Flavonoidi: antiossidanti e antinfiammatori, quali piante li contengono?

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Flavonoidi: antiossidanti e antinfiammatori, quali piante li contengono?

14-06-2013 - scritto da Valeria Grisanti

Sono moltissime le proprietà benefiche dei flavonoidi e altrettanto numerose le piante all’interno delle quali sono contenute

Cosa sono i flavonoidi e a cosa servono

Flavonoidi: antiossidanti e antinfiammatori, quali piante li contengono? Continuando il nostro excursus sulle proprietà delle piante e sui principi attivi che le determinano; ci siamo già occupati dell’importanza delle mucillagini, oggi parliamo di flavonoidi. I flavonoidi sono molecole contenute in moltissime piante e all’interno di esse contribuiscono – a livello estetico –a conferire loro la colorazione e in particolare le sfumature gialle e rosse di molti agrumi e ortaggi. Sono contenuti principalmente nei fiori ma anche nelle foglie e nei frutti.

Esistono diverse tipologie di flavonoidi, ne sono stati individuati ben 20mila tipi e molteplici sono le loro proprietà. Essi hanno proprietà emostatiche, antinfiammatorie, antiossidanti, antiallergiche e cicatrizzanti.

Essi trovano impiego nella protezione di tessuti e membrane soprattutto quando queste sono interessate da processi degenerativi.
Proprietà principale dei flavonoidi però è la loro azione antiossidante che –a seconda della pianta presa in esame – si esplica in una modalità differente e trova maggiore applicazione nella cura di un disturbo piuttosto che di un altro. In particolare gli antiossidanti contenuti nelle piante ricche di flavonoidi sono ottimi nella lotta ai radicali liberi.
Svariati appunto gli aspetti della salute che grazie ai flavonoidi possono essere preservati. Essi ad esempio aiutano la circolazione potenziando le pareti dei capillari: sono ottimi quindi nel caso di vene fragili e che si rompono, ad esempio per contrastare la comparsa di lividi o edemi causati da capillari che si rompono (soprattutto d’estate) o vene varicose. Una delle piante più utilizzate in tal senso è la vite rossa. Da questa viene estratto il resveratrolo, un elemento naturale prezioso per combattere i processi di invecchiamento cellulare e per questo elemento fondamentale di moltissimi prodotti anti-aging.

I flavonoidi sono contenuti in gran quantità anche nel tè verde, una bevanda ottima per combattere la ritenzione idrica e gli inestetismi della cellulite ma anche ottimo antiossidante, combatte anch’esso i radicali liberi e aiuta a combattere il trascorrere del tempo. In commercio esistono molte bibite al tè verde già confezionate, da portare in giro con sé, soprattutto adesso che la stagione calda e afosa si avvicina. Occhio però a non comprare bibite contenenti zuccheri aggiunti per non vanificare l’azione drenante e snellente del prodotto.

Sono moltissimi ancora gli alimenti che contengono flavonoidi, dal pomodoro, alimento noto per le sue proprietà antiossidanti, ma ancora il finocchio, il ginko biloba, il cardo mariano (amico del fegato grazie alla sua funzione epatoprotettrice). E ancora piante come amamelide, ippocastano sono ricche di flavonoidi e hanno differenti impieghi terapeutici.

A cura di Valeria Grisanti, Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2012, specializzata nel settore della Medicina Naturale e Alternativa.

 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X