Uveite

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Uveite


L'uveite è un'infiammazione dell'uvea, la tonaca vascolare dell'occhio costituita da iride, corpo ciliare e coroide. Il processo infiammatorio può essere diffuso anche a sclera, cornea e retina. L'uveite può avere carattere acuto, subacuto o cronico e può essere causata da traumi, da agenti infettivi oppure può manifestarsi come conseguenza di patologie sistemiche, come le sepsi, o per malattie infiammatorie come la spondilite anchilosante, l’artrite reumatoide e la sarcoidosi.

Le uveiti si distinguono in:
Uveite anteriore o iridociclite
Uveite posteriore o coroidite
Uveite intermedia
Panuveite

Le uveiti più frequenti sono quelle anteriori e, a seconda del tratto colpito, si distinguono in iriti se riguardano l’iride, cicliti se viene colpito il corpo ciliare e iridocicliti o cheratouveiti se riguardano entrambi i tratti. La panuveite invece è la condizione di infiammazione di tutta la struttura uveale.

L'uveite si manifesta principalmente con disturbi della visione come annebbiamento visivo e fotofobia associati a fenomeni di congestione, essudazione, dolore, lacrimazione e iperemia della congiuntiva. Nelle uveiti croniche si può avere la formazione di granulomi e si possono manifestare anche cataratta e glaucoma.

La terapia delle uveiti consiste nell’uso di corticosteroidi somministrati localmente come colliri o per via sistemica, per bocca o per iniezione, per ridurre l’infiammazione e impedire il formarsi di aderenze tra l’iride e le strutture vicine. Nelle uveiti gravi, resistenti alla terapia steroidea, può essere necessario ricorrere a farmaci immunosoppressori mentre nelle forme infettive viene prescritta anche una terapia antibiotica.


Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X