Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Oculistica > Dubbi su LASEK e recupero postoperatorio
Segna Forum Come Letti

   

Dubbi su LASEK e recupero postoperatorio

Angus90
 

Buonasera a tutti

Sono un ragazzo di 21 anni, studente di medicina, e tra una settimana mi sottoporrò, come da titolo, all'intervento per correggere una miopia di -6,25 a sx e -4 a dx (a dx anche un leggerissimo astigmatismo)
Il tutto con tecnica LASEK, ed ho un paio di domande in merito:

- Nella LASEK il lembo di epitelio corneale viene conservato e non asportato come nella PRK; questo che vantaggio comporta? Non si tratta comunque di cellule "morte"?

- Facendo l'intervento il 13 gennaio, ed essendo uno studente universitario, mi preoccupa un po' la vicinanza dell'intervento con la sessione d'esami di Febbraio , per cui chiedo: posto che il recupero è ovviamente soggettivo, secondo la vostra esperienza di Medici o operati con tale tecnica, potrò tornare a studiare e stare sui libri (per diverse ore al giorno, visti gli esami imminenti) dopo circa una settimana/10 giorni? Oppure è una previsione troppo ottimistica?

- Mi preoccupa un po' la possibilità dei cosiddetti aloni notturni, che in alcuni casi sembrano pregiudicare anche la guida notturna. Il mio oculista mi ha assicurato che, se si presentassero, sarebbero comunque transitori....la LASEK offre qualche vantaggio sotto questo aspetto? Cioè, è meno probabile che si presentino?

Scusate per la lunghezza dei quesiti Grazie per le eventuali risposte!

MIGLIOR COMMENTO
Dr. Antonio Pascotto
Scusi Angus,

Ma se il Suo problema è il tempo di recupero, perché non opta per la FemtoLasik?
__________________
Centro Oculistico Pascotto
Tel. 081 554 2792
Leggi altri commenti
siravoduilio
 



LE RIPORTO LA DESCRIZIONE ORIGINALE DEL MIO AMICO Dr.Massimo CAMELLIN,INVENTORE DELLA METODICA CHIRURGICA LASEKhttp://www.lasek.it/Pages/Staff/Dr%20camellin.JPGDr.Massimo CAMELLIN


1° fase
PREPARAZIONE DELLA SOLUZIONE ALCOLICA
Soluzione alcolica di routine : BSS (8cc) + alcool puro (98%) (2cc) Soluzione alcolica rinforzata : Acqua bidistillata (8cc) + alcool puro (98%) (2cc) Aspirate 2 cc di alcool dalla bottiglia, poi 8 cc di BSS od acqua bidistillata.Per favorire la miscela conviene aspirare una bolla d’aria ed agitare per 30 sec’ la siringa.E’ bene che la miscela venga preparata prima di ogni seduta operatoria e poi gettata ed eventualmente sostituita ogni 3 ore.Consiglio assolutamente di agitare la miscela nella siringa con una bolla d’aria e poi svuotare il contenuto dell’ago prima di ogni trattamento laser, in quanto si può facilmente stratificare la soluzione, e quindi alterare nelle percentuali.L’ago da applicare sulla siringa è bene sia ad oliva, così da evitare ogni rischio di traumatismo sull’epitelio.N.B.: NON USARE SIRINGHE IN PLASTICA IN QUANTO POSSONO REAGIRE CON LA SOLUZIONE E LIBERARE MONOMERI TOSSICI

