Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Oculistica > Importante per tutti : Prk, lasik, ipermetr., wave
Segna Forum Come Letti

   

Importante per tutti : Prk, lasik, ipermetr., wave

JamesH
 

Allora volevo fare un post con una serie di informazioni che ho raccolto dopo piu di un anno che ho passato visitando centri dove effettuano la chirurgia refrattiva in italia e in America, dopo aver parlato con tantissimi esperti sulle conseguenze e gli effetti collaterali che si possono avere, compreso lo studio di molti casi diversi.

Inizio con uno degli argomenti che purtroppo non viene mai spiegato in modo veramente apporfondito anche dai medici che hanno molto spesso una tendenza nel nascondere le informazioni.

Lasik o Prk ?

Risposta veloce : tra i due mali, quello minore e' sicuramente la Prk.

Nella Lasik viene tagliato uno strato piccolissimo di cornea chiamato "flap", che viene poi riposizionato al suo posto.

Se questo strato viene fatto a regola d'arte la dimensione si aggira in torno ai 110 micron.

Una volta riposizionato, il flap si rinsalda solamente nel perimetro, ma non nella parte sottostante, dato che quella parte di cornea che viene tagliata non si rigenera.

La conseguenza e' che non rigenerandosi mai del tutto rimane sempre a rischio, e di persone a cui si e' staccato ce ne sono parecchie, solo che questo non lo dicono.

Altro problema e' che secondo studi effettuati la lama che viene utilizzata rilascia delle particelle metalliche microscopiche che sono ritenute possibile causa di problemi successivi come dolori e bruciori.

Non a caso l' ultima novita della chirurgia laser in America, prevede la creazione di un "flap" usando non piu la lama, ma un altro tipo di laser, questa tecnica e' stata fatta per ovviare a questo inconveniente, anche se da quello che mi e stato riferito la lama ha una pulizia maggione nella creazione del Flap rispetto al laser, googlate "bladeless Lasik" per maggior informazioni.

Nella Prk invece viene rimosso uno strato superficiale di cellule che dopo 2 o 3 giorni si rigenera spontaneamente tornando esattamente come prima, e non presentando nessun tipo di Flap che potrebbe staccarsi un domani.

La Prk inoltre consuma uno strato di cornea minore dato che non prevede la formazione di nessun flap, ed io credo che la cosa migliore e' cercare di salvaguardarne quanta piu possibile.

Il motivo per cui viene utilizzata molto la Lasik e' che subito dopo l' intervento si vede gia bene, ma in cambio si rimane con un "Flap" a rischio per tutta la vita.

Pensate che un ottico serio si rifiuta categoricamente di inserire lenti a contatto a chi e' stato operato di Lasik per la paura che potrebbe danneggiargli il Flap e venire quindi denunciato.

Ci sono un sacco di persone felici che non hanno mai avuto problemi dalla Lasik a cui il flap non si e mai staccato, ma ritengo che sia giusto che ognuno sia consapevole dei rischi.

Passiamo ora al punto due : Ipermetropia e chirurgia refrattiva.

Sebbene la chierurgia refrattiva al momento sia molto efficace nel trattare la miopia, i risultati sull' ipermetropia rimangono ancora piuttosto instabili e deludenti.

La differenza nel correggere l' ipermetropia e' che nel farlo anziche' rimuovere uno strato centrale di cornea nell' occhio per renderlo piu piatto come nella miopia, si taglia un cerchio di cornea attorno all' occhio per cercare di renderlo piu' curvato, esattamente il contrario di quello che si fa per la miopia.

Il problema principale e' che dopo aver effettuato l' intervento l' occhio ricomincera' a rigenerarsi e piano piano le cellule riempiranno quel "solco" provocato dal laser, il difetto come conseguenza ritornera' indietro e a volte invece non solo torna indietro ma peggiore di prima, dato che la cornea si rigenera in maniera irregolare.

