Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Ginecologia e ostetricia > Consultorio on-line > I metodi anticoncezionali
Segna Forum Come Letti

   

I metodi anticoncezionali

vallika
 

I METODI ANTICONCEZIONALI


Cosa è la contraccezione?
L’insieme di tutte quelle tecniche tese a evitare la fecondazione.

Si è soliti classificarle in:
metodi naturali (Ogino-Knaus o astinenza periodica, temperatura basale, Billings o del muco cervicale)
metodi di barriera (condom o ************ maschile, diaframma, spirale o IUD, tamponi, cappuccio cervicale)
metodi chimici (creme, spray, candelette, lavande, compresse, gelatine, ************ solubile)
<font color="black">metodi ormonali </font id="black">(pillola estroprogestinica, sequenziale, trifasica, minipillola progestinica).

Tra i metodi naturali viene erroneamente considerato anche il coito interrotto.

Che percentuale di garanzia contraccettiva hanno i vari metodi?
Fatta salva da questa graduatoria la sterilizzazione tubarica e la legatura dei deferenti, la cui efficacia è totale, se l'intervento è stato eseguito in modo corretto, risulta che la pillola, giustamente assunta, è certamente la metodica contraccettiva più "sicura" infatti è gravata da una percentuale di insuccesso compresa tra 0,16 e 0,30 casi ogni 100 donne/anno; al secondo posto si "piazza" la spirale con una percentuale di insuccesso compresa tra 1,2 e 3 casi ogni 100 donne/anno; segue il ************ con 3,5-4 casi ogni 100 donne/anno, il coitus interruptus con 6,5-7 casi ogni 100 donne/anno, gli spermicidi e le schiume con 12 casi ogni 100 donne/anno, i metodi naturali (Ogino-Knaus, Billings, temperatura basale) con oltre 15 casi ogni 100 donne/anno.

Indice di Pearl
È un indice che si usa per valutare l’efficacia di un metodo contraccettivo, e riguarda la percentuale di insuccessi, ovvero di gravidanze indesiderate; la formula su cui si basa, proposta da Raymond Pearl nel 1932, consiste nel rapporto tra numero di gravidanze accidentali e periodo di uso del metodo contraccettivo. L’indice di Pearl esprime il numero di gravidanze osservate in 100 donne che seguono il metodo per un anno.
Tabella riepilogativa delle percentuali di insuccessi dei principali metodi contraccettivi.

Metodo contraccettivo - Insuccesso %

Nessun metodo: 55-65
Ogino-Knaus: 26-40
Billings: 15-30
Spermicidi: 7-25
Coito interrotto: 10-18
Temperatura basale: 8-15
************: 7-15
Diaframma: 5-14
Dispositivo intrauterino: 1-2,5
Pillola estroprogestinica: 0,02-0,8

quali possono essere i metodi contraccettivi più indicati?
Non è ovviamente possibile indicare metodiche più o meno efficaci in modo assoluto, ma solo consigliare metodiche che siano quanto più possibile gradite dalla singola coppia in funzione degli indici di insuccesso e della disponibilità della coppia stessa nell'accettare una gravidanza inaspettata. È comunque auspicabile che, in una società che tende al controllo delle nascite sotto la pressione di svariati fattori, la scelta cada almeno su di una delle metodiche sin qui illustrate e che, nel caso la scelta dovesse cadere su metodiche "artificiali" (pillola contraccettiva), sia possibile evitarne l'autoprescrizione rivolgendosi ad uno specialista che provveda a far eseguire degli esami di controllo ed ad impostare quindi una terapia con una "pillola" quanto più possibile indicata per le problematiche della singola paziente.

