Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Diabete e patologie correlate > alterata glicemia a digiuno, cosa devo fare?
Segna Forum Come Letti

   

alterata glicemia a digiuno,tremori,occhio secco

nolita
 

Gentile Dott.Baccetti,
le ho scritto altre volte prchè è ormai un anno che sto male senza aver individuato la causa. Certamente alla base di tutto vi è una forte componente di stanchezza e stress.
Quello di cui soffro ora sono,formicolii ai piedi, fascicolazioni a tutto il corpo, ora un muscolo ora un altro, occhio secco confermato da test schrimer,e cosa più fastidiosa dei tremori interni che partono dalla cervicale ma che a volte avverto sempre all'interno della testa/cervicale in seguito al movimento delle braccia.
Ho eseguito una rmn encefalo e midollo che risulta ok, ho eseguito curva da carico con 75gr di glucosio presso la asl e risulta nella norma, l'unica cosa è che se non sto attenta all'alimentazione la mia glicemia a digiuno si aggira intorno ai 105 mentre se sto attenta intorno ai 92...è possibile che la sola alterata glicemia a digiuno sia la casua di questi tremori?ho anche una minore sensibilità delle dita del piede dx rispetto al sx.
E' possibile che l'occhio secco sia dovuto sempre a questa alterata glicemia a digiuno?
volevo anche chiederle se è possibile avere una curva della glicemia fatta su prelievo venoso normale e invece avere una glicata altina come 6,3?come fa ad essere alta la glicata se la curva è normale?
La ringrazio
Cordiali saluti

MIGLIOR COMMENTO
Dr. Fabio Baccetti
la sintomatolgia non dovrebbe dipendere dalla presenza di alterata glicemia a digiuno,.
La glicata a 6.3 è dovuto al fatto che il suo dosaggio ha un'ampia variaiblità specialmente a livelli molto vicini alla norma.
Cordialmente
Dr. Fabio Baccetti
__________________
I visitatori di questo forum sono pregati di porre domande o richieste di chiarimento riguardanti l'argomento specialistico del forum e non argomenti di medicina generale a cui può benissimo dare risposta il medico curante.
Inoltre per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo forum dal dott. Baccetti devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento.
Leggi altri commenti
nolita
 

Gentile Dott.Baccetti,
scusi le la disturbo nuovamente.
Cercherò di essere breve: in gravidanza ho avuto alterata glicemia a digiuno e ridotta tolleranza ai carboidrati.
Dopo un paio d'anni dal parto ho effettuato glicemia a digiuno e risultava 104, mi sono messa a dieta di mia iniziativa eliminando dolci, pizza, grassi e inserendo al posto della pasta e del riso bianchi i carboidrati integrali, mangiandoli non più di 4 volte a settimana e usando pane integrale con moderazione, la glicemia mattutina si aggirava così intorno ai 92...per qualche giorno poi ho mangiato normalmente in vista della curva da carico orale di glucosio con 75gr, la curva ha questi risultati, so che lei non vuole bvengano riportati, ma la mia dottoressa dice che ho un diabete leggero mentre io vedendo i risultati credevo di no:
0 min 90 mg/dl
30 min 155
60 min 141
90min 99
120 min 88
a 180 ho fatto uno stick a casa e avevo 65, mi sentivo molto male nausea e giramenti di testa
...ho quindi interrotto la dieta e ho ahimè inserito qualche gelato, formaggi,talvolta pizza, e soprattutto il cornetto la mattina, al lavoro mi danno a pranzo anche pasta e riso bianchi...ho ripetuto la gliecemia a digiuno (tutto sempre su prelievo venoso) e ho 103...volevo chiederle come ci si deveregolare in caso di alterata glicemia a digiuno?faccio bene a seguire una dieta?sono anche molto magra, con la dieta ho pero parecchi kg, sono alta 173 cm e peso 53 kg, attività fisica riesco a farne poca.
è possibile che il periodo di dieta abbia inciso sull'esito della curva da carico anche se nei tre giorni precedenti avevo mangiato normalmente, senza esagerare però,?
inoltre come già le scrissi ho dei tremori interni a livello della nuca e da una settimana le gambe dalle ginocchia in giù intorpidite e le dita dei piedi, specie il dx hanno ridotto di molto la sensibilità, lei midisse che non lo riteneva imputabile alla glicemia, in realtà ho fatto altre analisi per sospetta malattia autoimmune, e ho C4 sotto i livelli minimi, IgG 1761 (max 1500), questa ipergammaglobulinemia mi accompagna da un anno,sideremia a 180 (max 170), ves leggermente mossa, globuli rossi ed emoglobina sotto valore minimo, scusi tutte queste informaizoni, siccome soffro anche di secchezza oculare e alla gola, è possibile che questa perdita di sensibilità sia da attribuire a una sindrome di sjogren, o altra malattia autoimmune reumatica?
ovviamente contatterò quanto prima il reumatologo, ma sono un pò preoccupata per le gambe.
Sono molto confusa, cosa ho?il diabete?alterata glicemia a digiuno?
Grazie scusi la confusione nell'esposizione e la prolissità.
Cordiali saluti

