Diarrea in gravidanza

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Diarrea in gravidanza

12-11-2014 - scritto da Cinzia Iannaccio

Cause, cure e rischi della diarrea in gravidanza

Loperamide si può prendere in caso di diarrea durante la gestazione?

Diarrea in gravidanza La diarrea in gravidanza può capitare. Non è un problema strettamente legato ai “9 mesi” anche se a volte può sembrare specie se si accompagna al vomito o comunque alle nausee. Ma da cosa può dipendere? E cosa fare?

In taluni casi, effettivamente gli sbalzi ormonali possono provocare alterazioni della motilità intestinale, ma è un discorso generale e non solo legato alla gestazione. In taluni casi invece si può sviluppare un certo mal di pancia con attacchi diarroici poco prima dell'inizio del travaglio. A me è capitato e a voi?

La diarrea comunque il più delle volte è provocata da un’infezione intestinale. Importante è cercare di prevenirla, mantenendo le normali regole igieniche (tipo lavare spesso le mani prima di mangiare o evitare di ingerire alimenti crudi o frutta e verdure non ben lavate), cosa importante sempre e soprattutto durante la gestazione per evitare pericolose malattie come la toxoplasmosi.

Allo stesso tempo è quindi importante parlarne con il proprio ginecologo per escludere questa ed altre malattie infettive serie, non solo per il bimbo, ma anche per la mamma. Di per se, questa condizione, se provocata da comuni infezioni gastrointestinali non è pericolosa per il piccolo e passerà rapidamente.

E’ fondamentale che la futura mamma si prenda cura di se cercando di evitare la disidratazione assumendo la giusta quantità di liquidi. E’ altresì importante evitare l’assunzione di qualsivoglia sostanza antidiarroica senza aver prima verificato con il medico se si può prendere.

In particolare vige un dubbio abbastanza frequente che riguarda l’assunzione di un comune farmaco da banco: “si può prendere l’Imodium in gravidanza”? Questo o altri farmaci costituiti dal medesimo principio attivo, il loperamide sono spesso messi sotto accusa. Non vi sono studi scientifici circa il suo assorbimento a livello placentare e questo sarebbe già un motivo per evitarlo.

Circa il rischio di malformazioni congenite nel bambino nel primo trimestre, gli studi sono pochi e contrastanti. Oltre questo periodo ma solo in caso di diarrea cronica e quindi di terapia prolungata è stata documentata una nascita con peso inferiore alla media.

Dunque? Sul prezioso sito dell’AIFA dedicato ai farmaci che si possono assumere o meno in gravidanza si specifica (oltre che rivolgersi al proprio medico curante ed evitare il fai-da-te) come la terapia contro la diarrea può essere effettuata tranquillamente con i probiotici, per poi seguire eventualmente con farmaci assorbenti intestinali (non vengono assorbiti dall’organismo) ed infine anche con Loperamide. Questo in ordine di rischio-beneficio. Sarebbe quindi ammesso, ma solo dopo aver tentato altro.

Sul foglietto illustrativo dell'Imodium troviamo comunque scritto che è controindicato in gravidanza ed allattamento, mentre più specificatamente in quello di un loperamide generico si può leggere quanto segue:

"L'uso della loperamide e' sconsigliato durante il primo trimestre di gravidanza. Nel secondo e terzo trimestre, il prodotto deve essere usato solo in caso di effettiva necessita' e sotto il diretto controllo del medico".
Il che riassume perfettamente e spiega in parole povere la scheda sul sito dell'AIFA.

Va assolutamente evitato invece in tal senso il Racecadotril.

Per prevenire la disidratazione si possono assumere bevande isotoniche o soluzioni specifiche. Meglio piccoli pasti leggeri e con cibi astringenti. Contattare il medico se è presente anche la febbre.

Flick

A cura di Cinzia Iannaccio, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2007, blogger, specializzata nel settore della salute e del benessere.
Profilo Linkedin di Cinzia Iannaccio
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X