Contraccezione: resistenze, paureNella maggior parte dei Paesi Europei sono oggi largamente disponibili i mezzi contraccettivi e molti ragazzi sono informati sulla loro esistenza, efficacia, modalità d’uso. Perché allora così tante ragazze ancora oggi rimangono incinta senza volerlo? E sono davvero tante, spesso all’inizio della loro vita sessuale. Cosa impedisce a tanti ragazzi e tante coppie di usare, e usare bene, i metodi contraccettivi? In molti casi si tratta di timori, perplessità, paure, resistenze a volte anche inconsapevoli. Consideriamo quelle più diffuse.
Alcuni ragazzi sono disturbati dall’idea che la contraccezione disturbi l’atmosfera romantica del rapporto, interferendo con la spontaneità, la naturalezza, interrompendo il piacere. Questa idea, che riguarda solo alcuni tipi di contraccettivi (il ************, il diaframma, gli spermicidi) è contrastata dall’esperienza di tante coppie che vivono una sessualità libera e felice usando proprio quei metodi, che possono entrare normalmente nei preliminari o addirittura nei giochi di coppia! In più, val la pena ricordarlo, anche la paura di una gravidanza non desiderata disturba l’atmosfera romantica, a volte irreparabilmente! Per alcune ragazze, ciò che disturba è la paura che i contraccettivi possano turbare i processi naturali del corpo in modo dannoso per la salute. Questa paura, che riguarda essenzialmente la pillola, lo IUD e gli spermicidi, deve essere ridimensionata. Un tempo la pillola poteva essere effettivamente dannosa per la salute, aumentando il rischio di tumore della mammella a causa dell’alto contenuto di estrogeni; oggi le nuove formulazioni hanno dimostrato la loro relativa innocuità: in certi casi la pillola fa anzi bene alla salute! E dobbiamo anche ricordare che per una ragazza il rischio per la salute legato alla pillola è in ogni caso più basso del rischio per la salute legato ad una gravidanza.
Alcuni ragazzi trovano disturbante programmare qualcosa in un campo - la sessualità - dove è in gioco l’improvvisazione, il mistero, la sorpresa, tanto più che per i giovani i rapporti sessuali sono così spesso frettolosi, sporadici, improvvisati. Chi fa uso regolarmente della contraccezione trova in realtà che liberarsi dalla paura di restare o di mettere involontariamente incinta può aprire ancora di più le porte del piacere, della magia del sesso. Se poi si hanno rapporti molto raramente, sarà il caso di scegliere un metodo che tenga conto di questo. Per molti ragazzi è imbarazzante parlare di questi argomenti - i rapporti sessuali, la contraccezione - al partner: si ha paura di dare una brutta impressione (quasi si pensasse solo al sesso!), di non essere romantici (quasi si volesse predisporre tutto in anticipo!). Ma si può affrontare l’argomento in un modo diverso dall’essere affamati di sesso o dal voler pianificare meticolosamente e scientificamente i momenti di intimità! La dolcezza, l’affetto, anche l’umorismo, l’intimità possono coesistere con il senso di responsabilità. E la scelta del metodo dovrebbe essere fatta in due! Per alcuni ragazzi è imbarazzante procurarsi i contraccettivi: il colloquio e la visita dal medico, gli esami per la pillola, l’andare in farmacia ad acquistarla, oppure l’acquisto del ************ o di un altro mezzo contraccettivo possono creare disagio, paura di essere scoperti e per qualcuno anche sensi di colpa. Ma se ci si sente pronti per avere un rapporto sessuale, bisogna anche sentirsi pronti per adottare fino in fondo tutte le precauzioni per evitare rischi per noi e il nostro partner. Acquistare un contraccettivo è segno di maturità e responsabilità! Inoltre diversi contraccettivi non richiedono visita medica, e possono essere acquistati non solo in farmacia!
Qualcuno trova che sia troppo faticoso e complicato dover conoscere i vari sistemi di contraccezione, valutarli secondo le proprie esigenze, scegliere e metterli in atto; si è già così impegnati da tanti pensieri: si preferisce rischiare, tanto in fondo - si pensa - c’è sempre l’aborto come possibile scappatoia. Ma vale la pena correre questi rischi? Altre volte ci può essere una parte di noi che può sabotare la volontà di usare, e usare bene, i metodi contraccettivi. Forse una fantasia sull’avere un bambino, forse il bisogno di sentirsi adulti o di avere una conferma sulla nostra capacità di procreare, o ancora di legarci più strettamente al partner. È bene far venire alla luce questi desideri e paure, e trovare soluzioni più vantaggiose e consapevoli!

************:
Un ************ è una sottile guaina fatta di lattice o altri materiali. I ************ di lattice proteggono dall'ingravidamento e dalle Malattie Sessualmente Trasmissibili (MST), inclusa l'infezione HIV. I ************ fatti di altri materiali non proteggono contro l'infezione HIV ed altre MST.
I ************ sono molto efficaci se vengono usati correttamente ogni volta che l'uomo ha un rapporto sessuale.
L'uomo mette il ************ sul suo pene eretto prima di mettere il suo pene nella vagina della donna. Il ************ trattiene lo sperma in maniera tale che esso non entri nella vagina della donna. Dopo il rapporto sessuale, l'uomo toglie attentamente il ************ in modo tale che esso non perda lo sperma. Ogni ************ deve essere usato SOLO una volta.
Benché molte persone erroneamente suppongono che tutti gli uomini sanno come usare correttamente i ************, l'uso non corretto è frequente ed è una tra le cause più rilevanti tra gli insuccessi del ************.
Ricordate:
Non usate oli densi, unguenti, o petrolati (vaselina) per rendere il ************ più scivoloso. Queste sostanze possono rompere il ************. Usate solo sostanze gelatinose o creme che non contengono olio.
Usate un nuovo ************ per ogni rapporto sessuale.
Usate il ************ solo una volta.
Conservate i ************ in un luogo fresco e asciutto.
Non usate un ************ vecchio o danneggiato.
Non usate il ************ se:
Il contenitore è rotto.
Il ************ è fragile o asciutto.
Il colore è discontinuo o è cambiato.
Il ************ è insolitamente appiccicaticcio.
Istruzioni sul ************:
Usate un nuovo ************ ogni volta che avete rapporti sessuali.
Voi o il vostro partner dovete indossare il ************ non appena il pene diventa eretto, prima che il pene è vicino alla vagina.
Ponete il ************ srotolato sull'estremità del pene. Avvolgete il ************ fino alla base del pene. Lasciate un centimetro di spazio vuoto sull'estremità superiore. Mantenete stretta l'estremità del ************ quando lo infilate sul pene in modo tale che non si riempia di aria e quindi scoppi.
Dopo il rapporto sessuale, tenete stretto il ************ alla base del pene quando lo levate dalla vagina. Rimuovete il pene dalla vagina appena dopo l'eiaculazione, assicurandovi di non far fuoriuscire lo sperma vicino la vagina. Se perdete l'erezione, il ************ può scivolare via.
Gettate il ************ appena usato in un cestino vuoto. NON lo usate di nuovo.
Alcune coppie lubrificano la parte esterna del ************ per permettere al pene di entrare più facilmente nella vagina. Se scegliete di lubrificare un ************ di lattice, non usate ************ basati su oli (come oli petrolati o vegetali). I ************ basati su oli possono causare la lacerazione del ************. Invece usate la schiuma o la gelatina contraccettive, saliva, o ************ basati su acqua.
Vantaggi:
Potete interrompere l'uso dei ************ quando volete
A prescindere dall'astinenza, i ************ di lattice offrono la migliore protezione contro l'infezione HIV ed altre malattie sessualmente trasmissibili
I ************ sono disponibili senza ricetta e senza visita medica
Svantaggi:
I ************ possono qualche volta lacerarsi o perdere liquido seminale
Il fatto di mettere un ************ può interrompere l'atto sessuale
Molto raramente, i ************ possono causare una reazione allergica.

