Distacco di retina

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Distacco di retina


Il distacco di retina è una malattia grave e progressiva dell’occhio, caratterizzata dal mancato contatto tra retina e coroide che, se non curato in tempo, conduce ad un deficit della vista spesso irrecuperabile.

A seconda dell’origine della patologia si distingue il distacco di retina in regmatogeno e non regmatogeno: nel primo caso si rischia la rottura di retina e quindi il successivo distacco, mentre nelle degenerazioni non regmatogene non vi è rischio di rottura.
Nella maggior parte dei casi il problema che causa il distacco di retina è primitivo, ma può essere determinato anche da traumi, infiammazioni o miopia elevata.

I primi sintomi che devono mettere in allerta sono la comparsa di fotopsie, ovvero di lampi di luce, punti luminosi o mosche volanti. In seguito, il paziente nota una riduzione del campo visivo periferico che può progredire fino a raggiungere anche la visione centrale: la riduzione del campo visivo è percepita come una sorta di tenda scura che copre la visione.
Per prevenire il distacco di retina è sufficiente sottoporsi a visite periodiche oculistiche che implicano l’esame del fondo dell'occhio, soprattutto se si presentano dei sintomi come la visione di luci, mosche luminose o lampi e se si è affetti da miopia elevata.

Se si verifica un distacco di retina si deve intervenire chirurgicamente con un cerchiaggio e piombaggio sclerale oppure con una vitrectomia oppure con una retinopessia con gas. Il recupero della vista è correlato alla condizione della retina prima dell’intervento e si dichiara solo dopo qualche mese dall'intervento.


Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X