esistono condizioni patologiche moooooolto peggiori, sia dal punto di vista clinico sia dal punto di vista psicologico. L'insulina e gli ipoglicemizzanti orali, per quando sgradevoli da assumersi, ci garantiscono la possibilità di condurre una vita più che dignitosa. Per molte malattie, la cura semplicemente non esiste.
Per la nostra sì! [8D]

Poi: accettare di essere diabetici è importante non solo per non svegliarsi al mattino con la voglia di buttarsi dalla finestra. E' importante soprattutto perchè rappresenta un requisito fondamentale per curarci al meglio! Se non riusciamo a farci una ragione della nostra condizione, non riusciremo nemmeno a dedicarle l'attenzione che merita e finiremo con l'anteporre le nostre frustrazioni al nostro benessere. Se invece impariamo a convivere col diabete, diventa anche automatico, nel tempo, mettere in pratica tutti gli accorgimenti necessari a mantenere sotto controllo la glicemia.

Il diabete non è una maledizione. Essere diabetici non è una colpa. Un pancreas che non funziona al 100% crea problemi al nostro organismo solo nella misura in cui noi glielo consentiamo: mi rendo conto (e me lo ricordo bene!) che all'inizio tutto sembri una sorta di incubo ma col tempo ci si può abituare anche a farsi 4 o più iniezioni al giorno, a sbucazzarsi i polpastrelli per eseguire la misurazione della glicemia, a rinunciare a qualche vizio di gola, e via dicendo.

Tutto questo, per quanto indesiderabile, mi pare un piccolo prezzo per la nostra salute

Quanto al resto, il diabetico NON è un individuo di serie B: possiamo fare più o meno tutto quel che fa una persona sana (di certo possiamo fare TUTTE le cose importanti che fa una persona sana) e meglio di essa!

Concludendo (e scusandomi se forse mi sono dilungato troppo..): teniamo duro e cerchiamo di guardare al futuro con un certo ottimismo; non perdiamo tempo a piangerci addosso (anche perchè non ne abbiamo motivo!) e preoccupiamoci piuttosto di "comprendere" il diabete, per evitare di trovarci, fra qualche anni, a dover fronteggiare problemi che, semplicemente, non si sarebbero presentati se avessimo attribuito maggiore importanza alla nostra salute

Dr. Fabio Baccetti
 

Non posso che concordare appieno con darimar e dirli grazie per averlo detto e spiegato così chiaramente.....patrizio...scusa mi spiace ma anche fra i medici i cretini abbondano...
Dr. Fabio Baccetti

