Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Ginecologia e ostetricia > Consultorio on-line > Prurito vaginale: candida e altre cause da identificare
Segna Forum Come Letti

   

Prurito vaginale: candida e altre cause da identificare

Cinzia Iannaccio
 

Numerose le cause del prurito intimo vaginale, scopriamole insieme

Cosa causa il prurito vaginale e come intervenire

Quante di noi donne almeno una volta nella vita hanno sofferto di prurito intimo vaginale? Un calcolo difficile che può indicare come effettivamente si tratti di un problema piuttosto frequente. Non deve preoccupare più di tanto, ma ne va comunque identificata la causa per effettuare la giusta terapia, volta ad eliminare il sintomo e a prevenire complicazioni future che in caso di infezioni possono esserci.

In genere il prurito vaginale è provocato proprio da infezioni di vario tipo (batteriche, fungine, virali), spesso malattie a trasmissione sessuale (clamidia, herpes genitale, condilomi, tricomoniasi, gonorrea).

Una delle più frequenti e note cause è sicuramente la candida, provocata da un fungo (candida albicans),ma di certo non è la sola. Il prurito intimo infatti si può manifestare anche in presenza di altre infezioni vaginali, come nel caso della vaginosi batterica, oppure in presenza di diabete, alterazioni ormonali di varia origine (ad esempio in menopausa in conseguenza del calo degli estrogeni, o in gravidanza), malnutrizione, allergia o sensibilità ad alcuni detergenti e/o tessuti.

Anche lo stress, o l’utilizzo di antibiotici o contraccettivipossono rendere terreno fertile ad infezioni come quelle della candida, che per l’appunto hanno tra isintomi principali un forte prurito intimo, perdite biancastre pruriginose e spesso maleodoranti, infiammazione, bruciore ed irritazione, fino al dolore durante i rapporti sessuali o l'emissione della pipì.

Grazie ad una visita ginecologica e ad un eventuale tampone vaginale o altre indagini diagnostiche, si potrà procedere alla diagnosi e alla cura correlata (spesso anche del partner se si è in presenza di malattie a trasmissione sessuale). In base alla causa individuata le terapie saranno diverse, ma di certo da effettuare su suggerimento di un medico ginecologo. Esistono anche rimedi naturali in grado di alleviare il sintomo del prurito, ma di sicuro è sempre meglio procedere con una diagnosi accurata, non credete? Ricordate che alcune malattie a trasmissione sessuale se non trattate possono avere importanti ripercussioni sullasalute femminile.

Foto: Luca Schibuola per Flickr

Documenti articolo
Immagini
MIGLIOR COMMENTO
dismo
salve non so se sono nel forum giusto ma ci provo lo stesso se magari qualcuno mi vuole rispondere per favore sono disperata oh fatto il tampone vaginale identificazione biochimica risultato ureaplasma urealyticum-carica batterica 100.000 e una cosa grave, mi puo creare dei problemi poi sono anche allergica alla penicillina cosa posso fare e come posso guarire per favore aiutatemi sono una che si spaventa con niente... saluti e grazie..
Leggi altri commenti
Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 15:59 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X