Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Odontoiatria generale e ortodonzia > Sterilizzazione e sicurezza di igiene dal dentista
Segna Forum Come Letti

   

Sterilizzazione e sicurezza di igiene dal dentista

doctorwho
 

Ciao a tutti, sono Michele.

Ho un problema ad un dente, una otturazione si è lievemente rotta, scoprendo una fessura attraverso la quale penetrano cibo e saliva.


Per questo motivo ho iniziato ad interpellare alcuni dentisti della mia città, ma sono rimasto un pò insicuro per via delle procedure di sterilizzazione. Praticamente nessuno imbusta le frese prima di metterle nell'autoclave, alcuni non imbustano per niente i manipoli, altri hanno riuniti vecchi ed ho paura per via del famoso problema dei film batterici che possono ricoprire le pareti interne delle tubature... Un altro invece utilizza la stessa turbina per più clienti. Uno, per giustificare il fatto che non imbustava le frese, mi ha detto che i manipoli vanno imbustati per preservarne l'igiene in caso di caduta sul pavimento, ma che all'interno di un cassetto potrebbero essere conservati senza busta... Fattostà è da quattro anni che sono costretto a sobbarcarmi 200 km per andare da un dentista della provincia di Firenze, piuttosto noto devo dire, dove ho avuto il "piacere" di osservare ogni oggetto uscire dalla busta. Addirittura una sua collaboratrice aveva urtato la lampada con un manipolo, ha immediatamente buttato il manipolo e ne ha subito scartato uno nuovo...

Ora però sono sono stufo e vorrei trovare un buon dentista a Perugia, che osservi alla lettera le regole dell'igiene!

Forse sono un pò pignolo ed ipocondriaco, ma con l'ultimo preventivo che ho ricevuto, dovermi anche preoccupare per la mia salute mi pare troppo...

MIGLIOR COMMENTO
Dott. Paolo Vannucchi
Ottime osservazioni, purtroppo, a Perugia non opsso indicarle nessun collega che conosco.
Saluti
__________________
Dott. Paolo Vannucchi
Studio Dentistico Tortona 30
Via Tortona 30/A

20144 Milano
Tel. 02-8372201
Cell. 348-8031128
studiotortona30@gmail.com
Leggi altri commenti
doctorwho
 

Grazie Dottore per la celere risposta. Nel frattempo, ho provato a contattare altri studi dentistici, tra questi uno mi ha portato a conoscenza del proprio protocollo di sterilizzazione, dove, per farla breve, si parla di primo lavaggio manuale (decontaminazione) secondo lavaggo manuale (disinfezione) imbustamento e successivo passaggio in autoclave di classe B. Il fatto è che non mensionano lavaggi su vaschette ad ultrasuoni, volevo sapere se questo è un punto influente per una buona sterilizzazione.

Grazie.

Dott. Paolo Vannucchi
 

No non è determinante.
Saluti

__________________
Dott. Paolo Vannucchi
Studio Dentistico Tortona 30
Via Tortona 30/A

20144 Milano
Tel. 02-8372201
Cell. 348-8031128
studiotortona30@gmail.com
Ti può interessare anche...
Pancia gonfia e meteorismo addio! Bastano 90 giorni

Hai la pancia sempre gonfia e dolente, dopo i pasti e per tutto il giorno? Se il gonfiore e il meteorismo ti stanno condizionando la vita, è ora di reagire.

Il programma Ciao Pancia Gonfia può aiutarti a liberarti del problema dell'aria nella pancia insegnandoti a rivedere la tua alimentazione e il tuo stile di vita, insieme all'utilizzo di soluzioni naturali efficaci come Endofit Gas Control.

Acquista Endofit Gas Control in farmacia, accedi GRATUITAMENTE al programma grazie al codice indicato nella confezione, segui il tuo percorso di apprendimento personalizzato e verifica i miglioramenti del tuo livello di benessere.

Approfitta subito di questa opportunità!


babilove87
 

Citazione:
Originariamente Inviato da doctorwho Visualizza Messaggio
Ciao a tutti, sono Michele.

