Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Oculistica > Referto contradditorio e calcolo lente per cataratta
Segna Forum Come Letti

   

Referto contradditorio e calcolo lente per cataratta

Stey
 

Buongiorno a tutti i medici del forum
Io sono stata operata di cataratta da pochi giorni, ho già fatto una visita di controllo dove mi hanno già provato la vista, sono purtroppo ipermetrope di 1.25 diottrie e presbite di 3.00 diottrie ma dicono che la vista deve ancora assestarsi e comunque la biometria oculare non è mai precisissima..
La cosa strana è che nel referto di dimissioni c’è scritto facoemulsificazione + impianto di lente intraoculare da 19.0 D mentre sul cartellino rilasciatomi della lente c’è scritto power 17.0 D, ho chiesto al dottore di turno che è un po’ caduto dalle nuvole, mi ha detto che probabilmente c’è stato un errore di trascrittura poiché quello che conta è il cartellino della lente.
Siccome nella mia vista c’è più di una diottria di ipermetropia, chiederei ai medici, per un esatto calcolo della lente che mi abbia reso perfettamente emmetrope, da quanto sarebbe dovuta essere la lente?
Tenendo per buono e rispetto al cartellino da 17.0 diottrie, ci sarebbe voluta una lente superiore od inferiore di 1.25 D ? Questo per togliermi il dubbio sull’errato referto.
Grazie a chi vorrà rispondermi.
Cordialmente

Stefania

MIGLIOR COMMENTO
Dr. Antonio Pascotto
Gentile Stefania,

E' probabile, in effetti, che si sia trattato di un semplice errore di trascrizione ma, giusto per rispondere alla Sua domanda, per evitarLe l'ipermetropia Le sarebbe servita una lente intraoculare leggermente più potente.

Tenga comunque presente che l'intervento per cataratta ha lo scopo di eliminare una patologia, che è appunto la presenza di cataratta. L'eliminazione concomitante del difetto visivo (ipermetropia, presbiopia, miopia, ecc.) è qualcosa in più che può essere offerta con l'intervento e della quale va eventualmente discusso con il chirurgo prima dell'operazione.

Con un semplice trattamento laser, volendo, si può comunque perfezionare il risultato refrattivo post-operatorio, almeno per eliminare del tutto gli occhiali per lontano.

In bocca al lupo!
__________________
Centro Oculistico Pascotto
Tel. 081 554 2792
Leggi altri commenti
Stey
 

Grazie davvero Gentilissimo, immagino quindi che avrei dovuto avere almeno 18 diottrie o vuoi vedere che 19 era proprio la cifra esatta?
E dire che prima dell'esame mi han detto di utilizzare una IOL Master della Zeiss che mi han detto molto precisa; dopo l'operazione invece che la biometria non è mai precisissima.
Con il chirurgo prima dell' operazione si era concordato l'emmetropia, come praticamente ero, mah!
Vediamo l'evolversi perchè mi opereranno anche all'altro occhio.
Le faccio un altra domanda strana, è possibile misurare le diottrie della lente inserita?
Immagino che il semplice trattamento di cui parla sia la PRK ad eccimeri di cui leggo nel forum, per questa ho un pò di paura.
Saluti

Stefania

Dr. Antonio Pascotto
 

Cara Stefania,

Ovviamente noi non possiamo sapere quale poteva essere il cristallino calcolato dallo IOL-master per lasciarLe la condizione di emmetropia...

Non è possibile misurare le diottrie della lente inserita, ma il potere della lentina è indicato sul cartellino che Le è stato rilasciato. Un adesivo della lente impiantata, a mo' di documento, viene anche applicato sulla cartella clinica del paziente: è lì che Lei può conoscere con certezza il potere diottrico della lente intraoculare che Le è stata applicata.

Buona serata!

__________________
Centro Oculistico Pascotto
Tel. 081 554 2792
Stey
 

Si, aihmè il cartellino dice 17.00 D
Grazie
Saluti e magari a risentirla.