La soluzione ha un’efficacia maggiore se scaldata a 32°
2° fase
MICROTRAPANAZIONE EPITELIALE
Dopo aver applicato il blefarostato si procede alla trapanazione dell’epitelio che avverrà tramite l’uso di un apposito trapano precalibrato ad 80 micron di profondità per la zona ottica di 8 mm e 90 micron per la zona di 9 mm.Il trapano impugnato con la mano destra realizzerà una cerniera (epitelio non tagliato) ad ore 12.L’ampiezza della cerniera teorica è di 90°, ma poiché per agevolare il taglio dell’epitelio è necessario effettuare una piccola rotazione della lama (circa 5° a destra e 5° a sinistra), la cerniera reale risulterà di circa 80°.Si dovrà effettuare una marcata pressione poi seguita dai piccoli movimenti rotatori.E’ bene che la trapanazione sia molto efficace, in quanto attraverso il taglio la soluzione scorre sotto l’epitelio con maggior facilità. L’uso di un trapano con microdenti crea piccole rotture epiteliali che facilitano l’ingresso della soluzione sotto l’epitelio. Non ho mai evidenziato alcuna lesione alla membrana di Bowman in corrispondenza dell’incisione.La durata del trapano sembra essere di circa cento trapanazioni.La centratura della trapanazione sarà ovviamente effettuata sulla pupilla.
Problemi e Soluzioni Fase 2
1 Il paziente si muove al momento dell’appoggio del trapano e ciò comporta una lesione epiteliale
  • Riposizionare il trapano e procedere ignorando la lesione; si osserverà una maggior facilità di scollamento in quanto la soluzione filtra attraverso la lesione iatrogena. Si dovrà porre una particolare attenzione alla fase si trascinamento dell’epitelio per non allargare il buco.
2 La trapanazione risulta decentrata rispetto alla pupilla
  • Procedere ignorando tale decentramento; successivamente all’alcolizzazione si allargherà con la spatola da Hokey il margine periferico dell’epitelio in modo da garantire la giusta dimensione di esposizione dello stroma da trattare rispetto alla pupilla.
3 La trapanazione è troppo superficiale
  • Cercare per quanto possibile di riposizionare il trapano ed effettuare una nuova trapanazione; questo facilmente comporterà una doppia via che in ogni caso non pregiudica le fasi successive.
4 Scelta errata del diametro del trapano
  • Se è stato usato un trapano di diametro maggiore del previsto si dovrà solo utilizzare successivamente l’imbuto oculostatico corrispondente, se al contrario abbiamo una trapanazione più piccola ci comporteremo come al punto 2 allargando successivamente all’alcolizzazione il margine del taglio per tutta la sua lunghezza.
3° fase
APPOSIZIONE DELL'IMBUTO OCULOSTATICO
L’imbuto utilizzato dovrà avere un diametro leggermente superiore a quello del trapano usato. Precisamente per il trapano da 8 mm si utilizzerà l’imbuto da 8,5 mm mentre per il trapano da 9 mm si utilizzerà l’imbuto da 9,5 mm. E’ necessario questo leggero aumento di diametro per far sì che la soluzione possa penetrare all’interno del pretaglio. A tale scopo si dovrà porre una cura particolare nella centratura che dovrà essere concentrica al pretaglio. L’imbuto ha un doppio bordino di sicurezza che garantisce il contenimento della soluzione e contemporaneamente mantiene fisso il bulbo. Si dovrà comunque esercitare una certa pressione per garantire la tenuta. E’ sconsigliabile l’uso di un normale marcatore da cheratotomia in quanto non evita gli involontari movimenti dell’occhio e conseguentemente la contaminazione della congiuntiva con la soluzione alcolica.
http://www.lasek.it/Pages/LASEK/fase%201.jpg

4° fase
ISTILLAZIONE DELLA SOLUZIONE
Tenendo rigorosamente fisso l’imbuto con una mano si procede all’istillazione di alcune gocce di soluzione. La soluzione alcoolica da usare sarà inizialmente BSS+alcool (scaldata a 32°). Non è necessario riempire il contenitore fino all’orlo. Si comincerà a contare il tempo solo al momento della completa copertura dell’epitelio. Il tempo standard iniziale è di 20’. Eventualmente riapporre la soluzione rinforzata (Alcool+acqua bidistillata) per ulteriori 5 o 10 secondi dopo aver scollato il margine dell’epitelio con la "zappa". Al termine dei 20 secondi si dovrà aspirare con un asciughino a sigaretta l’interno del contenitore ponendo cura nel drenare il più possibile la soluzione. Un segno precoce di distaccabilità del flap è costituito da un lieve edema epiteliale che compare dopo alcuni secondi e si manifesta con una leggera perdita di trasparenza. Velocemente una volta tolto l’imbuto l’aiuto provvederà al lavaggio abbondante con Voltaren Ofta®. E’ assolutamente da evitare che residui di soluzione alcolica vadano a contatto con la congiuntiva in quanto molto irritanti
Problemi & soluzioni Fase 4
1 Istillando la soluzione qualche goccia è caduta sulla congiuntiva
  • Far lavare abbondantemente e contemporaneamente proseguire il conteggio del tempo.
2 Il paziente si è mosso o comunque vi è stata una fuoriuscita di soluzione alcoolica
  • Cercare di ricentrare l’imbuto e far lavare la congiuntiva, nel caso la fuoriuscita sia stata massiva istillare nuova soluzione.
3 Durante il lavaggio vi è stata una rottura dell’epitelio per l’eccessiva pressione idrostatica
  • Ignorare il problema e porre molta attenzione durante le fasi successive di gestione del flap..

