Cefalea

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Cefalea


La cefalea o mal di testa è il dolore provato in qualsiasi parte della testa o del collo e può costituire un sintomo di molte patologie. Sono stati classificati oltre 200 tipi di mal di testa da quelli innocui a quelli che comportano un pericolo di vita. I tipi più comuni di mal di testa sono le cefalee primarie, come la cefalea tensiva e l'emicrania, mentre le forme più rare sono la nevralgia del trigemino, la cefalea a grappolo e l'emicrania continua. Le cefalee secondarie sono invece causate da problemi in altre parti della testa o del collo come ad esempio la cefalea cervicale che deriva dai muscoli del collo o la cefalea a rombo di tuono che è un tipo di cefalea molto forte che si sviluppa in pochi minuti.

Vi sono poi le cefalee da lesioni intracraniche si manifestano in seguito a processi intracranici quali tumori ed aneurismi e le cefalee da lesioni extracraniche (cefalee oculari, cefalee da cause nasali o paranasali, cefalee da patologie auricolari, cefalee odontogene). Altri tipi di cefalee sono le cefalee da nevralgie e le cefalee da patologie internistiche (cefalee da patologie vascolari, cefalee per assunzione o sospensione di sostanze, cefalee da infezioni non craniche, cefalee metaboliche).

La cefalea, che può comparire all’improvviso o lentamente, si manifesta come un dolore continuo, opprimente e diffuso a fascia a tutta la testa. L'emicrania si contraddistingue invece per un forte dolore pulsante che colpisce la zona delle tempie e della fronte e che si intensifica con la luce, l'attività fisica, i suoni e gli odori. Il dolore provocato dalla cefalea e dall’emicrania spesso può essere associato a nausea e vomito.

La terapia della cefalea consiste nell’assunzione di antidolorifici leggeri come il paracetamolo, l'acido acetilsalicilico e l'ibuprofene ma in caso di cefalea intensa e di forti attacchi di emicrania, possono essere necessari analgesici più potenti a base di oppiacei, come la codeina. Gli attacchi di emicrania possono essere interrotti con farmaci come il sumatriptan e gli ergotaminici: se gli episodi di emicrania sono frequenti li si può prevenire con beta-bloccanti, calcio-antagonisti, antidepressivi e farmaci che inibiscono l'azione della serotonina.


Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X