DIAFRAMMA:Un diaframma è una coppa di gomma morbida. Mettete una gelatina contraccettiva (spermicida) dentro il diaframma. Quindi mettete il diaframma dentro la vostra vagina. Il diaframma copre l'apertura fino all'utero.
Il diaframma è efficace quando viene usato correttamente ogni volta che avete rapporti sessuali.
NOTA: Il diaframma con spermicida può offrire protezione contro alcune malattie sessualmente trasmissibili, ma non è stato provato che esso sia protettivo contro l'infezione HIV. A prescindere dall'astinenza, i ************ di lattice offrono la migliore protezione contro questa infezione.
Il diaframma e la sostanza gelatinosa tengono gli spermatozoi dell'uomo fuori dall'utero della donna. La sostanza gelatinosa contiene una sostanza chimica (spermicida) che uccide gli spermatozoi. La donna deve usare il diaframma e la sostanza gelatinosa ogni volta che ha un rapporto sessuale.
Vantaggi:
Il diaframma con lo spermicida può offrire protezione contro alcune malattie sessualmente trasmissibili.
Il diaframma può essere interrotto dalla donna a suo piacimento.
Svantaggi:
Il diaframma con lo spermicida non è stato provato di essere protettivo contro l'infezione HIV.
Il diaframma può causare irritazione nella vagina se la donna è sensibile allo spermicida.
L'inserimento del diaframma può interrompere l'atto sessuale.
Un medico molto istruito deve misurare la donna per un diaframma e insegnarle come metterlo e levarlo.
Alcune donne che usano il diaframma contraggono infezioni alla vescica.
Lo spermicida può essere costoso e difficile da trovare.

IUD (SPIRALE):Un IUD è un metodo contraccettivo a lungo funzionamento inteso volto ad essere usato per parecchi mesi o anni. È un piccolo dispositivo che è di solito fatto di plastica o di plastica e rame. Un dottore o un assistente sanitario mette lo IUD nell'utero della donna. Uno dei più usati IUD, il T380-A, può essere lasciato inserito per 10 anni.
Lo IUD è molto efficace. Il Copper T380-A è efficace per almeno 10 anni.
NOTA: Gli IUD non offrono protezione contro l'infezione HIV ed altre malattie sessualmente trasmissibili. A prescindere dall'astinenza, i ************ di lattice offrono la migliore protezione contro queste infezioni.
Lo IUD ferma gli spermatozoi dell'uomo dal congiungimeno con l'ovulo della donna.
Lo IUD può essere inserito in qualunque momento del vostro ciclo mestruale, o in qualunque momento in cui voi e il vostro assistente sanitario credete che voi non siete incinta.
Se avete appena partorito un bambino, potete avere lo IUD inserito mentre siete in ospedale a seguito del parto, sei settimane dopo il parto, o in qualunque momento voi e il vostro assistente sanitario credete che voi non siete incinta. Potete usare lo IUD se state o non state allattando al seno.
Avete appena avuto un aborto senza complicazioni e l'utero non è infettato, voi potete avere un IUD inserito nello stesso giorno dell'aborto o in qualunque momento voi e il vostro assistente sanitario credete che voi non siete incinta.
Lo IUD è efficace appena viene inserito.
Vantaggi:
Lo IUD impedisce l'ingravidamento per molto tempo (parecchi anni).
Lo IUD non è collegato ai rapporti sessuali.
Non dovete ricordarvi di fare qualcosa ogni giorno.
Svantaggi:
Lo IUD non offre protezione contro l'infezione HIV ed altre malattie sessualmente trasmissibili.
Lo IUD può causare chiazze o cicli più pesanti, o più crampi mestruali. Questi effetti collaterali di solito vanno via dopo pochi mesi di uso.
Un dottore istruito o un assistente sanitario deve inserire e rimuovere lo IUD