5° fase
EPITELIOTOMIA CON ZAPPA EPITELIALE
Si asciuga delicatamente il margine della trapanazione al fine di evidenziarlo.
E’ consigliabile in questa fase un asciughino a sigaretta, ponendo attenzione alla perdita di piccoli peli, evitare di asciugare il centro del flap che mantiene meglio la sua vitalità se umido.
Cominciando ad ore 6 si procede a piacimento in senso orario od antiorario e con piccoli movimenti si opera allo scollamento del margine.
Proseguendo l’operazione verso destra converrà inclinare la zappa a destra in modo da non coprire il pretaglio, mentre proseguendo verso sinistra si inclinerà la zappa a sinistra.
Tale fase sarà completa quando rimarrà integro solo l’epitelio corrispondente alla cerniera ad ore 12.
1 Il margine è poco evidenziabile a causa di un pretaglio superficiale
  • Cercare una soluzione di continuo al limite fra epitelio trasparente (periferico) ed opaco e quindi continuare
2 L’epitelio è assolutamente adeso e non si stacca
Creare delle piccole rotture eventualmente usando i due angoli presenti sulla zappa, appositamente creati allo scopo di abradere l’epitelio. Successivamente riapporre tramite l’imbuto la soluzione alcoolica rinforzata per 5 o 10 secondi.

6° fase
TRASCINAMENTO DELL'EPITELIO CON SPATOLA DA HOCKEY
Rovesciando il bordo del flap lo si trascina mantenendo la spatola inclinata sul flap evitando di toccare la superficie stromale da trattare. Con l’esperienza si avverte quando la resistenza alla trazione risulta eccessiva e pertanto è conveniente spostarsi su un’altra zona. Delicatamente si arriverà quindi a trascinare completamente il flap fino alla cerniera. Il settore superiore è solitamente più adeso e pertanto si opererà verticalizzando la spatola e comprimendo sullo stroma con piccoli movimenti.Si completerà così lo scollamento.E’ possibile in alternativa utilizzare un dissettore ad arco che posizionato ad ore 6, applanando la cornea, scorre sotto l’epitelio.
L’occhio va tenuto fermo durante questa fase con un anello atraumatico di Mendez, ed il filo del dissettore deve comprimere la cornea come fosse un microcheratomo stromale. Se si incontrano eccessive aderenze è bene utilizzare la spatola da hokey con piccoli movimenti verticali. 1 Il flap oppone resistenza alla trazione
  • Si può riapporre la soluzione alcoolica fino ad un totale complessivo di 50 secondi e poi procedere.
2 Il flap continua a restare adeso nonostante la ripetuta alcolizzazione.
  • Ciò avviene particolarmente in pazienti adulti vecchi portatori di lenti morbide. In questi casi si deve agire con la spatola da Hokey in modo verticale sin dall’inizio e porre particolare attenzione a non ledere la cerniera. Ovviamente in queste circostanze lo slamellamento sarà simile ad una disepitelizzazione meccanica pre – PRK. Certamente il flap non potrà avere proprietà ottiche nei primi giorni, ma garantirà comunque una completa riepitelizzazione in tre giorni grazie ad un meccanismo di "feeder layer", ossia lo strato di cellule morte permette alle cellule limbari di ricolonizzare la superficie in tempi accelerati.
7° fase
RACCOLTA DEL FLAP AD ORE 12
Conviene compattare a fisarmonica il flap per mantenerlo umido durante il trattamento laser. Per facilitare queste manovre ci si può servire di una microspatola a bordi smussi (meglio se in coppia).1 La cerniera è stata lacerata ed abbiamo un free cap
  • Compattarlo con attenzione ricordando poi che andrà rovesciato tenere d’occhio il free cap durante il trattamento laser.

