Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Chirurgia colonproctologica > Ragade che non va via
Segna Forum Come Letti

   

Ragade che non va via

Lala80
 

Buongiorno, ho letto e riletto tanti post su ragadi. Io ne soffro da due mesi e non so più cosa fare! Ho avuto sempre un ottimo rapporto con il mio corpo, riuscivo a defecare in maniera facile e veloce, tempo pochi secondi e via, non ho neppure mai avuto problemi d'impedimento, se dovevo andare lo facevo a lavoro a casa di estranei anche in aereo. Tanto che non badavo neppure al numero e alla frequenza, era una cosa spontanea come urinare. A volte solo se bevevo caffè o altro dovevo correre in bagno ma questo quando ero più stressata! Annualmente soffro d'influenza che attacca diarrea e vomito ma due giorni e tutto sparisce. Quest'anno mi è venuta due volte e durante la seconda ricaduta ho iniziato a sanguinare, allarmata sono andata a fare una visita chirurgica dove mi hanno diagnosticato una ragade. Mi hanno dato una pomata al cortisone per 15 e mi hanno detto di mangiare qualsiasi cosa, ma ad ogni mia domanda mi ripetevano di seguire la cura. Dopo 15 giorni documentatami su internet non avendo risposte dal chirurgo sono andata dal medico curante con una lista di pomate, la prima era Citrizan, il mio medico mi ha detto che è per uso esterno anche se ho letto sui forum che l'hanno usata per ragadi, la seconda antrolin e lui subito mi ha detto si non leggendo le successive pomate. Sui cibi di cui avevo fatto una lista mi ha liquidato dicendo mangia tutto! Son 5 giorni che uso antrolin e devo dire che anche se il dolore si è attenuato periste. La cosa assurda è che ci son stati giorni che le feci erano quasi spalpolate e giorni in cui erano dure, durante l'evaquazione di feci dure non sentivo nulla se non un indolenzimento, sulle molli invece un bruciore tipo ustione che passava dopo pochi minuti. Questa mattina ho passato un ora sul bagno perchè non riuscivo a liberarmi come se le feci fossero troppo grandi, poi sono riuscita dopo i primi pezzi durizzimi ma in realtà non così grandi come pensavo dove cera un puntino di sangue il resto spalpolato, ci son tornata dopo un ora con feci ancora più morbide tendenti al liquido. Ora come se sentissi di aver avuto un trauma, mi sento indolenzita ma in prossimità della ragade non sento bruciore ma come se ci fosse una cicatrice (forse impressione) dura che pulsa. La cosa più brutta è che sto cadendo in depressione, non ho più istinto a mangiare, forse perchè le cose che mangio non mi piacciono( sto mangiando frutta e verdure prevalentemente) io nonostante sia molto magra ho avuto sempre un grande appetito e questo mi spaventa! Vorrei solo che qualcuno mi desse retta per non restare a confrontarmi con cose scritte on line! Da una parte penso che forse sia meglio operarmi anche se non me l'hanno neppure accennato (con me sono sempre di tante parole ) anche se posso dire ora che i miei dolori non sono atroci e ho paura che quelli dell'intervento siano maggiori, ma per colpa di questa ragade non sto dormendo più( se dormo faccio incubi di medici che finalmente mi danno risposte), ne mangiando, ne uscendo se non per rintanarmi in ufficio da sola a piangere! Sono una ragazza e vorrei poter di nuovo, correre, uscire con gli amici a mangiare qualcosa e fare tutto con normalità senza questa spada di damocle! Cosa mi consigliate di fare!?

