Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Farmaci, cosmetici e rimedi naturali > L'erboristeria virtuale > L'iperico e i suoi impieghi
Segna Forum Come Letti

   

L'iperico e i suoi impieghi

Valeria Grisanti
 

Antidepressivo, balsamico e cicatrizzante conosciuto anche con il nome di Erba di S. Giovannni

Proprietà ed usi dell'iperico

L’iperico è una pianta straordinaria. Conosciuta anche con il nome di Erba di S. Giovanni, l’iperico è utilizzato sin dall’antichità quando alla droga venivano attribuite doti magiche.
In passato infatti si credeva che la pianta fosse in grado si scacciare i demoni e di proteggere le abitazioni dagli spiriti. È sempre molto affascinante leggere come in tempi antichi i nostri antenati utilizzassero piante che oggi possiedono provate doti curative e curiosare tra gli aspetti magici ed esoterici ad esse un tempo attribuite.

Della pianta in erboristeria si utilizzano le sommità fiorite per confezionare preparati che trovano impiego nella cura di un’ampia rosa di patologie.

Se in passato quindi la pianta era uno dei principali rimedi contro gli spiriti maligni, oggi l’iperico si utilizza per le sue proprietà curative: essa è infatti un fantastico cicatrizzante e antinfiammatorio in grado di curare le lesioni provocate da scottature, anche gravi, e lenire il dolore ad esse associato.

Caratteristico il suo odore balsamico che fa dell’iperico una pianta molto utilizzata anche nella cura delle patologie a carico dell’apparato respiratorio.

In realtà però l’impiego più conosciuto dell’iperico è quello di antidepressivo: la pianta è infatti in grado di stimolare il rilascio e quindi la concentrazione nell'organismo di serotonina, conosciuta anche con il nome di ormone del buonumore e in grado di agire sul sistema nervoso centrale, che si è rivelata utilissima nella cura della depressione. Questa è una patologia che affligge un numero altissimo di persone e che per essere sconfitta spesso richiede l’intervento di potenti antidepressivi prodotto della farmacologia di sintesi.

Di dovere a questo punto allargare il discorso: la depressione non è una patologia da sottovalutare. L'approccio a questa malattia necessita imprescindibilmente dell'intervento di uno psichiatra, un medico competente che sarà in grado di individuare la giusta terapia da seguire, farmacologica e di psicoterapia, ed eventualmente stabilire se il paziente in questione possa rivolgersi a farmaci naturali a base di iperico, valutando quindi da caso a caso e prescrivendo con attenzione l’eventuale posologia, dosi che il paziente dovrà seguire religiosamente. Come non mi stancherò mai di dire infatti naturale non è sinonimo di innocuo.

Prescindendo da situazioni limite però, è importante sottolineare come bassi dosi di iperico, in particolare bevande preparate lasciando in infusione in acqua le sommità fiorite della pianta, possono contribuire a combattere stati d’ansia e insonnia o aiutare a contrastare l’umore triste.

Documenti articolo
Immagini
MIGLIOR COMMENTO
neurath83
Devo fare delle correzioni/precisazioni:
I principi attivi dell'iperico sono flavonoidi, naftodiantroni (ipericina), iperforina, olio essenziale e tannini.

I Flavonoidi, l'Ipericina e l'Iperforina, principalmente, sono i responsabili dell'attività antidepressiva del,'Iperico, agendo sui neurotrasmettitori cerebrali, quali serotonina, dopamina e noradenalina.

Non è che l'Iperico contenga serotonina ma è in grado di alterare diciamo l'effetto di questi neurotrasmettitori e quindi aumentarne la concentrazione.

Inoltre come giustamente sottolinea Amelie naturale NON è sinonimo di innoquo e l'Iperico è un classico esempio di interazione Pianta/Farmaco. Per fortuna è una delle piante più conosciute da questo punto di vista perciò molti dei farmaci che interferiscono con questa pianta la ripostano nel bugiardino (foglietto illustratuvo) così da tutelare il paziente che assumesse quel farmaco, un esempio è la pillola contraccettiva La Farmacia virtuale - I prodotti "naturali", ma ve ne sono veramente tanti.

