Diabete e infarto: i fattori di rischio modificabili

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Diabete e infarto: i fattori di rischio modificabili

31-08-2012 - scritto da Viviana Vischi

Il cuore è l’organo più esposto alle brutte abitudini. Per allontanare il rischio cardiovascolare bastano alcune modifiche del proprio stile di vita

Consigli utili per tenere il più possibile alla larga diabete e malattie cardiovascolari

Diabete e infarto: i fattori di rischio modificabili

Il rischio cardiovascolare è medio-alto, spesso senza saperlo, per ben il 20-30% degli italiani. Proteggere la salute del proprio cuore, dei propri vasi e delle proprie arterie deve diventare una priorità per tutti, uomini e donne. Di seguito le regole alimentari (dieta per il cuore), e non solo, per prevenire le malattie cardiovascolari e aggiungere vita agli anni.

 

 

 

ALIMENTAZIONE
 

• Prestare attenzione alla qualità (e non sono alla quantità) delle calorie
Colesterolo e dieta: il colesterolo è presente soprattutto negli alimenti di origine animale, che sono dunque da limitare
• Seguire un’alimentazione povera di grassi saturi, acidi grassi trans (in molti prodotti confezionati) e sodio (usare poco sale)
• Ripartire uniformemente i nutrienti nei vari pasti evitando quelli a base di soli carboidrati
• Non associare alimenti ricchi di carboidrati nello stesso pasto (ad esempio, non mangiare contemporaneamente pasta e pane), ma associarli ad alimenti ricchi di fibre (ad esempio pasta con le verdure)
• Utilizzare fonti proteiche magre: evitare l’eccesso di carne rossa* e sostituire la bistecca con altre fonti proteiche, ad esempio frutta secca, pesce, pollame, latte e yogurt scremati e formaggi magri
• Preferire i condimenti vegetali
• Mangiare ogni giorno belle porzioni di frutta e verdura per fare il pieno di vitamine, minerali e antiossidanti che proteggono la circolazione
• Assumere fibre (cereali integrali e legumi), specialmente quelle solubili che fanno bene all’intestino e sono in grado di “pulire” i vasi sanguigni
• Preferire cibi arricchiti di fitosteroli se i livelli di colesterolo sono più alti della media
• Garantirsi un adeguato apporto di calcio e vitamina D, consumando latte e yogurt scremati, formaggi non grassi e pesce**
• Garantirsi un adeguato apporto di acidi grassi Omega 3*** attraverso fonti come il pesce* (sardine, aringhe, acciughe, trota, pesce spada, salmone e sgombro), le noci, i legumi e alcuni semi (soia, girasole, zucca e lino)

Note
* La carne rossa contiene molto sodio che indurisce le arterie e innalza la pressione, nonché grassi saturi e colesterolo, nemici delle coronarie. Questo non significa abolirla del tutto, ma evitare di mangiarla tutti i giorni, rimpiazzandola con alternative più salutari per il cuore.
** I mari sono inquinati e non di rado il mercurio è presente nelle carni del pesce. Ma non facciamo l’errore di bandire questo alimento dalla nostra tavola. Mettendo sul piatto della bilancia rischi e vantaggi, secondo gli esperti l’ago pende dalla parte dei benefici. Il consiglio è dunque quello di consumare pesce in quantità adeguate, di variarne il più possibile tipologia e provenienza e di preferire quello proveniente da mare aperto. Quanto al modo di cucinarlo, no alle fritture: perché possa mantenere inalterate le sue proprietà, meglio cuocerlo al forno o bollirlo.
*** Per un individuo sano in funzione di prevenzione cardiovascolare i medici consigliano l’assunzione di circa mezzo grammo al giorno di Omega 3, il che significa mangiare pesce due volte a settimana. Per un individuo che invece ha già avuto eventi cardiovascolari, la quantità necessaria si alza a 1 grammo al giorno, il che significa sempre assunzione due volte a settimana ma con l’aggiunta di integratori.

 

PESO CORPOREO
 

Per vivere meglio e più a lungo bisogna cercare di non eccedere il peso ideale di oltre 10 kg. Se si va oltre, bisogna mettersi d'impegno e cercare di dimagrire. Un buon sistema per valutare il proprio rischio cardiovascolare in base al peso è calcolare l’Indice di massa corporea (BMI, Body Mass Index). Si calcola dividendo il peso per il quadrato dell’altezza (ad esempio un adulto di 70 kg alto 1 metro e 75 ha un BMI di 22,9).
• Se il BMI è maggiore o uguale a 30 (obesità), il rischio cardiovascolare è elevato
• Se il BMI è compreso tra 25 e 29,9 (sovrappeso) il rischio cardiovascolare è moderatamente elevato
• Se il BMI è compreso tra 18,5 e 24,9 (normopeso) il rischio cardiovascolare è basso

 

ATTIVITA’ FISICA
 

L’attività fisica è una preziosa alleata della salute del cuore perché, oltre a potenziare il tono muscolare e a velocizzare il metabolismo, concorre a determinare l’aumento del colesterolo “buono” e la riduzione dei grassi nel sangue. Non deve essere spasmodica ma moderata e regolare. Per intenderci, bastano 30 minuti, preferibilmente tutti i giorni. Non parliamo necessariamente di corsa, ma anche di camminata a passo svelto (che corrisponde a circa 2 chilometri di distanza). Vanno bene anche la bicicletta, le attività aerobiche in palestra, il tennis o il calcetto con gli amici: purché ci si muova! Sono tra l’altro modi molto più divertenti per passare il tempo libero che rimanere incollati davanti alla tv...
Un buon allenamento potrebbe consistere nell’alternare la camminata a passo svelto alla corsa. Si può cominciare con 1 minuto a passo svelto e 1 di corsa fino ad arrivare, dopo qualche settimana, ad un rapporto di 1 minuto a passo svelto e 10 di corsa.

 

FUMO
 

Va tassativamente eliminato perché può favorire:
• Alterazioni della motilità vasale
• Comparsa di placche aterosclerotiche
• Formazione di trombi

 

ALCOL
 

Alcol: banditi i superalcolici, si può bere al massimo un bicchiere di vino al giorno.

Hai paura del diabete ma non conosci a fondo questa patologia? Leggi il nostro articolo sulle cause del diabete di tipo 2 e su come prevenirlo. Non conosci il tuo livello di rischio? Prendi coscienza dell'importanza dei controlli di routine e scopri i valori ottimali di colesterolo, trigliceridi, glicemia e pressione. Hai mai sentito parlare di sindrome metabolica? E' l'anticamera del diabete: pensaci subito, specialmente se sei in forte sovrappeso!
Per altre info sulle problematiche relative al diabete confrontati con la Community di Forumsalute all'interno della sezione di Diabetologia. Se, invece, i tuoi dubbi sono di natura cardiocircolatoria visita il Forum dedicato al Cuore in salute.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X