PILLOLA:Contraccettivo ormonale ad assunzione orale, composto da due ormoni sintetici simili a quelli prodotti naturalmente dall’ovaio femminile, ovvero estrogeni e progesterone; questi ormoni hanno l’effetto di inibire l’ovulazione, impedendo così la fecondazione e la gravidanza. Per capire come funziona la pillola dobbiamo ricordare come funziona il ciclo mestruale femminile. L’ipofisi, piccola e importante ghiandola situata sotto al cervello, invia ogni mese un messaggio alle ovaie inducendo l’ovulazione: nel caso di una gravidanza, la situazione ormonale cambia, perché si innalzano i livelli degli ormoni femminili - estrogeno e progesterone - e questo aumentato livello ormonale induce l’ipofisi a far sospendere l’ovulazione da parte delle ovaie. Prendendo la pillola, si stabilisce nell’organismo una situazione ormonale simile a quella causata da una gravidanza, per cui l’ipofisi non invia il messaggio dell’ovulazione e le ovaie restano a riposo. Non essendovi l’ovulazione, non vi è possibilità di una fecondazione. La pillola agisce anche rendendo più viscoso il muco cervicale, ostacolando così la risalita e la sopravvivenza degli spermatozoi, rendendo l’utero inadatto all’annidamento dell’ovulo fecondato e alterando infine la motilità delle tube uterine. Non tutte le donne possono assumere la pillola: è controindicata per chi soffre o ha una forte predisposizione a gravi disturbi del cuore e della circolazione (ipertensione, trombosi, flebiti, embolie), malattie del fegato e dei reni, tumori maligni dell’apparato riproduttivo e della mammella o altre gravi malattie. Per questo il medico, prima di prescriverla, deve valutare attraverso la raccolta di dati dalla storia personale e familiare, ed esami medici (pressione arteriosa, analisi del sangue e delle urine, visita ginecologica e del seno, striscio vaginale) che non esistano controindicazioni. È consigliabile non fumare. In passato, alla donna fumatrice, soprattutto in età superiore ai 35 anni, veniva sconsigliata la pillola per i rischi connessi al suo utilizzo. Oggi tali rischi sono senz’altro inferiori, considerati i bassi dosaggi ormonali presenti nelle pillole attuali; tuttavia per queste donne, specie se hanno predisposizione a malattie cardiovascolari, è particolarmente importante il controllo medico. Anche per le ragazze giovani che hanno cicli irregolari è necessario un controllo medico preventivo che definisca la causa dell’irregolarità. Anche se con le pillole a basso dosaggio ormonale gli effetti collaterali si sono ridotti notevolmente (in un mese si assume più o meno la metà della dose di ormoni in passato assunta quotidianamente), possono comparire lievi disturbi, di solito limitati ai primi mesi di assunzione: tensione al seno, nausea, modificazioni depressive dell’umore, piccole perdite di sangue tra una mestruazione e l’altra (spotting), leggero aumento di peso. Questi disturbi non vogliono dire che la pillola sia mal tollerata, ma semplicemente che l’organismo ha bisogno di assuefarsi alla nuova situazione ormonale; se persistono, conviene comunque consultare il proprio medico, che potrebbe consigliare di cambiare il tipo di pillola. Se si prendono contemporaneamente alla pillola particolari medicine (certi antibiotici, alcuni anticonvulsivanti, analgesici, barbiturici (come i sonniferi), specie se in dosi massicce e per lunghi periodi, l’efficacia contraccettiva può essere ridotta. Così pure in caso di forte diarrea o vomito successivi all’assunzione: in ogni modo, il proprio medico saprà consigliare il da farsi. L’efficacia della pillola è superiore al 99%: l’indice di Pearl dà un valore di 0,02/0,08%.
Quali sono i vantaggi e le controindicazioni dei contraccettivi orali, qual è il meccanismo d'azione, quale può esserne l'effetto su di una futura gravidanza?