8° fase
TRATTAMENTO LASER
Non presenta differenze rispetto ad una normale PRK eccetto che per un aumentato effetto correttivo (circa il 10% in più rispetto ad una PRK). Suggerisco pertanto di ridurre il valore della miopia da correggere del 10% (circa) fino a –10dt e progressivamente fino al 20% da –10dt a –20dt. E’ possibile utilizzare la seguente formula per il calcolo: Laser = miopia x ( 0,9 + ( miopia / 200 ) ) Esempio : Refrazione –5 dt > Valore da impostare in Lasek = - 5 x ( 0,9 + ( - 5 / 200 ) ) = -4,375 Esempio : Refrazione –10 dt > Valore da impostare in Lasek = - 10 x ( 0,9 + ( - 10 / 200 ) ) = -8,5 Esempio : Refrazione –20 dt > Valore da impostare in Lasek = - 20 x ( 0,9 + ( - 20 / 200 ) ) = -16 La causa di questo iper-effetto risiede forse nella riduzione della regressione invece presente in PRK e di cui i protocolli laser tengono conto. Se si effettua uno smoothing si dovrà preventivamente ricoprire di fluido maschera il flap
http://www.lasek.it/Pages/LASEK/PRK.jpg
9° fase
RICOPERTURA DELL'AREA TRATTATA
Se si è effettuato uno smoothing conviene leggermente asciugare l’area, diversamente è consigliabile instillare una goccia di BSS per facilitare lo scorrimento del flap nella sua naturale posizione.Si utilizza una microspatola a bordi arrotondati e la si posiziona ad ore 12 sotto il flap, pertanto a contatto con la superficie dell’epitelio. Gentilmente si fa scorrere rovesciandolo tutto il flap e lo si posiziona in modo da ricoprire il pretaglio. Il flap risulterà più grande grazie alla sua elasticità, per ciò potrà coprire piccole irregolarità del bordo.
1 La cerniera è completamente staccata.
  • E’ necessario l’uso simultaneo di due spatoline. La prima andrà appoggiata sul bordo del flap verso il limbus allo scopo di tenerlo fermo, mentre la seconda raccoglierà la parte periferica verso il fornice e la rovescierà sul letto stromale. Dopo averlo disteso conviene attendere un leggero essicamento che migliora l’adesione.
2 L’epitelio è completamente spappolato come a volte accade nei reinterventi post KR o post Haze
  • Si raccoglie la "pappa epiteliale" e si posiziona al centro della cornea. La lente morbida di protezione è bene sia un po’ stretta. Anche se queste condizioni limite ovviamente non consentono recuperi visivi veloci e non riducono il dolore postoperatorio, si avrà comunque una riepitelizzazione in 3 o 4 giorni (feeder effect), e si sarà quindi scongiurato ogni ritardo grave con le conseguenze note .
3 Presenza di impurità sotto l’epitelio
  • Se si tratta di piccoli peli si può tentare di rovesciare il flap e di lavarlo, anche se non è facile rimuoverli. L’impressione clinica è che piccole impurità vengano comunque espulse nel corso dei mesi successivi.


10° fase
APPOSIZIONE DELLA LENTE A CONTATTO MORBIDA
Consiglio di usare lenti ad alta idrofilia (60-70%) con raggio base lievemente stretto (8,7). La lente andrà applicata appoggiandola ad ore 12 facendola cadere al centro della cornea.1 Dopo l’appoggio della lente si osserva qualche piccola piega sul flap.
  • E’ sufficiente massaggiare la lente con la microspatola per riposizionare correttamente l’epitelio.



