Digestione lenta, cosa fare?

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Digestione lenta, cosa fare?

10-02-2015 - scritto da Cinzia Iannaccio

Tutte le cause e i rimedi alla digestione lenta e difficile.

Stile di vita e dieta, i rimedi naturali per vincere la digestione lenta.

Digestione lenta, cosa fare?

Sensazione di gonfiore eccessiva, gas intestinale, sonnolenza, bruciore di stomaco, mal di pancia e stitichezza? Sono solo alcuni dei sintomi correlati a quella che viene definita come digestione lenta. Il nome spiega bene di cosa si tratta, anche se la manifestazione di questo disturbo fa riferimento all’intero ciclo digestivo, che dura almeno 24 ore (fino alla completa assimilazione di tutti e nutrienti e all’espulsione delle feci, che in genere avviene il giorno successivo). Se si mangia troppo, o male, l’intestino può avere difficoltà a svolgere le sue funzioni correttamente e se questo avviene spesso il problema si cronicizza, il sistema digestivo rallenta a prescindere dall’alimentazione, con sintomi anche dolorosi. E’ il caso allora di vedere quali possono essere le cause specifiche che hanno condotto a ciò e laddove possibile correggere il tiro.

Prima di tutto bisogna sottolineare che non esiste un solo elemento scatenante e che il problema non si presenta mai in modo acuto, bensì è frutto di scelte alimentari e stili di vita sbagliati che si trascinano nel tempo. Tra le cause più comuni troviamo infatti l’assunzione prolungata di cibi troppo raffinati, in quantità eccessive, una dieta povera di fibre, scarsa assunzione di liquidi e non adeguata attività motoria quotidiana.

Meno di frequente, ma comunque statisticamente di rilievo, può capitare  che a portare a digestione lenta siano alcune malattie come la diverticolite, il morbo di Crohn  o il diabete.

C’è poi la cattiva digestione che caratterizza noi donne durante la gravidanza, specie sul suo finire: il pancione ed il bambino, chiaramente possono costituire un ostacolo fisico al normale processo digestivo, ma  gli ormoni hanno il loro ruolo specifico. Ad esempio il progesterone diminuisce la capacità dei muscoli digestivi di contrarsi, da cui si sviluppa la costipazione tipica della gestazione. Ne conseguono difficoltà di digestione, gonfiore, bruciori di stomaco, eruttazione frequente e flatulenza! Il consiglio in questo caso è quello di mangiare poco e più spesso, con piccoli spuntini, e di bere molta acqua. Ma per il resto dei casi? Come migliorare la propria digestione?

Occorre prendere sul serio la questione: non basterà assumere più fibre per stare meglio, ma sarà necessario affrontare la questione in modo olistico, cambiando le proprie abitudini sotto più fronti; ecco quali:

  • Esercizio fisico quotidiano: basta una passeggiata di 30 minuti al giorno per stimolare il metabolismo e la digestione
  • Evitare alimenti troppo elaborati (cibo spazzatura, cibi pronti, ricchi di grassi o conservanti, ecc.)
  • Consumare i pasti nelle ore principali senza rinunciare a spuntini leggeri (alleggeriscono l’appetito e quindi favoriscono una digestione più facile nei pasti principali
  • Bere almeno un litro di acqua e mezzo al giorno (salvo altre indicazioni mediche)
  • Dormire almeno 8 ore per notte. A differenza di quanto si pensi, anche il sonno ed il riposo hanno il loro ruolo sulla digestione

Questi semplici rimedi sono utili a migliorare la digestione lenta (o la cattiva digestione) anche se a provocarla sono delle malattie, che comunque necessitano di terapie a se stanti. Non è difficile…basta volersi bene!

Foto: Flickr



A cura di Cinzia Iannaccio, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2007, blogger, specializzata nel settore della salute e del benessere.
Profilo Linkedin di Cinzia Iannaccio
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X