Stey
 

Dottore, oggi ho ritirato la cartella clinica, c'è la biometria, vedo che per il destro l'emmetropia è data a 17.50 diottrie mentre al sinistro come da lente già inserita a 17.00. Di solito se c'è stato un errore di calcolo in un occhio, c'è anche in quell'altro o può capitare che non sia così?
Temo per l'operazione perchè se si seguono queste misure rischio l'ipermetropia bis.
A rigor di logica, da quanto leggo, ci vorrebbe una lente di 1.50 / 2.00 diottrie superiori a 17.50. Ho chiesto alla dottoressa che fa le visite ma non mi sa dire, lei poi non opera, il chirurgo me lo ritrovo in sala operatoria, mi ha detto di chiedere al dottore che mi rifarà la biometria (probabilmente quello che mi ha detto che la IOL Master è precisa......). La dottoressa mi ha detto che per ogni occhio si apre una cartella clinica nuova. A lei chiederei se quando si opera il secondo occhio, si tiene conto del risultato e delle misure del primo, se sa se questo avviene anche negli ospedali pubblici. Insomma mi metteranno una lente da 17.50 come penso confermerà la macchina o qualcosa di più?
Grazie, Grazie!!!

Stefania

Dr. Antonio Pascotto
 

Stefania,

Lo IOL master è davvero uno strumento preciso. Talvolta, gli errori di calcolo possono dipendere dalla "formula" scelta (ne esistono tante), talvolta, purtroppo, è un evento accidentale, che però capita MOLTO di rado.

Per il secondo occhio, prudentemente, suggerirei di inserire un cristallino con una diottria in più rispetto al calcolo dello IOL master: male che vada, rischia di avere una diottria di miopia, di cui se ne potrebbe beneficiare nelle distanze intermedie.

Le conviene affrontare serenamente questo discorso con il Suo chirurgo.

Buona giornata!

__________________
Centro Oculistico Pascotto
Tel. 081 554 2792
Stey
 

Grazie, proverò serenamente a spiegare alla dottoressa e di far da tramite al chirurgo, anche se ho una mezza idea di cambiare, magari trovo un Ospedale dove hanno "formule" più precise.
Qui dice che si è usata la SRK-T, Haigis, Holladay su lente Alcon SA60AT.
Boh, le farò sapere.
Grazie intanto a lei.

Stey
 

Buongiorno gentile Dott. Pascotto, mi hanno inserito una lente di 1 diottria in più rispetto alla misura IOL Master (18.50 invece di 17.50) e seguito le stesse formule della prima lente, proprio come da lei suggerito e sono miope di solo -0.25 nonchè presbite di 2,50 D
Sono molto contenta e la volevo ringraziare per il suggerimento.

Questa cosa che molti oculisti non sanno per certo come potrebbe essere il risultato post operazione mi aveva molto preoccupata.
Anche a lei che è un professionista stimato può capitare l'errore?

Ora vedo abbastanza senza occhiali per il lontano ma dovrò comunque fare gli occhiali poichè l'ipermetropia al primo occhio di 1.25 è rimasta tale. Se volessi correggere il vizio refrattivo con il laser per essere perfetta, la soluzione adottata di solito è la PRK o la lasik? E' un intervento doloroso? E quanto tempo occorre che passi dall'operazione prima di intervenire? Leggo che normalmente ci vuole un anno di prescrizione di lenti stabile nei casi con cristallino naturale ma non so quanto deve passare per quello artificiale, a me lo hanno inserito ad inizio Ottobre 2010. Ci sono differenze fra l'intervento refrattivo su un occhio naturale ed uno che invece ha una IOL inserita per cataratta?

Grazie ancora
Stefania

Dr. Antonio Pascotto
 

Citazione:
Originariamente Inviato da Stey Visualizza Messaggio
Buongiorno gentile Dott. Pascotto, mi hanno inserito una lente di 1 diottria in più rispetto alla misura IOL Master (18.50 invece di 17.50) e seguito le stesse formule della prima lente, proprio come da lei suggerito e sono miope di solo -0.25 nonchè presbite di 2,50 D
Sono molto contenta e la volevo ringraziare per il suggerimento.
Sono molto contento anch'io per Lei!
Citazione:

Questa cosa che molti oculisti non sanno per certo come potrebbe essere il risultato post operazione mi aveva molto preoccupata.
Anche a lei che è un professionista stimato può capitare l'errore?
Certo che può capitare, mica sono infallibile?!
Citazione:

