Giornata Mondiale Diritti Infanzia e Adolescenza 2013

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Giornata Mondiale Diritti Infanzia e Adolescenza 2013

20-11-2013 - scritto da Cinzia Iannaccio

I diritti dell'Infanzia ancora lungamente violati, a 24 dalla firma della Convenzione

Dalle baby squillo ai bambini tolti ai genitori: diritti negati

Giornata Mondiale Diritti Infanzia e Adolescenza 2013 Si celebra oggi la Giornata Mondiale per i Diritti dell’Infanzia 2013. La data è emblematica: fa riferimento al giorno in cui l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1989 ha adottato la Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza.

E’ un’acquisizione nuova dunque dal punto di vista temporale, anche se di fatto sono passati 24 anni, in cui molto è stato fatto, ma altro ancora si sarebbe potuto fare. Di base hanno aderito 190 Paesi nel Mondo (l’Italia già dal 1991) e tutti sono fermamente convinti dell’importanza dei contenuti della dichiarazione.

Nonostante questo i diritti dei bambini continuano ad essere negati. Anche nel nostro Paese: non bisogna andare lontano per trovare bambini vittime di violenze ed abusi, fisici o psicologici, che vivono in condizione di totale trascuratezza, abbandonati, costretti a lavorare o a chiedere l’elemosina.

Una giornata come questa è sicuramente importante, ma bisogna garantire ai nostri bambini un’attenzione costante, quotidiana. Se questo non accade che adulti saranno? Non riesco a distogliere questo pensiero dai fatti della cronaca: le cosiddette Baby squillo, la bimba tolta ai genitori anziani, i bambini del “triangolo della morte”, a Nord di Napoli e sud di Caserta, dove io vivo, che sempre più spesso muoiono uccisi dal cancro provocato dai veleni dispersi nella terra e nell’aria dalle mani umane, per puro guadagno economico. E penso poi all’involontarietà di chi dimentica il figlio in auto.

Il nostro è veramente un Paese civile? Se non investe nelle scuole pubbliche, nei parchi pubblici, nelle strutture di sostegno alle famiglie: i bimbi di oggi, cittadini di domani, come cresceranno? Nessuno di noi genitori è perfetto, in molti però ci impegniamo, ce la mettiamo tutta.

La risposta a tali quesiti la voglio affidare a mia figlia: ha 11 anni (protagonista quindi di questa giornata) e a scuola da una settimana sta studiando, anche con la visione di film, i contenuti della Convenzione dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza. Per un compito ha scritto una poesia. Eccola:

“Tanti sono i diritti dei bambini,
Per i più grandi ed i più piccini.
Loro non devono essere picchiati
Né tantomeno essere discriminati.
Spesso non sono ascoltati
E devono essere curati.
A scuola devono andare
Per studiare
E poi giocare.
Hanno il diritto di non dover lavorare
E gli adulti non li devono sfruttare.
Questi son i diritti di noi bambini: tutti li devono rispettare
E nessuno li deve violare”.


Grazie piccina mia. Spero che il tuo pensiero sia di buon auspicio per tutta l’infanzia e l’adolescenza del mondo.

A cura di Cinzia Iannaccio, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2007, blogger, specializzata nel settore della salute e del benessere.
Profilo Linkedin di Cinzia Iannaccio
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X