Ad esempio ho visto casi di ipermetropi che dopo l' operazione hanno visto bene per qualche mese o anno ma poi hanno iniziato a tornare ad essere ipermnetropi ed alcuni in segiuto a diventare anche miopi.

Insomma, se si hanno difetti di ipermetropia che non sia leggera, tenete presente quello che mi e' stato riferito da deversi dei piu esperti medici americani ed italiani, "si puo' fare ma non bisogna credere che sia un trattamento e via, nella maggiorparte dei soggetti che abbiamo curato l' ipermetropia e' tornata e sono stati necessari successivi ritocchi, a volte dopo 8 mesi, a volte dopo un anno, a volte invece non ce ne e' stato neanche visogno ma non si puo garantire che il difetto non tornera' indietro dato che la biologia agisce in modo diverso per ogni caso".

Per difetti invece di ipermetropia leggeri c'e' un rischio minore che il difetto ritorni, valutate quindi bene con attenzione prima di dire di si ad un medico facilone che non vi dice che in futuro potreste essere da punto a capo se non peggio.

Considerazione sulla tecnologia :

Ho constatato che in America tutti gli studi piu grossi utilizzano il laser di ultimissima generazione "WaveLIght Allegretto", che effettua esclusivamente correzzioni personalizzate sulla propria cornea sia con Prk che con Lasik.

Come ripostato in questa intervista dal sito di Caster Vision, uno dei grossi centri di chirurgia refrattiva di Los Angeles , molti centri usano laser piu economici dai piu scarsi risultati rispetto al WaveLIght Allegretto :

6. Are all lasers the same?

Absolutely not! Dr. Caster has used multiple lasers, and currently has three: WaveLIght Allegretto, Alcon Ladar6000, and Visx S4. We obtain the most accurate results with the WaveLight Allegretto. Unlike other lasers, all treatments with the WaveLight Allegretto are Custom treatments. Whereas the Alcon Ladar6000 and the Visx have enhancement rates around 10%, the enhancement rate with the WaveLight Allegretto is less than half of that - around 4%. Other cheaper lasers, or older versions of these lasers, which are commonly used by discount laser centers, are much less expensive to purchase and use, but do not produce the same level of vision. Also, the maintenance and calibration of the laser are very important in obtaining the optimal treatment result (we calibrate the laser before every treatment -- many centers only calibrate the laser between every 4 treatments, or even just once each day).

http://www.castereye.com/faq.php

Altra informazione importantissima che molti medici non dicono e' che se si portano lenti a contatto semirigide esse possono deformare la cornea notevolmente col tempo e dare risultatti sfalsati alle misurazioni, e' consigliabile starne senza per almeno un mese per ogni decina di anni di utilizzo prima di fare le misurazioni definitive per fare la Prk o la Lasik.

I wear rigid contact lenses, and have been told that I will have to wear glasses for a few weeks before I can have Lasik. I hate the feel of my lenses, but I LOVE the vision I get from them. Why is it necessary for me to go without them for so long before surgery?

Contact lenses can alter the shape of your cornea, and cause corneal swelling. Prior to performing the laser treatment, we perform measurements that need to be very exact. So, we must allow adequate time out of contacts to be sure that our measurements of the cornea are as precise as possible. We ask our patients to remain out of their soft contact lenses for 7-10 days before the final measurements. If the soft lenses are toric, then they should take out their contacts two weeks before the final measurements. With gas permeable lenses, the patient needs to discontinue their use for a much longer period of time. We use the safe, conservative rule of thumb: one month of gas permeable lens discontinuation for every decade of gas permeable lens use. (During this time you can wear soft lenses.) So, if you've been using your gas permeable lenses for 20 years, you will need to stay out of them for 2 months. We also recommend coming in for a progress check every 2-4 weeks during this process to check on your corneal condition.

Volevo poi parlare di un altro argomento, la forma della cornea dopo la Prk o La lasik.

