Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Farmaci, cosmetici e rimedi naturali > L'erboristeria virtuale > Per Maurooruam: Cyclodinon
Segna Forum Come Letti

   

Per Maurooruam: Cyclodinon

BrightStar
 

Ciao,
volevo chiederti maggiori informazioni su Cyclodinon, che mi è stato prescritto dal mio ginecologo.
Come già ho fatto con Darimar nella sezione di Farmacia Virtuale, volevo sapere effetti collaterali e altre interazioni potenzialmente pericolose o invalidanti del trattamento.


Grazie

MIGLIOR COMMENTO
Maurooruam
Lavorando in università non conosco i nomi commerciali, dovresti dirmi che cosa contiene e il motivo della prescrizione. Se non vuoi farlo pubblicamente puoi mandarmi un messaggio privato.
__________________
Moderatore di Erbe e Rimedi Naturali

Naturale NON è sinonimo di innocuo[/color]
_______________________________________
Le erbe interagiscono con altri farmaci!!!
Leggi altri commenti
BrightStar
 

Non ho alcun problema a farti nomi e cognomi, tanto piu' che magari potrebbe servire a qualcun altra in futuro

Direttamente dal bugiardino:

Ingredienti per compressa:
- 3,2-4,8 mg di estratto secco di frutti di agnocasto (Vitex agnus castus L.) (8.3-12.5:1) corrispondenti a 40 mg di sostanza vegetale calcolati in base al contenuto della sostanza marker agnuside (mezzo di estrazione: etanolo 70% v/v);

- cellulosa microcristallina;
- lattosio monoidrato;
- amido di patata;
- povidone;
- magnesio stearato;
- silice colloidale anidra;
- talco;
- ammoniometacrilatocopolimero;
- macrogol;
- coloranti alimentari (E171, E172, E132).

Mi è stato prescritto per la sindrome premestruale, piu' per il fattore di cambio di umore improvviso che per altri effetti; mi è stato detto di prenderne una al giorno, per 30 giorni consecutivi, fare una pausa di 10 giorni e riprendere daccapo.

Il bugiardino dice anche:
'Complemento nutrizionale contenente estratto secco di frutti di agnocasto per il benessere della donna durante il ciclo mestruale (disturbi del ciclo, sindrome premestruale, tensione mammaria).



Maurooruam
 

L'uso in questo senso dell'agnocasto è stato recentemente convalidato (nel 2001) da uno studioi clinico uscito sul British Medical Journal. Fra l'altro è stato anche approvato dalla commissione E tedesca. Gli unici disturbi osservati durante il trattamento (ma alcuni di questi sono comparsi anche nel gruppo trattato col placebo, per cui non dovrebbero essere direttamente correlati con l'assunzione dell'estratto) sono acne, reazioni dermatologiche e maggior sanguinamento anche fra una mestruazione e l'altra.
Altri effetti indesiderati riferiti da altri autori sono la possibilità di un effetto androgenizzante.
La pianta sembra essere sicura, anche se sono necessari ulteriori studi che confermino la cosa. In ogni caso è da evitare durante la gravidanza e l'allattamento. Inoltre, in teoria, potrebbe interferire con i farmaci appartenenti alla classe degli antagonisti dopaminergici, ovvero di alcuni farmaci usati contro la schizofrenia o in certi disturbi gastrici, ecc. e che hanno come principi attivi ad esempio domperidone, metoclopramide, clorpromazina ed altri.

Ti può interessare anche...
Sogni caviglie e ginocchia più snelle, con capillari meno evidenti? Vuoi ridurre significativamente la ritenzione idrica?

Ecco per te il kit DUE MESI IN GAMBA, il percorso educazionale abbinato ai prodotti STASIVEN per le gambe, che saprà offrirti risultati sorprendenti a un PREZZO SUPER SCONTATO DEL 40%.

L'offerta comprende 4 confezioni di STASIVEN COMPRESSE e STASIVEN TOP + programma educazionale realizzato dagli esperti.