Ora vedo abbastanza senza occhiali per il lontano ma dovrò comunque fare gli occhiali poichè l'ipermetropia al primo occhio di 1.25 è rimasta tale. Se volessi correggere il vizio refrattivo con il laser per essere perfetta, la soluzione adottata di solito è la PRK o la lasik?
Vanno bene entrambe le tecniche, ma per le ipermetropie è generalmente preferita la Lasik.
Citazione:
E' un intervento doloroso?
No, ma con la PRK si può avere dolore nei giorni successivi all'intervento.
Citazione:
E quanto tempo occorre che passi dall'operazione prima di intervenire? Leggo che normalmente ci vuole un anno di prescrizione di lenti stabile nei casi con cristallino naturale ma non so quanto deve passare per quello artificiale, a me lo hanno inserito ad inizio Ottobre 2010.
Nel suo caso è diverso. Per me, Lei lo potrebbe fare anche domani!
Citazione:
Ci sono differenze fra l'intervento refrattivo su un occhio naturale ed uno che invece ha una IOL inserita per cataratta?
Non molte, non c'è motivo di preoccuparsi. Se Lei non è contenta del risultato refrattivo nel primo occhio operato, può sfruttare l'opportunità di miglioramento tramite il trattamento laser.
Citazione:
Grazie ancora
Stefania
Grazie a Lei, è stato un piacere!

__________________
Centro Oculistico Pascotto
Tel. 081 554 2792
siravoduilio
 

Cè veramente da dire,come riferito da Antonio,che lo IOL MASTER è molto preciso con tutte le formule disponibili,ma certo NON INFALLIBILE e ci sono a volte ERRORI!!
Spesso sono rimediabili!!

Un caro saluto.
Prof.D.Siravo
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it

Cell.:3385710585

Stey
 

Grazie di cuore a tutti, molto rapidi e perspicaci, mi siete stati d'aiuto concreto.
Ora mi devo informare poichè ho saputo che un vizio refrattivo dovuto ad operazione di cataratta si può correggere con il SSN.
Dal punto di vista medico invece che caratteristiche deve avere la mia cornea per toglierli la leggera ipermetropia?
Grazie se vorrete darmi quest'ultima informazione.

Buona giornata
Stefania

siravoduilio
 

IN PRIMIS UNA PACHIMETRIA(SPESSORE) ADATTO,NON ALTERARAZIONI ABERROMETRICHE!!
NON DIMENTICHIAMO OLTRE LA CORNEA UNA GIUSTA TONOMETRIA!
Un caro saluto.
Prof.D.Siravo
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it

Cell.:3385710585

Stey
 

Citazione:
Originariamente Inviato da siravoduilio Visualizza Messaggio
IN PRIMIS UNA PACHIMETRIA(SPESSORE) ADATTO,NON ALTERARAZIONI ABERROMETRICHE!!
NON DIMENTICHIAMO OLTRE LA CORNEA UNA GIUSTA TONOMETRIA!
Un caro saluto.
Prof.D.Siravo
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it

Cell.:3385710585
Grazie, cavolo ho digitato pachimetria in internet e il primo sito che mi è capitato, dice che è stato scoperto che negli interventi refrattivi per togliere miopia e ipermetropia si assottiglia la cornea con il rischio futuro di glaucoma.
Inoltre cambia il tono oculare (pressione).
Spero che si facciano solo quando c'è uno spessore considerevole.
Saluti

Stefania

siravoduilio
 

OVVIAMENTE,NESSUNO SI ESPONE A POSSIBILI RIVENDICAZIONI MEDICO-LEGALI!!!
Un caro saluto
Prof.D.Siravo
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it

Cell.:3385710585

Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr. Giacomo Sanfelici

Dr. Giacomo Sanfelici
Nome:
Giacomo Sanfelici
Comune:
Pietra Ligure
Provincia:
SV
Azienda:
Ambulatorio Medico Chirurgico Vìsus
Specializzazione:
Oftalmologia
Contatti/Profili social:
sito web
Domanda al medico
Dr. Sanfelici, cos'è la cataratta secondaria e perché insorge?
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 10:35 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X