Contraccezione naturale, i metodi più usati

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Contraccezione naturale, i metodi più usati

26-02-2013 - scritto da Cinzia Iannaccio

Quali sono i metodi contraccettivi naturali? Scopriamone insieme l'efficacia

Alla scoperta dei contraccettivi naturali più diffusi

Contraccezione naturale, i metodi più usati Sono numerosi i metodi contraccettivi, ovvero quelli finalizzati ad evitare una gravidanza, nonostante unanormale attività sessuale. Oltre alla pillola, al profilattico, al diaframma, alla spirale ed altre metodiche farmacologiche o chirurgiche esistono anche la cosiddetta contraccezione naturale. Ma di cosa si tratta? E soprattutto, è sicura, efficace? Vediamoli uno ad uno.

Il coito interrotto
Il metodo contraccettivo naturale più usato è sicuramente quello del coito interrotto, ma di certo non è tra i più affidabili, per vari motivi facili da individuare: in primis la possibile eiaculazione non controllata durante il rapporto. In più di certo interrompere bruscamente l’atto amoroso non è tra le migliori attività per la salute della coppia.

Metodo Ogino-Knaus
C’è poi il noto metodo Ogino –Knaus, basato sul calcolo dell’ovulazione, che considera la possibilità di un concepimento solo tra il 10° ed il 18° giorno dall’inizio dell’ultima mestruazione. Purtroppo però gli sbalzi del ciclo mestruale sono comuni nelle donne ed alterano queste certezze: la percentuale di fallimento di tale metodo si attesta al 38%. Un po troppo.

Metodo della temperatura basale
Lo stesso dicasi per la tecnica della temperatura basale (benché abbia al suo attivo meno gravidanze indesiderate dell'Ogino-Knaus): si basa sul fatto noto che la temperatura della donna si alza durante l’ovulazione e si abbassa quindi nei periodi non fertili. Chiaramente richiede un gran lavoro di preparazione per capire i propri cambiamenti di temperatura basale e può essere fortemente influenzato anche da un raffreddore o un mal di gola.

Il metodo Billing’s o del muco cervicale
Questa tecnica invece fa riferimento alla fisiologica produzione di muco cervicale nella fase pre-ovulatoria, ma anche in questo caso, è difficile da riconoscere con precisione soprattutto se si è in presenza di infezioni vaginali di varia natura.

Il metodo sintotermico o misto
Unisce tutte queste tecniche (tranne il coito interrotto) ed ha un margine d’errore del 10%.

Persona
In ausilio a queste tecniche sono giunti negli anni anche dei dispositivi elettronici, come Persona, ad esempio, che aiutano a calcolare tramite una sorta di test delle urine domestico la quantità di ormoni in circolo, valori però facilmente alterabili in determinate condizioni come la premenopausa, l’allattamento, lo stress, ecc.).

In generale, nessun metodo contraccettivo naturale è totalmente sicuro dati i fattori che intervengono nella precisa gestione del tutto. Ma possono sicuramente essere utili qualora non si voglia prendere la pillola. Molto dipende dal proprio organismo e dalla capacità che si ha di analizzarlo e comprenderlo a fondo. Qualcuno di questi metodi è comunque più affidabile, altri di più facile gestione. Voi come vi regolate?


Foto: cafemama per Flickr
Categorie correlate:

Coppia, relazioni, storie di vita




Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X