Ho un problema ad un dente, una otturazione si è lievemente rotta, scoprendo una fessura attraverso la quale penetrano cibo e saliva.


Per questo motivo ho iniziato ad interpellare alcuni dentisti della mia città, ma sono rimasto un pò insicuro per via delle procedure di sterilizzazione. Praticamente nessuno imbusta le frese prima di metterle nell'autoclave, alcuni non imbustano per niente i manipoli, altri hanno riuniti vecchi ed ho paura per via del famoso problema dei film batterici che possono ricoprire le pareti interne delle tubature... Un altro invece utilizza la stessa turbina per più clienti. Uno, per giustificare il fatto che non imbustava le frese, mi ha detto che i manipoli vanno imbustati per preservarne l'igiene in caso di caduta sul pavimento, ma che all'interno di un cassetto potrebbero essere conservati senza busta... Fattostà è da quattro anni che sono costretto a sobbarcarmi 200 km per andare da un dentista della provincia di Firenze, piuttosto noto devo dire, dove ho avuto il "piacere" di osservare ogni oggetto uscire dalla busta. Addirittura una sua collaboratrice aveva urtato la lampada con un manipolo, ha immediatamente buttato il manipolo e ne ha subito scartato uno nuovo...

Ora però sono sono stufo e vorrei trovare un buon dentista a Perugia, che osservi alla lettera le regole dell'igiene!

Forse sono un pò pignolo ed ipocondriaco, ma con l'ultimo preventivo che ho ricevuto, dovermi anche preoccupare per la mia salute mi pare troppo...
Scusa se mi intrufolo nella conversation..Dato che sono anche io di Firenze e che volevo cambiare dentista,volevo chiederti se potresti dirmi chi è il tuo!!!!!!Mi sembra abbastanza rassicurante quel che hai scritto a riguardo!

doctorwho
 

Non sempre l'imbustatura è sinonimo di sterilità, le ricordo che il cavo orale non è sterile, come non sono sterili le posate dei ristoranti che accedono quotidianamente nella bocca di miglioni di persone.
Ma ritengo la sua domanda pertinente, perchè esistono molte figure professionali non iscritte all'ordine dei medici, che non conoscono le patologie trasmissibili e non attuano i corretti protocolli.
Le scrivo in posta privata perchè il sito non mi permette la risposta pubblica che è solo riservata al Dr. Vannucchi, ma se ritiene interessante per i lettori la mia risposta, lei può eseguire un copia incolla e renderla pubblica.
DR. Ruffoni[/COLOR][/I][/B].[/QUOTE]


Copia e incolla con un messaggio ricevuto privatamente.

Mi permetto di far notare però l'essenzialità dell'imbustamento delle frese;

se fossero tenute tutte assieme non imbustate una ad una in un supprto, il dentista, al momento di prelevare la fresa correrebbe il rischio di contaminare con i suoi guanti imbrattati di materiale biologico la fresa attigua, semplicemente sfiorandola. Problema facilmente aggirabile sostituendo i guanti prima del prelevamento. Questa era la risposta che mi aspettavo, e che non mi è stata data, da uno dei dentisti che ho visitato.

Il problema dei "meccanici dentisti" è aggirabile facendo una visitina al sito fnomceo.

doctorwho
 

Poi vorrei porre un ulteriore quesito; le certificazioni ISO 9001 offrono a riguardo della sterilizzazione REALI garanzie?

Dott. Paolo Vannucchi
 

Le norme ISO sono norme internazionali sviluppate
dall' International Organization for Standardization.
La norma ISO 9001 definisce i requisiti dei sistemi di qualità.
Le aziende che hanno tali requisiti vengono cerficate ISO da istituti e centri convenzionati con l'Istituto Italiano Certificazione di Qualità.
La certificazione è una dichiarazione che attesta che il processo o servizio è conforme ad una specifica norma (ISO).
La certificazione ISO viene richiesta da tutte quelle aziende produttrici di beni o servizi che intendono partecipare o concorrere ad appalti pubblici e privati in ambito nazionale ed internazionale in cui tale certificazione è considerato requisito.
La certificazione ISO è inoltre un biglietto di presentazione dell'azienda che dovrebbe implicitamente attestare garanzia di professionalità e qualità.

