Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Farmaci, cosmetici e rimedi naturali > L'erboristeria virtuale > uva ursina per cistite
Segna Forum Come Letti

   

uva ursina per cistite

cips
 

buongiorno Mauro, volevo chiederti dell'efficacia dell'uva ursina perla cistite. in parafarmacia me l'hanno consigliata ma io non la conoscevo e non volevo prendere una cosa inutile.

non ho una cistite grave, non ho febbre, ne sangue, solo mi da fastidio fare la pp e ho un pò di dolore ogni tanto. purtroppo ho l'abitudine di bere poco.

MIGLIOR COMMENTO
neurath83
L'uva ursina non si usa più molto perchè agisce in ambiente alcalino, e in ambiente alcalino si sviluppano meglio i batteri causa della cistite, quindi ci sono più probabilità di avere ricadute o comunque un beneficio momentaneo. Molto utilizzato è invece il mirtillo rosso che al contrario agisce in ambiente acido, quindi di solito è associato ad acerola (alto contenuto di vit. C che oltre alla classica azione benefica, rende l'ambiente più acido) e a oli essenziali antibatterici come per esempio quello di timo, oltre alla propoli. Tutto ciò favorisce la guarigione e limita il rischio di recidive.
__________________
Queste indicazioni sono da intendersi come puro suggerimento e non intendono sostituirsi ai consigli del medico. In presenza di patologie è meglio consultare il proprio medico curante.

https://secondonaturacdc.wordpress.com/
https://www.facebook.com/ErboristeriaSecondoNatura
http://www.ebay.it/sch/secondo_natur...1&_ipg=&_from=
Leggi altri commenti
maghetta
 

Una mia amica la prendeva per la cistite e ne era entusiasta... però magari aspetta il parere di Mauro che è un esperto

cips
 

ah cmq grazie!

caterina4490
 

Ciao, anche io soffro di cistite, e con la tua domanda mi hai portata in dietro nel tempo, tre anni fa stavo molto male avevo una cistite con febbre bruciori e sangue. La farmacista non mi diede l'antibiotico perché ero senza ricetta medica, e io chiesi se potevo avere prima l'antibiotico e poi ricetta, niente, così mi consigliò l'uva ursina.
Iniziata a prenderla ho incominciato a stare male ma così male che sono stata al pronto soccorso. Lì mi é stato detto che l'uva ursina non ha nessun effetto curativo se non pagliativo. Un'amica mia mi ha consigliato un naturopata bene i rimedi naturali ci sono eccome: succo di ribes dovrebbe essere cistilieve il nome della marca e della guna: prodotti ottimi: eubioflor 1 associato a micox, io lo stò prendendo serve contro: cistite e candida, insomma niente più medicine ma omeopatici. Un furbo trattamento (siccome io soffro moltissimo di cistite durante l'estate), 3 goccie di tee trea oil in una zolletta di zucchero prima di dormire poi bere funziona come l'antibiotico.

Maurooruam
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da neurath83

L'uva ursina non si usa più molto perchè agisce in ambiente alcalino.
Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da caterina4490

Lì mi é stato detto che l'uva ursina non ha nessun effetto curativo se non pagliativo.
In realtà il principio attivo efficace come antisettico urinario è lo stesso in entrambe le piante, l'arbutina. Questa si idrolizza spontaneamente in ambiente ACIDO e per azione di alcuni enzimi in glucosio e idrochinone. Il vero principio attivo è proprio quest'ultimo.

Il fatto che un prodotto funzioni o meno è dipendente dalla resistenza dei microorganismi presenti e, in caso di organismi sensibili, della quantità di arbutina presente nel preparato. Se questa non è sufficiente ovviamente il fitoterapico non funziona. E' come se prendessi 1 mg di aspirina e pretendessi che mi facesse passare il mal di testa

cips
 

ok grazie, cmq l'ho presa per 2 gg e poi siccome mi veniva da piangere a fare la pp ho preso l'antibiotico che cmq non ha pienamente risolto la situazione. mi sa che farò l'analisi dell'urina!!!! grazie a tutti.


cmq anche io avevo letto che l'uva ursina agisce in ambiente alcalino, solo che sinceramente io non so come alcalinizzarmi le urine, non saprei nemmeno acidificarle veramente, so che ci sono cibi che alcalinizzano e altri che acidificano, però è una casotto, tutti mi dicevano cose opposte su quali sono gli uni e gli altri!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Maurooruam
 

Per quel che ne so io, il pH basico non è un requisito indispensabile per l'azione dell'idrochinone (fonte Phytomedicine (2003) 10 suppl., 58-60). Anzi, l'idrochinone è attivo in forma indissociata ed essendo un acido debole, a pH alcalino, si trova in forma ionica che sembra essere molto meno attiva

neurath83
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da Maurooruam

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da neurath83

L'uva ursina non si usa più molto perchè agisce in ambiente alcalino.
Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da caterina4490

Lì mi é stato detto che l'uva ursina non ha nessun effetto curativo se non pagliativo.
In realtà il principio attivo efficace come antisettico urinario è lo stesso in entrambe le piante, l'arbutina. Questa si idrolizza spontaneamente in ambiente ACIDO e per azione di alcuni enzimi in glucosio e idrochinone. Il vero principio attivo è proprio quest'ultimo.