Innanzitutto i contraccettivi orali, oltre ad essere altamente efficaci, sono generalmente ben sopportati dalla paziente, sono di facile somministrazione, hanno un costo ridotto rispetto ai benefici e consentono un comportamento sessuale assolutamente spontaneo; generalmente vengono ritenute controindicazioni alla terapia con contraccettivi orali le seguenti situazioni ipertensione di media o grave entità, diabete mellito, ipercolesterolemia grave, malattie vascolari di importante entità (varici etc.). In una piccola percentuale di pazienti sottoposte al trattamento vengono evidenziati importanti attacchi di cefalea che devono essere giustamente valutati in quanto possibile causa di sospensione della terapia stessa. Allo stato attuale non esiste nessuna prova tangibile e scientificamente accertata che indichi una maggiore incidenza di neoplasie (cancro) della mammella o dell'utero in pazienti sottoposte a trattamento con contraccettivi orali, anzi pare evidenziarsi un effetto protettivo nei confronti delle patologie benigne della mammella. La "pillola" esplica il proprio meccanismo di azione fondamentalmente impedendo l'ovulazione e quindi rendendo infertile la paziente; tale situazione è però totalmente reversibile e la stessa può intraprendere una gravidanza già un mese dopo la sospensione degli attuali trattamenti senza che il feto possa riportarne alcun danno.
Vantaggi
È il metodo più efficace: se usato correttamente, dà una sicurezza totale di evitare gravidanze indesiderate. È facile da usare e non interferisce con la spontaneità dell’atto sessuale. Può ridurre i disturbi mestruali (come il dolore mestruale), tende a regolarizzare la durata e la quantità del flusso (riducendo il rischio di anemie), può ridurre acne, ipertricosi (eccesso di peli) e caduta dei capelli. Riduce il rischio di sviluppare alcune patologie a carico dell’apparato sessuale - come tumori benigni del seno, tumori alle ovaie e all’endometrio - in quanto arresta la proliferazione del tessuto delle ovaie e dell’endometrio; l’ispessimento del muco cervicale protegge anche dal rischio di infezioni alle tube e alle ovaie - fibromi uterini, malattie infiammatorie pelviche - e aiuta a prevenire anche cisti alle ovaie e gravidanze ectopiche.
Svantaggi
Va prescritta dal medico e necessita di controlli periodici. Va presa ogni giorno, regolarmente, per 21 giorni, e non solo in caso di rapporti sessuali, per cui può non risultare ideale per chi ha rapporti molto sporadici. Non tutte le donne possono assumerla: il medico deve valutare, attraverso la raccolta di dati dalla storia personale e familiare ed esami medici - pressione arteriosa, analisi sangue e urine, palpazione seno, striscio vaginale - che non sussistano controindicazioni ad un suo uso. La pillola può essere controindicata per forti fumatrici di età superiore ai 35 anni (per i rischi cardiovascolari), per chi è fortemente predisposto a disturbi gravi del cuore e della circolazione, a trombi, malattie del fegato e della cistifellea, tumori dell’apparato riproduttivo, cancro al seno, obesità, epilessia o altre gravi malattie, come certe forme di anemia, mononucleosi, diabete, ipertensione ed emicrania. Anche se con le attuali pillole a basso dosaggio ormonale gli effetti collaterali si sono ridotti notevolmente (in un mese si assume più o meno la metà della dose di ormoni in passato assunta quotidianamente!), possono comparire lievi disturbi, di solito limitati ai primi mesi di assunzione. Questi possono manifestarsi come tensione al seno, nausea, modificazioni depressive dell’umore, piccole perdite di sangue tra una mestruazione e un’altra (spotting) o leggero aumento del peso. Avere questo tipo di disturbi non significa che la pillola sia mal tollerata, ma semplicemente che l’organismo ha bisogno di assuefarsi alla nuova situazione ormonale; se persistono, tuttavia, conviene consultare il proprio medico. Se si prendono contemporaneamente alla pillola particolari medicine (certi antibiotici, alcuni anticonvulsivanti, barbiturici - come i sonniferi - o analgesici, specie se in dosi massicce e per lunghi periodi, l’efficacia contraccettiva può essere ridotta. Così pure in caso di forte diarrea o vomito successivi all’assunzione: in ogni caso il proprio medico potrà consigliare il da farsi. Alcune religioni (come quella cattolica) ne vietano l’uso, perché interferisce sui processi naturali del corpo e priva il rapporto sessuale della sua naturale "apertura alla vita".