la aggiorne per dirle che sono stata dal reumatologo il quale sospetta sindrome di sjogre e ritiene che anche la neuropatia che colpisce soprattutto la gamba dx sia da attribuire a sjogren, mi ha prescritto l'eco delle saliuvari ed eventuale biopsia delle stesse.
Lui ritiene la glicemia normale ma io sono certa ce la glicemia mattutina a 103/104 indica alterata glicemia a digiuno e vorrei essere certa che la neuropatia non dipenda da questa (forse sarebbe meglio almeno saprei come curarla)...inoltre ad agosto farò una emg arti inferiori per sapere qualcosa di più.
Grazie per avermi anche solo letta.

Dr. Fabio Baccetti
 

Cara Melita va bene la dieta per la presenza dell'alterata Glicemia a Digiuno. Per il resto faccia tutti gli accertamenti e poi ne parli con il suo medico di fiducia che certamente è in grado di valutare il quadro generale meglio di me.
Cordialmente
Dr. Fabio Baccetti

Rosa3
 

Ciao a tutti.

Ho 2 quesiti alle quali sto cercando delle risposte, il primo riguarda mia mamma (66 anni). Ha la glicemia a digiuno a 121. Dopo il 126 è diabete conclamato. Quante possibilità ci sono che sviluppi un diabete conclamato ? E si parla di mesi o anni in caso ?

Il secondo quesito riguarda me (ho 39 anni). Quando ero incinta non ho fatto la curva glicemica ma mi hanno trovato verso fine gravidanza glucosio nelle urine e mi sono messa a dieta. Dite che avevo un diabete gravidico oppure il glucosio nelle urine era casuale e dovuto alla gravidanza ma non ad un diabete gravidico ?

Inoltre per curiosità mi pungo anche io il dito con l'apparecchio di mia mamma e al mattino ho 97, però ho notato che dopo i pasti con carboidrati tipo pizza il valore postprandiale a 2 ore dal pasto si aggira attorno al 146
Inoltre in un'occasione mi è capitato di avere tremori e di sentirmi debole prima di cena e l'ho misurata ed avevo 59. Era ipoglicemia ?
Devo preoccuparmi ? Devo chiedere al medico di fare il carico di glucosio ? Però con un 97 al mattino non credo che mi farà il carico, mi farà passare per iperpreoccupata...

Grazie delle risposte.

Dr. Fabio Baccetti
 

Cara Rosa, risposta numero 1: facia fare la curva da carico alla sua mamma che è ad alto rischio di sviluppare diabete mellito dato che ha già Alterata Glicemia a Digiuno. Non so quantificare il tempo ma certo se la situazione non cambia direi qualche mese non certo molti anni.
Seconda risposta: la glicosuria in gravidanza può essere anche fisiologica e quindi la diagnosi di Diabete Getsazionale si fa con gli esami ematici. I valori registrati con lo stick, nel soggetto non diabetico, non hanno nessun valore; faccia esame a digiuno su prelievo ematico. La sintomatologia accusata di sera potrebbe essere ipoglicemia se risuccede faccia Curva da carico lunga (5 h) con dosaggio insulinemia.
Cordialmente
Dr. Fabio Baccetti

