Gonfiore, gas, cattiva digestione: e se fosse colpa della frutta?

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Gonfiore, gas, cattiva digestione: e se fosse colpa della frutta?

10-02-2010 - scritto da Viviana Vischi

La frutta fa bene ma, per evitare fastidiosi imbarazzi intestinali, meglio non esagerare

Scopriamo quanta frutta mangiare e quando consumarla per evitare problemi intestinali

Gonfiore, gas, cattiva digestione: e se fosse colpa della frutta?

Pesche, albicocche, meloni, prugne, mele e pere: d’estate ci si può davvero sbizzarrire con la frutta ma... quando è troppa è troppa! Rinfrescante, gustosa e indispensabile per un buon equilibrio alimentare, la frutta è una scelta molto valida dal punto di vista nutrizionale, ma dobbiamo comunque tenere conto del suo contenuto di calorie, anche se modesto, e di zuccheri che, benché accompagnati da numerose sostanze protettive (come vitamine, minerali e fibre) sempre zuccheri sono. Quindi, meglio non esagerare. Primo, perchè tutti gli eccessi sono nocivi per la linea; secondo, perchè alcune varietà, o più in generale la frutta troppo matura, tendono a produrre gas nell’intestino, a fermentare e aumentare il gonfiore.


Se tendiamo a soffrire di pancia gonfia e meteorismo, dobbiamo stare attenti a limitare le porzioni di mele, prugne, banane, melone, anguria, kiwi e uva. Se proprio non possiamo farne a meno, scegliamo la frutta un po’ più acerba, che presenta un minor rischio di fermentazione intestinale, e ricordiamo di sbucciarla sempre.


La frutta va consumata a fine pasto o a merenda? Dipende. L’ideale sarebbe mangiarla a colazione e come spuntino di metà mattino o metà pomeriggio, quando lo stomaco è vuoto, condizione che favorisce il massimo assorbimento delle vitamine. Va bene anche all’inizio dei pasti perchè, grazie al suo volume, dona un senso di sazietà e può aiutare a moderarsi a tavola. Se consumata con altri alimenti, invece, rallenta l’intero processo digestivo, di qui effetti imbarazzanti come gonfiore e gas abbondanti e maleodoranti. Solo in qualche caso è consigliato mangiarla dopo i pasti: una fetta di ananas o di papaya alla fine di un pranzo o di una cena proteici, ad esempio, facilita la digestione per la presenza di bromelina e di papaina, due enzimi che favoriscono la demolizione delle proteine.


Le tre, quattro porzioni giornaliere di frutta (da 150 g l’una) e le due di verdura (da 250 g se ortaggi e 50 g se insalata) suggerite dalle linee guida italiane sono un buon riferimento, con la raccomandazione di variare molto le scelte per aumentare la gamma di sostanze protettive.



A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X