MINI-PILLOLA:Se prese correttamente, le mini-pillole sono molto efficaci.
NOTA: Le pillole contraccettive non offrono protezione contro l'infezione HIV ed altre malattie sessualmente trasmissibili. A prescindere dall'astinenza, i ************ di lattice offrono la migliore protezione contro queste infezioni.
L'ormone progestina nelle pillole blocca l'ovulo dal lasciare l'ovaia ogni mese. L'ormone inoltre rende difficoltoso per gli spermatozoi di entrare nell'utero. Fa ciò ingrossando il muco nell'accesso all'utero. A differenza delle Pillole Contraccettive Orali, le mini-pillole non contengono l'ormone estrogeno.

ANELLO VAGINALE: NUVARING
NuvaRing è un contraccettivo ormonale combinato sicuro come la pillola, a basso dosaggio di ormoni e con un eccellente controllo del ciclo. Il basso dosaggio di ormoni consente di non avere influenza sul peso corporeo e una scarsa incidenza di effetti collaterali. Si basa su un sistema innovativo di rilascio del farmaco; rilascia in modo continuo e costante una dose bassa di estrogeno e progestinico (15 mcg di EtinilEstradiolo e 120 mcg di Etonogestrel al giorno), che inibiscono efficacemente l'ovulazione. Pertanto NuvaRing ha un'efficacia contraccettiva paragonabile a quella dei contraccettivi orali moderni. NuvaRing è un contraccettivo ormonale che ha lo stesso meccanismo d'azione della pillola. Gli ormoni rilasciati da NuvaRing infatti, inibiscono efficacemente l'ovulazione. Inoltre come tutti gli altri contraccettivi orali NuvaRing induce modifiche del muco cervicale, atte a renderlo inadatto alla risalita degli spermatozoi.
Considerato che l'anello è un contraccettivo ormonale, esso riconosce come controindicazioni le stesse situazioni che sono descritte come controindicazioni per la pillola. Pertanto non possono usare questo metodo le donne che presentano i seguenti problemi: gravidanza e allattamento, perdite di sangue vaginali da cause non ancora accertate, tumore della mammella, insufficiente funzionalità epatica, malattie comportanti un aumentato rischio cardiovascolare (ipertensione arteriosa, cardiopatia ischemica, patologie trombo-emboliche, diabete con complicanze vascolari, severa cefalea), fumo di sigaretta in elevata quantità (ad esempio più di 20 sigarette al giorno) e soprattutto se in età oltre i 35-40 anni, obesità marcata.
Ogni confezione contiene 1 anello vaginale per un ciclo di 3 settimane di trattamento. L'anello si usa consecutivamente per tre settimane esatte, trascorse le quali, va rimosso nello stesso giorno della settimana in cui è stato inserito. Per la sua rimozione è sufficiente prenderlo con un dito e toglierlo.
Nella settimana di intervallo, quella cioè che segue alla rimozione dell' anello, si verifica l' emorragia da sospensione (mestruazione), analogamente a quanto succede usando la pillola. Dopo una settimana di intervallo, si inserisce un nuovo anello. Se ad esempio il Nuvaring viene inserito in vagina il lunedì, esso va tenuto per tre settimane e quindi rimosso il lunedì della terza settimana successiva (dopo cioè che è stato tenuto in vagina per 3 settimane esatte). Dopo 1 settimana, il lunedì seguente, alla stessa ora, va inserito un nuovo anello.
L'espulsione spontanea di NuvaRing è un evento molto raro.
Durante gli studi clinici, poco più del 25% dei partners ha riferito di aver avvertito la presenza di NuvaRing, anche solo occasionalmente.

CEROTTO TRANSDERMICO: EVRA
Si chiama Evra il cerotto contraccettivo introdotto sul mercato italiano l' 8 marzo 2004.
Si tratta di un nuovo sistema contraccettivo ormonale che comporta l' assunzione del farmaco mediante un sistema transdermico o cerotto.
Il cerotto anticoncezionale (Evra) contiene degli ormoni simili a quelli presenti nelle pillole anticoncezionali.
Più esattamente contiene 2 tipi di ormoni: estrogeno (etinilestradiolo) e progestinico (norelgestromina).
Applicato il cerotto sulla pelle, questi ormoni vengono assorbiti attraverso la pelle e quindi passano direttamente nella circolazione sanguigna. La dose giornaliera assorbita dal cerotto è di 20 mcg di etinilestradiolo e 150 mcg di norelgestromina.
L' azione contraccettiva viene assicurata con lo stesso meccanismo di azione della pillola contraccettiva: blocco dell' ovulazione, ispessimento del muco cervicale (che così risulta più difficilmente attraversabile dagli spermatozoi), azione sull' endometrio che tende all' atrofia rendendosi meno adatto all' impianto di una gravidanza.
L' efficacia contraccettiva del cerotto contraccettivo è del 99%.
Il cerotto può esser applicato sull'addome, le natiche, nella parte superiore delle braccia, sulle cosce, sul tronco, ma non sul seno. Per ridurre al minimo il rischio di irritazione locale, il nuovo cerotto deve essere applicato su un'area cutanea diversa dal precedente. Ogni cerotto deve essere applicato per 7 giorni e quindi rimosso e sostituito con un nuovo cerotto. Pertanto per ogni ciclo si usano 3 cerotti i quali vengono applicati uno ogni settimana, per un totale di 21 giorni. Dopo una settimana di pausa (cioè senza cerotto) durante la quale compare la mestruazione, si riapplica il primo cerotto del ciclo successivo.
Come nel caso della pillola contraccettiva, va tenuto presente che possono verificarsi delle circostanze in cui l' efficacia contraccettiva può risultare ridotta. Per esempio l' uso di altri farmaci (antibiotici) o un ritardo nella applicazione del cerotto dopo i 7 giorni di pausa prevista, possono comportare un rischio di gravidanza.
A differenza della pillola (e analogamente a quanto riferito relativamente all' anello vaginale), non essendo il farmaco assorbito per via digestiva, eventuali episodi di vomito o diarrea non comportano una riduzione di efficacia contraccettiva.
Attenzione sopra ai 90 kg di peso corporeo non è più garantita l'efficacia.

x altre informazioni sui contraccetvi orali si veda: Informazioni sui CONTRACCETTIVI ORMONALI: leggere prima di chiedere