MIGLIOR COMMENTO
Dott. Giuseppe D'Oriano
Gentili Utenti
Nel forum si parla di patologie colo-retto-anali, eventuali commenti o indicazioni su strutture o medici è preferibile che avvenga in privato.
Grazie
ForumSalute - Forum - Regolamento
__________________
Dott. Giuseppe D'Oriano. Telf.3356604112 E-mail doriano1955@libero.it
Docente Scuola Speciale ACOI di Coloproctologia. Chirurgo Coloproctologo A.S.L.NA1 PO. S.M.d.P.Incurabili.Napoli
Leggi altri commenti
Dollina
 

Ciao Lala, non pensare subito all'intervento, le ragadi sono cose mooolto lunghe da guarire parlo per esperienza personale e di mia madre.
Ci sono alcune cose importanti che devi fare per aiutare il tuo corpo a farcela: la prima cosa ascolta i dottori e se non ti fidi di chi ti ha in cura chiedi un secondo parere.
Seconda cosa CALMATI e RILASSATI in questo modo renderai la guarigione molto più facile diminuendo le contrazioni dello sfintere involontario.
Per l'alimentazione segui una dieta bilanciata elimina piccante spezie e fritti (sopratutto) Chiedi anche al tuo medico di base consigli, evita cibi acidi (in rete trovi l'elenco ma alcuni sono comunque pomodori, melanzane peperoni ecc....) ma ancora te lo ripeto, stai rilassata più ti agiti più quella stronzina ti darà problemi!

Lala80
 

Grazie Dollina, ieri è andata meglio sono andata regolarmente in bagno e la sera non sentivo quasi più nulla, ho cenato con delle polpette ma con una paura dentro per il giorno successivo, infatti ho dormito a puntate sognando di stare in bagno. Sta mattina di nuovo non riuscivo ad andare in bagno ma dopo un piccolo pezzettino mi sono alzata per non forzare anche se avevo un peso dietro, ci son tornata altre due volte a distanza di 30 minuti sempre con piccole quantità! Ora sono in ufficio sento ancora il peso ma non posso passare il giorno in bagno! Non sono state feci dure ma dico io posso passare tutto il giorno con il peso?! Sto provando a rilassarmi immegendo quando sono a casa la parte in acqua calda! Beh ti potrà sembrare stupido ma io il mio medico curante l'ho cambiato durante la seconda influenza che ho preso perchè nonostante avessi diarrea disse di mangiare per darmi forza un pò di cioccolata fondente al giorno e se volevo potevo mangiare anche una piccola quantità di patatine fritte cotte nell'olio d'oliva! Mi è sembrato assurdo ho cambiato medico e in effetti lui si è messo le mani nei capelli, ma questo ora ad esempio mi ha liquidato dicendo mangia tutto, gli avevo chiesto del pomodoro e lui mi ha risposto si basta che non ci sono semini e mi ha detto di mangiare le melanzane grigliate, ma in effetti i giorni dopo che andavo in bagno mi bruciava!Tu sei guarita dopo quanto??? La mia paura e che sentirò sempre dietro questa pieghetta e nn sarà più normale come prima e poi ho paura che anche se dovesse andar via non potrò condurre la vita tranquilla di prima per paura di recidive! Ho paura una volta guiarita di dover rifiutare una cena da amici perchè non posso mangiare, questo quello e altro o anche andare a fare una passeggiata e mangiare un gelato! Tu ora che sei guarita senti ancora qualcosa? Mangi tutto equilibratamente ( intendo magari mangiando un cioccolattino ogni tanto, una frittura ogni tanto) o hai abolito totalemte alcune cose? Hai avuto recidive? Ti ringrazio tanto a volte parlare con chi ha più esperienza ti aiuta tanto! Son tentata di tornare prima dal proctologo, lunedì al posto del 22 ma ho paura che dopo avermi fatto un'altra rettoscopia mi liquidi dicendo di continuare! Spero di rilassarmi anche se sono tanto emotiva! Ti ringrazio di cuore

