Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Diabete e patologie correlate > troppa insulina?
Segna Forum Come Letti

   

troppa insulina?

schirach
 

dal giorno di pasqua mia figlia ha iniziato ad accusre giramenti di testa, debolezza acuta, mal di testa e una leggera nausea. Inizialmente la guardia medica ha attribuito tuttoad un consistente calo di pressione (inf. 60-40), successivamente però assumendo Gudrun ci siamo accorti che l'effetto durava poco ed era sempre più debole. Oltretutto aveva anche perso peso nell'ultimo periodo e non riusciva più a fare la sua normale attività fisica ( 90 o 130 minuti di camminata). Ci siamo rivolti al'ospedale più vicino che l'ha ricoverata notando che tutti gli esami di routine risultavano nella norma, salvo l'emocromo in cui era alto il ferro (184) e lievemente bassi globuli bianchie piastrine. L' Olter pressorio ha confermato l'ipotensione. Oltretutto hanno visto che assumeva eutrirox50 da almeno 4 anni, ed hanno deciso di sospenderlo visto che (con l'assunzione dell'eutirox) i valori del TSH etc. erano nella norma. Hanno rimandato mai figlia a casa con poche risposte e ancora molto debole. Tornata a casa però ha recuperato gradualmente le foze, ma ogni 2-3 ore adesso accusa una gran fame e non le passa se non mangia molto sostanziosamente, altrimenti accusa debolezza, offuscamenti della vista e molto mal di testa. Data la fame e il peso (54kg per 1,75metri) le hanno fatto fare una curva glicemica e insulinemica, la curva glicemica è: digiuno 80mg/dl; dopo 30' 122, dopo 60' 135, dopo 90' 119 e dopo 120' 87. La curva insulinemica invece è: digiuno 4 mU/L,dopo 30' 30, dopo 60' 44, dopo 90' 39, dopo 120' 34. Dato che i valori di riferimento dell'insulina scritti sono 3-25 ci è sembrata alta ma non abbiamo ancora ben capito da cosa dipende. Invece l' insulina postprandiale (dopo 150') era di 14 mU/L. Abbiamo anche ripetuto gli esami ematici della tiroide e sono nella norma.Inoltre spesso in questo periodo ha avuto un pò di febbre, solo 37- 37.4.
Spero di avere una sua risposta al più presto, anche se il quadro è un pò complesso. Grazie, cordiali saluti.

MIGLIOR COMMENTO
Dr. Fabio Baccetti
Caro Schirach in effetti il quadro è complesso però l'insulinemia post prandiale e a digiuno è normale. Quindi non saprei cosa suggerire se non indagare l'asse ormonale ACTH-Cortisolo cioè l'ipofisi ed il surrene.
In bocca al lupo.
Cordialmente
Dr. Fabio Baccetti
__________________
I visitatori di questo forum sono pregati di porre domande o richieste di chiarimento riguardanti l'argomento specialistico del forum e non argomenti di medicina generale a cui può benissimo dare risposta il medico curante.
Inoltre per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo forum dal dott. Baccetti devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento.
Leggi altri commenti
schirach
 

Grazie per la sua risposta ma non ho ben capito se l'insulina non era troppo alta visto che con la curva toccava anche il 44 mU/L ed il limite era 25??? Il medico ha detto che probabimente le dava noia il salto dell'insulina da 4 a 44. Per adesso il medico curante l'ha messa a dieta, niente zuccheri semplici e derivati fino a che non andiamo dallo specalista. Abbiamo notato che se assume qualcosa con zuccheri la fame gli aumenta e la glicemia si abassa anche a 62 dopo un paio d'ore dall'assunzione.
La ringrazio ulteriormente, cordiali saluti.

HiFi1
 

Dico la mia, da paziente. Non siamo macchine, i valori glicemici e insulinemici non possono essere sempre stabili anche se stabili restano le abitudini. Non hai detto quanti anni ha tua figlia (l'età dello sviluppo genera cambiamenti a destra e a manca). Oltre all'attività fisica conta anche quella psichica; sta forse studiando con più intensità o con stress? Anche quest'ultimo influisce sulla glicemia, così come l'ansia prolungata. Dal momento che hai riscontrato febbre (quella bassa non è da trascurare, come quella alta) indagherei, innanzi tutto, su che cosa la provoca.
Per riallacciarmi al ragionamento iniziale: il 45 laddove il massimo previsto è 25 è, sovente, un fatto del tutto soggettivo; l'importante è il valore finale.
I sintomi, in effetti, fanno pensare ad episodi ipoglicemici (ne sono un "frequentatore assiduo") ma ci sono occasioni in cui scommetterei su un'ipo, faccio un controllo e poi scopro l'esatto contrario.

I corpi chetonici? Lo chiedo perché a me fanno venire una fame incontrollabile, un po' diversa da quella che mi provoca, invece, l'ipoglicemia, ma so riconoscerli dal fatto che - stranamente - ho fame e nausea contemporaneamente (sono un po' sottopeso anch'io).