Sah
 

Carissimo Patrizio1969, grazie un infinità di volte per avermi scritto....probabilmente hai centrato il problema, "il modo in cui si pongono o meglio ti dicono le cose!!!". Quando sono stata ricoverata a San Donato (dicono i più esperti....stenderei un velo pietoso...perchè in una settimana di ricovero mi facevano la prova dopo mangiato e mi davano da mangiare i "sofficini" "una quantità di risotto con funghi" "banane"....e si stupivano perchè eravamo alti....alla sera ti davano la camomilla e ti chiedevano: quanto zucchero?) io ero COMPLETAMENTE ignara all'esistenza di questa malattia e mi hanno detto: Eh, praticamente il tuo pancreas non funziona più e tu ti devi rassegnare e rendere conto che sei malata, e dovrai farti 3 se non 4 punture al giorno prima di mangiare... E ti giuro che NON sapevo neanche dell'esistenza di questa malattia se non con Jhonny Stecchino, ma ovviamente presa sul ridere e senza sapere che fosse in realtà....Posso chiederti quanti anni hai?
Concordo con Darimar, esistono 100 se non 1000 problemi più gravi (MOLTO più gravi...), ma è quando tu ce l'hai e lo vivi, anche se è minimo lo vedi insormontabile....e lì subbentra il fattore CARATTERE....e lì purtroppo vengo fregata!!! Ora dirò una cosa che il Dott.Baccetti mi ammazzerà....pur di non fare la puntura (che ormai è di routine...e non è più un problema...) ho completamente escluso i carboidrati dalla mia dieta...esclusa la pizza il fine settimana e la "mia" brioches mattutina....ma la mia paura più grossa (in seguito a tante chiacchiere di troppe persone diverse) è che il pancreas si abbitui all'insulina e smetta completamente di lavorare....per ora lavora ancora capisci e quindi vorrei fare il possibile perchè duri....ieri sera ho mangiato fuori per un matrimonio, non ho mangiato il primo, ma ho mangiato antipasti, contoni, carne, pesce, escluso anche il dolce ovviemente (che non era neanche buono x fortuna....) ho mangiato davvero tanto senza insulina e sono andata non bene, benissssssssimo....ho sgarrato anche bevendo 2/3 bicchieri di Champagne!!!!! (non bevo mai...). Sò di sbagliare, ma ho fatto delle scernite nella mia alimentazione, ciò che mi interessa tipo gelato (per il quale stravedo) ho imparato quante unità fare (per un bel coppone da €. 2,00 con panna montata "senza zucchero" 4-5 unità....per la pasta che non ci ho mai stravisto nel senso che anche prima non la mangiavo, non ho mai voluto imparare quanta unità fare...se ci sono dei dolcetti, piuttosto evito di mangiarli....e raramente ci soffro...ah, da tener conto che sono molto sportiva, vado ogni giorno in palestra, sono bene o male sempre in movimento quindi questo mi aiuta tantissimo. Tipo a volte sono un pò bassina prima di andare in palestra e un pezzettino di cioccolato (proprio ino però) me lo concedo...o qaundo sono in ipo anzichè prendere lo zucchero mangio un pezzo di Kinder....sembrerò forse un pò viziatina...ma così facendo riesco a viverla meglio così perchè vedo meno le rinuncie...scusate il mio dilungamente, ma probabilmente ho proprio bisogno di parlarne con qualcuno e liberarmi un pò...buona giornata a tutti...e vi ringrazio!!!