Purtroppo, dopo che i vostri occhi sono stati rimodellati dal laser, perdono quella loro curvatura naturale a causa dei solchi e delle irregolarita' provocati dall' azione del laser, per questa ragione, se in un futuro volete portare delle lenti a contatto, potrebbe essere un problema dato che non aderiranno all' occhio in maniera perfetta, le lenti a contatto sono fatte per aderire su una cornea con una curvatura standard.

Riassumento quindi in base a tutti i miei studi e' emerso che :

-Per la miopia la chirurgia refrattiva sembra ormai un rimedio efficacie e consolidato ed anche a distanza di molti anni nel tempo appare stabile.

-Per l' ipermetropia purtroppo non e cosi', il risultato rischia di essere instabile con un rischio maggiore tanto maggiore e' il difetto che si corregge, con la conseguenza di avere in futuro bisogno di altri ritocchi, diffidate di chi vi dice che non e' cosi.

-La Lasik crea un Flap che non si rigenera mai completamente e rimane a rishio per tutta la vita, diffidate di chi vi dice che non e' cosi.

-Non tutti i centri utilizzano laser di ultima generazione, il laser piu utilizzato in america e' attualmente il WaveLight Allegretto, diffidate di centri che usano laser ormai superati.

Spero di essere stato utile, gli occhi sono un bene prezioso, prendetevene buona cura.



MIGLIOR COMMENTO
Dr. Antonio Pascotto
Caro dottor James,

Grazie per le tue interessanti testimonianze, ma vorrei precisare che in medicina non vale SOLO l'esperienza di un singolo o il commento di un unico medico, anche se si tratta del miglior medico del mondo, se è Americano (un plusvalore non indifferente...) e visita le migliori star internazionali!

Per rispetto verso una ENORME percentuale di oculisti che curano con successo l'ipermetropia (e avrei caterve di pazienti pronti a testimoniare) devo smentire in maniera netta le tue affermazioni sull'ipermetropia e sulla presunta superiorità dell'Allegretto (che è, comunque, un ottimo apparecchio).

E' facile in questo ambito instaurare polemiche infinite, per cui cercherò di non reagire alle tue certe controrepliche. Volevo solo far conoscere ai miei amici del forum le mie posizioni, anche se per te ovviamente saranno sempre "di parte" e magari poco oneste.

Meriti un plauso per le tue approfondite ricerche ma il tuo linguaggio, permettimi, non è condivisibile fra i membri di una comunità scientifica: non puoi dire "fra i due mali, la prk è il male minore"... non puoi descrivere così un intervento di elevati standard qualitativi che lascia soddisfatta la stragrande maggioranza dei pazienti, felici finalmente di potersi risvegliare al mattino e VEDERE CON I PROPRI OCCHI.

Saluti,
Antonio Pascotto
__________________
Centro Oculistico Pascotto
Tel. 081 554 2792
Leggi altri commenti
DrunK
 

Questo post è oro colato...

Grazie tante James, grazie grazie.
E grazie ancora.

ElisaElisa
 

Che differenza c'è tra il flap della lasik e quello della epilasik?
Grazie..

JamesH
 

Una differenza fondamentale, nella Epilasik il flap viene creato in una zona che si limita solo all' epitelio superficiale,non penetra lo stroma, quindi non credo si possa veramente parlare di "flap" come nella Lasik.

Epilasik e' come la prk cambia solo che invece di asportare le cellule dell' epitelio e buttarle via vengono conservate vitali e riposizionate sull' occhio come "bendaggio biologico" per facilitare la rigenerazione di quello strato superficiale di cellule.

In ogni caso, quelle cellule riposizionate moriranno lo stesso e saranno sostitutite da cellule nuove, la differenza e' che teoricamente si ha una rigenerazione piu rapida.

Sia Prk che Epilasik trattano solo lo strato epiteliale superficiale mentre la lasik invece intacca lo stroma della cornea.

Comunque da quel che mi risulta la Epilasik non e' approvata dalla FDA e non ci sono studi che provino l' occhio guarisca prima che con la prk.

Anche qui tutto puo variare tantissimo da soggetto a soggetto.