__________________
I visitatori di questo forum sono pregati di porre domande o richieste di chiarimento riguardanti l'argomento specialistico del forum e non argomenti di medicina generale a cui può benissimo dare risposta il medico curante.
Inoltre per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo forum dal dott. Baccetti devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento.
elisadini
 

Io avrei bisogno di alcune informazioni...
Sono alla 27° settimana + 3 di gravidanza,mercoledì scorso ho fatto l'esame della curva con carico 50gr...il risultato è che il prelievo fatto dopo 1 h è risultato a 149 mi devo preoccupare...la mia ginecologa mi ha detto di limitare i carboidrati e la frutta dolce e fra 1 mese ripetere la curva...il mio caso non è mica diabete!e se seguo la dieta che mi ha detto la ginecologa posso risolvere il mio problema?

lillys
 

149 non è un risultato elevatissimo quindi dovresti riuscire a risolverlo con una dieta povera di carboidrati proprio come dice la tua ginecologa... =)

Dr. Fabio Baccetti
 

Cara Elisa hai l'indicazione a fare la curva con 100 gr di glucosio della durata di 3 h oppure 75 gr della durata di 2 h (se il centro dove la fai ha già recepito le nuove direttive) per capire se hai il Diabete Gestazionale.
Vorrei precisare una cosa: non si devono limitare eccessivamente i carboidrati in gravidanza pena poi lo sviluppo dei chetoni che sono altrettanto dannosi per il feto come l'iperglicemia.
Cordialmente
Dr. Fabio Baccetti

__________________
I visitatori di questo forum sono pregati di porre domande o richieste di chiarimento riguardanti l'argomento specialistico del forum e non argomenti di medicina generale a cui può benissimo dare risposta il medico curante.
Inoltre per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo forum dal dott. Baccetti devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento.
Simone1968
 

Sono un uomo di 44 anni, peso 69 Kg per 177 cm di altezza, quindi normopeso.
Sono in cura per ipertensione arteriosa da parecchi anni e sono praticamente costantemente a dieta in quanto rilevo sempre problemi di ipercolesterolemia, l'ultima misurazione: Colesterolo totale 270 - Colesterolo HDL 74.
Da circa 2 anni e mezzo mi controllo ogni 6 mesi circa la glicemia a digiuno, perchè appunto all'inizio di questo periodo in un momento di forte ansia (sono ipocondriaco) è risultata glicemia a digiuno a 133.
Lo specialista a quel punto mi ha fatto fare le indagini anticorpali (Gad Ica Tireoperossidasi) il C-Peptide, la Glicata e tutti gli altri esami di routine.
E' risultato tutto perfetto a parte l'AntiTireoperossidasi, a quel punto ho fatto l'ecografia alla tiroide e nonostante sia risultata nella norma, l'endocrinologo mi ha diagnosticato Tiroidite di Hascimoto e quindi controllo periodicamente anche il TSH che finora è regolare.
Vorrei capire se ora che sono passati appunto 2 anni e mezzo e che durante questo periodo ho continuato a registrare valori di glicemia che oscillano da 105 a 123 posso considerare attendibile l'ipotesi dell'endocrinologo che escude la possibilità di LADA (dato l'esito negativo dei Gad e degli ICA), secondo lui infatti questi anticorpi si muovono parecchio tempo prima dei sintomi e quindi quando ho registrato il valore di 133 dovrebbero essere già stati positivi.
Ringrazio anticipatamente per le eventuali risposte ed attenzioni da parte degli altri utenti.

Dr. Fabio Baccetti
 

Caro Simone il riscontro di un'altra Glicemia a digiuno superiore a 125 mg/dl permette già di fare diagnosi di Diabete Mellito. In ogni caso lei ha l'indicazione a fare la Curva da Carico con 75 gr di Glucosio (OGTT) a 2 h per classificare esattamente il suo stato metabolico. Inoltre l'esclusione della positività agli autoanticorpi esclude si la presenza di LADA ma non di Diabete Mellito tipo 2.
Cordialmente
Dr. Fabio Baccetti.