__________________
Dott. Paolo Vannucchi
Studio Dentistico Tortona 30
Via Tortona 30/A

20144 Milano
Tel. 02-8372201
Cell. 348-8031128
studiotortona30@gmail.com
doctorwho
 

Grazie, per il copia-incolla, lei è stato veramente gentile. Certamente le frese monouso danno il massimo di garanzia igienica, ma non di qualità, per cui i nostri protocolli possono contemplare anche un riutilizzo delle frese dopo sterilizzazione, difficilmente queste frese sono prelevate dal supporto con i guanti, perchè è più semplice prelevarle con la pinzetta sterile, presente nella confezione assieme al supporto delle frese, poi la fresa viene appoggiata sul piano ricoperto di carta monouso e poi montata con le mani nella turbina.
Con questi passaggi si evitano infezioni crociate.
Con un protocollo di prelievo di frese non corretto, è possibile contrarre alcune patologie trasmissibili, ma i rischi aumentano enormemente quando si parla di strumenti canalari o chirurgici che normalmente entrano in contatto con materiale ematico.
Dott. Ruffoni.


Ricevo e di conseguenza pubblico perchè considero queste informazioni particolarmente interessanti.

Quindi, quello a cui bisogna dare conto, non è soltanto il protocollo di sterilizzazione ma soprattutto i protocolli operativi che consentono il mantenimento della sterilità degli strumenti durante il loro utilizzo!!!

doctorwho
 

Ricevo e di conseguenza pubblico

Conosco alcuni colleghi di quelle zone, ma non conosco le loro linee di sterilizzazione e gli standard utilizzati e se sono controllati personalmente dal direttore sanitario della struttura.
Purtroppo l'igiene al 100 % è difficile da garantire e da controllare, per cui occorre un poco di fiducia verso il medico prescelto, sicuramente richiedere prima dell'appuntamento il livello di monouso, ed esprimere la richiesta personale di un particolare trattamento, responsabilizzando il sanitario del suo operato, sicuramente aumenta le garanzie.
Si ricordi che le infezioni crociate negli studi odontoiatrici non sono frequenti, perchè l'odontoiatra lavora in un ambiente sporco (la bocca) dove navigano miliardi di batteri suddivisi in oltre 256 tipi, questi sono solo vecchi dati che ricordo, da vecchi studi, oggi potrebbero essere sicuramente aumentati.
Concordo che oltre alla sterilità degli strumenti, occorre conoscere e applicare anche i corretti protocolli di manipolazione, mi permetto disquisire sull’argomento scrivendo:
Lo sapete che la maggior parte degli odontoiatri non utilizza guanti sterili e che la maggior produzione di guanti proviene dalla Malesia e dalla Cina, dove le condizioni igieniche sono precarie.
Il vecchio dentista lavorava a mani nude lavandosi accuratamente le mani tra un paziente all’altro, sicuramente non erano sterili, ma sicuramente pulite, oggi mettiamo in bocca guanti nuovi che non sappiamo come e da chi sono stati manipolati.
Nei miei studi dove la sterilizzazione viene personalmente da me controllata, è d’obbligo dopo aver indossato i guanti monouso, lavarsi le mani con apposito sapone battericida compatibile con il lattice, prima dell’intervento; manca la sterilità, ma con questo protocollo ho accesso manuale protetto e disinfettato.
Sono spiaciuto di invadere la sua posta personale, ma queste sono le regole del forum.
A sua disposizione. Dott. Ruffoni Diego.

doctorwho
 

Ricevo e di conseguenza pubblico.