DIOPE139
 

Ciao a tutti,
sono un ragazzo di Milano e mi sono finalmente deciso a farmi operare il mio difetto di astigmatimo e miopia visita preliminare permettendo ed ho alcuni quesiti da porvi:

1) Mi sono informato all'ospedale di Saronno dove fanno il trattamento prk dove mi avevano detto che il loro laser della bausch&lomb era di ultima generazione.

Sentendo un milo amico che lavora in una clinica oculistica privata a Roma dove effettuano anche queste operazioni me lo ha sconsigliato pe3rchè mi ha comunicato chela Bausch&Lomb non produce più laser da 10 anni e cheo lo "strato" che andrebbero a " grattare" è due volte superiore a quello delle nuove tipologie di laser.

es: Se per un occhio con -7 di miopia con un vecchi lase devono togliere 80micron , con un lase a nuova tecnologia ne toglierebbero solo 40 il che permetterebbe, qualora ce ne fosse la necessita, che nel secondo caso si possa subire un secondo intervento perchè l'occhi ha ancora della "materia" sulla quale andare a lavorare.

Il costo dell'ospedale era di 1000 euro comprensivi della visita preliminare, dell'intervento e delle 4 visite successive di controllo.

2)Che tipo di laser poter utilizzare prk o lasik?

3) In quale ospedale potersi operare "in tutta tranquillità senza avere dall'altra parte delle persone che portano l'acqua al proprio mulino dando delle informazioni false"nelle vicinanze di Milano e quanto costerebbe l'operazione e le visite?

Vi ringrazio anticipatamente

JamesH
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da DIOPE139

Ciao a tutti,
sono un ragazzo di Milano e mi sono finalmente deciso a farmi operare il mio difetto di astigmatimo e miopia visita preliminare permettendo ed ho alcuni quesiti da porvi:

1) Mi sono informato all'ospedale di Saronno dove fanno il trattamento prk dove mi avevano detto che il loro laser della bausch&lomb era di ultima generazione.
Sentendo un milo amico che lavora in una clinica oculistica privata a Roma dove effettuano anche queste operazioni me lo ha sconsigliato pe3rchè mi ha comunicato chela Bausch&Lomb non produce più laser da 10 anni e cheo lo "strato" che andrebbero a " grattare" è due volte superiore a quello delle nuove tipologie di laser.

es: Se per un occhio con -7 di miopia con un vecchi lase devono togliere 80micron , con un lase a nuova tecnologia ne toglierebbero solo 40 il che permetterebbe, qualora ce ne fosse la necessita, che nel secondo caso si possa subire un secondo intervento perchè l'occhi ha ancora della "materia" sulla quale andare a lavorare.

Il costo dell'ospedale era di 1000 euro comprensivi della visita preliminare, dell'intervento e delle 4 visite successive di controllo.

2)Che tipo di laser poter utilizzare prk o lasik?

3) In quale ospedale potersi operare "in tutta tranquillità senza avere dall'altra parte delle persone che portano l'acqua al proprio mulino dando delle informazioni false"nelle vicinanze di Milano e quanto costerebbe l'operazione e le visite?

Vi ringrazio anticipatamente

Un laser di ultimissima generazione e' il WaveLIght Allegretto io aspetterei che anche in italia molti centri ne siano dotati magari e' vaddero il mgiliore tra tutti i laser.

Personalmente io non ne farei una questione di soldi.

James.

beppe71g
 

Provate a dare un occhiata a questo link: http://www.refractiveonline.com/2000...ne/default.htm dove si mettono a confronto due tipi di apparecchiature laser a eccimeri 217c(Bausch & Lomb) e Allegretto (Wavelight), dove quest'ultimo risulta essere migliore del primo! Le tesi di Jamesh vengono confermate.

ElisaElisa
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da JamesH

Una differenza fondamentale, nella Epilasik il flap viene creato in una zona che si limita solo all' epitelio superficiale,non penetra lo stroma, quindi non credo si possa veramente parlare di "flap" come nella Lasik.