__________________
I visitatori di questo forum sono pregati di porre domande o richieste di chiarimento riguardanti l'argomento specialistico del forum e non argomenti di medicina generale a cui può benissimo dare risposta il medico curante.
Inoltre per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo forum dal dott. Baccetti devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento.
Simone1968
 

La ringrazio molto per la risposta celere e chiara.
Nella mia ignoranza, ci tenevo molto di più ad escludere un diabete di tipo 1 perchè sarebbe praticamente impossibile da gestire solo con dieta ed esercizio fisico. Mi sembra di leggere che per il diabete 2, almeno nelle fasi iniziali, viene consigliato esercizio fisico e dieta per i quali sono particolarmente portato (anche perchè odio a livello maniacale vedermi con la pancia).
Mi conceda un'altra curiosità: il mio medico curante è più propenso a considerare questa alterata glicemia a digiuno come sintomo dell'enorme ansia che non riesco a gestire, più che come disturbo metabolico tant'è che mi ha consigliato di ripetere anche l'Emoglobina glicata nel prossimo controllo, in modo da avere un dato che rispecchi l'andamento degli ultimi mesi piuttosto che quello di un singolo giorno nel quale sarò sicuramente super agitato per il solo fatto di andare davanti ad medico.
Ma secondo Lei un forte stato d'ansia può essere in grado di alterarmi così tanto la glicemia a digiuno?
Cordiali saluti.

Dr. Fabio Baccetti
 

Alt, alt, alt.....facciamo chiarezza. Per il trattamento del diabete mellito tipo 1 l'unica terapia da attuarsi è la terapia insulinica per iniezioni senza la quale si muore. Dieta ed esercizio fisico sono importanti ma senza insulina data dall'esterno si MUORE.
La terapia del diabete mellito tipo 2 invece si basa sui tre pilastri che sono dieta, attività fisica e terapia farmacologica.
Escluderei che l'ansia sia causa di Alterata Glicemia a digiuno; è vero che l'emoglobina glicosilata è una media dei valori di Glicemia dei due-tre mesi precedenti (in pratica è la quantità di globuli rossi che sono legati indissolubilmente allo zucchero, quindi più alta è stata la glicemia nel tempo e maggiore sarà questo numero) ma sicuramente per questi valori di Glicemia non elevatissimi è difficile che l'emoglobina glicosilata dia un valore risolutivo. Meglio perciò come scrivevo nel precedente post l'OGTT.
Cordialmente
Dr. Fabio Baccetti

__________________
I visitatori di questo forum sono pregati di porre domande o richieste di chiarimento riguardanti l'argomento specialistico del forum e non argomenti di medicina generale a cui può benissimo dare risposta il medico curante.
Inoltre per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo forum dal dott. Baccetti devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento.
Simone1968
 

Ok! forse non mi ero spiegato bene ma intendevo la stessa cosa. Con il diabete tipo 1 dovrei sopportare un senso di impotenza totale nel senso che l'insulina la dovrei prendere per forza, pena la non sopravvivenza. Con il diabete tipo 2 almeno potrei tentare di combattere prima di arrendermi alle cure farmacologiche.
Per quanto riguarda la curva da carico, me la farò prescrivere per il prossimo controllo semestrale, non credo che allo stato attuale sia urgente, in quanto stò già attuando le cautele del caso a livello dietetico e di stile di vita.
Saluti e buon fine settimana a tutti.

Simone1968
 

Dottore, disturbo ancora per aggiornare la mia situazione.
Nemmeno la curva da carico ha posto diagnosi definitiva di diabete, ma solo di alterata glicemia.
In compenso la settimana scorsa ho rifatto i controlli di routine e mi sono beccato un'altra glicemia a digiuno di 132 ed essendo la seconda volta che supero il limite di 125 direi proprio che non ci siano più dubbi.
La glicata era a 5,7, quindi il mio medico mi ha detto di continuare con la dieta attuale e di tentare di fare esercizio fisico anche durante la settimana e non solo nel week-end.
Mi ha anche consigliato di sostituire il Tenormin con il Nebilox che dovrebbe incidere meno nel metabolismo degli zuccheri.
Vivo ancora nella paura che possa essere un LADA.
Ma il dottore mi ha ribadito che è si una forma latente, ma non così tanto lenta nell'esordio, e che avendo già avuto esito negativo ai Gad e agli ICA, nonostante il normopeso e la non familiarità, con tutta probabilità si tratta di un db2.
Lei che ne pensa?

Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 13:29 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X