AIDS

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

AIDS

L’Aids (Sindrome da Immunodeficienza Acquisita) è una malattia del sistema immunitario umano causata dal retrovirus del genere lentivirus dell'immunodeficienza umana (HIV). L’Aids interferisce con il sistema immunitario, rendendo il fisico più vulnerabile alle infezioni e ai tumori che generalmente non colpiscono un sistema immunitario normale.

Le principali vie di trasmissione dell’infezione sono quella sessuale, quella ematica e quella materno-fetale: in pratica l’HIV si trasmette tramite rapporti sessuali non protetti con persone infette, trasfusioni di sangue contaminato, punture con aghi ipodermici infetti e si trasmette da madre a figlio durante la gravidanza, il parto e l'allattamento al seno.

I sintomi e la progressione dell’infezione dell’HIV decorrono per fasi: una fase iniziale in cui solo metà dei casi presenta una sintomatologia simile alla mononucleosi e nella restante parte è asintomatica. Una fase asintomatica che può durare dai 5 agli 8 anni in cui il virus va in latenza e non provoca sintomi fuorché una dermatite seborroica difficile da diagnosticare. Una fase manifesta in cui si presentano patologie minori, come la leucoplachia orale, le infezioni erpetiche muco-cutanee o la candidosi orale. Una fase preterminale durante la quale compaiono patologie gravi come il sarcoma di Kaposi, i linfomi di Burkitt o quelli non Hodgkin, i tumori sistemici, la neuro-toxoplasmosi e la candidosi esofagea. E infine una fase terminale in cui compaiono le infezioni più gravi che portano al decesso del paziente come la criptococcosi, la polmonite da Pneumocystis Carinii e l’infezione disseminata da citomegalovirus (CMV).

La terapia dell’AIDS è molto complessa e non porta alla guarigione, ma permette di allungare la vita del paziente limitando l'insorgere di alcune complicazioni.


Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X