Epilasik e' come la prk cambia solo che invece di asportare le cellule dell' epitelio e buttarle via vengono conservate vitali e riposizionate sull' occhio come "bendaggio biologico" per facilitare la rigenerazione di quello strato superficiale di cellule.

In ogni caso, quelle cellule riposizionate moriranno lo stesso e saranno sostitutite da cellule nuove, la differenza e' che teoricamente si ha una rigenerazione piu rapida.

Sia Prk che Epilasik trattano solo lo strato epiteliale superficiale mentre la lasik invece intacca lo stroma della cornea.

Comunque da quel che mi risulta la Epilasik non e' approvata dalla FDA e non ci sono studi che provino l' occhio guarisca prima che con la prk.

Anche qui tutto puo variare tantissimo da soggetto a soggetto.



Io ho fatto la epilasik....
Che vuoi dire che non è approvata??? (FDA? che significa?)
Comunque, l'epilasik è molto fastidiosa.... ho preferito di gran lunga la prk della epilasik...

JamesH
 

l Food and Drug Administration (FDA), in italiano "agenzia per gli alimenti e i medicinali", è l'ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici. Dipende dal United States Department of Health and Human Services (il corrispondente dell'italiano Ministero della Sanita).

Il laser ad eccimeri e' apporvato dalla FDA per la Lasik e la Prk, qualsiasi altra procedura come la Epilasik non e' stata ancorra apporvata dalla FDA.

Non preoccuparti, questo non vuol dire che sia pericolosa da fare, all' inizio anche i primi laser ad eccimeri non erano approvati per la Lasik ma solo per la Prk.

Se hai fatto la Epilasik sei al sicuro dato che non avrai nessun flap a rischio

Modificato da - JamesH in data 14/12/2007 0011

sheila76
 

ciao james, intanto grazie per le tue informazioni, volevo chiederti se in italia conosci qualche centro che usano questo laser wawelight allegretto?
io sono ipermetrope volevo fare il laser e come hai scritto tu essendo piu problematico di un miope vorrei trovare un centro preparato per questo...
secondo te a parita di laser in america sono piu preparati a questo tipo di intervento?

JamesH
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da sheila76

ciao james, intanto grazie per le tue informazioni, volevo chiederti se in italia conosci qualche centro che usano questo laser wawelight allegretto?
io sono ipermetrope volevo fare il laser e come hai scritto tu essendo piu problematico di un miope vorrei trovare un centro preparato per questo...
secondo te a parita di laser in america sono piu preparati a questo tipo di intervento?

In america ho trovato dei dottori che avevano un esperienza enorme con l' ipermetropia, anche in italia ce ne sono tanti ma il problema e' sempre lo stesso, trovare quello giusto con la tecnologia giusta.

Io se dovessi operarmi di chirurgia refrattiva voglio essere sicuro di avere il laser megliore e l'esperienza migliore e sarei disposto anche a farlo in america senza pensarci due volte, tanto con il cambio euro dollaro il costo del viaggio viene riassorbito.

Naturalmente devi trovare quello giusto, io ho girato diversi centri di chirurgia regfrattiva compresi quelli dove vanno le star di hollywood, ad esempio http://www.maloneyvision.com/ tuttavia non bisogna farsi ingannare dalla pubblicita' bisogna gurdare il grado di soddisfazione dei loro pazienti.

Quando sono andato li per un consulto gratuito mi hanno detto che se avessero operato un ipermetropia non lieve il difetto sarebbe tornato indietro e non se la sentivano, segno che di casi di ipermetropia ne aveva gia visti parecchi.

Mi ricordo la frase emblematica "Il problema non e' la tecnologia, la tecnologia ha gia' raggiunto livelli di perfezione soddisfacienti, il problema e' la biologia".

Il centro che mi ha dato piu fiducia di tutti e' stato www.la-sight.com , anche loro hanno detto che l'ipermetropia sarebbe tornata indietro ma erano disposti per due anni a fare tutti i ritocchi futuri in modo gratuito.

