Dolori mestruali: Dismenorrea

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Dolori mestruali: Dismenorrea

09-07-2010 - scritto da mariapiera74

Si parla di dismenorrea in caso di mestruazioni dolorose.

Le cause che possono essere all'origine della dismenorrea sono molto eterogenee.

A cura della
dott.ssa Mariapiera Miele
Medico Chirurgo
Omeopata
Iscritta al Registro Nazionale Medici Omeopati
Socio Ordinario Fiamo

Omeopatia Miele - Napoli, Roma, Benevento, Bambini, Sterilità, Vaccinazione, Allergia, Ansia, Omeopata
info@omeopatiamiele.it
Riceve nelle città di Napoli, Roma, Viareggio e Benevento

CHE COSA E' LA DISMENORREA

Possiamo parlare di disturbo puramente FUNZIONALE, quando si hanno assenza di alterazioni apprezzabili dell'apparato genitale. Parliamo, invece, di disturbo di natura ORGANICA, quando i dolori sono espressione di condizioni patologiche a carico dell'apparato genitale.
Se la sintomatologia ha inizio col menarca (cioè la prima mestruazione), o entro i primi due anni dal primo ciclo mesrtuale si parla di DISMENORREA PRIMARIA. Se i dolori compaiono più tardivamente rispetto al menarca, si parla di DISMENORREA SECONDARIA.
Bisogna, inoltre, osservare quando compaiono i dolori.
Se i dolori iniziano uno o due giorni prima del ciclo o il primo giorno del ciclo, spesso sono espressione di dismenorrea funzionale, il che vuol dire che non siamo di fronte ad una vera e propria patologia. Si tratta invece di un disturbo, senza alcun danno a carico dell'apparato genitale, che, però, se particolarmente intenso, rischia di compromettere le normali attività quotidiane della donna.
Se i dolori insorgono nel corso del ciclo mestruale, cioè nè prima, nè il primo giorno, ma ad esempio il terzo o quarto giorno di ciclo, in un'alta percentuale di casi possono essere sintomatici di una patologia organica a carico dell'apparato genitale ( ad esempio processi infiammatori, retroversione uterina, miomatosi, stenosi cervicali, ecc).
Se i dolori compaiono o persistono dopo la mestruazione, spesso possono essere indicativi di endometriosi pelvica e/o di adenomiosi.


DISMENORREA E OMEOPATIA

Naturalmente, come per qualsias altro disturbo è bene capire da cosa si è affetti. Quindi rivolgendosi al proprio ginecologo di fiducia, si cercherà di capire qual è la causa dei dolori.
Per quanto riguarda la terapia, invece, la medicina tradizionale utilizza una lunga lista di farmaci anti-dolorifici, che al bisogno, secondo la posologia, riducono il sintomo dolore.
Questo tipo di approccio naturalmente è solo ed esclusivamente sintomatico. Vale a dire che al ciclo successivo i dolori si ripresenteranno e così a quello dopo e quello dopo ancora.
L'approccio della medicina omeopatica è diverso. O meglio è lo stesso approccio che si utilizza anche per altre patologie. Il paziente si reca dal suo omeopata e parlerà di tutti i suoi sintomi. Quindi, se è affetta da dismenorrea, parlerà nei dettagli, dei suoi dolori. Cercherà di modalizzarli, spiegando come migliorano e come peggiorano. Parlerà, poi, di eventuali altri sintomi (se presenti), a carico di altri organi od apparati, sempre modalizzando tutto. Si osserverà poi il quadro mentale di quella paziente, ed alla fine verrà prescritto un irmedio che dovrà coprire tutta la sintomatologia, sia fisica che mentale a carico di tutti gli organi od apparati.

PRINCIPALI RIMEDI OMEOPATICI UTILIZZATI PER LA DISMENORREA

I rimedi che qui di seguito citerò sono solo una piccolissima parte di quelli utili e talvolta risolutivi per curare la dismenorrea.
Vorrei inoltre sottolineare che questi rappresentano un modo per far capire ai pazienti come funziona la medicina omeopatica e quali criteri utilizza per la prescrizione di un rimedio. Il fai date è assolutamente da evitare sia in medicina omeopatica che in qualsiasi altro tipo di medicina. E' bene rivolgersi sempre al proprio medico di fiducia.


CHAMOMILLA: la paziente presenta un carattere irritabile e raggiunge il massimo prima e durante le mestruazioni. Queste ultime sono molto dolorose “come per partorire”. I dolori cominciano prima delle mestruazioni e possono accompagnarsi a vomito e nausee al mattino. Inoltre sono abbondanti e molto fetide, con coaguli e a volte membrane. Il seno dà l’impressione, anche nei periodi intermestruali, d’essere duro, teso e dolente. I dolori sono intensi e di tipo crampiforme, spesso sono simili a doglie, si irradiano alle cosce, fanno urlare la paziente e sono particolarmenti violenti dopo arrabbiature.


COLOCYNTHIS: i dolori sono crampiformi. Può essere presente un dolore terebrante delle ovaie, come schiacciate da una vite. Collera e indignazione possono sopprimere le mestruazioni.La dismenorrea può avere origine emotiva, ad esmpio dopo una arrabbiatura (come in Chamomilla), ma la carattersitica importante di Colocynthis è che i dolori migliorano piegandosi in due. La paziente non può assolutamente assumere la posizione eretta.


NUX VOMICA: frequente polimenorrea, a volte con comparsa del flusso ogni 14 giorni. Il flusso spesso è scuro e a volte con coaguli ed è accompagnato da dolori uterini molto intensi, simili a doglie, prevalentemente crampiformi o penetranti e a volte estesi lungo la coscia o al retto. la caratteristica di questi dolori è che spesso si associano a disturbi gastrici. tipico infatti è il caso della paziente affetta da dismenorrea, che durante i dolori può presentare nausea o vomito, anche intensi.


ARSENICUM ALBUM: i dolori sono brucianti ed alleviati dal calore. La paziente è molto irrequieta, desidera muoversi e può avere sete di bevande calde a piccoli sorsi. I dolori possono irradiarsi dall´ano verso i genitali. Il ciclo è spesso troppo abbondante e ravvicinato.


Questo è solo un piccolo esempio di come può funzionare la medicina omeopatica. E' bene rivolgersi al proprio omeopata di fiducia.

Profilo del medico - mariapiera74

Nome:
MARIAPIERA MIELE
Comune:
Napoli
Telefono:
3318002774
Professione:
Medico specialista attività privata
Occupazione:
Medico Omeopata
Specializzazione:
Medicina alternativa
Contatti/Profili social:
sito web


Articoli che potrebbero interessarti

Mammografia: come e quando si svolge

Mammografia: come e quando si svolge

20/10/2020. Grazie ai costanti avanzamenti della ricerca medico-scientifica, negli ultimi anni sono aumentate le tecniche diagnostiche finalizzate alla prevenzione o all’identificazione dell’insorgenza di patologie. Un grande passo in...

Salute donna

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X