Doppio attacco ai grassi in eccesso

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Doppio attacco ai grassi in eccesso

18-03-2010 - scritto da Viviana Vischi

Per evitare di accumulare troppi grassi o si impara a mangiarne meno o a bruciarne di più. O, meglio ancora, si sommano le due strategie. Ecco come!

Consigli utili contro i grassi in eccesso

Doppio attacco ai grassi in eccesso Chissà quante volte abbiamo sentito o letto che “per perdere peso bisogna bruciare i grassi”. Ma ci siamo mai chiesti cosa significa realmente? E, soprattutto, abbiamo davvero capito come si fa? La risposta a queste domande è il punto di partenza per mettere a segno una strategia di dimagrimento efficace e duratura.
I grassi (o lipidi), così come le proteine e i carboidrati sono fondamentali per il nostro organismo, perché garantiscono alle cellule il giusto apporto nutritivo. Tuttavia non bisogna abusarne. Primo, perché in un solo grammo sono racchiuse ben 9 calorie. Secondo, perché tendono a depositarsi nei tessuti molto facilmente. Terzo, perché apportano una quantità elevata di colesterolo (discorso riferito ai soli grassi animali).
Detto questo, ecco spiegato perché, tra un piatto di pesce, uno di pasta e uno di patatine fritte, quest’ultimo non è certamente il più salutare…
In dietologia si consiglia di assumere una quantità di grassi (meglio se vegetali) pari al 20-25% dell’apporto calorico complessivo della giornata. Tutto l’eccesso, altrimenti, lo si immagazzina come scorta. Una scorta che, per il nostro stile di vita, in realtà non ci servirà mai! Di qui rotolini e pancetta. Per evitare di accumulare troppi grassi, o si impara a mangiarne meno o a bruciarne di più. O, meglio ancora, si sommano le due strategie. Ed eccoci al punto.
Mangiare meno grassi: è il principio di ogni programma dimagrante e ci possiamo fare aiutare anche da sostanze specifiche, come il chitosano, che hanno la capacità di sequestrarli e di impedire al tubo digerente di assorbirli fino in fondo.
A bruciarli, invece, ci pensa il nostro metabolismo, cioè quella complessa macchina che “converte” il cibo in energia. Il problema è che c’è chi ha una Ferrari, chi una più vecchia 500… Insomma, non tutti bruciamo le calorie allo stesso modo e alla stessa velocità: contano l’età, il sesso, la massa corporea, i fattori ereditari, la funzionalità della tiroide ecc.
Per accelerare il metabolismo bisogna innanzitutto fare sport, mischiando attività aerobica e pesi. La prima lavora sul breve termine (l’ideale è un’attività che coinvolga tutto il corpo, svolta a una frequenza cardiaca che ci consenta di resistere il più possibile). I secondi hanno effetti sul lungo termine: infatti, dal momento che i muscoli bruciano molte più calorie del grasso, più muscoli avremo, maggiori saranno la calorie che il nostro corpo brucerà per sostenerci.
Per tenere il metabolismo su di giri è inoltre necessario fare pasti piccoli, ma frequenti. Ci sono poi degli alimenti che accelerano il metabolismo: quelli altamente proteici, che richiedono circa il 25% in più di energia per essere digeriti. E ci sono infine degli integratori alimentari, soprattutto quelli a base di tè verde, proteina del fagiolo, cassia nomame e guggul, che hanno proprio lo scopo di favorire l’utilizzo dei grassi a scopo energetico, diminuendone la tendenza al deposito.

A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Tallonite? Ecco le scarpe giuste per piedi in salute

Tallonite? Ecco le scarpe giuste per piedi in salute

01/10/2021.   A tutti è capitato, almeno una volta nella vita, di accorgersi di avvertire un dolore al calcagno sordo o trafittivo. Nulla di cui allarmarsi generalmente, perché questo tipo di mal di piedi è molto...

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Chi Siamo

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X