Gambe più sane ti aspettano. In soli due mesi!


BrightStar
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da Maurooruam

L'uso in questo senso dell'agnocasto è stato recentemente convalidato (nel 2001) da uno studioi clinico uscito sul British Medical Journal. Fra l'altro è stato anche approvato dalla commissione E tedesca. Gli unici disturbi osservati durante il trattamento (ma alcuni di questi sono comparsi anche nel gruppo trattato col placebo, per cui non dovrebbero essere direttamente correlati con l'assunzione dell'estratto) sono acne, reazioni dermatologiche e maggior sanguinamento anche fra una mestruazione e l'altra.Altri effetti indesiderati riferiti da altri autori sono la possibilità di un effetto androgenizzante.
La pianta sembra essere sicura, anche se sono necessari ulteriori studi che confermino la cosa. In ogni caso è da evitare durante la gravidanza e l'allattamento. Inoltre, in teoria, potrebbe interferire con i farmaci appartenenti alla classe degli antagonisti dopaminergici, ovvero di alcuni farmaci usati contro la schizofrenia o in certi disturbi gastrici, ecc. e che hanno come principi attivi ad esempio domperidone, metoclopramide, clorpromazina ed altri.
Sul fatto dell'acne e dei sanguinamenti sono un po' preoccupata... ho preso la pillola fino a due mesi fa e non ne avevo...[V]

Che cosa intendi in parole povere con effetto androgenizzante?

Sono effetti collaterali reversibili?


Maurooruam
 

Alla luce delle conoscenze attuali tutti gli effetti sono reversibili con la sospensione del trattamento.

Letteralmente andogenizzante significa che tende a far assumere caratteri maschili, ma non so dirti niente di più al riguardo, è solo un dato che ho letto ma che non viene spiegato dall'autore. Fra l'altro non capisco nemmeno come possa esplicarsi in base al meccanismo di azione proposto per i principi attivi della pianta. Ammesso che tale effetto sia reale potrebbe però essere dovuto ad altre sostanze non interessate all'azione terapeutica.
Anche per il sanguinamento non è detto che si verifichi, nello studio è un'evenienza accaduta anche al gruppo che non assumeva l'estratto di agnocasto ma assumeva solo il placebo.

A proposito di meccanismo di azione, visto che viene alterato l'equilibrio estro-progestinico dell'organismo io non sarei sicuro della non interferenza con la pillola anticoncezionale. Nessuno studio ne parla, ma qualche sospetto penso sia lecito.

BrightStar
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da Maurooruam

Alla luce delle conoscenze attuali tutti gli effetti sono reversibili con la sospensione del trattamento.

Letteralmente andogenizzante significa che tende a far assumere caratteri maschili, ma non so dirti niente di più al riguardo, è solo un dato che ho letto ma che non viene spiegato dall'autore. Fra l'altro non capisco nemmeno come possa esplicarsi in base al meccanismo di azione proposto per i principi attivi della pianta. Ammesso che tale effetto sia reale potrebbe però essere dovuto ad altre sostanze non interessate all'azione terapeutica.
Anche per il sanguinamento non è detto che si verifichi, nello studio è un'evenienza accaduta anche al gruppo che non assumeva l'estratto di agnocasto ma assumeva solo il placebo.

A proposito di meccanismo di azione, visto che viene alterato l'equilibrio estro-progestinico dell'organismo io non sarei sicuro della non interferenza con la pillola anticoncezionale. Nessuno studio ne parla, ma qualche sospetto penso sia lecito.
Quello che mi dici mi preoccupa un po'. Non tanto per la pillola, dato che sono nel periodo di sospensione (ho ancora quattro mesi circa davanti senza assumerla).
Quanto per gli effetti androgenizzanti.
La visita ginecologica con cui mi è stato prescritto questo prodotto, ha evidenziato per la prima volta in 13 anni che le mie ovaie sono di dimensioni normali (a 16 anni mi hanno trovato la sindrome da ovaio micropolicistico). Avevo valori sballatissimi, tra cui un'altra concentrazione di ormoni maschili in circolo, che ha creato i suoi problemi (irsutismo).
Per questo una possibile androgenizzazione mi mette in allarme... ho preso per tanti anni la pillola proprio perchè mi permetteva di regolarizzare il ciclo e di contrastare un po' certi effetti.. sinceramente non me la sento di ridare il via a problemi di quel tipo...