Il fatto che un prodotto funzioni o meno è dipendente dalla resistenza dei microorganismi presenti e, in caso di organismi sensibili, della quantità di arbutina presente nel preparato. Se questa non è sufficiente ovviamente il fitoterapico non funziona. E' come se prendessi 1 mg di aspirina e pretendessi che mi facesse passare il mal di testa
Dalla FU IX:

Uvae ursi folium

Indicazioni: Come disinfettante urinario nelle flogosi leggere delle vie urinarie e della vescica. L'effetto antibatterico non è dovuto all'arbutina come tale, ma all'idrochinone liberato nell'urina per idrolisi dei suoi prodotti di escrezione (gluconato e solfato). L'ambiente urinario debolmente BASICO, NECESSARIO ALLA REAZIONE DI IDROLISI, si manifesta spontaneamente solo in presenza di infezioni da Proteus vulgaris, ma può essere indotto, anche solo temporaneamente, mediante somministrazione di bicarbonato di sodio;....

Still
 

Io seguii il consiglio di Mauro e l'ho presa senza bicarbonato. Che dire: in 7 giorni ha ucciso l'E. Coli. E pensare che dopo 3 anni di ciprofloxacina e di tutto di più non ne voleva sapere di andarsene.
Ora è ritornato in maniera blanda e vorrei prendere ancora l'estratto. Tuttavia leggo su internet notizie allarmanti sulla sua possibile cancerogenecità..
Voi ne sapete nulla?
Grazie.

neurath83
 

Riporto a vista questa discussione perchè vorrei che Mauro mi chiarisse questo punto:

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da neurath83

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da Maurooruam

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da neurath83

L'uva ursina non si usa più molto perchè agisce in ambiente alcalino.
Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da caterina4490

Lì mi é stato detto che l'uva ursina non ha nessun effetto curativo se non pagliativo.
In realtà il principio attivo efficace come antisettico urinario è lo stesso in entrambe le piante, l'arbutina. Questa si idrolizza spontaneamente in ambiente ACIDO e per azione di alcuni enzimi in glucosio e idrochinone. Il vero principio attivo è proprio quest'ultimo.

Il fatto che un prodotto funzioni o meno è dipendente dalla resistenza dei microorganismi presenti e, in caso di organismi sensibili, della quantità di arbutina presente nel preparato. Se questa non è sufficiente ovviamente il fitoterapico non funziona. E' come se prendessi 1 mg di aspirina e pretendessi che mi facesse passare il mal di testa
Dalla FU IX:

Uvae ursi folium

Indicazioni: Come disinfettante urinario nelle flogosi leggere delle vie urinarie e della vescica. L'effetto antibatterico non è dovuto all'arbutina come tale, ma all'idrochinone liberato nell'urina per idrolisi dei suoi prodotti di escrezione (gluconato e solfato). L'ambiente urinario debolmente BASICO, NECESSARIO ALLA REAZIONE DI IDROLISI, si manifesta spontaneamente solo in presenza di infezioni da Proteus vulgaris, ma può essere indotto, anche solo temporaneamente, mediante somministrazione di bicarbonato di sodio;....

Maurooruam
 

Il legame glicosidico è di tipo acetalico. Gli acetali si idrolizzano in ambiente acido, non basico (da non confondere con gli emiacetali che si idrolizzano indifferentemente in ambiente acido e basico)

neurath83
 

Grazie per la spiegazione, non capisco allora perchè nella Farmacopea c'è scritto diversamente.

Masala
 

L'uva ursina è uno degli antisettici delle vie urinarie più potenti che esistono in natura. Accanto ad essa si colloca il mirtillo rosso (Vaccinum Vitis Idea) che spesso nei preparati si trova in associazione.
Tra i preparati contenenti uva ursina io consiglio il Cistivis della ditta Giorgini, mentre tra i preparati a base di Mirtillo rosso consiglio il No-cist della Specchiasol. La differenza sta nel fatto che il mirtillo rosso ha anche un azione antisettica sull'intestino crasso ed è particolarmente adatto per le cistiti che partono da una base di squilibri intestinali, come ad esempio la stipsi.
Rimane il fatto che entrambe le piante sono utili per prevenire le ricadute e a mio avviso non è sbagliato accostarle alla terapia antibiotica, qualora questa si riveli strettamente necessaria. Ad esempio si può fare un ciclo di questi integratori al termine della terapia antibiotica unitamente ad un ciclo di fermenti lattici per ripristinare la flora batterica intestinale.

Still
 

Mauro scusa se riapro questo vecchio post ma vorrei una delucidazione..
Ieri notte sono stata svegliata da un brutto attacco di cistite ( E. Coli), durante l'ovulazione mi capita spesso di avere dei bruciori esterni ma alcune volte il batterio(che è sempre presente) diventa aggressivo e mi provoca la cistite.
Ad ottobre mi ricoverarono perchè era emorragica e mi imbottirono di antibiotici, il risultato fu: e. coli sempre al solito posto+ candida...
In pratica, la vescica e le urine sono sane, ho la vaginite, che nel momento di massimo infiammo mi scatena anche la cistite.
Dopo 8 anni ho finalmente capito che è una questione di ph, infatti per tenere a bada la bestia devo fare lavaggi col bicarbonato ed assumerne un cucchiaino in un bicchier d'acqua.
Rispetto a ieri sto meglio, ma vorrei prendere nuovamente l'uva ursina che due anni fa eradicò l'E. Coli.
Volevo sapere, siccome il bicarbonato mi dà giovamento, lo assumo lontano dall'uva ursina per non diminuire gli effetti giusto? O lo devo evitare proprio.
Inoltre ho un pò di gastrite e so che per la presenza di tannini può peggiorrare molto il problema.
L'erborista dice che per neutralizzare l'azione dei tannini dovrei prendere le capsule con del latte... sul web leggo tisana di menta...
Io avevo pensato a infusi di malva(che sto già prendendo) e che mi aiutano ad alleviare il bruciore...
Tu cosa ne pensi?
Inoltre, l'uva ursina ha interazioni con scutellaria racemosa e incaranata?
Ho il terrore delle interazioni..[|)]
Grazie mille di tutto..

Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 02:52 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X