11° fase
MEDICAZIONE POSTOPERATORIA E CONTROLLI
L’immediata medicazione prevede l’uso di antistaminici, antibiotici , midriatici e cortisonici per via topica. Si toglie il blefarostato facendo attenzione come per una lasik e si fa tenere l’occhio chiuso per un minuto. Non si benda l’occhio e vengono prescritti antibiotici e fans dal primo giorno, mentre la terapia cortisonica leggera + lacrime artificiali (due somministrazioni per 30 giorni) parte dal 4° giorno dopo l’asportazione della lente a contatto. In caso di flap poco integro, nei vecchi portatori di lenti a contatto, e nelle miopie superiori alle 8 dt, ho introdotto di routine l’uso dell’autosiero, preparato da 10 cc di sangue autologo centrifugato.Questo va instillato 4 volte al dì nei primi giorni e conservato in frigo. E’ consigliabile una conchiglia rigida di protezione durante le prime 4 notti. Il primo controllo và effettuato il giorno seguente per controllare la presenza della lente e del flap, mentre il secondo dopo 3 o 4 giorni per l’asportazione della lente stessa. L’asportazione della lente lascia a volte vedere alcune zone di irregolarità epiteliale con una colorazione alla fluoresceina. Se non sono presenti vere e proprie aree disepitelizzate è conveniente lasciare il paziente senza lente. E’ normale appena tolta la lente che il paziente avverta un certo fastidio per circa un’ora. Se il flap è stato gestito correttamente senza traumatismi della Bowman e senza contaminazioni della congiuntiva con la soluzione alcolica il dolore postoperatorio è praticamente nullo. In ogni caso la gravità del dolore e la sua durata sono nettamente inferiori alla media di un trattamento laser tradizionale. Il recupero visivo sarà ovviamente veloce se il flap è risultato otticamente valido dall’inizio. Dopo una settimana di asportazione della lente ci si aspetta un recupero dell’ 80-90% della capacità visiva, ma non è infrequente osservare recuperi simili anche nei primi giorni.La Lasek permette di correggere ogni tipo di difetto di refrazione senza le limitazioni comunemente imposte nella PRK. Non ho mai rilevato problemi di haze superiori al 1° nei casi trattati fino ad ora anche per alti livelli di miopia (16 diottrie). Può succedere transitoriamente in alcuni casi un’ipermetropizzazione (da 1 a 3 dt) per qualche settimana, legata ad una mancata crescita completa degli strati epiteliali nella porzione centrale dell’epitelio.

Problemi e Soluzioni Fase 11
1 Perdita della lente e del flap in prima giornata
  • Si riapplica una lente e si segue il paziente come per una normale PRK fino a riepitelizzazione avvenuta.
2 Parziale rottura del flap
  • Se la parte staccata è bene evidenziabile, conviene asportarla con una microforbice e poi riapporre una lente morbida
3 Possono comparire in decima giornata delle piccole isole di epitelio biancastro segno di morte accelerata.
  • Aumento del dosaggio cortisonico per ridurre la reazione infiammatoria ed uso massiccio di lacrime artificiali con ringer

Angus90
 

La ringrazio per la risposta, Dottore

Il testo da Lei riportato afferma che in una settimana si stima un recupero dell'80-90%, ma potrò leggere e studiare per diverse ore al giorno oppure l'occhio post-intervento si stanca facilmente?
Il non togliere troppo tempo allo studio è fondamentale per me

E degli aloni notturni cosa mi dice?

Slh!
 

Citazione:
Originariamente Inviato da Angus90 Visualizza Messaggio
La ringrazio per la risposta, Dottore

Il testo da Lei riportato afferma che in una settimana si stima un recupero dell'80-90%, ma potrò leggere e studiare per diverse ore al giorno oppure l'occhio post-intervento si stanca facilmente?
Il non togliere troppo tempo allo studio è fondamentale per me

E degli aloni notturni cosa mi dice?
io ho fatto la lasek il 30 Novembre. Considera che il recupero è soggettivo e io avevo una miopia molto più leggera della tua ( -2 da entrambi) quindi prendi con le pinze quello che ti dico.
A una settimana dall'intervento vedevo decentemente da lontano ma molto male da vicino. Fortunatamente non studio, ma se avessi dovuto farlo avrei avuto enormi problemi a farlo. Inoltre già verso il pomeriggio sentivo gli occhi pesantissimi. Anche mia cugina vorrebbe operarsi e francamente le ho sconsigliato di farlo nel periodo in cui studia. Non so se sono stato un caso anomalo...