Sono rimasto sorpreso dal fatto che offrona una garanzia del tipo "o ci vedi 10 decimi o vieni rimborsato", naturalmente devi essere ritenuto un paziente "idoneo" per ususfruire di questa offerta, la trovo una proposta come dire "azzardata" ma evidentemente loro si sentono molto sicuri si se !

Il problema che bisogna porsi considerando di fare l' intervento in america e' che se avrai bisogno di ulteriori ritocchi in futuro dovrai tornare in america il che comporta una spesa ed uno sbattimento mica da poco.

Molto piu comodo fare il tutto in italia a questo punto, essendo sicuri di operarsi con un laser di ultima generazione, ma rimane il problema che l' ipermetropia ha un grosso rischio di regressione e potresti in futuro trovarti da punto a capo ma con una cornea indebolita.

Alla fine considerato il tutto penso che per chi e' ipermetrope la cosa migliore forse e' di lasciar perdere con la chirurgia refrattiva, troppi problemi e nessuna garanzia di avere una soluzione definitiva e stabile nel tempo, ritrovandosi con una cornea irregolare e quindi non piu adatta all' uso di lenti a contatto.

Di centri in italia con il WaveLight Allegretto per ora ho trovato solo questo dopo una ricerca su google :

Risposta del Dott. Carlo Benedetti

"Presso il Centro di Chirurgia tel. 0744/205708, di cui sono responsabile, abbiamo da poco acquisito l'Allegretto Wavelight Q-400, un laser di ultima generazione particolarmente preciso e veloce"

http://www.iltuooculista.com/domande.asp?ID=24

Ma non li conosco purtroppo.

JamesH
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da Pascotto

Caro dottor James,
Sono un biologo, non mi ritengo di essere piu competente di lei su questo argomento.

Sono contento che abbia partecipato alla discussione , credo che sia possibile discutere senza creare polemiche

Citazione:
Citazione:
Grazie per le tue interessanti testimonianze, ma vorrei precisare che in medicina non vale SOLO l'esperienza di un singolo o il commento di un unico medico, anche se si tratta del miglior medico del mondo, se è Americano (un plusvalore non indifferente...) e visita le migliori star internazionali!

Per rispetto verso una ENORME percentuale di oculisti che curano con successo l'ipermetropia (e avrei caterve di pazienti pronti a testimoniare) devo smentire in maniera netta le tue affermazioni sull'ipermetropia e sulla presunta superiorità dell'Allegretto (che è, comunque, un ottimo apparecchio).
Gentile Dott. Pascotto, dalle mie ricerche e' emerso che molti grandi centri di chirurgia refrattiva di Los Angeles sostengono che sia il laser migliore, non ho basato le mie considerazioni su quello che mi e' stato riferito da un singono medico, ma dalla maggioranza di essi.

Vorrei riportare alcuni tra questi rinomati centri di LA concordi nell' affermare che il WaveLIght Allegretto sia il miglior laser presente sul mercato :

http://www.la-sights.com/allegretto_technology.aspx
http://www.la-sights.com/wavefront_lasers_compared.aspx
http://www.castervision.com
http://www.benjamineye.com/cgi-bin/bei.cgi
http://www.kaweschlaser.com/html/contact.html

Sicuramente potrebbe trattarsi di una preferenza personale di molti centri americani per questo modello, tuttavia trovo che questo dato sia significativo, si tratta di un fattore importante per la mia analisi.

Per quanto riguarda l' ipermetropia dati alla mano non credo che un medico potra' mai garantire, a meno di mentire al paziente, che un ipermetrope di grado medio elevato non andra incontro ad una possibile grave regressione del suo difetto, con un rischio molto maggiore rispetto al miope.

Vorrei capire se il fatto che molti pazienti come lei dice siano trattati con successo si limiti al fatto che ci vedono bene dopo l' itervento o al fatto che correzzione sia anche stabile nel tempo.

