Con il sole in testa

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Con il sole in testa

05-07-2011 - scritto da Viviana Vischi

Favorire la salute dei capelli d'estate significa prevenirne la debolezza, la fragilità e soprattutto frenarne la caduta in autunno

Come prendersi cura dei capelli in estate

Con il sole in testa E' ormai accertato: la manutenzione dei capelli in estate richiede qualche attenzione in più che negli altri periodi dell'anno. Cosa? Uno finalmente parte per le ferie, non intende pensare a niente se non a rilassarsi... e deve invece stare a tribolare dietro alle chiome? Calmi, calmi: dedicare ai capelli le giuste cure non richiede chissà quanto tempo e quale abilità. E il gioco vale decisamente la candela: mantenerli in salute d'estate significa infatti sminuire l'effetto dannoso del calore, del sole (i suoi raggi colpiscono ovunque: mare, montagna e città), dell'aria condizionata, del vento e della salsedine. Ciò significa prevenirne la debolezza, la fragilità e soprattutto rallentarne la fase telogen; in breve, significa frenarne la caduta, fenomeno tipico dell'autunno.
Per proteggere e fare bene alle chiome basta davvero poco: il tempo per uno shampoo idratante, per un impacco riequilibrante, per un protettivo anti-Uv e qualche attenzione maggiore a tavola. Il che non vuol dire passare la giornata a spignattare e rinunciare a una pizza, a una grigliata o a un pratico prosciutto e melone. Vuol dire semplicemente non trascurare alimenti che sono un vero e proprio toccasana per i capelli, come agrumi, peperoni, kiwi, ribes nero (forniscono vitamina C che riduce l'azione dei radicali liberi), carne, uova, legumi, vegetali a foglia verde (sono fonte di cistina, un aminoacido che entra a far parte della cheratina, la proteina essenziale che forma le cellule della fibra capillare) e cereali come il miglio (contiene acido silicico che dà struttura alle chiome).
Potrebbe essere utile anche assumere integratori specifici che agiscano in modo mirato su bulbi, cuoio capelluto e microcircolo, contenenti aminoacidi, antiossidanti, betacarotene, Serenoa Repens, selenio, zinco, vitamine C, A ed E. Questi "nutricosmetici" hanno la capacità di migliorare volume e brillantezza dei capelli, frenarne la caduta e aumentarne sensibilmente il diametro.
Complici sudore, smog, impurità, oli protettivi, sabbia e salsedine, d'estate i capelli si sporcano rapidamente. Per alleggerirli è opportuno fare lo shampoo anche tutti i giorni. Non è vero che lavarli con questa frequenza fa male! Basta applicare prodotti delicati, che rispettino il film idrolipidico del cuoio capelluto e che riequilibrino il pH acido dei capelli. Ingredienti che non devono mancare sono le vitamine, fondamentali perché intervengono per compensare eventuali carenze che possono indebolire e sfibrare i capelli.
Infine, al mare o in montagna, durante le lunghe permanenze al sole, deve diventare una regola anche l'uso di un cappellino protettivo traspirante di cotone leggero o di paglia. I raggi Uv colpiscono al cuore delle cellule, inducendo un importante stress ossidativo su tutto il capello, e dunque anticipano la fase telogen della caduta.

A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Dall'intestino al... cervello!

Dall'intestino al... cervello!

02/06/2021.   Per questo secondo appuntamento del percorso informativo sul tema dell’asse intestino-cervello, ti proponiamo una guida pratica che punta a spiegarti in modo semplice come questi due organi apparentemente tanto...

Stitichezza: meglio le fibre solubili o insolubili?

Stitichezza: meglio le fibre solubili o insolubili?

03/05/2021.   Ah, la stitichezza: c’è qualcosa di peggio nella vita? Certamente sì ma, per chi ne soffre, questa è probabilmente una delle condizioni gastrointestinali più frustranti che esistano sulla faccia...

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Chi Siamo

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X