Dollina
 

Io sono un caso disperato per favore non considerarmi. Io ho una ragade cronica asintomatica da 29 anni. A tratti in adolescenza mi faceva male ma non più di 5/10 min dopo aver defecato ce l'ho ancora adesso ma non sento davvero niente e non mi sanguina neppure. Anche se andassi al bagno facendo mattoni lei starebbe li imperterrita senza darmi dolore. Ad ogni modo ne ho curate altre. Alcune sono guarite in 4 giorni altre sono guarite in due mesi, dipende ma per esperienza ti dico rilassati molto perché mi ricordo che più mi agitavo più avevo male e fastidi oltre a rallentare la cicatrizzazione.
Tu stai davvero bella tranquilla, pensa ai ciò che ti hanno consigliato i medici e non sforzarti nell'andare di corpo. Esistono prodotti che ti possono consigliare in farmacia (benefibra, pyllogel, movicol e altri....) che presi aiutano a tenere le feci morbide. Un trucco che io uso quotidianamente è questo: la sera prima di andare a dormire prendo 4 prugne e le metto a mollo in una tazza d'acqua la mattina le faccio bollire bevo il succo e mangio le prugne. Esistono sapori migliori al mondo ma con il tempo ci si abitua e non sono male. Ad ogni modo un ammorbidente per le feci non ti ucciderà e ti aiuterà a non sentire il senso di peso. Non aver paura ad andare al bagno e non "spingere" mai o peggiori la situazione. Ad ogni modo devi credere che guarirai! non abbatterti ;D

Lala80
 

Ciao Dollina, una curiosità come fai a sapere di averla se no ti provoca nulla? Oggi non ho resistito sono andata di nuovo dal chirurgo, pessima idea perchè si era svegliato storto, inveiva contro l'assistente che mi aveva fatto la volta scorsa la visita e non mi ha dato modo di aprire bocca per fare domande, mi ha fatto una rettoscopia e mi ha detto che la ragade è in fase acuta, poi però mi ha chiesto quando avevo visto sangue e quanto ne era e se solo sulla carta. Come se non capissero il perchè del sangue, ma una ragade in fase acuta non sanguina? Mi hanno dato degli esami del sangue da fare con quello del sangue occulto nelle feci. E mi hanno chiesto se oltre all'episodio di diarrea che mi ha creato la ragade ne soffro spesso e se ho perso peso! Io ovviamente ho risposto che ho perso 7 kg perchè sto mangiando poco e non carne rossa, il medico si è infuriato dicendo "chi le ha detto di non magiare carne rossa, è troppo drastica deve mangiare tutto, continui con la crema!" é una parola magiare tutto se poi conosci le conseguenze!! Beh io dopo questa visita sono sconvolta...Nella mia città dicono che sia il migliore..ora farò gli esami ma...ho paura di portarmi quest'incubo x tutta l'estate dietro. Tu che sei esperta ma dopo due mesi parliamo ancora di ragade in stato acuto? O nn è una questione di tempo? Ho letto che esistono degli interventi con laser CO2 senza bisturi, tu ne sai qualcosa?

Dollina
 

La ragade acuta presenta delle differenze dalla cronica ma è una cosa che ti può dire solo il chirurgo vedendola (chiedi al dottor d'oriano ti potrà senza dubbio aiutare).
Io ho scoperto di avere una ragade cronica durante una visita proctologica perché questa in realtà non mi dava il benché minimo sintomo, se non me lo diceva il chirurgo non avrei mai saputo che fosse li.
Se hai una ragade è importante andare di corpo tutti i giorni mantenendo le feci morbide e ben idratate e bere circa 1.5/2 lt di acqua al giorno. La tua ansia crescente "sono andata ancora dal chirurgo" "ho paura di tirarmela dietro tutta estate" fanno in modo che tu non guarisca, non è una stupidaggine la ragade è anche una questione di testa.
Per l'alimentazione devi assolutamente mangiare. Eliminare il cibo non eliminerà il problema anzi lo acuirà. Non sono d'accordo sul fatto che bisogna mangiare di tutto. Piccante, speziato, fritto e cibi che possono infiammare per esperienza peggiorano il problema.
Non ti posso spiegare la mia alimentazione perché oltre ad essere misurata su di me tiene conto del mio colon irritabile, del colesterolo altissimo e di due importanti e non risolte intolleranze alimentari. Ad ogni modo mangiare semplice è la cosa migliore, evita quel che ti ho detto ma la carne rossa e meno che non ti faccia diventare stitica o non ti piaccia, perché toglierla? a che scopo? Devi essere in forze per permettere al tuo organismo di riprendersi!! Che io sappia la ragade acuta sanguina comunque.
L'intervento lascia che sia il chirurgo a consigliartelo quando sarà ora visto che da quanto so è l'ultima spiaggia. Una ragade, leggendo le statistiche cicatrizza in maniera spontanea nella maggior parte dei casi con i suoi tempi, ma cicatrizza! Posso chiederti di che città sei??