Le cellule della cornea si rigenerano in maniera diversa nella periferia dell' occhio rispetto alla parte centrale.

Dati alla mano ho esaminato recentemente le topografie di un ipermetrope operato col laser che dopo aver visto bene per un paio di mesi e' ritornato ipermetrope dato che la cornea si e' rigenerata non solo annullando la correzzione effettuata dal laser ad eccimeri ma e' ricresciuta in maniera irregolare facendo diventare questo soggetto miope.

Ed era considerato un paziente operato "con successo" dato che ci vedeva 10 decimi dopo l' intervento.

Ora si ritrova con una cornea irregolare non puo neanche portare le lenti a contatto.

Ritengo giusto che un ipermetrope sappia che il suo caso e' molto piu legato alla "fortuna" ripetto al miope.


Citazione:
Citazione:
E' facile in questo ambito instaurare polemiche infinite, per cui cercherò di non reagire alle tue certe controrepliche. Volevo solo far conoscere ai miei amici del forum le mie posizioni, anche se per te ovviamente saranno sempre "di parte" e magari poco oneste.

Meriti un plauso per le tue approfondite ricerche ma il tuo linguaggio, permettimi, non è condivisibile fra i membri di una comunità scientifica: non puoi dire "fra i due mali, la prk è il male minore"... non puoi descrivere così un intervento di elevati standard qualitativi che lascia soddisfatta la stragrande maggioranza dei pazienti, felici finalmente di potersi risvegliare al mattino e VEDERE CON I PROPRI OCCHI.

Saluti,
Antonio Pascotto
Non volevo sminuire la tecnica in se ma enfatizzare il fatto che arreca un "male" all' occhio.

E' una tecnica che aiuta il paziente a vedere meglio ma provoca anche serie di danni all' occhio irreparabili, tanto da costringere nei casi piu gravi a ricorrere al trapianto di cornea.

Chi si opera di Lasik rimane con un flap che NON SI RIGENERA MAI, quanti dottori lo dicono al paziente ?

La ragione per cui anche dopo 15 anni e' possibile rialzare il flap e fare un ritocchino e' proprio questa.

Sono convinto che molti pazienti ci vedano vene dopo la Lasik, tuttavia mi chiedo se avrebbero davvero scelto di fare la lasik se fossero stati informati sulle questioni relative al Flap.

Avere una visione soddisfaciente non e' l' unico parametro che andrebbe analizzato.

Dr. Antonio Pascotto
 

Citazione:
Citazione: Dati alla mano ho esaminato recentemente le topografie di un ipermetrope operato col laser che dopo aver visto bene per un paio di mesi e' ritornato ipermetrope dato che la cornea si e' rigenerata non solo annullando la correzzione effettuata dal laser ad eccimeri ma e' ricresciuta in maniera irregolare facendo diventare questo soggetto miope.

Ed era considerato un paziente operato "con successo" dato che ci vedeva 10 decimi dopo l' intervento.

Ora si ritrova con una cornea irregolare non puo neanche portare le lenti a contatto.

Ritengo giusto che un ipermetrope sappia che il suo caso e' molto piu legato alla "fortuna" ripetto al miope.
Visto che parliamo di casi singoli, ti posso solo dire che IERI ho rivisitato un soggetto di 60 anni che avevo operato con il laser Technolas 217 della Bausch & Lomb 5 anni fa (era astigmatico ed ipermetrope di circa tre diottrie...). Continuava a vedere, e bene, dodici decimi naturali e necessitava di un'addizione di 2 diottrie per vedere i particolari piccoli da vicino (come di norma). Ho provato in tutti i modi a capire se da lontano vedeva ancora meglio con piccole addizioni di lenti davanti a suoi occhi: nulla, la visione migliore rimaneva sempre quella naturale! Sarà stato un caso fortunato, o forse sono fortunatissimo io visto che, non ci crederai, non ho mai avuto nei miei pazienti regressioni che andassero oltre la mezza diottria.
Citazione:
Citazione: Non volevo sminuire la tecnica in se ma enfatizzare il fatto che arreca un "male" all' occhio.