siravoduilio
 

IN MEDIA CI VOGLIONO CIRCA DUE SETTIMANE

Angus90
 

Citazione:
Originariamente Inviato da Slh! Visualizza Messaggio
io ho fatto la lasek il 30 Novembre. Considera che il recupero è soggettivo e io avevo una miopia molto più leggera della tua ( -2 da entrambi) quindi prendi con le pinze quello che ti dico.
A una settimana dall'intervento vedevo decentemente da lontano ma molto male da vicino. Fortunatamente non studio, ma se avessi dovuto farlo avrei avuto enormi problemi a farlo. Inoltre già verso il pomeriggio sentivo gli occhi pesantissimi. Anche mia cugina vorrebbe operarsi e francamente le ho sconsigliato di farlo nel periodo in cui studia. Non so se sono stato un caso anomalo...
Citazione:
Originariamente Inviato da siravoduilio Visualizza Messaggio
IN MEDIA CI VOGLIONO CIRCA DUE SETTIMANE
Grazie a entrambi per le risposte
Cavolo, addirittura 2 settimane.....
Effettivamente è questa l'unica cosa che mi frena...gli occhi pesanti e tutto il resto....perchè per il resto sono assolutamente determinato nel fare l'intervento....il fatto è che sicuramente, se non lo faccio il 13 gennaio, dovrei rimandarlo per forza a Dicembre, visti gli impegni che si accavallano durante l'anno....quindi non so se, nonostante la vicinanza con gli esami, me la sento di rimandarlo...

Oramai lo sto chiedendo a tutti quindi lo chiedo anche a voi : voi mi consigliate di rimandarlo?

bubi2
 

Angus sicuramente non é una decisione facile e solo tu puoi dare risposta alla tua domanda!
Sicuramente un periodo di recupero é da mettere in conto!
Per mia esperienza ( ho fatto una prk e poi dopo 10 anni femtolasik) posso dirti che l'intervento con minor tempo di recupero é sicuramente la femtolasik ( dopo un due giorni sono tornata a lavoro, nessun problema a leggere o con a tv, o nella guida).
É comunque un intervento diverso e va valutato con il proprio medico perché magari nel tuo caso la lasek é l'operazione piú giusta.

Angus90
 

Citazione:
Originariamente Inviato da bubi2 Visualizza Messaggio
Angus sicuramente non é una decisione facile e solo tu puoi dare risposta alla tua domanda!
Sicuramente un periodo di recupero é da mettere in conto!
Per mia esperienza ( ho fatto una prk e poi dopo 10 anni femtolasik) posso dirti che l'intervento con minor tempo di recupero é sicuramente la femtolasik ( dopo un due giorni sono tornata a lavoro, nessun problema a leggere o con a tv, o nella guida).
É comunque un intervento diverso e va valutato con il proprio medico perché magari nel tuo caso la lasek é l'operazione piú giusta.
Beh mi fido nella maniera più assoluta del mio oculista, mi ha consigliato la LASEK e quindi quella farò Poi certo mi rendo conto che la mia domanda non può trovare una risposta certa, e il recupero l'ho messo in conto, solo speravo che una settimana bastasse evidentemente no...
È solo questo il mio dubbio, per il resto bramo questo intervento da anni
Più che altro sono portato a farlo il 13 gennaio perchè altrimenti lo dovrei rimandare di un anno (anzi, lo dovevo fare il 20 dicembre ma si è dovuto rimandarlo...)

bubi2
 

Fai benissimo ad aver fiducia nel tuo medico, é fondamentale perché per quanto ci si possa informare é proprio lui a consigliarti la cosa migliore per il tuo occhio!
Chiaramente si tratta di una operazione e per quanto veloce sia, il post operatorio ci sará e difficilmente si puó quantificare perché soggettivo.
Come ti ho detto si puó fare paragoni tra le varie tecniche ma non di più.
Visto che sei cosí motivato e che manca cosí poco io affronterei l'intervento, ma consapevolmente sapendo che potrebbe volerci qualche settimana in più