Spero tu abbia gradito - ugualmente - il mio intervento di semplice paziente.

schirach
 

Grazie tante per l'intervento, anche da semplice paziente quale sei mi è davvero ugualmente utile.
Io sono la diretta interessata, la figlia, ho quasi 17 anni e sono più che sicura di non essere "stressata" o "ansiosa", nonostante la noia di questa poco chiara situazione di malessere.
Non riesco proprio a capire che cosa sono i corpi chetonici che hai nominat: Cosa fanno? Come si scoprono? Ciò di cui sono sicura però è che quasi sempre la mia fame è preceduta e accompagnata da forte nausea, ma anche da vertigini. Quando però contollo la glicemia a volte è abbastanza buona ugualmente, invece altre volte è sui 60 e non me ne accorgo! Eppure io mangio, e non sono magrissima, ma questi episodi mi accadono spesso. La febbre adesso mi è un pò passata ma non ne ho scoperto ancora le cause.
Grazie ancora per il tuo intervento, spero che avrai ancora tempo per un'altra risposta.

HiFi1
 

Sono contento che tu abbia apprezzato. "Tra "noi" a volte ci si capisce al volo, più di quanto possano capire i medici sani.
I corpi chetonici sono nella categoria di quello che popolarmente chiamano "l'acetone". Se troppo alti danno febbre, nausea e persino vomito a getto (violento).
Dovrei fare un ripassino per ricordarmi cos'è che provoca l'eccesso dei suddetti ma so che si possono curare, a seconda del tasso, con Biochetasi (bustine da sciogliere in acqua) oppure, se altissimi, con una semplice iniezione intramuscolo. Il tasso si valuta tramite degli stick su cui occorre l'urina; il kit si chiama Ketur-test. Sulla confezione c'è un scala colorata con cui puoi confrontare il risultato del test un minuto dopo l'avvenuto contatto con l'urina.

Le vertigini, però, sono violenti capogiri che possono persino farti svenire. Te lo dico perché spesso abusiamo di quella parola, e magari si tratta solo di una sensazione di "sbandamento". Durante una vertigine ti sembra di trovarti in un vortice che, a seconda del tipo, dà due sensazioni opposte:
1. Ti sembra che il mondo si metta a girare intorno a te. (tipico della pressione alta).
2. Ti sembra che sia tu a girare su te stessa. (tipico della pressione bassa).

Ritornando alla chetonuria: quando ce l'ho mi sento spossato, mi gira la testa, sudorini, ho nausea ma anche fame incontrollabile. La febbre la sento come sensazione ma, controllando, non la trovo quasi mai (ognuno è uno). La chetonuria (nei casi gravi) è caratterizzata anche dal cosiddetto respiro di Kusmaul oppure dall'alito tipicamente fruttato (l'odore che si sente entrando dal fruttivendolo).

Alla prossima, se vuoi.

Dr. Fabio Baccetti
 

Precisazione: i corpi chetonici si formano quando l'organismo in periodo di digiuno non ha più glucosio di riserva (glicogeno epatico o muscolare) e sono il prodotto di scarto dell'ossidazione degli acidi grassi che sono usati per produrre energia. Questo processo accade nel digiuno come dicevo quando l'insulinemia cala e si permette quindi all'organismo di usare questa fonte di energia dato che non vi è più zucchero. I corpi chetonici sono i responsabili delle manifestazioni tipiche dell'Acetone, vomito e alito tipico, perchè abbassano il ph del sangue, cioè creano quella situazione detta acidosi metabolica. In una persona normale perciò si formano dopo digiuno prolungato oppure in tutte quelle condizioni patologiche che comportano un'accellerazione del metabolismo basale come ad esempio nei bambini la febbre. Perciò la terapia è l'ingestione di cibi dolci come ad esempio la Cola oppure il farmaco citato. Nei pazienti diabetici, soprattutto tipo 1, invece i corpi chetonici si formano o per una carente insulinizzazione (cioè si fa poca insulina rispetto a quella necessaria) oppure perchè non si mangiano abbastanza carboidrati. Quindi la terapia è aumento delle dosi di insulina e aumentare la quantità di carboidrati assunti.
Fra l'altro pazienti diabetici tipo 1 in cui coesistono disturbi del comportamento alimentare conoscono bene il meccanismo d'azione dei corpi chetonici e che la loro presenza provoca perdita di peso e quindi si somministrano meno insulina di quella necessaria proprio per avere costantemente questa perdita di peso che li mantiene "magri" come desiderano essere. Naturalmente è un'atteggiamento e comportamento sbagliato e dannoso perchè sono costantemente in una situazione di acidosi e scompenso glicemico che comporta danni all'organismo.
Cordialmente
Dr. Fabio Baccetti

Jessic
 

Ciao è passato molto tempo, lo so, ho trovato questa discussione dal momento che ho praticamente tutti i sintomi sopra descritti....siete arrivati a una diagnosi? Io al momento sto trattando solo l'iperinsulinemia con l'inositolo..

Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 06:48 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X