Maurooruam
 

Devo dire che la cosa ormai ha "stuzzicato" la mia curiosità per cui mi sono messo a fare un po' di ricerche nel mio polveroso antro di alchimista

Allora, sono sempre più convinto che l'effetto androgenizzante sia un abbaglio, e che anzi sia eventualmente da ipotizzare un effetto di segno opposto.

Ti riporto un passo che ho trovato:
"Androgenic changes in the form of acne on the face disappeared completely, while those on the skin of torso subsided only slightly. Androgenic changes in the form of facial acne disappeared completely, while nonfacial acne subsided only slightly. No improvement in relation to pathologic hair growth was found, which might have been caused by the short period of the use of Vitex agnus castus preparation. A decrease of prolactin concentration determined under normal conditions – mainly in women with hyperserotoninemia – was observed. However, there was no significant decrease of prolactin concentrations in women with cystoid ovaries syndrome. A decrease of androgens concentrations and free testosterone as well as protein carriers indices, and an increase of estradiol and proteins binding sexual hormones concentrations were observed."

Inoltre mi sono reso conto leggendo un po' qua e la che alcuni testi in inglese consigliano l'agnocasto alle persone cosiddette "androgenic type" piuttosto che a quelle "estrogenic type". Non vorrei che questo avesse causato qualche problema in alcune traduzioni "veloci".


Piuttosto, visto che mi parli di ovaio policistico, allora forse mi preoccuperei più in questo senso. Infatti l'agnocasto tende ad innalzare i livelli di LH che spesso sono già sopra la media in questo tipo di sindromi.

BrightStar
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da Maurooruam

Devo dire che la cosa ormai ha "stuzzicato" la mia curiosità per cui mi sono messo a fare un po' di ricerche nel mio polveroso antro di alchimista

Allora, sono sempre più convinto che l'effetto androgenizzante sia un abbaglio, e che anzi sia eventualmente da ipotizzare un effetto di segno opposto.

Ti riporto un passo che ho trovato:
"Androgenic changes in the form of acne on the face disappeared completely, while those on the skin of torso subsided only slightly. Androgenic changes in the form of facial acne disappeared completely, while nonfacial acne subsided only slightly. No improvement in relation to pathologic hair growth was found, which might have been caused by the short period of the use of Vitex agnus castus preparation. A decrease of prolactin concentration determined under normal conditions – mainly in women with hyperserotoninemia – was observed. However, there was no significant decrease of prolactin concentrations in women with cystoid ovaries syndrome. A decrease of androgens concentrations and free testosterone as well as protein carriers indices, and an increase of estradiol and proteins binding sexual hormones concentrations were observed."

Inoltre mi sono reso conto leggendo un po' qua e la che alcuni testi in inglese consigliano l'agnocasto alle persone cosiddette "androgenic type" piuttosto che a quelle "estrogenic type". Non vorrei che questo avesse causato qualche problema in alcune traduzioni "veloci".


Piuttosto, visto che mi parli di ovaio policistico, allora forse mi preoccuperei più in questo senso. Infatti l'agnocasto tende ad innalzare i livelli di LH che spesso sono già sopra la media in questo tipo di sindromi.
Intanto ti ringrazio per la citazione in inglese, è stata chiarificante.
Per quanto riguarda il discorso LH.. a questo punto non so che fare... il mio gine sostiene che le ovaie si stanno regolarizzando e che quindi dovrei essere instradata sull'essere fuori dalla sindrome da ovaio micropolicistico.. non so.. forse a questo punto mi conviene aspettare dopo aver fatto gli esami del sangue e averglieli fatti vedere..