Angus90
 

Citazione:
Originariamente Inviato da bubi2 Visualizza Messaggio
Fai benissimo ad aver fiducia nel tuo medico, é fondamentale perché per quanto ci si possa informare é proprio lui a consigliarti la cosa migliore per il tuo occhio!
Chiaramente si tratta di una operazione e per quanto veloce sia, il post operatorio ci sará e difficilmente si puó quantificare perché soggettivo.
Come ti ho detto si puó fare paragoni tra le varie tecniche ma non di più.
Visto che sei cosí motivato e che manca cosí poco io affronterei l'intervento, ma consapevolmente sapendo che potrebbe volerci qualche settimana in più
Dici addirittura che potrebbe volerci qualche settimana in più? Se questo intervento non mi permettesse di studiare per un mese o più sarebbe un bel problema, mentre 2 settimane sono accettabili...tornare a guidare e stare al PC non sono una necessità immediata, il discorso cambia quando si tratta di studiare e quindi necessariamente sforzare gli occhi....Non so, nessuno, nemmeno il mio oculista potrebbe darmi una valutazione precisa del recupero (per quanto abbia detto che DOVREI poter tornare a studiare dopo 7-10 giorni), per cui facendolo mi assumo un rischio legato ai tempi di recupero....ma credo che la voglia di farlo superi la paura di tale rischio
Però certo se si parla di un mese.....

siravoduilio
 

DIA L'ESAME E POI FACCIA L'INTERVENTO!!

Angus90
 

Citazione:
Originariamente Inviato da siravoduilio Visualizza Messaggio
DIA L'ESAME E POI FACCIA L'INTERVENTO!!
È proprio questo il problema Dottore, ho due esami da dare a febbraio di cui uno a metà del mese (quindi ad un mese dall'intervento) e l'altro il 28, quindi dopo un mese e mezzo dall'intervento.
Dopo febbraio per impegni vari mi è impossibile fare l'intervento, e andrei a finire a dicembre...cioè tra un anno!!!
Ecco cosa mi spingerebbe a farlo il 13 gennaio....
Lei dice che un recupero di una buona capacità di lettura e quindi di studio è proprio impossibile in, diciamo, 10-15 giorni?

siravoduilio
 

L'INTERVENTO PUO' ESSERE DIFFERITO NEI MESI PROSSIMI!
BUONA GIORNATA

Angus90
 

Citazione:
Originariamente Inviato da siravoduilio Visualizza Messaggio
L'INTERVENTO PUO' ESSERE DIFFERITO NEI MESI PROSSIMI!
BUONA GIORNATA
Scusi, poi la lascio libero, cosa intende per "differito"?
Se non lo faccio adesso non mi è possibile farlo fino a dicembre 2012....

siravoduilio
 

DOPO QUESTA RISPOSTA PURTROPPO LA DEVO LASCIARE!!!
DIFFERITO VUOL DIRE CHE HA ASPETTATO UNA VITA PUO' ASPETTARE ANCORA 5-6-7-8 MESI!!
SI DECIDA O DA' GLI ESAMI O FA' L'INTERVENTO!!
NELLA VITA CI SI PRESENTANO MILIONI DI BIVI E PER ANDARE AVANTI BISOGNA SCEGLIERE UNA STRADA NON TUTTE E DUE!!
SCELGA UNA SUA PRIORITA' http://sidast.blog.tiscali.it/files/2011/02/bivio.jpg

Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr. Giacomo Sanfelici

Dr. Giacomo Sanfelici
Nome:
Giacomo Sanfelici
Comune:
Pietra Ligure
Provincia:
SV
Azienda:
Ambulatorio Medico Chirurgico Vìsus
Specializzazione:
Oftalmologia
Contatti/Profili social:
sito web
Domanda al medico
Dr. Sanfelici, l'intervento di cataratta è consigliato a qualunque età, sia che si tratti di un anziano o un giovane, oppure ci sono limitazioni e rischi?
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 14:10 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X