Dr. Fabio Baccetti
 

Cara sarah non mi scandalizzo solo che ribadisco che la tua dieta è sbagliata. Prendiamo ad esempio ciò che fai quando sei bassa o in ipo...quando si è in ipoglicemia bisogna assumere subito 5 gr di zucchero semplice in acqua o latte e poi mangiare 2-3 fette biscottate o un frutto o un pachetto di crackers perchè l'ipoglicemia è stata provocata dal fatto che hai fatto troppo insulina o mangiato troppo poco. Beh lo zucchero semplice dura nel sangue circa 5 minuti e dato che invece l'azione dell'Insulina dura molto di più perciò se non fai come ho scritto sopra è probabile che ti risucceda di nuovo. La cioccolata poi è un ottimo antidepressivo perchè aumenta la serotonina come tutti i più moderni antidepressivi cosidetti serotoninergici (non mi fate far nomi ma certamente tutti conoscete il pr..ac e nel mezzo c'è una o e una z ) ma contrariamente a quello che si crede è composta per la maggior parte da GRASSI e non da zuccheri e quindi lentamente metabolizzata e non utile per uscire dall'ipoglicemia velocemente come si deve fare.
In ogni caso sei sulla buona strada perchè hai capito come fare quando vuoi mangiare il gelato...solo che ricorda...non esistono alimenti senza zucchero per diabetici.....esistono alimenti specificatamente pensati per i pazienti diabetici o in sovrappeso che hanno al posto del saccarosio (zucchero da cucina) dolcificanti ma di solito quando si dice alimento senza zucchero si intende un alimento in cui al posto del saccarosio si è messo il fruttosio (lo zucchero della frutta) che ha si un indice glicemico inferiore al saccarosio (capacità di far innalzare la glicemia), di poco, ma certamente dal punto di vista calorico non è neutro come il dolcificante.
Infine...non fare insulina per non far abituare il pancreas..qui permettimi di fare una piccola premesse. Il Diabete Mellito tipo 1, cioè quello che necessita di insulina dall'esterno, si sviluppa perchè improvvisamente il sistema immunitario che ci difende dall'infezioni e dagli agenti esterni, impazzisce e comincia ad attaccare non riconoscendole come proprie (amiche, sue) le strutture del suo stesso organismo. Questo accade per predisposizione genetica (cioè si nasce così) e per fattori ambientali di cui ancora AHIME (lo metto maiuscolo perchè questa è una delle più grosse lacune scientifiche della nostra branca) non si sa nulla; quindi il sistema immunitario attacca le cellule beta del pancreas (quelle che producono l'insulina) e le distrugge. Dato che queste cellule hanno una certa capacità replicativa il processo va avanti finchè ste cellule sono in numero sufficiente a produrre adeguate quantità di insulina. Perciò all'esordio della malattia più precoce è la terapia insulinica è più di queste cellule si preservano perchè dando insulina dall'esterno "si mettono a riposo" e questo paradossalmente riduce l'attacco del sistema immunitario verso di loro. Perciò più precoce è la terapia più cellule si preservano e meglio è perchè il controllo metabolico si raggiunge più facilmente. Inoltre sono in studio, ma sia chiaro in sperimentazioni ancora alle fasi iniziali, farmaci o meglio sostanze, che aumentano la capacità riproduttiva di queste cellule dimodochè si possa ricreare un patrimonio cellulare adeguato. Anche se in questo caso bisogna comunque arrestare la reazione autoimmunitaria che sennò distruggerebbe anche queste.
Capisco che l'argomento è difficile e complicato solo con queste righe voglio dire che il futuro per la ricerca in questo campo è davvero roseo nel senso che di qui a 5 aa si avranno novità importanti che potranno davvero cambiare la terapia del diabete mellito tipo 1. Sia chiaro no a inutili e facili entusiasmi tipo quello per l'insulina spray che come ho già avuto modo di scrivere su questo forum non sarà poi quella novità utilizzabile da tutti, ma guardare al futuro con speranze fondate e non illusioni.
ok???
Cordialmente
Dr. Fabio Baccetti

patrizio1969
 

Cara Sah..anche x me fino al mio ricovero ospedaliero questa patologia era praticamente sconosciuta..x la cronaca ho 36 anni..in effetti posso dire di avere alcuni parenti che sono portatori di diabete(mio padre era diabetico ma non insulino dipendente)..il padre di mia madre era diabetico anche non insulino dipendente e qualcun altro nella famiglia(anche se parenti di 2 o addirittura 3 grado)quindi probabilmente un rivolo genetico nel mio caso c'è..appunto però fino a quando il problema non ti investe personalmente non puoi capire la gravità..anche io avevo sentito parlare del diabete quasi come una malattia da "baraccone" anzi sembrava quasi che chi era colpito da questa "strana" patologia dava addirittura comicità!!...non ti dico le "battute" che spesso bisogna sorbirsi quando si sta in compagnia tipo "patrizio ti va un bel gelato alla crema?" o "pat stasera andiamo a casa di daniela tu che torta vuoi??"..e tu "poveraccio" che magari già hai i tuoi problemi devi anche "sorridere" x non mostrare quanto soffri!!..e dire che una volta(circa 20-21 anni fa)c'èra in classe mia uno studente che si portava appresso l'insulina in un contenitore e a me quella siringona mi faceva un effetto così strano...e chi me lo doveva dire che la stessa cosa sarebbe capitata anche a me!!!...x quanto riguarda il discorso + tecnico sulla alimentazione credo che il dott baccetti abbia ragione in pieno non si può mai fare il fai da te in questi casi bisogna seguire la terapia dietologica data dallo specialista anche se devo ammetterlo è umano sgarrare(anche io di tanto in tanto lo faccio)ti raccomando di non prendere sotto gamba le raccomandazioni mediche perchè sono molto importanti...
Dolcissimi Baci!!!

Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 19:58 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X