.. quasi quasi me li tengo gli sbalzi d'umore!!

Maurooruam
 

Di sicuro è bene che sia il ginecologo a decidere in ultima battuta se è il caso o meno di assumere l'agnocasto. Per il poco che so, non essendo un medico, i valori di LH possono essere innalzati a livelli più o meno elevati a seconda della persona e del grado di gravità della sindrome. Inoltre dovrebbero giocare un ruolo non trascurabile i rapporti rispetto ad altri classi di ormoni come gli estrogeni, per cui credo proprio che siano da valutare con attenzione tutti questi parametri ematochimici e poi programmare o meno l'assunzione del fitoterapico.

In bocca al lupo! (visto che si parla di agnus castus mi sembra appropriato)

BrightStar
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da Maurooruam

Di sicuro è bene che sia il ginecologo a decidere in ultima battuta se è il caso o meno di assumere l'agnocasto. Per il poco che so, non essendo un medico, i valori di LH possono essere innalzati a livelli più o meno elevati a seconda della persona e del grado di gravità della sindrome. Inoltre dovrebbero giocare un ruolo non trascurabile i rapporti rispetto ad altri classi di ormoni come gli estrogeni, per cui credo proprio che siano da valutare con attenzione tutti questi parametri ematochimici e poi programmare o meno l'assunzione del fitoterapico.

In bocca al lupo! (visto che si parla di agnus castus mi sembra appropriato)
Grazzie [8D] Bella questa!!!

Kiwi
 

Ciao, io lo sto assumendo da una decina di giorni, l'ho voluto provare per via di problemi riguardanti ciclo e SPM. Me ne ha parlato una mia amica, la quale ha risolto ogni problema assumendo questo "farmaco"...e così..eccomi qui
Lei non ha riscontrato alcun effetto collaterale, io nemmeno sebbene per ora la mia testimonianza faccia poco testo visto l'esiguo periodo di trattamento.
Ti saprò dire!

Kiwi
 

Mi ritrovo a chiedere qui, sperando che qualcuno possa darmi informazioni in più, circa gli effetti collaterali dell' agnocasto.
Sono in fase premestruale e da un paio di giorni inspiegabilmente accuso forte nausea soprattutto alla mattina e alla sera, sento una spossatezza che mi debilita e ho giramenti di testa, anche da sdraiata. La pressione è bassa ma nella normalità, non capisco cosa mi stia succedendo, quindi mi chiedevo se fosse questo nuovo elemento introdotto da così poco tempo nella mia vita che potesse causare questi malesseri.

Maurooruam
 

In uno studio scientifico a firma di Daniele C, Thompson Coon J, Pittler MH, Ernst E. "Vitex agnus castus: a systematic review of adverse events" recentemente pubblicato su Drug Safety 2005, 28:319-332 viene testualmente detto:

"The most frequent adverse events are nausea, headache, gastrointestinal disturbances, menstrual disorders, acne, pruritus and erythematous rash" (ossia "gli effetti collaterali più frequenti sono nausea, disturbi gastro-intestinali, disordini mestruali, acne, prurito e rush cutanei eritematosi"

Quindi la cosa potrebbe essere correlata. Ti suggerirei di sospendere il trattamento e vedere se la cosa si risolve. In caso contrario consulta il tuo medico

Kiwi
 

grazie! magari vedo se mi passa, in fondo sono solo un paio di giorni che sto così, non escludo anche che possa essere un accenno di influenza. Ma se la situazione perdura sospendo tutto!

ho trovato in questo link quello che hai detto tu http://www.theramex.it/thol/pages/ca...4-Theramex.jsp
speriamo di non far parte di quel 2%

E' strana la cosa delle vertigini, ho letto qua e la (ma non so se sia attendibile e soprattutto dimostrato) che agisce anche su di quelle...strano che me le abbia fatte venire!

Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 00:28 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X