Nel caso è bene evitare e semmai rivolgersi al proprio medico per valutare come comportarsi. Inoltre l'Iperico va assunto con cautela soprattutto d'estate e da chi si espone molto al sole perchè alte dosi di iperico possono causare fotosensibilizzazione, anche se i dosaggi negli integratori in vendita in erboristeria sono piuttosto ridotti così da limitare questi problemi e prevenire un abuso, infatti l'Iperico a dosaggi alti è classificato come farmaco e come tale viene prescritto dal medico qualora vi sia la necessità di un trattamento più importante.
__________________
Queste indicazioni sono da intendersi come puro suggerimento e non intendono sostituirsi ai consigli del medico. In presenza di patologie è meglio consultare il proprio medico curante.

https://secondonaturacdc.wordpress.com/
https://www.facebook.com/ErboristeriaSecondoNatura
http://www.ebay.it/sch/secondo_natur...1&_ipg=&_from=
Leggi altri commenti
Valeria Grisanti
 

Mi correggo: l'iperico stimola il rilascio di serotonina, sono stata imprecisa!
Modifico il post!

Importate la precisazione dell'interferenza dell'iperico con la pillola anticoncezionale, grazie mille dell'aiuto e delle precisazioni sempre preziose e importanti!

flavio86
 

Ciao neurath, riporto su questo topic per fare una domanda.

Ho iniziato ad assumere un integratore di iperico contente 185 mg di estratto (corrispondente, se interpreto bene l'etichetta e ciò che ho letto qui, a 0.7 mg di ipericina).
So che il dosaggio indicato come antidepressivo sarebbe di 300 mg di estratto standardizzato per tre volte al giorno, quindi sono molto sotto. La mia domanda è se a questo dosaggio, essendo un MAO-inibitore, devo stare attento anche alle interazioni con alcuni cibi o se posso andare tranquillo.
Stessa domanda per la passiflora, che avevo considerato come alternativa...grazie mille!

neurath83
 

Citazione:
Originariamente Inviato da flavio86 Visualizza Messaggio
Ciao neurath, riporto su questo topic per fare una domanda.

Ho iniziato ad assumere un integratore di iperico contente 185 mg di estratto (corrispondente, se interpreto bene l'etichetta e ciò che ho letto qui, a 0.7 mg di ipericina).
So che il dosaggio indicato come antidepressivo sarebbe di 300 mg di estratto standardizzato per tre volte al giorno, quindi sono molto sotto. La mia domanda è se a questo dosaggio, essendo un MAO-inibitore, devo stare attento anche alle interazioni con alcuni cibi o se posso andare tranquillo.
Stessa domanda per la passiflora, che avevo considerato come alternativa...grazie mille!
Ciao Flavio, scusa il ritardo ma essendoci la Pasqua di mezzo (a proposito: auguri) mi sono presa due giorni di riposo

Il dosaggio consentito negli integratori ti permette di stare tranquillo sicuramente per eventuali interazioni con i cibi, mentre con i farmaci consiglio sempre e comunque cautela. Come alternativa più che la passiflora ti consiglierei allora la Rodiola, più simile come finalità all'Iperico, ma questo magari potremmo approfondirlo perché ovviamente dipende da quale sia il problema da affrontare, in entrambi i casi comunque con l'alimentazione non ci sono particolari accortezze da adottare.

__________________
Queste indicazioni sono da intendersi come puro suggerimento e non intendono sostituirsi ai consigli del medico. In presenza di patologie è meglio consultare il proprio medico curante.

https://secondonaturacdc.wordpress.com/
https://www.facebook.com/ErboristeriaSecondoNatura
http://www.ebay.it/sch/secondo_natur...1&_ipg=&_from=
flavio86
 

Grazie mille neurath!

Dunque, io sono in psicoterapia per varie ragioni, diciamo che tra le altre cose sono depresso ma non soffro di depressione grave e soprattutto è più legata ad eventi che a una mia predisposizione, o così credo io e crede anche il mio terapeuta. Il mio scopo sarebbe quindi darmi un aiuto con un tonico dell'umore, naturalmente se volessi un antidepressivo vero e proprio mi rivolgerei a un medico dietro consiglio dello psicologo.

Conoscevo già le proprietà dell'iperico e ho deciso di comprarlo perché ultimamente ho sofferto anche di insonnia, quindi ho deciso di associare l'integratore alla melatonina (1 mg) che sto assumendo e assumerò diciamo fino a che il mio sonno non si sarà del tutto normalizzato, anche se la fase acuta è passata ancora dormo un po' a fatica dopo i risvegli notturni.
Non assumo farmaci e sono prudente, l'altro giorno mi sarebbe occasionalmente servito un antistaminico ma ho lasciato stare proprio perché era controindicato con gli IMAO, in compenso sul cibo sono disposto a transigere molto meno!

Mi documenterò sulla Rodiola, anzi probabilmente ripescherò qualche vecchia discussione in merito e ti stresserò lì se avrò ulteriori curiosità! Grazie mille intanto!

Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 09:59 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X