Considero utile il suo post per il pubblico che non conosce a fondo la materia.
Nel monouso cioè usa e getta, rientrano, guanti, mascherine, copricapo, calzari, tovaglioli, bicchieri, cannule aspira saliva non chirurgici, garze, aghi per anestesia, tubofiale, set prima visita, portaimpronta, guaine di rivestimento e puntali siringa aria-acqua, ecc. che non sono sterili.
Tutti gli altri strumenti sono riciclabili, e devono essere sottoposti a sterilizzazione con o senza imbustatura.
L’imbustatura permette una maggior conservazione della sterilità, che di norma viene persa in poco tempo dopo l’apertura della confezione.
Per sterilizzare si utilizza un processo in autoclave, preceduto da immersione in disinfettante, poi un lavaggio tipo lavastoviglie e trattamento con ultrasuoni, gli strumenti possono essere imbustati prima di entrare in autoclave; la busta presenta un sensore di sterilizzazione esterno che vira a sterilizzazione avvenuta e uno all’interno della busta che controlla pressione e temperatura.
Tutti gli strumenti chirurgici devono essere sterili al momento dell’intervento, perche potrebbe esserci il rischio di diffondere batteri o virus patogeni nel torrente ematico, con il rischio di setticemia.
Se non ci fosse il monouso e la sterilizzazione, il rischio d’infezioni crociate e la trasmissione delle patologie virali sarebbe altissimo.
Nei miei studi gli strumenti chirurgici imbustati sono datati con scadenza settimanale e sono conservati sotto lampade UV. Gli ambienti sono sanificati chimicamente, e durante le ore notturne sono diffuse radiazioni UV per abbattere la carica batterica.
Personalmente sono forse un po’ troppo esagerato, perché lo studio dentistico non è una sala operatoria ma avvicinarsi a esserlo è buona cosa.
Ricordatevi che più ritrovate l’operatore protetto da guanti e mascherine ecc., più voi siete protetti.
Spero di essere stato utile.
Dott. Ruffoni Diego


Quindi mi chiedo; è indispensabile anche il lavaggio in lavastrumenti per una buona sterilizzazione oppure è utile soltanto per evitare gli incidenti professionali?

Purtroppo, quello della sterilizzazione è un delicato problema, perchè si possono prevedere linee guida estremamente dettagliate e certificazioni ISO, ma poi, in fin dei conti, tutto è rimesso alla professionalità ed alla correttezza morale neanche del dentista, ma dell'operatore che esegue il processo di sterilizzazione a fine giornata.

Dott. Paolo Vannucchi
 

Grazie saluti

__________________
Dott. Paolo Vannucchi
Studio Dentistico Tortona 30
Via Tortona 30/A

20144 Milano
Tel. 02-8372201
Cell. 348-8031128
studiotortona30@gmail.com
gagghione
 

per doctor who:

sono raffaello ed abito tra firenze ed arezzo, vorrei chiederle se mi potesse privatamente inviare il nominativo del dentista in provincia di firenze dal quale lei va.(le ho mandato una richiesta di amicizia nel forum). grazie in anticipo

veronica04
 

Buona sera, desidererei porgere una domanda ai dottori dentisti presenti sul forum. Il mio ragazzo stamattina è andato dalla dentista, ed è tornato con un taglietto sulla lingua che la dott.ssa per sbaglio, gli ha fatto.
Siccome anche io c sono stata per curare un molare, e non ho visto in studio debita attrezzatura per sterilizzare ma anzi l'ho vista pulire gli attrezzi con l'acool etilico e carta .. La mia domanda è. dopo il taglio d stamattina dovrei preoccuparmi? devo mandare il mio ragazzo a fare analisi del sangue di controllo?
Son abbastanza preoccupata, non so se davvero a ragione oppure no, ma a questo punto credo che da questo dottore non c andremo più.. nel frattempo vi pregherei di darmi un consiglio in merito.
Grazie in anticipo.
Veronica

Dott. Ruffoni Diego
 

Sig. Veronica, deve solo controllare se l'odontoiatra che ha operato è iscritta all'ordine dei medici, questo le può già dare una garanzia.
In molti studi la linea di sterilizzazione è presente in locali dove non è consentito l'accesso ai pazienti, per cui non è detto che manchi, anche perchè siamo continuamente soggetti a controlli delle ASl che esigono la presenza di queste attrezzature.
Dott. Ruffoni Diego.

Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 00:52 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X