Cosa fare in caso di distacco di placenta?

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Cosa fare in caso di distacco di placenta?

10-08-2014 - scritto da Cinzia Iannaccio

Tutte le terapie ed i rimedi in caso di distacco di placenta

Distacco di placenta: terapie all'inizio e alla fine della gravidanza

Cosa fare in caso di distacco di placenta? Cosa fare in caso di distacco di placenta? Quali terapie e rimedi? Come è noto, la placenta serve a nutrire il bambino e a fornirlo di ossigeno. Un suo distacco totale o parziale, può quindi mettere a repentaglio la sua vita oltre che quella della mamma, a causa del conseguente sanguinamento (emorragia antepartum).

E' per tale motivo particolarmente importante prestare attenzione ai sintomi del distacco di placenta e rivolgersi quanto prima ad un pronto soccorso. Gli interventi terapeutici dipenderanno dall'entità del distacco e dall'epoca gestazionale oltre che alle conseguenze che ci si trova davanti (distress fetale, shock ipovolemico della gestante, eccetera).

Per la mamma può essere necessaria una trasfusione di sangue, con monitoraggi costanti della pressione arteriosa; spesso, se l'epoca gestazionale lo permette si interviene anche con un parto anticipato. Prima della 34esima settimana, se il bimbo non dimostra particolari sofferenze e distress fetale può essere utile il ricovero ed il monitoraggio della mamma, mantenuta a totale riposo fino anche al parto naturale.

In caso contrario e/o in presenza di complicanze serie per la donna o il bimbo si procede ad un taglio cesareo d'emergenza. Se il distacco di placenta è lieve /parziale, e si ha durante il primo trimestre di gravidanza il riposo totale è consigliato insieme ad eventuali trasfusioni, farmaci rilassanti uterini, progesterone e vitamina B. Tutto dipende dal singolo caso e dalla rapidità in cui si arriva alla diagnosi.

Purtroppo il distacco di placenta può portare anche a morte intrauterina del feto ed in questo caso alla sua asportazione. Un evento drammatico che non precluderà altre gravidanze, ma che necessiterà di certo una maggiore attenzione futura.


Foto: Flickr

A cura di Cinzia Iannaccio, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2007, blogger, specializzata nel settore della salute e del benessere.
Profilo Linkedin di Cinzia Iannaccio
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X