E' una tecnica che aiuta il paziente a vedere meglio ma provoca anche serie di danni all' occhio irreparabili, tanto da costringere nei casi piu gravi a ricorrere al trapianto di cornea.

Chi si opera di Lasik rimane con un flap che NON SI RIGENERA MAI, quanti dottori lo dicono al paziente ?

La ragione per cui anche dopo 15 anni e' possibile rialzare il flap e fare un ritocchino e' proprio questa.

Sono convinto che molti pazienti ci vedano vene dopo la Lasik, tuttavia mi chiedo se avrebbero davvero scelto di fare la lasik se fossero stati informati sulle questioni relative al Flap.
Il discorso che fai sulla LASIK è concettualmente corretto, ed è per questo che non è la tecnica che preferiamo da queste parti, ma resta comunque un intervento con un elevatissimo grado di soddisfazione, che rende felici i pazienti.

A me fa piacere in effetti che vengano fuori commenti "estremi" come i tuoi, perché è opportuno che si sappia che l'intervento di chirurgia refrattiva NON E' UNA PASSEGGIATA, e va affrontato seriamente sia dal paziente che decide di sottoporvisi sia dal medico che deve intervenire. Vanno sempre fatte molte valutazioni prima di giungere al tavolo operatorio ed è fondamentale che il paziente sia MOTIVATO ad eliminare il proprio difetto visivo e che scelga il proprio medico in maniera serena, affidandoglisi con fiducia.

Per fortuna NON è un intervento necessario. Quelli che vogliono vedere bene senza occhiali oggi hanno una fantastica opportunità per realizzare questo desiderio, gli altri (o gli scettici) possono tranquillamente farne a meno e vivere contenti lo stesso.

Saluti,
AP

JamesH
 

[quote] Citazione: Messaggio inserito da Pascotto

Citazione:
Visto che parliamo di casi singoli, ti posso solo dire che IERI ho rivisitato un soggetto di 60 anni che avevo operato con il laser Technolas 217 della Bausch & Lomb 5 anni fa. Continuava a vedere, e bene, dodici decimi naturali e necessitava di un'addizione di 2 diottrie per vedere i particolari piccoli da vicino (come di norma). Ho provato in tutti i modi a capire se da lontano vedeva ancora meglio con piccole addizioni di lenti davanti a suoi occhi: nulla, la visione migliore rimaneva sempre quella naturale! Sarà stato un caso fortunato, o forse sono fortunatissimo io visto che, non ci crederai, non ho mai avuto nei miei pazienti regressioni che andassero oltre la mezza diottria.
Grazie per le sue informazioni, sono molto interessanti e fanno rifrettere sul fatto che all fine e' il fattore umano che puo fare la differenza, non solo la tecnologia.

Quando parla di ipermetropie non regredite, ha avuto anche casi di forte ipermetropia come pazienti che necessitano di una correzzione di +5 o +6 prima dell' intervento ?

Potrebbe anche essere che in un paziente anziano la velocita' di rigenerazione corneale sia decisamente lenta ma se lei mi dice che anche i suoi pazienti giovani non hanno problemi le credo.

Sono contento di sapere che lei ha operato pazienti che non hanno avuto regressioni, tuttavia rimango preoccupato del fatto che e' successo a tanti pazienti stando a quello che mi e' stato riferito dai chirurghi con cui ho parlato.

Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr. Marco Alberti

Dr. Marco Alberti
Nome:
Marco Alberti
Comune:
Milano
Provincia:
MI
Azienda:
Centro Medico Italiano
Professione:
Oculista, Direttore Sanitario del Centro Medico Italiano
Specializzazione:
Oftalmologia
Contatti/Profili social:
sito web
Domanda al medico
Dr. Alberti, è vero che le lenti a contatto multifocali sono una soluzione contro la presbiopia?
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 15:39 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X