Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Diabete e patologie correlate > glicemia ballerina
Segna Forum Come Letti

   

glicemia ballerina

jeronimus
 

sono un nuovo iscritto, diabetico dal 1997 e ho 51 anni.negli ultimi tempi mi sento ansiosom come se aspettassi da un momento all'altro una crisi ipo, questo mi succede da quando ho avuto un episodio di ipo scesa a 35 e solo in casa. fortunatamente ho risolto ma con grande difficoltà. ora da qualche anno faccio le seguenti unità al mattino dalle 2 alle 3 u di novorapid e poi mangio tre fette biscottate e dopo circa due ore mangio 5 crakers, poi faccio 5u a pranzo con 70 gr di pasta 40 di pane e un secondo, alla sera faccio 5u di novorapid e mangio più o meno la stessa cosa come a pranzo, prima di andare a letto faccio 21u di lantus.
ora da diversi gg inizio ad avere problemi di cali glicemici durante il giorno soprattutto a metà mattina e metà pomeriggio. ho provato a ridurre di una unità la novorapid e sono sceso a 19 di lantus, maanche oggi ho avuto un calo glicemico rapido nel senso dopo circa un ora e mezza la glicemia passava nel giro di 10 minuti da 180 a 108 con un brutto senso di ipoglilcemia accompagnato da agitazione e ansia. vorrei cerare di capire come va utilizzata la lantus magari faccio troppe unità, ho letto recentementeche dovrebbe essere dosata nel seguente modo 0,2 per ogni kg di peso per cui visto che il mio peso è di 67,5 per un altezza di 175 cm probabilmente faccio troppa lantus. vorrei un consiglio su come comportarmi anche perchè ormai sto diventando un maniaco ossessivo dei controlli appena sento un sintomo che si avvicina all'ipo e mi viene sempre più l'ansia, penso che dovrei risolvere questo problema soprattutto dal punto divista psicologico
grazie
francesco

MIGLIOR COMMENTO
Dr. Fabio Baccetti
Caro francesco in effetti sembrerebbe che lei assuma troppa Glargine. In ogni caso le ricordo che per fare diagnosi di ipoglicemia oltre ai sintomi classici ci deve anche essere il riscontro di bassi valori glicemici e devono essere sintomi che si risolvono con l'assunzione di zuccheri semplici. Questo perchè ci sono tutta un'altra serie di condizioni che danno sintomi siml-ipoglicemici come ad esempio l'ipotensione arteriosa o gli attacchi d'ansia.
Cordialmente
Dr. Fabio Baccetti
__________________
I visitatori di questo forum sono pregati di porre domande o richieste di chiarimento riguardanti l'argomento specialistico del forum e non argomenti di medicina generale a cui può benissimo dare risposta il medico curante.
Inoltre per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo forum dal dott. Baccetti devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento.
Leggi altri commenti
jeronimus
 

dottore la ringrazio molto per la sua risposta, ma la disturbo ancora chiedendole come secondo lei mi dovrei comportare con la lantus. fino ad oggi facevo fino a 21 unità, ora ho provato a ridurre a 19 ma oggi mi sono svegliato con una glicemia a 270. insomma non riesco a capire come va dosata. quando facevo la intermedia arrivavo al massimo a 13u.
insomma vorrei sapere se esiste un rapporto tra le u nità di novorapid fatte durante il giorno e le quantita di lantus della notte.
ringraziandola per il suo interessamento le porgo cordiali saluti
francesco

Dr. Fabio Baccetti
 

No esiste un rapporto fra la Glicemia pre glargine e la glicemia del risveglio nel senso che fare Glargine con una glicemia troppo alta, superiore a 180 mg/dl, comporterà avere la mattina dopo glicemia alta non atarget.
Cordialmente
Dr. Fabio Baccetti

jeronimus
 

dottore la ringrazio per la tempestività della risposta. vorrei comunque se posso disturbarla ancora. le spiego, ho avuto ieri un episodio di forte tachicardia e glicemia a 80 intorno alle 18,00 ho preso un succo di frutta come faccio sempre, ma la taticardia ha continuato per altri cinque minuti. penso che forse io mi sia fatto prendere dal panico quando ho visto che il valore indicato non corrispondeva al colore presente nel contenitore delle striscie (accu-chek active) che faccio sempre come consigliato dalle istruzioni, infatti il colore corrispondeva a quello che indica una glicemia intorno ai 30. inoltre dopo cena presentavo una glicemia a 340 e questa mattina nonostante abbia diminuito la lantus a 19u ho avuto una glicemia a 130 e pensando che la macchinetta non segnasse adeguatamente mi sono fatto venire subito una crisi di ansia. le volevo chiedere se è consigliabile diminuire ancora la lantus pensando al fatto che se sono andato a dormire con una glicemia alta se avessi fatto la stessa quantità dilantus con una postprandiale intorno ai 140 forse avrei avuto una glicemia molto bassa al risveglio.
la prego mi conforti lei
cordiali saluti
francesco

Dr. Fabio Baccetti
 

Caro francesco l'episodio di tachicardia con 80 ,g/dl di glicmeia NON era ipoglicemia ma qualche altra cosa. Per il resto continui a monitorare la Glicemia e a provare i dosaggi dlela terapia iniettiva fino a che non trova quello ideale. Purtroppo a tutto oggi la terapia iniettiva, riguardo ai dosaggi, è sempre empirica.
Cordialmente
Dr. Fabio Baccetti

coccinella14
 

buonasera dott. vorrei sapere se mi devo preoccupare se un 25 giorni fa mi è uscita la glicemia ha 58 ho ripetuto l'esame 2 giorni fà ed è ha 82, io in famiglia ho mio padre con il diabete alimentare(mellico),oltre che peso 83 kili ed ho solo 39 anni,ho anche io il diabete come mio padre?grazie con osservanza Stefania.

coccinella14
 

Buonasera Dott.vorrei sapere se mi devo preoccupare se 25 giorni fa mi è uscita la glicemia ha 58 ho ripetuto l'esame 2 giorni fa ed è ha 82,io in famighlia ho mio padre con il diabete alimentare(mellico),oltre che peso 83 kili ed ho solo 39 anni, e (non sono incinta).ho anche io il diabete come mio padre?grazie con osservanza Stefania.

Dr. Fabio Baccetti
 

Cara Stefania i valori glicemici che riposta sono perfettamente nella norma. In ogni caso avendo sua padre diabetico ha un maggior rischio di svilupparlo rispetto a chi ha i genitori non diabetici. Perciò consiglio regime dietetico mediterraneo lievemente ipocalorico ed attività fisica fatta con regolarità ogni giorno.
Cordialmente
Dr. Fabio Baccetti

__________________
I visitatori di questo forum sono pregati di porre domande o richieste di chiarimento riguardanti l'argomento specialistico del forum e non argomenti di medicina generale a cui può benissimo dare risposta il medico curante.
Inoltre per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo forum dal dott. Baccetti devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento.
Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 06:22 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X