Cura delle ragadi al seno durante l'allattamento

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Cura delle ragadi al seno durante l'allattamento

19-02-2013 - scritto da Cinzia Iannaccio

Cosa sono le ragadi al seno? Piccoli accorgimenti per guardire velocemente.

Il trattamento delle ragadi al seno quando si allatta

Cura delle ragadi al seno durante l'allattamento Allattare un bambino al seno è un’esperienza meravigliosa che però può essere resa difficile per colpa delleragadi, ovvero piccole fessure, taglietti, che si formano all’altezza dei capezzoli e sull'areola. La causa principale è data da un errato attaccamento al seno del bimbo durante la suzione e quindi la prima cosa da fare, in caso di ragadi e dolorecorrelato è quello di apprendere ed applicare immediatamente le giuste modalità dell’allattamento al seno.
Ma se la pelle è già danneggiata? Molte donne si sentono costrette ad abbandonare: il dolore forte mentre il bambino succhia, ma anche a riposo nel contatto col reggiseno, le conduce verso il biberon e il latte artificiale. Molte di più però sono quelle stoiche che si fanno coraggio e vanno avanti. Ma è importante comunque curare le ferite per una pronta guarigione che significherà assenza di dolore e per evitare che queste si infettino.

Ricordo ancora la mia esperienza di 10 anni fa, alla prima figlia. Le ragadi sono comparse subito, a due-tre giorni dalla nascita. Da lì subito dal ginecologo e i consigli: i capezzoli devono rimanere sempre freschi e asciutti, va quindi evitata la biancheria sintetica, che interferisce con la normale traspirazione della pelle, il seno va lavato dopo ogni poppata e asciugato bene. Una buona abitudine è anche quella di mettere qualche goccia di latte materno sulle ferite e farlo asciugare all’aria: è un antisettico naturale, un antibatterico, emolliente, non tossico e commestibile, è l’ideale.

Per evitare le infezioni non andrebbero applicate creme di vario tipo, oli o gel, perché nel metterle si potrebbe contaminare l’area. Qualche ginecologo/ostetrica comunque le può suggerire. In alcuni casi può essere necessario applicare tra una poppata e l’altra anche qualche garza fitostimolante e nel caso di infezione, delle pomate antibiotiche che vanno risciacquate con cura prima della suzione. Non guariscono subito e per magia. Va detto. Ma vale la pena resistere. Buon allattamento al seno allora, quanto prima!


Foto: Angikart per Flickr


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X