Minaccia d'aborto

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Minaccia d'aborto

E' il rischio d’interruzione spontanea della gravidanza. Più frequente nel primo trimestre di gravidanza, si manifesta con perdite ematiche dai genitali, dovute a piccoli distacchi placentari o a necrosi della decidua, accompagnate da dolori pelvici più o meno forti. Per impedirla s'interviene con il riposo assoluto a letto, l'astensione dai rapporti sessuali e una terapia farmacologica con progesterone, b mimetici, antispastici e sedativi in modo da bloccare le perdite e il processo abortivo. Quando invece si presenta nel secondo trimestre, il ginecologo può decidere d’intervenire praticando un cerchiaggio cervicale.


Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X