Conoscere il bambino in utero

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Conoscere il bambino in utero

08-09-2008 - scritto da disso

Cosa si può conoscere del bambino quando è ancora nel grembo materno?

Grazie alla nuova tecnologia i futuri genitori conoscono ora tutti i particolari dello sviluppo fisico del loro bambino in utero

Grazie alla nuova tecnologia i futuri genitori conoscono ora tutti i particolari dello sviluppo fisico del loro bambino in utero. Certe precise osservazioni ci portano a deduzioni davvero molto interessanti anche sullo sviluppo psichico del nascituro nel grembo materno. Sono per i genitori delle scoperte emozionanti che li aiutano ad entrare più facilmente in comunicazione con il loro bambino prima che nasca e a prendere coscienza del loro ruolo nella formazione della sua personalità.
Attraverso numerose ricerche tuttora in atto, si scoprono tante cose nuove sulla vita prenatale, ma ci sono ancora molti punti interrogativi in merito allo sviluppo psichico del nascituro, come ci sono ancora tante domande per capire come il cervello umano elabora i pensieri… Lo studio dell’evoluzione del cervello ha permesso di affermare che la memoria s’instaura già nel primo trimestre di gravidanza, memoria che si sviluppa grazie alle stimolazioni che riceve. L’uso degli ultrasuoni, delle fibre ottiche e di lenti speciali, hanno consentito di indagare nel mondo della vita intrauterina. Si è ottenuto così la dimostrazione fisiologica tangibile e inequivocabile che il feto è un individuo capace di reagire a stimoli sensoriali e affettivi. Il fatto che il feto dimostri di essere capace di reazioni sensoriali all’ambiente che lo circonda, fa pensare che possieda determinate capacità di apprendimento.
I ricercatori che si sono dedicati allo studio della psicologia pre e perinatale, affermano che i bambini sono pienamente consapevoli di quanto accade prima della loro nascita, durante il parto e in ogni momento successivo alla loro nascita.
Non si può negare che lo sviluppo fisico e psichico del nascituro sia in stretta relazione con la qualità della vita che conducono i genitori durante la gravidanza. La madre, naturalmente, è l’elemento principale, si può dire che sia la formatrice dell’essere umano, formatrice sin dal concepimento, poiché, anche se non potrebbe interferire nel programma genetico del bambino, sappiamo che il suo vissuto durante la gestazione ha un impatto determinante sullo sviluppo del nascituro, perché egli comunica con la madre in 3 modi:
fisiologico: qualsiasi atteggiamento la madre abbia verso il bambino durante la gravidanza, esiste un continuo scambio fisiologico,
comportamentale: il feto si manifesta dando dei calcetti e la mamma risponde portando la mano alla pancia,
in modo più sottile chiamato “empatico”: molto più difficile da spiegare…come fa il nascituro a sapere che la mamma lo ama o lo rifiuta?
E’ importante che i futuri genitori ne siano consapevoli, perché questa esperienza irripetibile per questo bambino avrà un impatto che si prolungherà nel corso della sua esistenza. Infatti, un amorevole legame con i genitori già dall’inizio avvantaggia il bambino sotto numerosi aspetti. L’amore è cibo per il bambino in utero!


Evelyne Disseau
Centro ELIOTROPIO
http://www.eliotropio.org
Sezione Anep Italia Milano



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X