METODI NATURALI:
Ogino-Knaus: È un metodo anticoncezionale naturale, che consiste nel non avere rapporti sessuali completi nei giorni fecondi. Ma riuscire ad individuare quali sono i giorni fecondi, così da poter avere rapporti sessuali sicuri in tutti gli altri, è molto difficile. Per una donna il cui ciclo mestruale è regolarmente di 28 giorni, il periodo "pericoloso" è compreso tra il 7° ed il 18° giorno del ciclo. Infatti la mestruazione avviene circa al 14° giorno dopo l'ovulazione. L' ovulo vive dalle 12 alle 24 ore, mentre gli spermatozoi possono mantenere, all' interno dell' utero, la loro capacità fecondante per 3-4 giorni. Calcolando tutto ciò, considerando appunto un ciclo di 28 giorni, si ottiene il periodo "pericoloso", che è stato indicato dal 7° al 18° giorno. Ma il metodo Ogino-Knaus ha grandi limiti: molte donne, infatti, non hanno mestruazioni regolari; è quindi molto difficile, quasi impossibile, identificare con certezza i periodi nei quali si possono o non si possono avere rapporti. Inoltre l' ovulazione, anche in una donna dal ciclo perfettamente regolare, può subire improvvisamente ritardi o anticipi dopo uno stress, malattie, affaticamenti, emozioni. Soprattutto le ragazze giovani sono soggette a irregolarità mestruali. È chiaro, quindi, che il metodo Ogino-Knaus è poco sicuro, poco affidabile e senz' altro sconsigliabile.
Metodo della temperatura basale:Si tratta di un metodo anticoncezionale naturale basato sull'osservazione costante della temperatura corporea interna. Si è infatti notato che la temperatura della donna è in genere più bassa nella fase del ciclo che va dalla mestruazione all'ovulazione. Al momento dell' ovulazione stessa, si abbassa ancora lievemente (ma non sempre) per poi rialzarsi di circa mezzo grado e restare a questo livello fino all'inizio delle mestruazioni. Riuscendo in questo modo a stabilire il momento dell'ovulazione, sarebbe teoricamente possibile avere rapporti sessuali nei giorni ritenuti sicuri. Tuttavia questo metodo presenta notevoli difficoltà ed incertezze: è necessaria l'osservazione quotidiana della temperatura (che va registrata ogni mese con un grafico) ed inoltre qualunque malattia o intensa attività fisica può provocare un rialzo della temperatura corporea, mandando all'aria tutto il metodo.
Metodo Billings:Insegna alle donne che, nel corso della loro vita riproduttiva, sono più spesso non fertili che fertili. Esse imparano a riconoscere nel proprio ciclo mestruale la fase fertile in cui può verificarsi il concepimento. Questa fase è accompagnata dallo sviluppo di un particolare tipo di muco prodotto dalle cripte cervicali presenti nel collo dell'utero. Senza questo muco le cellule spermatiche muoiono entro una o due ore. Esso si sviluppa alcuni giorni prima dell'ovulazione (rilascio della cellula uovo dall'ovaio) ed informa la donna che la sua fase fertile è iniziata. L'insegnamento da donna a donna è la maniera in cui il M.O.B. si è diffuso in più di 100 Paesi. Esso è stato ideato dai Dott. John ed Evelyn Billings, australiani, che produssero la loro prima pubblicazione nel 1964. Il libro della Dottoressa Evelyn Billing.
(SOLITAMENTE QSTI ULTIMI 3 METODI VENGO USATI COME METODI ACCHIAPPA CICOGNA E NN COME ANTICONC )

METODI IRREVERSIBILI:
Vasectomia:
Gli spermatozoi vengono creati nei testicoli di un uomo. Durante l'orgasmo sessuale di un uomo gli spermatozoi viaggiano attraverso due tubicini (dotti deferenti), si mescolano con lo sperma, ed escono dal pene. Se gli spermatozoi penetrano nella donna e uno di essi si congiunge con un ovulo, la donna resta incinta. Durante una vasectomia, questi due dotti deferenti vengono tagliati e legati così gli spermatozoi non possono mischiarsi con lo sperma. Senza spermatozoi nel suo sperma, un uomo non può più mettere incinta la sua partner. Dopo una vasectomia, un uomo può ancora avere erezioni ed orgasmi. La quantità di fluido nelle sue eiaculazioni non è diversa, solo che non vi sono spermatozoi. Il fluido ha la stessa apparenza e lo stesso odore. Gli ormoni, la barba e la voce di un uomo non cambiano. Il suo impulso sessuale e la capacità di fare sesso non cambiano. L'unica cosa che cambia è che non può mettere incinta una donna.
Sterlizzazione:
Ogni mese, una delle ovaie della donna molla un ovulo che si dirige verso l'utero attraverso le tube di falloppio. Se uno spermatozoo dell'uomo si accoppia con l'ovulo, la donna rimane incinta. Durante la sterilizzazione femminile (detta 'chiusura delle tube'), le tube vengono bloccate in modo tale che l'ovulo e lo spermatozoo non possono incontrarsi. L'operazione non rimuove nessun organo. Non è una isterectomia. La chiusura delle tube non causa la menopausa. Dopo l'operazione, le ovaie della donna producono ancora gli ormoni femminili. Essa continuerà ad avere le mestruazioni ogni mese e il suo impulso sessuale e la sua capacità di fare sesso rimarranno gli stessi. L'operazione non modificherà la pelle, i seni, o il peso della donna. L'unico cambiamento è che essa non potrà rimanere incinta.