Lala80
 

Buongiorno Dollina, ieri son stata molto tranquilla e ti assicuro dopo essere andata in bagno di mattina e aver sofferto per qualche minuto quasi non sentivo più nulla. Questa mattina tornata di nuovo in bagno ho avverito un pizzico e poi è andato subito via! Purtroppo è arrivato l'infermiere per tirarmi il sangue sempre per gli esami che mi devo fare e ha preso male la vena creandomi un bel livido e da allora ha iniziato nn a farmi male la ragade ma una sorta di reumatismo dietro la schiena come se mi fossi irrigidita e avvero ogni tanto un pizzichio della ragae! Possibile che per il nervoso si sia contratto qualche muscolo? Se la ferita sta chiudendosi secondo te per nervosismo si può riaprire? Chiedo consiglio anche al dottor Doriano se può leggermi e se può consigliarmi. Nello specifico oltre la questione posta prima chiedo se una volta chiusa la ragade (ossia ben cicatrizzata) si possa riaprire, non escludo che se ne possano aprire altre, io intendo sempre la stessa! E vorrei capire se una ragade si dice in stato acuto solo per una questione di tempi o ci sono delle caratteristiche anatomiche che la classificano così? Grazie mille!!

Dollina
 

grandissima Lala, stai bella tranquilla e tutto passerà, per chiedere info al Dottor D'Oriano devi cliccare sulla casellina qui sotto che dice "il messaggio richiede la risposta di un medico". Ad ogni modo può essere che il nervoso per il prelievo abbia fatto si che il tuo sfintere si contragga a me capita quando la tv in casa è troppo alta (la sensibilità di ognuno è comunque soggettiva). Per il resto chiedi al dottore, sono certa saprà risponderti in maniera più competente di me, comunque sta bella rilassata, levati dalla testa pensieri brutti e continua a credere che si chiuderà!
In bocca al lupo!

Lala80
 

Ciao Dollina, si ho cliccato il flag, spero il dott. mi risponderà presto! Per il resto io sono positiva, ma quando il dolore senza motivo è più forte come oggi, cerco sempre soluzioni perchè non è da me piangermi addosso ma sempre cercare di risolvere! é strano come stesse feci un giorno possano crearti poco dolore quello dopo di più ma senza il mal di schiena come ieri, a questo punto inizio a pensare che sia qualche cibo in particolare che mi irriti! Perchè in effetti io durante la defecazione non sento nulla poi conto fino a 5 e si scatena il dolore bruciante!

asso87
 

Ciao lala se ti posso consigliare per la chiusura della pagare prova a usare holoil è una crema che te la chiude molto velocemente.se hai bisogno di qualche informazione chiedi pure.anche io ho spesso ragadi acute e so cosa vuol dire quel bruciore durante il giorno.

paolinotau
 

Ciao Lala,proctologi in giro ce ne sono pochi,ad esempio nella mia città ce n'è uno,nel raggio di 50 km 4 o 5,il problema è trovarne uno che ne capisce veramente,per cui informati bene,cerca in internet

