Cosa fare per mantenere belle le gambe

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Cosa fare per mantenere belle le gambe

15-03-2010 - scritto da Viviana Vischi

Consigli per il benessere delle gambe in caso di rallentamento o ristagno di sangue nelle vene

Guida pratica per gambe belle e sane

11/09/2004 - Il problema delle varici colpisce un uomo su dieci ed una donna su tre (statisticamente i veneziani sono meno colpiti perchè costretti ad andare a piedi), numeri che potrebbero ridurre seguendo alcuni accorgimenti.
Le attività sportive, l'aumentato benessere, i viaggi, gli scambi culturali ed una migliore informazione hanno provocato nella gente una più attenta cura del proprio corpo. Tutti sono consapevoli che un aspetto ben curato e sano offre una notevole sicurezza nei rapporti di relazione.
Anche se si sostiene che la bellezza del corpo è il viso, grande importanza hanno anche le gambe. Per questa ragione è importante migliorare il proprio aspetto estetico e fare attenzione alla malattia che colpisce gli arti inferiori: le varici.
Le varici sono quelle dilatazioni permanenti che si formano alle vene delle gambe. Hanno una forma simile a cordoni di colore rosso-bluastro, rilevati e tortuosi, che partendo dalla caviglia arrivano al ginocchio o fino all'inguine. La pelle che le riveste è delicata e tesa, facile a rompersi anche per il minimo trauma .
Le varici non sono una malattia tipica dei nostri giorni. Si possono riscontrare descrizioni delle vene varicose in un papiro del XV secolo a.C. e nella Bibbia.
I tranvieri e le commesse, le hostess ed i camerieri sono alcuni esempi di candidati alle varici che , a causa del loro lavoro, sono costretti a rimanere in piedi per lunghi periodi di tempo.
Il panettiere e l'operaio siderurgico, per via dell'effetto dilatante causato dal caldo, vanno incontro ad un rischio ancora maggiore.
Nel nostro paese sono milioni i pazienti colpiti da questa malattia (in base a dati statistici le varici colpiscono il 13% delle popolazione italiana tra i 18 e 50 anni) ed in particolare le zone più colpite sono Lombardia, Piemonte e Toscana per concludere con Calabria, Sicilia e Sardegna.

LE VALVOLE SI SFIANCANO
Probabilmente le dimensioni del problema sono sotto stimate per quanto riguarda gli uomini. Essi tendono a rivelare il loro stato soltanto quando compaiono i primi sintomi dolorosi.
Per la donna la situazione è differente perchè la presenza di varici non è soltanto un problema medico ma anche estetico. Per loro le gambe sono una parte del corpo con la quale mettere in risalto il fascino e la perfezione del corpo, uno strumento di seduzione e di conquista.
Al contrario delle arterie, che sono resistenti, le vene hanno pareti molto sottili e fragili e lo scarso tessuto muscolare presente le fa diventare deboli e soggette a cedimenti e dilatazioni. La parte interna delle vene è dotata di piccole valvole dalla forma simile ai nidi di rondine, orientate verso l'alto e disposte ad intervalli regolari lungo tutto il tragitto del vaso. I lembi di queste valvole, che si aprono nel senso della corrente circolatoria e si richiudono alle sue spalle, impediscono al sangue venoso, che scorre in senso contrario alla forza di gravità, cioè dalla periferia del corpo verso il cuore, di rifluire verso il basso.
Quando i bordi di queste valvole non possono più unirsi perchè la vena si è dilatata troppo, il ritorno del sangue al cuore avviene con minore efficienza. Le vene sono costrette a compiere uno sforzo superiore alla loro possibilità la circolazione diventa difficile ed il sangue tende a restare nelle parti inferiori del corpo, i piedi e le gambe. A volte può succedere che il flusso del sangue venga modificato dalla presenza di determinate situazioni che alterano il delicato equilibrio della circolazione, provocando un rallentamento od un ristagno di sangue nelle vene.


A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X