Meningoencefalite

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Meningoencefalite


La meningoencefalite o TBE (Tick Borne Encephalitis) è una malattia infettiva che colpisce il sistema nervoso centrale, causata da un virus trasmesso all’uomo e agli animali dalle zecche. Si tratta specificatamente di un flavivirus (TBEV), trasmesso da zecca a zecca prevalentemente per via trans-ovarica.

Dopo il morso di zecca infetta nel 70% dei casi si verifica un'infezione con scarsi sintomi che può passare inosservata mentre, nel rimanente 30% dei casi, dopo 3-28 giorni dal morso di zecca si osservano sintomi influenzali come febbre alta, mal di testa, mal di gola, stanchezza, dolori muscolari e dolori articolari per 2-4 giorni. Dopo questa prima fase la temperatura tende poi a scendere e in genere non si manifestano ulteriori sintomi ma in circa il 20% dei casi, dopo un intervallo di 8-20 giorni senza disturbi, inizia una seconda fase caratterizzata da disturbi del sistema nervoso centrale come encefalite e paralisi flaccida con esito mortale nell'1% dei casi.

La terapia della meningoencefalite è solo sintomatica e nei casi di coinvolgimento del sistema nervoso comporta il ricovero ospedaliero. È possibile vaccinarsi contro la TBE soprattutto se sussiste il rischio di essere morsi da zecche infette per motivi ricreativi (campeggiatori, scout, cacciatori e pescatori) o lavorativi (guardie forestali).

Il ciclo vaccinale comporta tre dosi (mese 0, 1-3 mesi, 9-12 mesi) e se eseguito seguendo queste cadenze consente una copertura del 96-100%. Sono previsti richiami triennali per mantenere un livello anticorpale protettivo.


Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X