I METODI ANTICONCEZIONALI


 
L'avatar di vallika
vallika
Nel forum da: May 2005
Messaggi: 5.772
MIGLIOR COMMENTO
vallika
Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da Kyrar

questa sezione è molto utile,io dopo anni che utilizzo la pillola volevo passare allo IUD,vorrei sapere se è indicata per chi non ha mai avuto nessuna gravidanza,è questo il post migliore per parlarne o ne devo creare uno?
ciao Kyrar direi che anche qui va bene,dopotutto parliamo di tutti i metodi anticonezionali

in linea di massima la IUD non è consigliata alle nullipare,come mai vorresti la spirale?comunque la cosa migliore resta un colloquio col medico.Il tuo ginecologo cosa ne pensa,circa la possibilità d passare alla IUD?
__________________

Le informazioni contenute sul forum hanno uno scopo esclusivamente divulgativo e non intendono in nessun modo sostituire la visita medica.

Troviamo conforti, troviamo da stordirci, acquistiamo abilità con le
quali cerchiamo d'illuderci. Ma l'essenziale, la strada delle strade non
la troviamo. Siddharta
Leggi altri commenti
martinaME
 

Wow Vallika bell'idea e bell'iniziativa,ci voleva proprio.
speriamo lo leggan tutte

in realtà ho solo spostato di qua il topic che esisteva gia in gineco,poichè con l'apertura di questa nuova sezione stiamo sistemando/rivedendo/spostando alcuni argomenti

derife83
 

Ottimo Vale!

Kyrar
 

questa sezione è molto utile,io dopo anni che utilizzo la pillola volevo passare allo IUD,vorrei sapere se è indicata per chi non ha mai avuto nessuna gravidanza,è questo il post migliore per parlarne o ne devo creare uno?

Kyrar
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da vallika

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da Kyrar

questa sezione è molto utile,io dopo anni che utilizzo la pillola volevo passare allo IUD,vorrei sapere se è indicata per chi non ha mai avuto nessuna gravidanza,è questo il post migliore per parlarne o ne devo creare uno?
ciao Kyrar direi che anche qui va bene,dopotutto parliamo di tutti i metodi anticonezionali

in linea di massima la IUD non è consigliata alle nullipare,come mai vorresti la spirale?comunque la cosa migliore resta un colloquio col medico.Il tuo ginecologo cosa ne pensa,circa la possibilità d passare alla IUD?
Be,ho preso la pillola per 4 anni,mi sono trovata bene ma sono ingrassata tanto e non vorrei più assumerla. Ho parlato con molte amiche che utilizzano la spirale e si trovano bene,è sicura come la pillola e non implica gli effetti collaterali che a lungo andare da la pillola. Sono andata da 2 ginecologi,il primo mi ha detto che non avendo mai avuto gravidanze,non era adatto per me poichè una semplice infezione mi avrebbe potuto rendere sterile,la seconda invece mi ha detto che non c'è alcun ruschio.Così ora io sono più confusa di prima,e prima di consultare un terzo ginecologo vorrei sentire il vostro parere

vallika
 

beh,in realtà non è esatto che la spirale sia sicura COME la pillola:

Contraccettivo % di insuccessi:
Dispositivo intrauterino: 1-2,5
Pillola estroprogestinica: 0,02-0,8

come vedi la pillola è piu sicura della IUD.ad ogni modo,anche secondo me la spirale non è il contraccettivo migliore per una donna che non ha avuto figli,e,fossi Ginecologo,indirizzerei le miei pazienti verso altri metodi.Guarda un pò che cosa ti dice la Gine,la cosa migliore è trovare un medico col quale discutere e trovare la soluzione migliore

DebLM
 

Aisha83
 

Grande valli!! Ottimo lavoro!!!

Kyrar
 

di ginecologi ne ho già sentiti 2,uno mi ha detto un non deciso e l'altra che non c'è nessun problema,ecco perchè sono ancora più confusa,mi sa che ritorno alla pillola

Stellaterrestre
 

Bene ragazze ho letto anche io! Spero solo che ilprofilattico funzioni sempre visto che uso questo metodo!

Luna89
 

nel caso si rompa (raro) lo vedi e puoi intervenire subito...! tranquilla

Stellaterrestre
 

Ragazze un consiglio per chi usa il ************, è la prima volta che il mio ragazzo lo faccio venire dentro con il ************,se si rompe si vede e dal bordo di sopra può capitare che esce il liquido? Grazie!

LaRossa1985
 

Stella....[V]

peppe8338
 

ciao, è da pochi giorni che alla mia ragazza le sn venute dopo 22 giorni di ritardo a causa dell'assunzione della pillola del giorno dopo.La paura è stata tanta anche perchè nn ci aspetavamo che i ************ si rompessero pur facendo molta attenzione in tutto.Il problema ora è quale contraccettivo utilizzare...Ho letto di tutto ma siamo indecisi...

Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr.ssa Luisa Di Luzio

Dr.ssa Luisa Di Luzio
Nome:
Luisa Di Luzio
Azienda:
Centro Medico Sempione, Milano
Professione:
Ginecologa
Specializzazione:
Ginecologia e Ostetricia
Contatti/Profili social:
sito web facebook
Domanda al medico
Dr.ssa Di Luzio, cosa significa avere un sano microbiota e perché aiuta a prevenire cistiti, vaginiti e candide ricorrenti?
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 08:57 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X