Dollina
 

Ciao Lala, la ragade è un altalena giorni va peggio, giorni va meglio, se hai sospetti alimentari (non so ad esempio pensi che i peperoni ti infiammino) evitali tanto c'è roba da mangiare nel mondo in abbondanza ma non fissarti che sia il cibo. Quel che mangiamo ha una grossa parte nel nostro benessere ma non è tutto. Io ho una dieta particolare per esigenze particolari mie per come mangio non dovrei avere NESSUN problema all'ano ne all'intestino eppure continuo ad averne. Secondo me va considerato l'insieme ad ogni modo abbi pazienza e calma segui i consigli di chi c'è passato e le cure del medico e vedrai che risolverai! non fissarti con quel che leggi in rete, non va male a tutti in bocca al lupo!

Lala80
 

Grazie Ragazzi,
Asso87 ti sembrerà strano ma martedì sono andata sul sito della R.I.M per visualizzare un punto che lo vendesse nella mia regione dato che provando alle farmacie sotto cosa non lo avevano. Ho scoperto che nella mia regione non lo vendono e quindi l'ho ordinato on-line ora dovrebbe arrivare! Ti chiedo tu se lo hai usato in quanto hai trovato giovamento? So che siamo tutti diversi ma per curiosità! A volte sono molto sospettosa perchè ho paura che sui forum si faccia tanta pubblicità (anche se di questo prodotto ne ho trovata poca) ma mi son decisa di provare dato che non è un farmaco vero e proprio e i costi sono minimi. Io attualmente sto usando antrolin mattina e sera ma come ben sai non è un cicatrizzante, tu sai se possono interferire i due prodotti? Quante volte lo applichi? In effetti io ho sempre avuto una cicatrizzazione delle ferite lunghissima, quindi pensa questa interna chè è sollecitata più volte al giorno!
x Paolino per quanto riguarda i medici beh qui ce ne son parecchi, il problema è capire se son bravi o meno! In internet ho provato a vedere ma a casa mi hanno assillato dicendo che è meglio andare da quello dove sto andando ora perchè amici si son curati con lui, anche se io son rimasta traumatizzata dai modi e dai risultati che non vedo ancora. Tu Paolino soffri di ragade?

Lala80
 

X Dolina, si è vero è un altalena...oggi poco male ma una gocciolina di sangue!Non so se è per la ragade o il beccuccio della pomata che ieri avrà urtato contro qualcosa e mi ha fatto male! Vorrei scendere dall'altalena!! Ma almeno stanotte ho dormito un pò meglio...è vero che ti crea stress..di solito mi sveglio ogni ora aspettando l'ora x! Questa notte mi son svegliata solo una volta! Sto provando a rilassarmi...speriamo bene!!!

Dollina
 

prova con la respirazione! su youtube ti spiegano come fare è gratis e aiuta davvero tanto! vedrai che ne verrai a capo!

Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dott.ssa Raffaella Ferrando

Dott.ssa Raffaella Ferrando
Nome:
Raffaella Ferrando
Comune:
Bastia d'Albenga
Provincia:
SV
Telefono:
0182-20485
Azienda:
Bastiamedica
Professione:
Radiologo specialista in Gastroenterico e Funzionalità pelviperineale
Specializzazione:
Radiodiagnostica
Contatti/Profili social:
sito web
Domanda al medico
Dott.ssa Ferrando, è giusto stimolare l’evacuazione manualmente o con "rimedi della nonna"? Oppure c'è il rischio di abituarsi e non riuscire più ad andare di corpo naturalmente?
La stimolazione anale deve essere utilizzata solo in casi estremi, men che meno nel lattante e nel bambino dove l’apparato sta imparando a funzionare: stimoli anomali potrebbero infatti creare circoli viziosi e condurre ad abitudini da non prendere. Infatti, come per ogni cosa, anche nel caso della defecazione se si lascia spazio alla pigrizia non si riesce più ad ottenere una funzionalità normale senza stimoli. Leggi tutto
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 07:08 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X